Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 05/02/2015 da REDAZIONE REGIONALE

CONSORZIO PORTO - Piano strategico nazionale della portualità e della logistica Nota per gli Stati generali

CONSORZIO
L’art. 29 della Legge 164 dell’11 novembre 2014, di conversione del Decreto Legge n. 133 dell’11 settembre 2014 "Sblocca Italia", che ha disposto l’adozione del "Piano strategico nazionale della portualità e della logistica", ha dato il via alla definizione di un documento operativo che ha la finalità di indicare una prospettiva di sviluppo sulla base di chiari obiettivi strategici e indicare le azioni concrete per raggiungerli. In ragione della necessità di adempiere tempestivamente alle disposizioni contenute nella norma, con decreto del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del 27 novembre 2014, è stato costituito un Comitato di esperti che, in stretto coordinamento con gli uffici del Ministero e con gli uffici di diretta collaborazione del Ministro, sta svolgendo - anche attraverso tavoli di lavoro tematici - una ricognizione dei dati di domanda e di offerta logistica e una selezione delle principali ipotesi di intervento per il raggiungimento delle finalità indicate dalla citata disposizione legislativa. I verbali delle riunioni del Comitato sono pubblicati sul sito web del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. In parallelo, in attuazione del comma 2 dell’art. 29, la Presidenza del Consiglio dei ministri, di concerto con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha avviato - per mezzo di un’apposita task force – l’esame della documentazione predisposta dalle Autorità Portuali relativa a progetti da intraprendere o già in corso di realizzazione. L’esame è finalizzato a individuare i progetti più urgenti e funzionali all’attuazione degli indirizzi del Piano, nonché a dotare la programmazione infrastrutturale dei prossimi anni di un adeguato parco progetti. Tre sono gli obiettivi strategici sui quali si impernia il Piano, secondo quanto già indicato dal legislatore: migliorare la competitività del sistema portuale e logistico nazionale, favorire la crescita dei traffici delle merci e delle persone, agevolare la promozione dell´intermodalità nel traffico merci. Tali obiettivi potranno essere raggiunti anche attraverso la razionalizzazione, il riassetto e l’accorpamento delle Autorità portuali esistenti. L’attività dei tavoli si sta sviluppando attorno ad alcune linee guida, di seguito sintetizzate, che iniziano a declinare in modo più dettagliato l’approccio generale definito dall’articolo 29. Il metodo prescelto è quello di dare vita a uno strumento programmatorio che punti a conquistare quote di mercato già nel breve periodo attraverso interventi di semplificazione amministrativa, razionalizzazione dei processi decisionali e ottimizzazione del patrimonio infrastrutturale esistente, e che - al tempo stesso - si ponga obiettivi di medio-lungo termine per il rilancio e la crescita del settore. Il Piano deve rappresentare l’occasione non solo per elencare, ma anche per collocare in una scala di priorità e lungo un asse temporale quegli obiettivi ormai largamente condivisi quali il rilancio del Paese come piattaforma logistica all’interno del Mediterraneo e polo avanzato del
2
sistema delle Autostrade del mare, l’attrazione di traffico import/export di lungo raggio,
l’interconnessione di nodi portuali e nodi inland nelle diverse modalità, il miglioramento della
competitività complessiva del “sistema logistico” in tutte le sue componenti, il miglioramento
del sistema di governance in senso ampio (dal coordinamento di tutte le amministrazioni
pubbliche coinvolte nella attività dei porti e degli altri nodi logistici, alla capacità di
gerarchizzare gli investimenti infrastrutturali in termini di impatto sul PIL, costi e
sostenibilità economica e ambientale, alla disponibilità di uno strumento flessibile di
programmazione in grado di reagire ai mutamenti degli scenari di riferimento).
Dal lavoro fin qui svolto sono già emerse alcune linee guida che vengono qui esposte in forma
necessariamente sintetica e aperta, per una prima valutazione in una sede pubblica e
rappresentativa. In esse di prefigurano i macro ambiti strategici che il Piano intende
sviluppare, e sui cui i partecipanti agli Stati Generali sono invitati a fornire contributi e/o
integrazioni puntuali.
1. Pianificazione strategica a lungo, medio e breve periodo - Il Piano fonda la sua strategia
su uno sviluppo sinergico tra una domanda - considerata sia sul versante merci che su
quello passeggeri - che guarda prospetticamente all’evoluzione del mercato nel lungo,
medio e breve periodo, e un’evoluzione e specializzazione del sistema dell’offerta. Le
azioni che il Piano definirà saranno pertanto organizzate su tre dimensioni temporali
(lungo, medio e breve) in ragione non solo della tipologia, ma anche dell’urgenza, della
concreta fattibilità e della capacità di produrre effetti in termini di crescita produttiva e
occupazionale.
2. Specializzazione delle realtà portuali, razionalizzazione del sistema di governance,
integrazione dei “distretti logistici” - Il Piano terrà conto della specializzazione dei porti
e/o delle aree/ambiti logistici retrostanti prevedendo una semplificazione della rete
delle Autorità portuali, in parallelo ad azioni adeguate alla vocazione dei principali
porti e alle caratteristiche dei grandi flussi di domanda di trasporto e logistica. Tali
azioni e regole di sistema dovranno consentire di rispettare gli obiettivi e gli schemi
attuativi della programmazione italiana e europea, guidare la selezione e la gestione
delle risorse di investimento, indirizzare gli investimenti privati anche attraverso
modelli evolutivi di partecipazione orientati allo sviluppo integrato di aree portuali e
industriali. In questo contesto evolutivo può collocarsi una razionalizzazione delle
autorità portuali non condizionata dai veti reciproci dei sistemi locali.
3. Creazione di sinergie tra attori chiave appartenenti al settore pubblico - Il Piano punta a
impegnare gli attori pubblici a perseguire scelte strategiche concordate e convergenti.
Non si ritiene più sufficiente il semplice “coordinamento” fra comparti che spesso
hanno incontrato difficoltà anche nella semplice condivisione di informazioni. Ciò di
cui il Paese ha urgente bisogno è una “strategia” logistica condivisa dai principali attori
istituzionali. È di grande rilievo - e rappresenta una grande opportunità - il fatto che ai
tavoli di lavoro stiano attivamente partecipando i rappresentanti delle principali
istituzioni centrali responsabili dei segmenti chiave della catena logistica.
4. Programmazione coordinata degli investimenti pubblici nel settore della portualità e
della logistica - Il Piano definisce, in un’ottica integrata e di sistema, la strategia nel
3
settore della portualità e della logistica, e come tale compie delle scelte e fornisce indirizzi che andranno a definire la modalità di programmazione, selezione e realizzazione degli investimenti (materiali e immateriali) nel settore, fornendo all’Unione europea e al mercato una chiara idea delle priorità strategiche del paese. Il Piano individua a livello centrale un adeguato organismo per lo svolgimento di una forte azione di coordinamento e di pianificazione dell’impiego delle risorse pubbliche in materia di portualità e logistica. 5. Rimozione di bottlenecks infrastrutturali puntuali - Il Piano punta a migliorare l’accessibilità (sia ferroviaria che stradale) ai nodi portuali e interportuali, e individua la necessità di garantire il medesimo livello di qualità sia sulle infrastrutture di lunga percorrenza in coerenza con la programmazione europea (corridoi TEN-T) sia sui collegamenti ultimo miglio, fattori abilitanti per l’utilizzo della capacità sull’intera catena di trasporto e logistica. 6. Semplificazione delle procedure e razionalizzazione dei processi decisionali - Il Piano individua una serie di interventi di semplificazione procedurale e amministrativa quale elemento cardine per il raggiungimento di un livello standard di efficienza operativa che diventi elemento di supporto alla competitività del sistema portuale e logistico nazionale. Tali interventi saranno realizzati in una logica che vede il processo logistico nella sua interezza con particolare attenzione alle esigenze dei diversi attori della filiera. Lo snellimento delle procedure include la riduzione della frammentazione e la razionalizzazione del sistema, quell’insieme di funzioni autorizzative e di controllo che rappresentano oggi il principale punto di debolezza del sistema stesso. 7. Intermodalità - Qualunque ambizione di conquista (o riconquista) di aree di mercato oggi non raggiunte non può basarsi che su un consistente innalzamento dell´utilizzo della capacità di trasporto delle merci su ferro. Questo richiede, da un lato alcuni ma essenziali interventi infrastrutturali sui corridoi e sulle linee di adduzione agli scali principali, tesi a garantire standard operativi (lunghezza treni ammissibili, sagome) in linea con le moderne esigenze di efficienza del trasporto ferroviario; dall’altro la definizione di una strategia complessiva di razionalizzazione e sviluppo della offerta di servizi ferroviari, anche attraverso l’individuazione di strumenti di incentivo dedicati. 8. Evoluzione tecnologica come abilitatore di un nuovo modello operativo più efficiente e più orientato a logiche di mercato e upgrade tecnologico infrastrutturale - Il Piano individua nello sviluppo della componente tecnologica un fattore critico di successo da realizzare attraverso l’integrazione orizzontale dell’intero ciclo logistico portuale e interportuale per soddisfare le esigenze di semplificazione procedurale, pianificazione e track&tracing, degli utenti finali (industrie, operatori, terminalisti, spedizionieri, autotrasportatori…) attraverso interventi di adeguamenti/upgrade del patrimonio infrastrutturale esistente in linea con i più elevati standard di mercato. Tali soluzioni, valorizzando anche le piattaforme esistenti, saranno progettate e realizzate o evolute - in ottica di massima integrazione, e finalizzate alla messa in esercizio di processi snelli ed efficaci per gli operatori di mercato - al miglioramento dello scambio informativo tra i diversi player della logistica, all’integrazione dei processi mediante logiche di interoperabilità, alla realizzazione di servizi logistici d’eccellenza, alla tracciatura della
4
merce lungo il trasporto, allo sviluppo della logica del “Once” in particolare nei sistemi delle autorità pubbliche e del full digital. Ulteriore elemento innovativo sarà la costituzione di un sistema di monitoraggio complessivo delle merci in grado di collegare i dati presenti sulle diverse piattaforme istituzionali che offrirà la possibilità di costruire un database per la rilevazione dei traffici effettivi con tutte le caratteristiche gestionali di interesse e quindi abiliti una consapevole pianificazione strategica delle infrastrutture del Paese. 9. Integrazione tra sistema portuale e logistico e mondo imprenditoriale - Interventi sul lato della domanda attraverso driver di sviluppo che non si limitano ai porti ma alla connessione di questi al sistema produttivo e logistico nazionale e internazionale anche invertendo la logica di intervento che porta troppo spesso a trascurare le azioni di sviluppo collegate all’evoluzione delle aree retro-portuali, degli interporti, delle aree industriali e distrettuali.

 

ALTRE NOTIZIE

I grandi temi della Giustizia. Intervista ad all´On. Andrea Delmastro
Delmastro: Svuota-carceri, magistratura onoraria, separazione tra magistratura inquirente e giudicante e rapporti tra politica e magistratura. I grand...
Leggi tutto
Anniversario strage di Capaci, Armao: “Falcone fu un giurista completo attento ai valori del diritto e della giustizia”
Palermo – “Ricordiamo e trasmettiamo ai nostri figli: grazie al loro sacrificio la Sicilia non è e non potrà più essere la terra ...
Leggi tutto
CASTELVETRANO. SORPRESI DAI CARABINIERI A RUBARE LEGNA: DUE ARRESTI
I Carabinieri della Stazione di Marinella, nel corso di un controllo del territorio, hanno tratto in arresto, con l’accusa di tentato furto aggravato ...
Leggi tutto
Il Centro Culturale Islamico messinese non riaprirà domenica 24 maggio A Messina distribuite buste dono per la fine del Ramadan Una preghiera comune sostituirà la chiusura del Ramadan e la festa di Eid al-Fitr
La Comunità Islamica messinese si è allineata alle direttive nazionali dell´UCOII e alla volont&agrav...
Leggi tutto
Nell’ambito del progetto Authentic Amalfi Coast, il Distretto Turistico, propone con specifici comunicati e post social, storie di imprenditori che non si sono fermati, che hanno scelto di sperimentare nuovi metodi e modalità per continuare a
Guida ( della storica famiglia di ristoratori) : "Abbiamo rimodulato la nostra offerta. Abbiamo ripreso a tempo p...
Leggi tutto
Il Comune di Pantelleria aderisce all’iniziativa della Fondazione Falcone
Il Comune di Pantelleria aderisce all’iniziativa della Fondazione Falcone e invita i panteschi ad esporre un lenzu...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web