Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Un caffè con... il 15/01/2021 da Cinzia Testa

Diego Fusaro: “Per la prima volta nella storia dell’umanità vengono trattati come malati anche i soggetti sani”

Intervista a Diego Fusaro, intellettuale dissidente e non allineato, come lui stesso si definisce, insegnante di filosofia presso l’Istituto Alti Studi Strategici e Politici di Milano (IASSP), saggista e autore di diversi libri, di cui citiamo il più recente: “Difendere chi siamo: Le ragioni dell’identità italiana”, edito da Rizzoli.

Mi vuole parlare del suo punto di vista sulla crisi scaturita dal Covid-19?

In estrema sintesi è chiaro come il sole che è sacrosanto lottare contro il virus, potenziare la sanità, ma non si può usare il virus per ridurre libertà e diritti. Cosa che invece viene fatta, con conseguenze paradossali: il virus continua a esserci e a generare problemi sanitari, mentre i diritti no, stanno venendo meno ormai da mesi.

Cosa pensa della ventilata obbligatorietà del vaccino?

Si può discutere se sia opportuno fare il vaccino, se abbia delle controindicazioni, se sia effettivamente protettivo e permetta il ritorno alla normalità. L’obbligo mi pare che sia incostituzionale, salvo errore, e quindi penso si debba puntare al massimo sull’educazione, non certo sull’obbligo; obbligatorietà che non è mai indice di democrazia di uno Stato.

Come valuta lo strumento del Dpcm, al quale ha abbondantemente fatto ricorso il nostro Presidente del Consiglio? È d’accordo con chi rinviene in esso profili di incostituzionalità?

In estrema sintesi e premesso che io non sono un costituzionalista, l’idea che mi sono fatto alla luce di uno studio della questione è che il Dpcm esiste ed è una forma ampiamente prevista dalla Costituzione; quello che è più problematico è che si possa governare ormai quasi da un anno a colpi di Dpcm ormai marginalizzando la normale attività democratico parlamentare.

E concorda con chi definisce il lockdown come una forma di “arresti domiciliari”?

Beh, lockdown tradotto alla lettera quello vuol dire. Se lo cerchiamo sui dizionari è di fatto la reclusione coatta che si applica nelle carceri, quindi sì sono arresti domiciliari naturalmente presentati come una forma di terapia per l’intera società, ma che sul piano politico hanno una funzione evidentemente repressiva, autoritaria.

Qual è la vera differenza tra l’attuale pandemia e tutte quelle che hanno colpito il mondo nei secoli? Come il colera o la spagnola del secolo scorso. E soprattutto qual è la differenza nel modo di affrontarle da parte dei governi?

Dunque, intanto mi risulta che sia aperto un dibattito scientifico nel tentativo di classificarla come pandemia o come epidemia. Le pandemie hanno numeri più alti, basti pensare alla peste di manzoniana memoria. Prendendo proprio ad esempio i Promessi Sposi di Manzoni ci accorgiamo che molte figure ritornano sempre invariate: c’è l’untore, c’è il Don Ferrante che crede che in realtà non esista il malanno, c’è il conte Attilio che vive spensierato, ma andando a fondo c’è una grande differenze tra questa e tutte le altre: mi pare che per la prima volta nella storia dell’umanità si trattino come malati anche i soggetti che sono sani. In ogni pandemia era ovviamente sacrosanto isolare i contagiati, ma mai era passato per la testa di trattare l’intera società come malata a colpi di lockdown e quarantene. Persino i protagonisti del Boccaccio che si isolano e discutono tra loro, lo fanno volontariamente, non vengono costretti alla domiciliazione forzata. E’ una loro scelta per fuggire dalla società in ciò imperversava la peste. Bisognerebbe farlo anche oggi, isolarsi in campagna e spegnere le tv e dialogare di arte e cultura.

Secondo lei perché siamo arrivati a questo cambiamento?

A mio giudizio l’argomento è di ordine biopolitico per dirla con Foucault. E’ chiaro che l’epidemia, o pandemia, che realmente esiste è da subito diventata una ghiotta occasione per il potere per riorganizzare la società usando l’emergenza come metodo di governo e come base per una nuova razionalità politica che si fonda sull’emergenza e che in nome dell’emergenza limita l’attività dei parlamenti, le libertà e i diritti. Questo è quello che sta avvenendo a mio avviso.

Lei ha parlato spesso di phobopolitica

La phobopolitica, come io la chiamo, consiste esattamente in questo, in questa strategia del terrore che soprattuto tramite i media terrorizza la popolazione. Pensiamo ad esempio alle immagini di Bergamo, diventate un macabro spettacolo mediatico con il quale si è trasmesso un messaggio chiarissimo: “non vi azzardate a uscir di casa e a non rispettare le nostre norme perché altrimenti finite come i morti di Bergamo“. Questo è il terrore sanitario: la mancanza d’aria, i tubi, le terapie intensive, è una narrazione terroristica che fa leva sulla paura per indebolire la razionalità delle persone e indurle ad accettare tutto ciò che il potere vorrà imporre.

Perché secondo lei anziché procedere con un lockdown generale, scelta attuata da svariate nazioni europee, in Italia si persevera con la classificazione in zone?

Io credo sinceramente che stiano cercando in ogni modo di evitare un secondo lockdown totale, perché intanto sarebbe la sconfitta nella gestione della pandemia, che si rileverebbe inutile così come svolta finora e poi perché il lockdown generale significherebbe, credo, la morte definitiva della società e dell’economia in italia. Quindi credo che stiano cercando di fare il possibile per evitarlo con esiti molto discutibili in molti casi, ma prendiamo atto che infondo anche loro hanno capito che alla lunga il lockdown può risultare distruttivo e generare delle rivolte.

Perché secondo lei abbiamo registrato approcci di carattere completamente opposto tra la gran parte dei governi ed altri, genericamente classificati di destra o populisti? Pensiamo ovviamente a Trump negli Stati Uniti, Bolsonaro in Brasile e Jhonson in Gran Bretagna.

Dunque, Jhonson si è rivelato alquanto contraddittorio nella sua gestione, anche perché dopo un iniziale tentativo di tenere tutto aperto si è trovato lui stesso coinvolto dal covid e ha fatto retromarcia. Bolsonaro in Brasile ha gestito l’epidemia lasciando tutto aperto e Trump pure. Però bisogna mettere anche altri Stati nel paniere di quelli che non hanno fatto il lockdown e hanno lasciato tutto aperto e che non sono Stati propriamente di destra. Penso alla Bielorussia comunista di Lukashenko o alla social democratica o presunta tale Svezia. Quindi non credo sia questione di destra o di sinistra, ma di diversa prospettiva.

E lei tra le due prospettive quale pensa sia più efficace?

Tra questi esempi riportati credo che quello più interessante sia quello svedese, la Svezia non ha fatto lockdown perché ha un sistema sanitario piuttosto robusto, frutto della vecchia social democrazia scandinava che ha lasciato qualcosa probabilmente. L’opposto della discutibile scelta degli Stati Uniti di lasciare tutto aperto pur non avendo un sistema sanitario adeguato ad affrontare una simile emergenza.

Come si prefigura questo 2021?

Credo che sarà la continuazione del 2020 con esiti ancor più tragici, perché chi ha resistito faticosamente nel 2020 capitolerà nel 2021. Credo che per tutto il 2021 rimarremo all’interno delle grinfie del leviatano terapeutico, come io l’ho appellato.





Cinzia Testa

 

ALTRE NOTIZIE

Agenda 2030: riusciremo a raggiungere gli obiettivi nel tempo stabilito?
Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile è un programma d’azione per le persone, il pianeta e la pros...
Leggi tutto
Dipendenti pubblici tra le categorie ad alta priorità per la vaccinazione, la Uilpa Sicilia:
L´assessore regionale alla Salute Ruggero Razza ha dato seguito alla richiesta della  UILPA Sicilia di inse...
Leggi tutto
Isola delle Femmine, mostra dedicata a Joe di Maggio
La Sezione di BCsicilia di Isola delle Femmine, continua i suoi eventi culturali in modalità online. In collaborazione con l’Associazione Isol...
Leggi tutto
Sicilia, Crisi, Economia. Eolie, dalla resilienza nasce il marchio Euipo
Dalla produzione di film e campagne pubblicitarie a prodotti di profumeria e cosmetici, da linee di abbigliamento ai gadget. Ed ancora, organizzazione...
Leggi tutto
Aeroporti: Turano, collegamenti ferroviari per Birgi e Comiso
Pronto un piano dell’assessore Falcone, è caccia ai fondi “La sfida dei prossimi anni sarà quella di sfruttare le risorse che saranno m...
Leggi tutto
Parco eolico off shore, ancora dubbi: Trapani chiede altri 30 giorni
Ulteriori 30 giorni di proroga per poter presentare osservazioni al progetto per il parco eolico offshore al largo delle isole Egadi. Lo ha chiesto al...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web