Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 19/10/2022 da Patrizia Carcagno

Il conflitto armato Russia- Ucraina e le ricadute sull’economia globale. La posizione della UIL

Il
La guerra ingiustificata della Russia contro l´Ucraina sta avendo forti ripercussioni sui mercati dell´energia e dei prodotti alimentari. I Paesi dell´UE, in queste settimane, stanno coordinando le azioni tese a contrastare l´aumento dei prezzi e la scarsità delle forniture. Questa invasione militare dunque oltre al suo portato di morte e distruzione, ha determinato un cambiamento improvviso, repentino che ha scosso il mondo negativamente in momento in cui la pandemia di Covid-19 non è stata del tutto debellata. “Il forte aumento dell’inflazione registrato da tutti e tre gli indici (NIC, IPCA e FOI determina oggi – come è stato scritto- una perdita immediata di potere d’acquisto dei salari con conseguenti ricadute sui consumi che può determinare, a sua volta, un deterioramento delle aspettative sui profitti attesi da parte delle imprese – soprattutto per quelle che operano sul mercato interno – con ripercussioni sulle scelte di investimento”. Di tutto ciò ne è ben conscio il Sindacato UIL, da sempre vicino ai lavoratori e alle sue famiglie. Ne abbiamo parlato con il riconfermato Segretario Generale della UIL PierPaolo Bombardieri:
Segretario, il congresso nazionale della UIL si è svolto in contesto internazionale delicato e qualche giorno dopo le elezioni politiche nazionali.
- “La guerra rappresenta un modello autocratico e imperialista che mette in crisi libertà e la democrazia. Gli effetti del conflitto determineranno il nostro futuro perché l’aggressione russa assume una dimensione globale. Quello che registriamo e che si prospetta è un ridisegno della mappa geopolitica planetaria. Il prolungamento del conflitto bellico sta creando le condizioni per una nuova divisione del mondo in due sfere di influenza contrapposte”.
Il sindacato ha rimodulato la propria azione nel Paese proprio a causa di questo scenario.
- “Si, la guerra e la conseguente recessione economica non hanno colpito in misura omogenea i diversi settori produttivi ed i gruppi sociali: hanno inciso in misura più marcata su segmenti di popolazione strutturalmente più vulnerabili. Su questo tema chiederemo alla politica e al governo una assunzione di responsabilità e interventi immediati. Rimangono di stretta attualità pertanto. I temi legati all’inflazione e alla perdita del potere d’acquisto, fenomeni connessi strettamente a quello delle disuguaglianze, poiché gli aumenti dei prezzi colpiscono i redditi più bassi. Elemento, quello dei prezzi, che a mio avviso avrà una conseguenza diretta sulla crescita dell’economia e del Pil. Aumento dei prezzi significa inflazione che - se normalmente un alto livello dei prezzi è dato da un aumento dei consumi e quindi della domanda- in questa occasione, in questo nuovo scenario, cambia il paradigma: la iniziale spinta dei prezzi è stata causata la diminuzione dell’offerta. Il problema della scarsità di materie prime energetiche è stato, quindi, la vera scintilla del rialzo dei prezzi”.

Le scelte politiche e di governo di questi ultimi mesi sono state, a suo parere, capaci di porre azioni concrete per risolvere le questioni appena enunciate?
- “Il dibattito di questi mesi si è concentrato, a livello politico, ma anche a livello sindacale, sulle risorse necessarie aggiuntive per accompagnare la ripresa economica, nel contesto attuale di una guerra drammatica. In questo scenario un ruolo determinante lo hanno avuto le banche centrali mondiali, dalla FED americana, alla nostra BCE alla BOE inglese. Continue sono state (e ancora lo saranno) le preoccupazioni volte a trovare una o una serie di soluzioni, provvedimenti che, sostanzialmente, sono rivolte a due macro ordini di problemi: quello bellico, cioè una soluzione volta ad evitare l’escalation del conflitto. E quello economico, in mano alle banche centrali, per trovare soluzioni efficaci per contrastare e frenare la crescita dell’inflazione.

Segretario, ritiene infine che l’impatto di ritorno delle sanzioni imposte alla Russia come aumento del fattore speculativo, l’aumento dell’incertezza dei consumatori e degli investitori sono tutti elementi che, di fatto, hanno impattato in maniera importante sui mercati e sulla crescita economica?
- “Ad oggi, le carte vincenti, a disposizione delle banche centrali, per frenare appunto la crescita dell’inflazione e stimolare la ripresa economica, sono: la politica monetaria, che in questo caso è una politica monetaria restrittiva, con l’aumento dei tassi di interesse; la diversificazione delle fonti di approvvigionamento energetico al fine di diminuire la dipendenza dalla Russia; la politica economica, con la proposta di mettere il famoso “tetto al prezzo del gas”
Attualmente, rispetto alle tre carte nelle mani della nostra banca centrale, le prime due sono state già “calate sul tavolo da gioco”. i tassi di interesse sono stati aumentati ovunque dalle principali banche centrali (fed, bce e boe). La diversificazione delle fonti di approvvigionamento è stata anch’essa avviata, per quanto non ancora del tutto sufficiente a soddisfare l’intero fabbisogno. La terza, il tetto al gas, è ancora in fase di analisi e studio da parte dei paesi dell’eurozona. Se guardiamo bene e attentamente il quadro appena disegnato, possiamo facilmente notare come il “colore di sfondo”, sia senza dubbio rappresentato dal concetto di durata del conflitto”.
In Europa, in conclusione, è diventata famosa l’espressione “whatever it takes” dell’ex Presidente della BCE, e attuale Presidente uscente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, considerando e ritenendo che il conflitto Russia-Ucraina, sia un vero e proprio “acceleratore” dell’inflazione e della crisi economica che oggi è, ormai, sotto gli occhi di tutti, Segretario, un’ultima domanda: Ne usciremo da questa crisi?
- Molto dipenderà proprio dalla durata del conflitto e dall’atteggiamento delle banche centrali e l’economia rischia seriamente di andare in recessione.

- Enza Maria Agrusa

 

ALTRE NOTIZIE

Visita ai Monumenti medievali di Piazza Armerina promossa da BCsicilia e Università Popolare
Promossa da BCsicilia e dall’Università Popolare Termini Imerese, nell’ambito del Corso di Archeologia Medievale si terrà domenica 11 Di...
Leggi tutto
Al via dal 13 dicembre al Servizio Civile Universale della rete A.N.A.S
Come da programma a partire dal 13 dicembre 2022 prenderanno servizio, presso le sedi di riferimento in Sicilia, Puglia e Basilicata, i volontari risu...
Leggi tutto
Il Reparto dei Carabinieri Biodiversità dona una talea dell’Albero Falcone all’istituto comprensivo “Renato Guttuso” di Carini
Il Reparto dei Carabinieri Biodiversità di Reggio Calabria che svolge attività di gestione, tutela e conservazione della Foresta demania...
Leggi tutto
TRAPANI: RAPINA AGGRAVATA E LESIONI PERSONALI. SCATTA IL PROVVEDIMENTO PER UN 24ENNE
I Carabinieri della Stazione di Trapani hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di ...
Leggi tutto
Palermo, a 100 anni dal rinvenimento della Tomba di Tutankhamon: conferenza di BCsicilia
In occasione dei 100 anni dal rinvenimento della Tomba di Tutankhamon BCsicilia, in collaborazione con la Rettoria di San Francesco Saverio, organizza...
Leggi tutto
Termini Imerese, Corso di analisi sensoriale: quarta lezione dedicata al vino
Si terrà venerdì 25 novembre 2022 dalle ore 16,30 alle ore 19,30 la quarta e ultima lezione del Corso di analisi sensoriale dedicata al ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web