Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 15/05/2019 da Direttore

Fratel Biagio ha annunciato a tutti i volontari e cittadini che in questo momento sospende il digiuno completo e la permanenza in piazza Beato Pino Puglisi

Fratel
Fratel Biagio ha annunciato a tutti i volontari e cittadini che in questo momento sospende il digiuno completo e la permanenza in piazza Beato Pino Puglisi. Rimane in un luogo in ritiro per continuare a pregare e fare penitenza, si alimentera solo di sostanze essenziali in attesa di quello che sarà il percorso che riguarda fratello Paolo. Si sente pronto a ricominciare a parlare e difendere perché dice: non possiamo tacere quando ad un nostro fratello viene tolta la speranza. 
Nella giornata di oggi inoltre Fratel Biagio e tutta la Missione di Speranza e Carità hanno presentato una proposta che è diretta a tutti gli uomini di buona volontà senza distinzione di ideologia, di partito o di colore politico. 
Si tratta di una proposta rivolta a tutti i fratelli e le sorelle che oggi in Italia vivono una sofferenza simile o uguale a quella di fratello Paolo. 

Paul è un fratello immigrato accolto in comunità a Palermo, da 17 anni in Italia. Paul è un idraulico e si è sempre comportato bene aiutando e sostenendo con il cuore tante persone in difficoltà, poveri ammalati italiani e immigrati che si sono ritrovati a vivere e dormire per strada. La preghiera e il digiuno di fratel Biagio sono stati anche per tutti quelli che si trovano nella situazione di Paul.

Tanti immigrati, già soggiornanti in Italia da tantissimi anni, per vari motivi, in questi ultimi anni si stanno ritrovando in una situazione di irregolarità molto rischiosa. Queste persone, privi di qualsiasi riconoscimento di identità, sono comunque presenti nel nostro territorio e possono molto facilmente rischiare di cadere nelle mani di organizzazioni malavitose.

Questa situazione riteniamo sia meglio affrontarla con una buona prospettiva piuttosto che non considerarla o, peggio, fare finta che non esiste. Bisogna dare speranza a coloro che se la sono vista tolta per vari motivi (crisi economica in atto, perdita del lavoro, povertà estrema, irrigidimento delle normative relative ai permessi di soggiorno )

E´ necessario fare una sanatoria che regolarizzi la posizione di queste persone. Per fare questo si può pensare che in tutti quei campi di lavoro dove c´è tanta carenza di lavoratori disponibili anche italiani, si possa regolarizzare questi fratelli dando loro eventualmente anche la possibilità di una formazione al lavoro.

Allo stesso tempo, cosi come potrebbe applicarsi nel caso di Paul, è necessario che si dia la possibilità a molte realtà di accoglienza e di volontariato di poter regolarizzare la posizione di alcuni cooperanti volontari e missionari che in modo spesso gratuito si spendono per il bene della comunità e spesso dei più deboli, ammalati italiani e stranieri. A questa impostazione inoltre si può aggiungere un progetto che la Missione di Speranza e Carità e fratel Biagio da tempo hanno a cuore e cioè quello di dare la possibilità ai fratelli che si sono formati in Missione in alcuni mestieri o attività di poter essere utili oltre che in Italia anche nel proprio paese di origine collaborando con realtà missionarie o di volontariato locali che già che le stesse missioni possono avere in loro sedi in diversi paesi del mondo, o in associazioni locali che lo potrebbero richiedere. 

Cosi facendo si potrebbe avverare e concretizzare quel motto che molti portano avanti nei confronti di chi soffre in Africa e che spesso è stato costretto ad emigrare e che dice: AIUTIAMOLI A CASA LORO.

La Missione dice AIUTIAMOLI in Italia e dopo, attraverso loro stessi, e riconoscendogli anche il diritto a tornare per periodi di formazione in Italia, con l´appoggio delle missioni AIUTIAMOLI ANCHE A CASA LORO portando quelle esperienze e quegli aiuti che possono essere necessari per portare avanti un futuro di ricostruzione sano e senza interessi di parte ma con il pensiero al bene delle comunità locali e in particolare ai cittadini piu´ poveri, malati e abbandonati.

Che in questi casi non ci sia ESPULSIONE! MA COLLABORAZIONE

Al concetto del rimpatrio assistito e volontario che da la possibilità ad un immigrato che lo vuole di iniziare una attività produttiva e lavorativa privata nel proprio paese e che però non viene più seguita nel tempo AGGIUNGIAMO anche il rimpatrio per un tempo momentaneo in fase di cooperazione o di missione accompagnati e insieme a missionari o volontari italiani.

PACE E SPERANZA

 

ALTRE NOTIZIE

La società Mazara calcio comunica il costo dei biglietti per la gara di domenica con il Don Carlo Misilmeri
La società Mazara calcio comunica che per la gara di campionato MAZARA – DON CARLO MISILMERI, (valevole per la seconda giornata del torneo di e...
Leggi tutto
Campobello - contributi per la fornitura gratuita e semigratuita dei libri di testo
L’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Castiglione rende noto che la Regione ha attivato le procedure per l’...
Leggi tutto
Mentre i poveri combattono una guerra senza fine, c´è chi vince senza combattere
Molto spesso si è soliti soffermarsi sulla questione dei salari minimi (la guerra dei poveri), quando invece l’attenzione dovrebbe essere rivol...
Leggi tutto
Da domani le iniziative della “Settimana della Legalità Giudici Saetta Livatino” 2019
Primi appuntamenti da domani del cartellone 2019 che interesserà ben più dei cinque comuni e delle tre...
Leggi tutto
Teatro terapia: prima sessione gratuita a Milano e Roma Appuntamento a Roma, mercoledì 25 settembre al Teatro Keiros, in via Padova 38/a.
A Milano, venerdì 27 settembre alle 20,30 presso lo Spazio Arti Naturali in corso Italia 49
Premio nazionale Liolà 2019: XX Edizione omaggio a Luigi Pirandello
LO SCRITTORE PALERMITANO ANDREA GIOSTRA INSIGNITO DELL’ONORIFICENZA DI “ACCADEMICO DI SICILIA”
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web