Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 27/07/2022 da Patrizia Carcagno

Anci Sicilia, iniziativa sui rifiuti

Anci
L’Ancia Sicilia intende porre la questione dei rifiuti al centro del dibattito politico per porre fine alla cronica carenza di impianti di smaltimento dei rifiuti nell’isola. A tal fine ha organizzato per dopodomani un incontro in video conferenza che sarà coordinato dall’ex sindaco di Palermo Leoluca Orlando nella sua veste di presidente di Anci Sicilia. Com’è noto da anni si discute di
Termovalorizzatori e di inceneritori. Un dibattito intriso di polemiche, tra le istituzioni e le forze politiche che sino ad oggi non ha prodotto però alcuna scelta operativa. Spesso si è fatto anche confusione tra l’inceneritore e il termovalorizzatore. L’ inceneritore come dice lo stesso termine incenerisce, Si tratta in particolare di una struttura dove i rifiuti vengono bruciati seguendo precise indicazioni e inceneriti: la combustione sprigiona esalazioni e scorie tossiche che però finiscono a lungo andare per danneggiare la salute umana. Il termovalorizzatore, che è molto simile all’inceneritore, trasforma in energia elettrica il calore prodotto dalla combustione. Una differenza questa non trascurabile, poiché l’impianto di termovalorizzazione contribuisce alla produzione di energia ‘pulita’. Pur tuttavia nonostante l’impatto ambientale sia minore, anche questi generano emissioni di CO2, ed è perciò devono sottostare a una normativa europea relativa ai limiti di emissioni delle polveri sottili emesse nell’atmosfera. Premesso ciò tre mesi fa, il Presidente della Regione Sicilia Musumeci aveva solennemente dichiarato: “Tutto pronto. La Sicilia avrà due termovalorizzatori". La realtà invece è diversa: infatti, al momento non c’è neppure il bando per la realizzazione dei due impianti. La Sicilia, dunque, ancora una volta è costretta a fare i conti con l’emergenza rifiuti a causa della chiusura delle discariche maggiori che hanno raggiunta la capienza massima. Secondo le intenzioni del presidente uscente della Regione, i due termovalorizzatori così come programmati dovrebbero sorgere uno nella Sicilia orientale d più precisamente nell´area industriale di Gela, (l´importo a base d´asta è di 647 milioni ) e produrrà metanolo, idrogeno e syngas (un gas sintetico composto da monossido di carbonio, idrogeno, metano e anidride carbonica); l’altro invece sarà costruito a Catania, in località Pantano d´Arci. Questo impianto dovrà costare intorno a 400 milioni di euro e sarà una struttura a griglia mobile che trasforma l´immondizia in energia e calore.
I tempi per la realizzazione saranno lunghi a partire dalla stesura del bando. Poi ci vorranno almeno quattro mesi per l´aggiudicazione e la progettazione esecutiva. Successivamente saranno necessarie le opportune valutazioni ambientali. Infine la realizzazione, che non richiederà meno di tre anni. In altre parole, nonostante gli annunci roboanti del Governatore uscente, almeno fino al 2026 la Sicilia dovrà affidarsi ancora alle vecchie discariche.
Occorre valutare e pensare di seguito alla qualità della vita dei cittadini soprattutto di quelli vicini ai due impianti. La raccolta dei rifiuti, oggi, è divenuta un parametro fondamentale per valutare l’ambiente nelle nostre città e la salubrità dei luoghi stessi.
Ma per una buona riuscita della raccolta differenziata accorerebbe una maggiore formazione e scolarizzazione dei cittadini, affinchè la raccolta diventi e una normale pratica quotidiana indipendentemente da età, reddito, sesso, e condizioni fisiche..
La Green Economy e l’economia circolare sono necessari per affrontare le sfide ambientali e costituiscono al contempo uno straordinaria occasione di sviluppo. Una corretta gestione di rifiuti soli urbani contribuisce a rendere più efficiente e competitiva la nostra stessa economia. E sulla base di una policy delle buone pratiche urbane e private possiamo portare avanti nuovi progetti per la città del domani.

Enza Maria Agrusa

 

ALTRE NOTIZIE

“La politica ‘dialettale’ dell’ENI…”
Non so a quanti di voi sia capitato di fare rifornimento “Self” alla propria aut...
Leggi tutto
“Elezioni, perché la legge elettorale è (in parte) incostituzionale…”
...
Leggi tutto
A Cinisi Con la RETE ANAS a difesa del territorio
La territoriale della rete Associativa ANAS (Associazione Nazionale di Azione Sociale) di Cinisi, d´intesa con il Comune garantirà per i ...
Leggi tutto
Lo scrittore e maestro di karate Rodolfo Martinez presenta “Kokopelli il vento che suona”: un racconto per spronare i più giovani a scoprire se stessi
"Se non si hanno sogni in cui credere, se non si tenta anche minimamente di spiccare il volo, si è destinati a una vita triste, senza colori, s...
Leggi tutto
A Taormina il 5 Agosto Jimmi Sax stratosferico concerto da non perdere
Taormina,Me. Attesissimo al Teatro Antico di Taormina, il 5 Agosto, il concerto del re del sassofono, Jimmi Sax, le cui sonorità, brillanti ed...
Leggi tutto
Istituzione del servizio di psicologia e dello psicologo delle cure primarie in Sicilia, il deputato regionale Giuseppe Zitelli sollecita l´approvazione del disegno di legge
Individuazione precoce delle problematiche sanitarie che, se non opportunamente diagnosticate, rischiano di dover essere affrontate con interventi com...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web