Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 22/12/2023 da Massimo Piccolo

I “pappagalli del RE”, e gli… “stolti e gli indegni” del MES

I












Ieri il Parlamento italiano ha votato contro la ratifica del MES. Tutti i pappagalli dei media, continuano a ripetere in ogni dove, che “L’Italia è l’unico Paese dell’UE a non averlo ratificato”.

Questa cosa mi ricorda la famosa fiaba di Hans Christian Andersen del 1837, “I vestiti nuovi dell´imperatore”. Più nota come modo di dire: “Il Re è nudo!”.

Brevemente la riassumo per chi non la conoscesse.

 Un giorno due imbroglioni giunti in città spargono la voce di essere tessitori e di avere a disposizione un nuovo e formidabile tessuto, sottile, leggero e meraviglioso, con la peculiarità di risultare invisibile agli stolti e agli indegni.

 I cortigiani inviati dal re non riescono a vederlo; ma per non essere giudicati male, riferiscono all´imperatore lodando la magnificenza del tessuto. L´imperatore, convinto, si fa preparare dagli imbroglioni un abito. Quando questo gli viene consegnato, però, l´imperatore si rende conto di non essere neppure lui in grado di vedere alcunché; attribuendo la non visione del tessuto a una sua indegnità che egli certo conosce, e come i suoi cortigiani prima di lui, anch´egli decide di fingere e di mostrarsi estasiato per il lavoro dei tessitori.

 Col nuovo vestito sfila per le vie della città di fronte a una folla di cittadini i quali applaudono e lodano a gran voce l´eleganza del sovrano, pur non vedendo alcunché nemmeno essi e sentendosi segretamente colpevoli di inconfessate indegnità. Questa specie di incantesimo finisce al che un bambino, sgranando gli occhi, grida con innocenza "Ma il re non ha niente addosso!" (o, secondo una variante, "Il re è nudo!"). Ciononostante, il sovrano continua imperterrito a sfilare come se nulla fosse successo.


Ebbene, questa storia che, se “molti” affermano una qual cosa, per ciò stesso è vera, a prescindere dal merito della questione e dalla sua fattualità: è davvero allucinante.

Tutti i “pappagalli” del “RE” (il Potere forte), avendo paura di passare per “stolti e indegni”, si affannano a vedere il “vestito” del MES (v. fiaba).

Ora, nella politica italiana non ci si stupisce più di nulla. Quali siano i veri motivi per i quali il Governo abbia deciso di non votarlo (il MES), con la giustificazione della foglia di fico che “è il Parlamento che lo ha deciso”, sono ignoti ai più.

Invero, ci sono due ipotetici ragionevoli motivi. Il primo, è una ripicca per l’accordo del patto di stabilità fra Germania e Francia senza l´Italia; il secondo è che bocciare ora il MES, fa fare incetta di voti alla Meloni e Salvini per le prossime elezioni europee, salvo poi, “passata la festa gabbatu lu santu”.

E cioé approvare il MES dopo le lezioni europee, gabbando quindi chi ha votato “i due”. Cosa che si è verificata già alle scorse elezioni italiane. Dove sono i blocchi navali contro l´imigrazione clandestina?

Tornando a quanto è successo in Parlamento ieri sul MES, ciò è davvero il paradigma dell’ipocrisia imperante, sia nei Mass media, nonché nella classe politica italiana. Ma soprattutto di come sia stato ridotto il Parlamento italiano. Cioè “strumento” in mano al suo “utilizzatore finale”: il Governo.

Infatti, come ormai è noto a tutti “i bambini” italiani (“il Re è nudo!”), in Italia il Parlamento non conta ormai un bel nulla, poiché il Potere legislativo, è ormai nelle mani dei Governi protempore, che sfornano Decreti legge come cappuccini al bar, che poi il Parlamento regolarmente approva (converte in legge i decreti, che quindi non sono “Legge” – almeno formalmente -) in modo succube e prono.

Il tutto assolutamente in modo contrario allo spirito e norma della Costituzione Italiana (art. 77, c.2), e con la “supervisione” del presidente della Repubblica protempore - art. 15, c. 1, legge 400/88, che dice che il PdR “emana” il decreto legge, e cioè che lo deve firmare per la pubblicazione sulla gazzetta Ufficiale - , ma che fino a ora i PdR "protempore" si sono guardati bene dall’opporre una benché minima resistenza.

Ma anzi, non solo i PdR non hanno opposto nessuna resistenza, e firmano di tutto - mai visto un PdR che ha rifiutato la firma per mancanza di requisiti del Decreto legge - : ma viceversa, ci hanno messo pure del loro; ossia hanno “imposto” ai Parlamenti protempore (cioé ai parlamentari bivaccanti, ormai ridotti a “peones”) financo i Governi tecnici, che non esistono nella Costituzione.

Infatti, “Il Governo deve avere la fiducia delle due Camere” (art. 94, c. 1 - Cost. -), non c’è scritto da nessuna parte che il Governo debba avere la fiducia di altri organi dello Stato.

Eppure, da diversi anni a questa parte, alcuni PdR italiani, hanno imposto ai Parlamenti protempore, uomini che avevano la loro fiducia, prima ancora che quella del Parlamento. Andando palesemente contro la lettera e lo spirito della Costituzione italiana.

Signora mia, dove arriveremo mai… O siamo arrivati già?

Massimo Piccolo









 

ALTRE NOTIZIE

Il direttore generale Areu, incontra il Presidente ANAS Lombardia e il Presidente della consulta Nazionale per definirà l´offerta formativa sanità 2024
In data odierna il Presidente ANAS Lombardia nella persona della Dott.ssa Anna Lo Bosco e il Presidente della consulta nazionale Giuseppe Coniglio, so...
Leggi tutto
A.N.A.S Nazionale e FITA Sicilia vi invitano all´evento conclusivo del progetto "Fuori dagli Schermi"
Giovedì 16 maggio presso i Teatro Savio di Palermo, a partire dalle ore 10:30,  si terrà l´evento conclusivo del progetto "Fuori d...
Leggi tutto
Cefra: la presidenza regionale Lombardia convoca le associate ANAS
Il presidente ANAS Regionale Lombardia ha convocato  per oggi alle ore 16:00 un´assemblea, alla quale parteciperanno tutte le associate, per pre...
Leggi tutto
Bagheria, Conferenza: Di “donne” e di “miti”. Una storia per immagini
Si terrà sabato 16 marzo 2024 alle ore 17,30 presso la Sede di BCsicilia – Dimora Storica Mineo – Cirrincione in Via Sant’Elia, 5 a Bagheria la...
Leggi tutto
Ecco “Pedagogia Interiore” il rivoluzionario metodo educativo per una scuola nuova, il nuovo libro della prof.ssa Mariangela di Pasquale
“Dicono che il primo amore non si scorda mai. Credo che sia così anche per un insegnante appassionato che conosce la sua prima classe. E&...
Leggi tutto
Parte da Napoli la prima data dello spettacolo “L’infinito dei campi di Grano” di Roberto Michelangelo Giordi, con la regia di Giancarlo Moretti
È edito da Mariù edizioni, il libro scritto da Roberto Michelangelo Giordi da cui è tratto lo spettacolo “L’infinito dei campi di grano”...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

LUIGI su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
OFFERTA DI PRESTITO RAPIDA E AFFIDABILE Indirizzo: WhatsApp: +33754190105 E-mail: financec99@gmail.com Grazie


LUIGI su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
OFFERTA DI PRESTITO RAPIDA E AFFIDABILE Indirizzo: WhatsApp: +33754190105 E-mail: financec99@gmail.com Grazie


Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web