Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 09/08/2019 da Cinzia Testa

Oggi è il Tartaday: la giornata per conoscere da vicino le tartarughe marine

Oggi
I centri di recupero del progetto europeo TartaLife per un giorno aprono le porte al pubblico:
solo grazie alla collaborazione fra cittadini, pescatori e ricercatori è possibile salvare dall’estinzione questi bellissimi animali marini

Si potrà sperare nella schiusa di un nido a Stromboli o assistere alla liberazione di una tartaruga “paziente” nel centro di recupero dell’Area marina Protetta delle Egadi, e ancora, un’escursione in barca a vela sulle tracce delle tartarughe a Volano alla foce del Po oppure visite guidate al Museo del Mare a Pioppi nel Cilento.

Sono solo alcune delle tante iniziative che venerdì 9 agosto saranno organizzate in tutta Italia per il Tartaday 2019, la giornata dedicata alla salvaguardia delle tartarughe marine e del loro habitat, organizzata dai partner e dai Centri di recupero e cura delle tartarughe marine del progetto UE TartaLife. Per tutta la giornata di venerdì prossimo, i centri apriranno le porte ai visitatori per illustrare il loro lavoro e far conoscere da vicino il mondo delle tartarughe marine.
La tartaruga marina, infatti, è una specie protetta a livello internazionale e inserita nella lista rossa delle specie in pericolo dell’IUCN che ha rischiato di estinguersi soprattutto a causa del crescente impatto delle attività antropiche. E sebbene la situazione sia ora in lieve miglioramento, grazie all’aumento della sensibilità e della consapevolezza nei confronti di questi preziosi abitanti del mare, c’è ancora molto da fare. Troppe tartarughe ancora muoiono nel Mediterraneo – si stima oltre 40 mila esemplari - perché soffocate dalle plastiche, intrappolate nelle reti, intossicate dai rifiuti, ferite dalle eliche.

“Il progetto TartaLife e i suoi partner, da 5 anni lavorano ininterrottamente 365 giorni all’anno per contribuire fattivamente alla conservazione della tartaruga marina – ha dichiarato Alessandro Lucchetti del CNR-IRBIM di Ancona, capofila del progetto. Lo abbiamo fatto sviluppando e diffondendo fra i pescatori attrezzi da pesca a basso impatto, potenziando i centri di recupero, formando i pescatori su cosa fare in caso di catture accidentali. Dopo 5 anni possiamo dire di avere pescatori più consapevoli, responsabili e collaborativi e questo è senza dubbio il risultato più confortante, anche se tanto resta da fare e tanto continueremo a fare. Il Tartaday è una giornata fondamentale per far conoscere il nostro lavoro, ma soprattutto per far capire ai cittadini che talvolta anche l’intervento di un singolo può essere utile per salvare un animale in difficoltà. Creare e diffondere conoscenza è uno strumento importante per la tutela della biodiversità”.

Grazie al progetto europeo sono complessivamente 18 le strutture che a vario titolo fanno parte della rete TARTALIFE, dai nuovi presidi di primo soccorso ai punti di raccolta e monitoraggio. Dall´inizio del progetto sono state recuperate oltre 1500 tartarughe: curate e rimesse in libertà dopo aver subito traumi o incidenti di vario tipo, come ami, ingestione di plastica che può provocare blocchi intestinali, soffocamento e problemi di galleggiamento, imbrigliamento in corpi estranei che ostacolano il movimento come reti abbandonate, lenze, sacchi di plastica, etc., traumi da collisioni con imbarcazioni.



“Il messaggio complessivo che ci arriva da Tartalife”, ha dichiarato Stefano Ciafani Presidente nazionale di Legambiente, “è che alla salvaguardia delle tartarughe marine possono contribuire tutti: dai pescatori che possono utilizzare strumenti meno impattanti e favorire il recupero di animali in difficoltà, ai turisti che devono rispettare le aree di nidificazione e l’ambiente marino, dagli imprenditori del settore turistico che possono promuovere un turismo più attento e consapevole alle istituzioni che devono garantire adeguate misure di salvaguardia fino alla comunità scientifica e alle associazioni ambientaliste che possono rispettivamente aumentare le conoscenze su questi animali e proteggerli adeguatamente attraverso i centri di recupero e il monitoraggio dei nidi."

“Il potenziamento dei centri di recupero esistenti e l’attivazione di nuovi centri rappresentano attività fondamentali per assicurare il proseguimento delle attività svolte in TartaLife anche dopo la fine del progetto e per creare una efficace rete di intervento sul territorio nazionale”, sostiene Sauro Pari della Fondazione Cetacea di Riccione, partner del progetto.


Vediamo nel dettaglio gli appuntamenti di Tartaday 2019 (per maggiori info www.tartalife.ue)

La Fondazione Cetacea per il 9 agosto aprirà al pubblico il Centro di Riccione con incontri informativi, giochi coi bambini con l´uso dello Scopritarta, e la sera dell’8 ci sarà un aperitivo con musica e festa per il nido di Pesaro. A Pesaro la giornata sarà dedicata all’educazione ambientale e a una conferenza al Parco San Bartolo. A Volano (Ferrara) la giornata si svolgerà al Circolo Velico con visita al nuovo centro di Goro e uscita in barca vela sulle tracce della Caretta caretta.


Numerosi gli appuntamenti in Sicilia. Alle Isole Egadi le attività previste dallo staff dell´Area Marina Protetta "Isole Egadi" e del Centro di Recupero per tartarughe marine saranno: dalle 11 alle 13 e dalle 17,30 alle 19 il centro di recupero sarà aperto al pubblico con incontri con gli operatori per illustrare le attività svolte e conoscere ecologia e minacce che riguardano le tartarughe marine. All’inizio della giornata sarà apposta una targa con la nuova denominazione del centro, riconosciuto con centro di recupero provinciale. Alle 19 si terrà il "Tartabimbi" attività dedicata ai più piccoli, con momenti didattici e ludici sul tema delle tartarughe marine. Nel corso della giornata, se le condizioni meteomarine, saranno favorevoli, sarà liberata una tartaruga ricoverata nel centro. Nelle isole Eolie, a Stromboli, gli operatori del Filicudi Wildlife Conservation insieme ai turisti presidieranno un nido dove è prevista una schiusa. A Lampedusa nella spiaggia della Guitgia alle ore 16 è prevista una dimostrazione “tartasafe” con la Capitaneria di Porto e FISA-Baby e consegna kit di salvamento. Alle 18,30 presso la sede dell’Area Marina Protetta saranno consegnati due palangari del progetto Tartalife a due pescatori dell’Isola.


A Gallipoli, nella Puglia Salentina, info point attivo per tutta la giornata presso i due nidi (area di baia Verde) e sempre in Puglia visite guidate per tutta la giornata anche al Centro Recupero Tartarughe di Manfredonia.

Presso il centro recupero tartarughe marine di Talamone, in Toscana, sarà possibile visitare l´area espositiva a partire dalle ore 16.

Mentre al Marine Turtle center di Pollica, nel Cilento, sarà possibile effettuare visite guidate del Museo del mare e andare alla scoperta del mondo delle tartarughe marine.

Il progetto Tartalife è finanziato dalla Commissione Europea attraverso il programma LIFE ed è cofinanziato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali - Direzione Generale Pesca e dalla Regione Marche, con lo scopo di tutelare le tartarughe marine. Il progetto è promosso nelle 15 regioni italiane che si affacciano sul mare; il capofila del progetto è il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) – Istituto di Scienze del Mare di Ancona che coordina le azioni degli altri 6 partner coinvolti, oltre al Consorzio UNIMAR: Provincia di Agrigento, Ente Parco Nazionale dell´Asinara, Fondazione Cetacea, Area Marina Protetta Isole Egadi, Legambiente, Area Marina Protetta Isole Pelagie.

 

ALTRE NOTIZIE

Studenti siciliani e sardi a Bruxelles rispondono all´appello dell’eurodeputato Ignazio Corrao
Successo di partecipazione per la quarta edizione de “La Scuola Torna in Parlamento Europeo”, bando ad evidenza pubblica pubblicato dall’eurodeputato ...
Leggi tutto
Campobello. Plauso del sindaco alle Forze dell’Ordine per l’operazione “Eden 3”
Il sindaco Giuseppe Castiglione rivolge un plauso ai Carabinieri del R.O.S. e del Comando Provinciale di Trapani e ai Militari del G.I.C.O. del Nucle...
Leggi tutto
Sicilia: Cantarella (lega), su caro voli serve strategia unica della politica
L’esponente della Lega: la gara tra politici rischia di non far raggiungere l’obiettivo “Sul caro voli si sta andando avanti in maniera confusa, il...
Leggi tutto
Seeyousound 2019: il Festival Internazionale del cinema musicale ai Cantieri Culturali della Zisa
Dal 21 al 23 novembre i Cantieri Culturali alla Zisa si trasformeranno in un palcoscenico pronto ad accogliere lungometraggi, documentari, corti e vid...
Leggi tutto
WWW: trekking alla scoperta della Moarda, Altofonte
Prosegue l´attività di divulgazione ambientale del WWF Sicilia Nord Occidentale con le escursioni naturalisti...
Leggi tutto
L´italia al campionato europeo di calcio dei vignaioli
Il countdown per il campionato europeo di calcio vignaioli, che a maggio si disputerà nella Repubblica Ceca, ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web