Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 10/04/2019 da Direttore

Avvio causa beatificazione. Libro su Natuzza Evolo

Avvio
Avvio causa beatificazione. Libro su Natuzza Evolo
SOTTO IL CIELO DI PARAVATI
Natuzza Evolo


La missione di Natuzza Evolo, di cui  sabato scorso nella spianata della Villa della Gioia di Paravati – alla presenza di sei vescovi e  di oltre cento sacerdoti che hanno concelebrato insieme al presule della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea monsignor Luigi Renzo, nonchè di una moltitudine di fedeli provenienti da ogni parte d’Italia – è  stata avviata la causa di beatificazione è al  centro dei contenuti del volume “Sotto il Cielo di Paravati” scritto dal giornalista Vincenzo Varone e dato alla stampe quattro anni fa proprio in occasione dell’avvio dell’iter dell’istruttoria canonica.

Nel libro, Varone - che abitando a pochi passi dall’abitazione della mistica ha avuto modo di osservare da vicino le tantissime persone che ogni giorno si recavano nella sua abitazione - racconta, tra l’altro, come lui personalmente e gli abitanti della stessa via doveva viveva Mamma Natuzza, insieme al marito Pasquale Nicolace e ai figli,  hanno vissuto  il grande mistero che circonda le colline di Paravati.

Di seguito vi offriamo l’introduzione del volume..   “E   l’alba del primo novembre  dell’anno 2009,giorno di tutti Santi.  L’orologio sotto il cielo di Paravati segna esattamente le 5,15. Natuzza Evolo, circondata dall’affetto dei suoi cari e dei suoi padri spirituali don Pasquale Barone e padre Michele Cordiano,dopo un ultimo sguardo, si  congeda dal mondo per intraprendere il suo viaggio verso la Casa del Padre, dove ci sono già ad attenderla la Vergine Maria, gli Angeli, San Pio da Pietralcina e San Francesco di Paola, compagni inseparabili dei suoi “colloqui” e della sua missione  per dare conforto a tutti e,in particolare, ai sofferenti.

 Già la sera prima si sapeva che mamma Natuzza a causa dell’aggravarsi delle condizioni di salute non avrebbe superato il nuovo giorno. Nelle stesse ore cederà a Milano anche il cuore generoso di Alda Merini, poetessa del dolore e  degli esclusi.

A quell’ora Mileto è ancora assonnata. Le bandiere del Municipio, nel centro pulsante della città, sventolano  il senso d’appartenenza dell’ex capitale normanna all’Italia e all’Europa, mentre poco distante nell’unico bar aperto si servono cornetti e caffè ai pochi viandanti della mattinata festiva.

Io ancora non lo so, ma di lì a poco, mi toccherà come sindaco, eletto da soli pochi mesi, annunciare al mondo attraverso i mezzi di informazione la notizia della dipartita terrena di Fortunata Evolo.  Al microfono del  Gr2, tra i primi a contattarmi, userò tutto di un fiato queste parole: “Per Mileto questo è il giorno del lutto e del dolore, ma anche della speranza perché siamo convinti che Natuzza veglierà per sempre su di noi dal cielo".

Poco dopo, lontano dal tintinnio delle voci di quella mattina unica e irripetibile nei pensieri e negli sguardi, rivedrò nella “stanza dei miei pensieri”  alcuni fotogrammi della mia vita in questo luogo di fede e di speranza, immerso tra gli uliveti, gli oleandri, i fichi d’india e i pergolati di uva alla fragola, dove la sera quando regna il sereno si possono ammirare l’Etna e lo Stretto di Messina con il suo azzurro mare; una piccola fetta di terra fatta di sudore antico, tra l’altopiano del Poro e il Mesima, coccolata dalle  anime dei defunti.

Il  lutto, si sa, accende nuovi  ricordi e il dolore silenzioso che li  accompagna li fortifica e li rende vivi, quasi un istinto dell’anima, in questi frangenti, alla sopravvivenza della memoria dei luoghi e dei personaggi che l’hanno popolata, ma soprattutto il desiderio di custodire  il  cuore vero e inimitabile del nostro vissuto  e del nostro incessante peregrinare sulle vie del mondo  fino al compimento ultimo del cammino che siamo stati chiamati a compiere,ognuno  per la nostra parte.

“Sotto il cielo di Paravati” è il frutto di questi e di altri fedeli ricordi legati alla vita di Natuzza molti dei quali mi sono stati trasmessi direttamente dai miei nonni paterni Angelo e Carmela Varone, dai miei genitori Antonino Varone e Angiolina Mercuri e dai vicini di casa di via Nazionale dove ho trascorso la mia curiosa adolescenza e dove ancora oggi continuo a vivere alla ricerca, così come allora, di storie da raccontare, accompagnato dal forte senso di appartenenza a questi luoghi.

 L’abitazione in cui Fortunata Evolo  ha trascorso la sua vita di sposa, di madre, di Missionaria della parola di Dio e di Messaggera della Madonna è a pochi passi dalla mia. Suo figlio Franco era mio amico d’infanzia e di sogni. Suo marito Pasquale Nicolace, di mestiere falegname, un padre premuroso e un uomo semplice. I  vicini di casa - artigiani, casalinghe, operai,maestre di scuola,impiegati,contadini, massari e piccoli commercianti-  i testimoni discreti  di un tempo segnato dalla grazia del cielo.

 Ai miei occhi  inquieti e curiosi, già da allora con il pallino  delle verità da scovare, quello che accadeva intorno a Natuzza, compresa la visione degli Angeli custodi e dei defunti, ha sempre rappresentato la normalità  e nulla di sconvolgente e di innaturale. Forse è proprio per questo che le anime dei morti sono oggi per me (classe 1956) delle  figure familiari e la località “Santa Venere”,alle spalle di casa mia e di quella della famiglia Nicolace, un luogo popolato dagli spiriti buoni”.

 

ALTRE NOTIZIE

Nasce Erice Fantasy, sabato e domenica il borgo medievale si trasforma
Il 24 e 25 agosto lo splendido borgo medioevale di Erice è pronto ad accogliere per la prima volta l´Erice Fantasy, un turbinio di spetta...
Leggi tutto
A San Vito Lo Capo Peruviano aggredisce i Carabinieri e viene arrestato
Nella giornata di martedì 20 agosto, i Carabinieri della Stazione di San Vito Lo Capo hanno tratto in arresto VARDIAL SANTIAGO Michell Luis Ang...
Leggi tutto
Nell’ambito dei festeggiamenti a Custonaci segnalo due appuntamenti che si terranno questa sera e domani.
questa sera alle ore 21.30 una conversazione su “l’invisibile nell’immagine della madonna di custonaci” a cura di don rino la delfa, ecclesiologo, gia...
Leggi tutto
23 agosto sull’isola di Marettimo incontro con lo scrittore Paolo Curtaz
Teologo e scrittore molto apprezzato capace di intrattenere i lettori con linguaggio agile, giovanile, chiaro, autore non solo di saggi e articoli ma...
Leggi tutto
ARRIVA A SAN VITO LO CAPO IL MCFLURRY VERTICAL SUMMER TOUR
San Vito Lo Capo, 22 agosto 2019 – Il 24 e 25 agosto torna a San Vito Lo Capo il McFlurry Vertical Summer Tour, la manifestazione itinerante che porta...
Leggi tutto
Spacciava ai domiciliari arrestato a Trapani
Nella serata di ieri i Carabinieri della Stazione di Erice con il supporto dei colleghi della Sezione Radiomobile di Trapani e dell’Unità Cinof...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


Gaspare su Paceco: per il Memorial Giuseppe Barraco, riapre il palazzetto:
Peppe sempre nel cuore mi manchi amico mio


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web