Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 12/03/2019 da Direttore

OPERAZIONE ANTIMAFIA A PALERMO

OPERAZIONE
DI GIACOMO, IN CELLA I NUOVI ARRIVI NON
SARANNO CERTAMENTE “INATTIVI”


La nuova operazione antimafia di oggi a Palermo con l’arresto di 32 persone, al di là della legittima soddisfazione per magistrati, forze dell’ordine e cittadini, pone due problemi da non sottovalutare: in carcere i nuovi arrivi non saranno certamente “inattivi”; a rimpiazzarli sui territori di criminalità saranno arruolati nuovi giovanissimi come è già accaduto negli ultimi tempi.

Č quanto afferma il segretario generale del Sindacato Penitenziari, Aldo Di Giacomo. 

Solo dall’inizio dell’anno – aggiunge – sono oltre 200 gli arresti a seguito dello smantellamento di clan in Sicilia, Campania, Calabria e Puglia, tra i quali anche boss di primo piano come Marco Di Lauro. Il problema su cui insistiamo da tempo conoscendo bene la situazione delle nostre carceri, comprese quelle per i detenuti sottoposti al 41 bis e che quindi dovrebbero essere a “massima sorveglianza” è che dalle celle boss ed affiliati continuano a gestire traffici e attività di criminalità attraverso telefonini. Secondo i dati più aggiornati al 2017, è di 937 il numero totale di cellulari e sim ritrovati nei 190 istituti italiani. Quasi due per ogni carcere. Con un aumento del 58,22 per cento rispetto al 2016 (quando i cellulari e/o sim rinvenuti furono 426). Numeri che purtroppo non indicano fedelmente la situazione. O comunque attraverso “pizzini” che riescono ad uscire dal carcere.

Il secondo problema – continua Di Giacomo – riguarda il ricambio di manovalanza criminale con giovani e giovanissimi che sono già stati protagonisti di efferati omicidi e formati alla cultura dei film e delle fiction televisive puntano a scalare velocemente l’organigramma delle organizzazioni camorristiche e mafiose.

Quanto alla ricostituzione della Cupola di cosa nostra oltre a rafforzare indagini sui territori – dice ancora Di Giacomo – bisogna “osservare” quanto accade nelle carceri dove sono detenuti boss e capi clan e dove si decidono le sorti delle organizzazioni criminali. Č l’inchiesta di oggi a Palermo che, oltre a ricostruire gli assetti mafiosi, a svelare che uno dei capi clan, dal carcere, dava ordini per il sostentamento della sua famiglia e che nel corso dei colloqui in carcere forniva alla moglie e al cognato indicazioni sui soggetti cui rivolgersi per ricevere le somme di denaro che spettavano loro e i profitti degli investimenti economici realizzati in attività commerciali pienamente funzionali e attive.

 

ALTRE NOTIZIE

Mazara del Vallo - MERCATO AGRO ALIMENTARE
Consegnati i boxes agli assegnatari
“Parte ufficialmente il merc...
Leggi tutto
CASTELLAMMARE DEL GOLFO - Incontri di quartiere per pass e ztl
Zone a traffico limitato e parcheggi per i residenti in centro:
al vi...
Leggi tutto
Trasporto Aereo, il Sottosegretario Santangelo alla Conferenza Nazionale: ´In Sicilia si vada verso una rete aeroportuale pubblica regionale´
Intervento del Sottosegretario di Stato per i rapporti con il Parlamento e la Democrazia diretta, Vincenzo Santan...
Leggi tutto
Campionati Italiani WTKA 2019 – ultima e decisiva TAPPA di QUALIFICAZIONE a Messina
Si svolgerà a Messina, la terza ed ultima decisiva tappa della Maratona Italiana WTKA valida per la qualifica...
Leggi tutto
Pall.Trapani: l´under 15 si rinforza
Domani conferenza stampa pregara
Domani, venerdì 22 marzo...
Leggi tutto
Operazione ArtemisiA
I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Trapani hanno tratto in arresto, in esecuzione di ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


Gaspare su Paceco: per il Memorial Giuseppe Barraco, riapre il palazzetto:
Peppe sempre nel cuore mi manchi amico mio


giuseppe su Crisi della Cmc-Anas con le mani legate-Il governo nazionale anticipi i soldi ai creditori per la ripresa dei lavori in Sicilia e si rivalga sulla Cmc:
perche bloccare solo caltanissetta invece tappiamo tutto il tratto palermo agrigento passino solo ambulanze e carri funebri


Augusto Marinelli su Lettere a Tito n. 234. Shoah 2019 ed il libro del giovane Alberto Forte pensando alla Shoah nostra e degli altri.:
Caro Tito, ti interesserà forse sapere che nel libro di Molfese citato nell´articolo, la frase qui riferita semplicemente non c´è. Quanto al preteso lager di Fenestrelle, è stato ampiamente dimostrato che si tratta di una invenzione.


Giovanni VINCI su Marsala Calcio: Sancataldese - Marsala, i convocati da mister Giannusa:
Forza Marsala


Daniele su Marsala Calcio: Sancataldese - Marsala, i convocati da mister Giannusa:
Forza ragazzi tenete alto il nome Marsala a San Cataldo. Un abbraccio particolare al centrale difensivo Maurizio e il centrocampista centrale Lo Nigro


Daniele su Marsala Calcio: Sancataldese - Marsala, i convocati da mister Giannusa:
Forza ragazzi tenete alto il nome Marsala a San Cataldo. Un abbraccio particolare al centrale difensivo Maurizio e il centrocampista centrale Lo Nigro


mimmo su Domenico Lanciano: ´Una carezza per Riace":
ciao


Rosario Miccichè su Paceco, al via 6 cantieri di lavoro per la realizzazione di due opere:
Non sono molto contento di come l´amministrazione ha progettato i cantieri a Paceco sicuramente il bando gestito malissimo. Dobbiamo ringraziare la regione della proroga non certo gl´assessori di competenza. L´avviso 2 / 2018 dice che bisogna favorire il maggiore numero di lavoratori, quanti lavoratori impigherete nei cantieri. E perch´ tutti quei soldi spesi in materiali € 70.000 il bando parlava di piccole manutenzioni, lo scopo principale dei cantieri e la formazione, favorire la m


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web