Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 08/01/2020 da Cinzia Testa

Visita guidata ai monumenti cristiani e bizantini di Lilibeo organizzata da BCsicilia

Visita
Termini Imerese. Nell’ambito del Corso di Archeologia Cristiana e Bizantina organizzata da BCsicilia si terrà domenica 12 Gennaio 2020 una visita guidata ai monumenti cristiani e bizantini di Lilibeo. La partenza è prevista da Termini Imerese (Piazza S. Antonio) alle ore 8,00 a alle ore 8,30 partenza da Palermo (Piazza Giotto-Lennon). Alle ore 10,00 è previsto l’arrivo al Museo Archeologico Regionale Lilibeo di Marsala che si trova all’interno della vasta area demaniale che costituisce il nucleo fondamentale del Parco Archeologico di Lilibeo. Completamente rinnovato grazie ad un progetto che ha riguardato tutta l’esposizione, il Museo ospita le più importanti testimonianze archeologiche della città di Lilibeo, dalle sue origini puniche alle importanti fasi ellenistica e romano-imperiale, fino alla trasformazione nella città medievale di Marsala. Si prosegue con la visita guidata della “Grotta della Sibilla” nella chiesa di San Giovanni Battista al Boeo, interpretata come luogo destinato ai riti battesimali dalla prima comunità cristiana di Lilibeo, oratorio o cripta di una domus ecclesiae, simile a quella di Dura Europos in Siria che accoglieva al suo interno un battistero. La c.d. “Grotta”, caratterizzata dalla presenza di acque sorgive, nell’immaginario collettivo è legata sia al mito della Sibilla pagana, sia al culto di Giovanni Battista, il santo al quale è dedicata sin dal XII secolo la soprastante chiesetta. Si procede poi con le Latomie dei Niccolini, una vasta area archeologica che costituisce il nucleo più importante del complesso di latomie, sfruttate nella fase di massima espansione edilizia della città romana di Lilibeo (II-inizi III sec. d.C.) e riutilizzate come cimitero tra il III e il IV secolo da pagani, cristiani ed ebrei, come documenta il rinvenimento di lucerne con il simbolo giudaico del candelabro a sette bracci (menorah). Nell’area, già dalla fine dell’Ottocento, sono noti alcuni complessi sepolcrali con arcosoli dipinti, loculi e nicchie a parete. La costruzione del cimitero moderno lungo il margine orientale della latomia, un lungo periodo di abbandono e successive attività di cava, ne hanno compromesso gravemente lo stato di conservazione. Infine visita del Complesso di Santa Maria della Grotta, che vanta una storia millenaria e complessa, a partire dalla nascita della città punica di Lilibeo quando l’area era destinata a necropoli. Come la limitrofa area dei Niccolini, fu utilizzata per la cavatura della pietra necessaria all’espansione edilizia della città a partire dal II sec. d.C. In epoca paleocristiana, le latomie cessarono la loro attività e vennero adibite ad area cimiteriale con sepolture ad arcosolio. La scoperta di alcune lucerne con la raffigurazione del candelabro a sette bracci (menorah) attesta che anche quest’area fu utilizzata da una comunità mista, cristiana e giudaica. In epoca medievale, il complesso ipogeico fu destinato ad una abbazia di rito greco della regola di San Basilio, riconosciuta e incentivata a seguito della conquista normanna della Sicilia (XI secolo), per volontà del conte Ruggero.

Nel pomeriggio è prevista la visita guidata al Museo degli Arazzi. La struttura custodisce otto Arazzi fiamminghi del XVI secolo che narrano episodi storici della guerra giudaico-romana. In particolare fanno riferimento a scene delle campagne militari di Vespasiano contro i Giudei. Gli Arazzi furono donati nel 1589 alla Chiesa Madre da mons. Lombardo, Arcivescovo di Messina, già arciprete di Marsala. Anche se ciò non è storicamente documentato la nobiltà artistica dei manufatti e la loro ricchezza giustifica esclusivamente una committenza regale. La visita continua con il Duomo costruito intorno al 1176 per volontà dei Normanni, dedicato a San Tommaso Becket di Canterbury, a causa del naufragio di un’imbarcazione sulla spiaggia di Marsala che trasportava colonne corinzie destinate alla costruzione della chiesa di San Tommaso in Inghilterra . L’attuale struttura risale al XVII secolo e presenta due campanili angolari sovrastati da una cupola per ciascuno sotto le quali si ergono le quattro statue di San Giovanni Battista, San Tommaso, San Leone e San Gregorio Magno. L’interno è suddiviso in tre navate da colonne in marmo. Sulle navate laterali si aprono dodici cappelle. In esse sono custodite opere di Domenico e Antonello Gagini, Antonello Riccio, Bartolomeo Berrettaro. Sulla via del ritorno prevista una visita “dolce” a Dattilo.

 

ALTRE NOTIZIE

“CITTÀ CHE LEGGE”. MARSALA OTTIENE IL RICONOSCIMENTO NAZIONALE
Tre giorni fa la sottoscrizione del “Patto per la Lettura”. Oggi l’attribuzione della qualifica “Citt&agra...
Leggi tutto
ISOLE MINORI, RIPRISTINATA PIENA CAPIENZA DI NAVI E ALISCAFI FALCONE:
(Palermo, 3/7/2020) "Con l´ordinanza odierna del presidente Nello Musumeci viene eliminato l´obbligo di distan...
Leggi tutto
MAZARA DEL VALLO. EVADE DAI DOMICILIARI PER COMPIERE UN FURTO CON LA COMPAGNA: ARRESTATI ENTRAMBI DAI CARABINIERI
Nella giornata di ieri, 2 luglio 2020, i Carabinieri della Stazione di Mazara del Vallo e della Sezione Radio...
Leggi tutto
Incontro Ministero dell´Istruzione
Il Coordinamento nazionale dei docenti della disciplina dei diritti umani comunica che nella giornata di oggi, alle ...
Leggi tutto
WWF: In Sicilia, per combattere gli incendi serve straordinaria normalità
WWF: In Sicilia, per combattere gli incendi serve straordinaria normalità
Leggi tutto
Cuticchio e la compagnia Figli d´Arte su Rai Radio 3
Mimmo Cuticchio

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web