Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 07/10/2021 da Patrizia Carcagno

Italia, ancora morti sul lavoro. La Uil sollecita interventi urgenti.

Italia,
I dati dell´Inail sono impietosi. A fine 2021 sono già 772 i morti sul lavoro. Aumentano dell’8,3% gli infortuni ma al Sud lo scenario è peggiore e non solo nel settore dell´edilizia. Per il segretario generale della UIL Pierpaolo Bombardieri " è un vero bollettino di guerra. La vita, sino ad oggi -prosegue- è stata sacrificata sull’altare del profitto. Molte aziende preferiscono aumentare il livello di produttività piuttosto che accrescere gli standard di sicurezza. Bisogna assolutamente invertire il passo, mettendo i lavoratori in sicurezza. La persona dev´ essere sempre al centro di qualsiasi attività e per questo occorre promuovere iniziative di formazione dei lavoratori". Oggi fanno notizia i casi più eclatanti, ma quante sono in Italia le cosiddette morti bianche, quelle che non vengono registrate e rilanciate dalla cronaca? Per il segretario della UIL "queste non sono morti bianche.  Non c’è nulla di bianco in una morte sul lavoro: il colore di questi morti è rosso, il colore del sangue, vere tragedie che rovinano intere famiglie e di fatalità non c’è nulla, c’è sempre la scelta, la solita, quella del profitto, o meglio, in questo ultimo anno c’è stato quello di recuperare il profitto perso durante la pandemia. E tutto questo è assolutamente inaccettabile".

La legalità e la sicurezza sono da sempre invocate come sostegni imprescindibili di ogni attività nei cantieri, e a maggior ragione oggi, con il Covid-19 che aumenta in modo significativo i rischi, questi concetti sono sempre di più necessari.

Purtroppo, i due concetti, la legalità e la sicurezza, si sono da sempre infranti contro una “cultura” mafiosa e illegale, che ha portato il nostro Paese al vertice della triste classifica europea sui morti sul lavoro. È evidente ormai che il contrasto a questo sistema di morte, debba essere esteso a tutti i livelli (dalle amministrazioni locali allo Stato), divenendo obiettivo prioritario per tutte le amministrazioni che dovranno poi agire sinergicamente attraverso strategie integrate che coinvolgano anche imprese e sindacati.

" E’ necessario - dichiara il leader della UIL Bombardieri -  la lotta alla corruzione, la capacità di prevenzione e contrasto alla infiltrazione malavitosa, la gestione trasparente delle procedure di gara eliminandone gli ambiti di discrezionalità, la corretta applicazione del Codice, la qualificazione delle imprese attraverso il rating di qualità, la riduzione e qualificazione delle stazioni appaltanti, la corretta applicazione dei contratti di lavoro e il contrasto al fenomeno del lavoro sommerso e irregolare e ai processi di dumping contrattuale".

Ma non dobbiamo dimenticare che questo triste primato, è la conseguenza del predominio delle mafie, e dei loro metodi, ormai dentro al sistema imprenditoriale italiano, fonte di ingenti risorse.  Bombardieri si chiede allora "perché non istituire una Procura Speciale che si occupi dei temi del lavoro, così come avviene per la mafia? Non dobbiamo neanche dimenticare il ruolo del lavoro nero e dello sfruttamento dei lavoratori extracomunitari, spesso privi di permesso di soggiorno e quindi maggiormente ricattabili, vittime di vere e proprie forme di schiavitù e di massimo sfruttamento. In questo caso è facilmente comprensibile come le norme sulla sicurezza e sull’igiene del lavoro, vengano apertamente violate.

"Quindi bisogna sospendere l’attività delle aziende che violano le norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro – dice ancora Bombardieri – perché non esistono fatalità, ma responsabilità ben precise, c’è sempre una colpa. Dobbiamo dire basta a questa mattanza quotidiana, quasi da guerra civile, e dobbiamo intervenire, costruire una banca dati unica sugli incidenti sul lavoro e investire sulla formazione per la prevenzione degli infortuni. A tal riguardo occorre un decreto che preveda la sospensione dell’attività per le aziende che violano la sicurezza nei luoghi di lavoro e l’assunzione di 2300 ispettori". Ed è proprio causa di infortunio e mortalità l’utilizzo di personale non adeguatamente formato per specifici incarichi, come si evince dai controlli effettuati dalle ASL. Da soli i controlli non bastano, occorre, invece, una sinergia tra altri enti come INPS, INAIL e direzioni provinciali del lavoro.  Per contrastare questo meccanismo, che produce schiavitù, morti e infortuni servono iniziative forti e coraggiose stabilendo regole chiare e procedure trasparenti. Il tutto supportato da campagne di informazione e formazione sia per i lavoratori che per gli imprenditori ed in particolar per le piccole imprese, che sono quelle dove le norme sono spesso ignorate o sottovalutate.  L´Italia ha comunque una legislazione a tutela delle condizioni di lavoro estesa e chiara, che però viene vanificata dal mancato rispetto del principio di legalità, fenomeno sempre più diffuso. La piaga della disoccupazione e/o sottoccupazione, fa sì che i lavoratori siano costretti ad accettare lavori in nero, senza tutele e al di fuori da ogni regola.  "Noi siamo stati i primi e i soli a lanciare una campagna "Zero morti sul lavoro" – conclude il Segretario Generale della UIL Bombardieri -  una campagna vera e propria  per sensibilizzare l´opinione pubblica sulla necessità di un impegno collettivo per la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro. E’ una battaglia di civiltà che continueremo a portare avanti con determinazione, perché fermare questa strage deve essere un dovere di tutti, a partire dalla Politica, e ci aspettiamo che gli impegni presi con il premier Draghi per mettere fine all’emergenza delle morti sul lavoro vengano rispettati. Bisogna vincere, perché non sono numeri, sono persone. Lavoratrici e lavoratori con degli affetti, figli, genitori, mariti, mogli che la mattina sono usciti per andare al lavoro e poi non sono più tornati a casa. Questa strage da guerra civile deve finire subito".

Enza Maria Agrusa

 

ALTRE NOTIZIE

Turismo, grande entusiasmo per la destinazione West of Sicily al TTG di Rimini
Il Distretto Turistico Sicilia Occidentale ha partecipato al TTG di Rimini, una delle fiere più importanti de...
Leggi tutto
La regina Elisabetta sul clima come Greta Thunberg: il fuorionda in cui si lamenta del mancato agire dei leader
La regina Elisabetta come Greta Thunberg: basta col bla bla sul clima, è ora di agire. Lo straordinario fuorionda della sovrana britannica &egr...
Leggi tutto
La violinista castellammarese Laura Sabella a Dubai con l´Orchestra sinfonica nazionale dei conservatori italiani.
Il sindaco Nicola Rizzo si congratula con la violinista castellammarese Laura Sabella, che si esibirà domenica 17 ottobre al Dubai Millennium A...
Leggi tutto
Scuola, l´UGL: riforme e investimenti, belle parole e molte perplessità!
Le indicazioni fornite dal ministro Bianchi, relativamente agli interventi previsti per la scuola nell’ambito del PNRR, devono essere accolte con molt...
Leggi tutto
Casalgrande Padana vs Ac Life Style Erice 28-33
CASALGRANDE. Seconda vittoria consecutiva per l’Ac Life Style Erice, che dopo 21 giorni dall’ultima gara disputata, ha espugnato il campo della Casalg...
Leggi tutto
No Green pass, 5mila in corteo a Milano: scontri davanti alla Centrale. Fermate 4 persone
Milano - Si è disperso intorno alle 21.30 il corteo contro il green pass a Milano dopo ore di protesta in varie zone della città. In cen...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web