Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 05/06/2019 da Direttore

CARCERE BARCELLONA - UN DETENUTO A. P. HA SFERRATO UN PUGNO SUL VISO DI UN ISPETTORE DELLA POLIZIA PENITENZIARIA

CARCERE
CARCERE BARCELLONA DOPO IL FUOCO NELL’OTTAVO(8) REPARTO DA PARTE DI DUE DETENUTI, E 8 OTTO FERITI (INTOSSICATI) CON UNA PROGNOSI DI 80 GIORNI COMPLESSIVAMENTE , OGGI UNO DEI DUE DETENUTI A. P. ANCORA RECLUSO A Barcellona, PROTAGONISTA INCENDIARIO HA SFERRATO UN PUGNO SUL VISO DI UN ISPETTORE DELLA POLIZIA PENITENZIARIA MANDANDOLO IN OSPEDALE PER SOSPETTA ROTTURA SETTO NASALE. MASTRULLI, INSISTO CHE AVEVAMO AVVISATO L’AMMINISTRAZIONE CENTRALE E REGIONALE CHE BARCELLONA E’ UN CASO DISPERATO MA E’ STATO INUTILE. 
 “siamo poliziotti non carne da macello per galeotti”


COSP : Servono oggi oramai solo poche riga per raccontare nuovamente la dura cronaca criminale e violenta che si vive ogni giorno nel Penitenziario di BARCELLONA POZZO DI GOTTO,giornate trascorse tra dileggio,insulti,minacce,aggressioni incendio e lesioni contro il personale della Polizia Penitenziaria a tutto fiato.

Qui lo slogan della Federazione Sindacale CO.S.P. che lo si ricorda a BARCELLONA rappresenta la 1 fotza sindacale degli iscritti sindacalizzati, “siamo poliziotti non carne da macello per galeotti”,perchè come se tutto quello di questi giorni non fosse bastato,uno dei due detenuti ancora a Barcellona in attesa di altre mete penitenziarie,per futili motivi ha sferrato con veemenza un pugno sul volto di un Ipsettore del Corpo della Polizia Penitenziaria tanto che il dipendente ha dovuto fare ricorso,una volta soccorso dai colleghi,alle cure del Pronto soccorso della Città per sospetta rottura del setto nasale,ma siamo in attesa di notizie dall’Ospedale per la eventuale prognosi e diagnosi corretta.

Per quanto di nostra conoscenza, i reclusi di cui abbiamo abbondantemente segnalato la drammatica situazione Barcellonese, avevano già nei giorni scorsi e nelle ore precedenti dato il meglio della loro selvaggia criminale posizione all’interno del carcere infastidendo e colpendo atri reclusi o chiunque per loro fosse ostacolo di cammino avevano anche nella giornata precedente già provato ad appiccare il fuoco ai materassi ma nulla sarebbe stato fatto secondo il Delegato nazionale del Co.S.P. Lillo Lettiero Italiano che punta il dito contro l’attuale amministrazione e la gestione sicurezza del penitenziario.

Intanto dei due reclusi,uno è già stato trasferito resta ancora,forse per completare l’opera criminale e criminosa contro i Servitori dello Stato,l’ultimo A.P. criminale e recidivo nelle violenze e intolleranze ai regolamenti e alla vita quotidiana del penitenziario anche contro gli stessi compagni di detenzione.

Il recluso violento era stato spostato di reparto dall’VIII al III dove sono allocati su due (2) piani circa 45/48 detenuti vigilati sempre da un (1) solo Agente,che dire, siamo Poliziotti non carne da macello per galeotti è il duro commento di DOMENICO MASTRULLI SEGRETARIO GENERALE NAZIONALE DELLA FEDERAZIONE SINDACALE COSP che esprime solidarietà all’Ispettore ferito e a tutti i feriti di questi giorni se non di queste ore.

I Poliziotti a Barcellona sono ridotti da D.M. a lumicino,turni su tre quadranti ad otto e anche oltre,richiamati spesso e volentieri in servizio anche notturno per carenza di personale, richiamati dalle giornate di congedo e riposo nonostante congedo e riposo siano diventati a Barcellona un miraggio. Occupano dai due ai cinque posti contemporanei di servizio come il collega della Cucina detenuti,vigilano da 30 a 70 detenuti e con essi si aggiungono grandi sorveglianze e sorveglianze particolari come se i Poliziotti Penitenziari fossero dotati del dono dell’ubiquità. La situazione di Barcellona oggi sotto gli occhi dei media, e dei cittadini tutti tra cui i familiari degli Agenti preoccupati per quello che accade giornalmente nel Penitenziario,merita la diretta attenzione del GOVERNO e del Vice Presidente del Consiglio dei Ministri Onorevole SALVINI atteso che il Ministro della Giustizia sulle missive COSP sembra girarsi dall’altra parte, come delle massime Istituzioni Politiche se si considera che la nostra Amministrazione Penitenziaria,nei diversi livelli di responsabilità da tempo e con copiosa corrispondenza della Federazione Sindacale CO.S.P. è stata abbondantemente preavvisata di una disastrosa persistente conduzione del carcere ma senza ad oggi ricevere la giusta attenzione.

Il Carcere di Barcellona conta più di 200 detenuti,molti di questi allocati nei reparti di cui oggi discutiamo sebbene provenienti o comunque destinati di indicazioni sanitarie per ex OPG,la Polizia Penitenziaria circa 160 unità in totale, è in sotto organico, mancano almeno 60 unità per far fronte alle diverse emergenze che lo stesso Penitenziario per collocazione geografica e strutturale richiede.

I servizi degli agenti vengono pubblicizzati ai Lavoratori giorno dopo giorno e i continui cambiamenti degli orari e postazioni di servizio ledono i diritti sindacali e costituzionali e minano la serenità delle famiglie a causa della continua chiamata in servizio dei propri cari. - MASTRULLI: qualcosa non va nella gestione delle risorse umane e le conosciute difficili condizioni di criticità che richiedono urgenti indifferibili se non in rinviabili provvedimenti dall’alto su Barcellona. Non siamo qui – continua Mastrulli – ha richiedere responsabilità o la testa di qualcuno, ma siamo invece qui a sollecitare maggiore sicurezza per i lavoratori tutti e maggiori garanzie contrattuali fino ad oggi disattese. Restiamo sempre fiduciosi e insistiamo per una diretta urgente convocazione da parte del Ministro della Giustizia e del capo del Dipartimento alle tante richieste a Loro rivolte dalla Federazione Sindacale e mai riscontrate. 
BARCELLONA POZZO DI GOTTO, 04.06.2019


 

ALTRE NOTIZIE

Torna a Palermo l´Easy Jazz project: il concerto alla Chiesa di Santa Maria del Piliere
Metro Harp & Theatre 2^ edizione con la direzione artistica di Francesco Panasci Torna a Palermo, con un doppio appuntamento musicale, l´Ea...
Leggi tutto
Enti locali, Cisl Fp al sindaco di Trapani: “I dipendenti rischiano un danno economico di 500mila euro per inadempienze contrattuali”
I dipendenti del Comune di Trapani rischiano di pagare un conto salatissimo per inadempienze contrattuali che vanno ...
Leggi tutto
Le Vie dei Tesori restaura tre gioielli con il supporto di Lottomatica Holding e dei giovani dell’Università di Palermo
Il contest on line premia le Sfingi dell’Orto Botanico a Palermo un olio della Cappella della Mortificazione a Trapani e la cupola del campanile del C...
Leggi tutto
Strada provinciale 104/a, Marco Orsola (Idd): “Dissesto e incuria permanente. Città Metropolitana intervenga”
Il responsabile dell’Italia dei diritti per la Valle dell’Aniene denuncia le condizioni pietose in cui versa il tratto provinciale che conduce a Rocca...
Leggi tutto
Rifiuti, l´assessore Pierobon: settore frammentato da riformare, con il Piano garantiamo ordine e trasparenza
"Una attività di gestione dei rifiuti frammentata non garantisce economie di scala e un servizio efficiente, e sarà esposta a maggiori r...
Leggi tutto
La Sicilia quarta ai Campionati Italiani a squadre karting
Sul circuito del Sele a Battipaglia la rappresentativa isolana si batte con tenacia e ripete il risultato 2018, vincendo il trofeo della 125 kzn over ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web