Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 12/02/2019 da Direttore

CODICI: L’ODISSEA DEI PELLEGRINI IN PARTENZA PER MEDJUGORJE.

CODICI:
MISTRAL AIR CONDANNATA 
Il Tribunale Civile di Catania ha condannato il vettore Mistral Air a risarcire con oltre 7000 euro un gruppo di passeggeri in partenza per un viaggio spirituale a Medjugorie protagonisti loro malgrado di una odissea di oltre 12 ore. 



I FATTI: In data 12/08/2016, un nutrito gruppo di pellegrini si recava presso l’aeroporto Vincenzo Bellini di Catania - Fontanarossa per procedere all’imbarco sul volo charter M4 2951 operato dalla compagnia Mistral Air S.r.l. – con partenza schedulata alle ore 8.20 ed arrivo all’Aeroporto di Monstar- al fine di raggiungere la località spirituale e di culto di Medjugorje. 

Giunti presso l’aeroporto Vincenzo Bellini di Catania - Fontanarossa apprendevano subito, dal tabellone delle partenze collocato all’interno della struttura, che il loro volo era stato posticipato di diverse ore.

Malgrado il disappunto, venivano avviate regolarmente le procedure di identificazione e imbarco, provvedendo alla consegna dei bagagli da collocare in stiva al personale in loco. 

Nel corso di tale attesa, nessuna particolare assistenza o attività di informazione veniva prestata al gruppo all’infuori dei ticket gratuiti per la consumazione della colazione; del tutto informalmente peraltro, gli stessi apprendevano che il volo M4 2951 – la cui partenza era stata già precedentemente posticipata - avrebbe subito con ogni probabilità un ulteriore ritardo (!). 

Erano già le ore 11,00, infatti, quando un incaricato dalla società Mistral Air S.r.l. si presentava al gate 20, dove i pellegrini sostavano pazientemente ormai da diverse ore, per comunicare che il volo Catania - Mostar sarebbe decollato solamente alle ore 19,40, e cioè ben oltre dodici ore di ritardo rispetto all’orario originariamente schedulato! 

Visibilmente sconcertati, certamente provati per le precarie condizioni in cui consumavano la loro attesa, il gruppo accettava comunque la proposta di essere trasferito presso una vicina struttura attrezzata messa a disposizione dal Tour Operator per la consumazione del pranzo, con l’intenzione di far rientro in aeroporto per l’imbarco sul volo delle 19,40 e raggiungere finalmente la destinazione prescelta. 

Senonchè, al ritorno presso la struttura aeroportuale di Catania-Fontanarossa, gli stessi apprendevano con sgomento che neanche il decollo precedentemente stimato per le 19,40 avrebbe avuto luogo, e che il volo M4 2951 avrebbe avviato la sua crociera solamente alle ore 21,30 (!). Ancora una volta, nessuna attività di assistenza veniva prestata all’intero gruppo, e ciò malgrado la paziente attesa dei passeggeri si fosse protratta per un lasso di tempo assai più che considerevole. Col trascorrere delle ore, appariva però chiaro a tutti che neanche il nuovo orario sarebbe stato rispettato. 

Alle ore 23,00 infatti, esaurita ogni possibile tolleranza per l’inaudita gravità dei disagi subiti, e oltremodo stremati da un punto di vista fisico e mentale, la situazione si era fatta non più sostenibile: vibranti proteste accompagnate dalla richiesta di intervento delle Forze dell’Ordine, si sollevavano da parte di coloro che – avendo consegnato i propri bagagli per la collocazione in stiva all’arrivo in aeroporto, all’alba – non avevano neanche la possibilità di prendere le abituali medicine (in alcuni casi farmaci salvavita da assumere in orari specifici dietro prescrizione medica).

Per altri, l’effetto “stipamento” per un lasso di tempo così prolungato al gate 20 - di per sé angusto, e inidoneo ad accogliere un numero così consistente di viaggiatori, mancando sufficienti posti a sedere e servizi adeguati - si rendeva addirittura necessaria l’assistenza medica della Croce Rossa, non potendosi d’altronde immaginare un epilogo diverso da questo per i tanti anziani o i portatori di handicap letteralmente stremati dall’interminabile attesa; altri ancora, con minori al seguito, si trovavano a fronteggiare situazioni di estremo stress e comprensibile disagio psicofisico. 

Tale situazione, ormai di fatto del tutto fuori controllo, veniva peraltro aggravata dalle pessime informazioni che giungevano ai passeggeri sullo stato del volo: infatti, dapprima veniva reso noto che, a causa di problematiche metereologiche locali, l’atterraggio a Mostar non si rendeva più praticabile e che, con ogni probabilità, si sarebbe optato per uno scalo presso l’assai più distante aeroporto di Spalato (in Croazia, distante da Medjugorje ben 180 km!); variazione del programma di viaggio che, pertanto, avrebbe comportato un ulteriore trasferimento dei passeggeri da operarsi in bus, della durata di circa due ore e mezzo ore, con arrivo a destinazione all’alba di sabato 13 agosto, e la conseguente perdita di un altro giorno di pellegrinaggio per il riposo necessario al recupero delle forze. 

Successivamente, intorno alle ore 23,30, sempre sulla base di informazioni frammentarie e confuse, anche la chimera di un atterraggio a Spalato si allontanava dalle possibili soluzioni per raggiungere finalmente l’agognatissima destinazione. 

Sconfortati, stanchi e increduli, molti pellegrini - in preda al malessere, sfiancati dalla dura prova fisica sostenuta e avviliti per l’epilogo di quel percorso spirituale in cui avevano riposto aspettative e sentita partecipazione - decidevano loro malgrado di rinunciare alla partenza e far rientro a casa. 

Adesso il Tribunale civile di Catania con la sentenza nr. 74/2019 ha condannato la compagnia aerea Mistral Air a risarcire i danni causati ai passeggeri quantificati in oltre 7.000 euro oltre alle spese legali. Lo rende noto l’Associazione dei consumatori CODICI, ai quali i pellegrini si sono rivolti, assistiti dagli avvocati Manfredi Zammataro e Mario Emanuele Campione per essere risarciti dei danni da ritardo aereo e per il danno da vacanza rovinata. “Ancora una volta - afferma l’Avv. Manfredi Zammataro segretario regionale del CODICI- le ragioni dei consumatori prevalgono sulla condotta del tutto illegittima e lesiva per i passeggeri operata da Mistral Air, essendo chiaro come nel caso di specie la compagnia aerea non avesse rispettato gli standard europei previsti dal Regolamento CE 261/2004 che riconosce alle vittime di cancellazioni e ritardi indennizzi per importi che variano, in base alla lunghezza della tratta”


 

ALTRE NOTIZIE

CASTELVETRANO, SERVIZIO ANTIDROGA ALLA ´LOCANDA´: CARABINIERI ARRESTANO TRE GAMBIANI E RINVENGONO HASHISH
Nella serata del 18 febbraio, i Carabinieri della Compagnia di Castelvetrano, coadiuvati da personale 12° Reggimento “Sicilia” - Compagnia d’Intervent...
Leggi tutto
IL CARCERE DI FAVIGNANA DEVE RIMANERE APERTO
“DOPO LA MADIA A FAVIGNANA SPUNTA ANCHE OCCHIONERO” 
IL SECC...
Leggi tutto
Irsap. Dipasquale: illegittima nomina Commissario, Procura della Repubblica e Corte dei Conti indaghino
“Ecco la vera natura del governo regionale: ancora una volta il presidente e la sua maggioranza puntano a ricoprire...
Leggi tutto
Raccolta Rifiuti a Ribera (AG)
SCANDALO ALL’OMBRA (dell’ultimo sole)
Sembrava una no...
Leggi tutto
Mazara del Vallo - Domani alle 18 in via Val di Mazara Salvatore Quinci incontra la stampa e cittadini sul programma elettorale
Domani pomeriggio alle ore 18, nella sede dell´associazione politico-culturale "Partecipazione Politica", in via Va...
Leggi tutto
ADDIO A ENZO TARTAMELLA, IL CORDOGLIO DELL’ASSESSORE TURANO
TRAPANI, 20 FEB - L’Assessore regionale alle Attività produttive Mimmo Turano esprime, in una nota, il suo co...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gaspare su Paceco: per il Memorial Giuseppe Barraco, riapre il palazzetto:
Peppe sempre nel cuore mi manchi amico mio


giuseppe su Crisi della Cmc-Anas con le mani legate-Il governo nazionale anticipi i soldi ai creditori per la ripresa dei lavori in Sicilia e si rivalga sulla Cmc:
perche bloccare solo caltanissetta invece tappiamo tutto il tratto palermo agrigento passino solo ambulanze e carri funebri


Augusto Marinelli su Lettere a Tito n. 234. Shoah 2019 ed il libro del giovane Alberto Forte pensando alla Shoah nostra e degli altri.:
Caro Tito, ti interesserà forse sapere che nel libro di Molfese citato nell´articolo, la frase qui riferita semplicemente non c´è. Quanto al preteso lager di Fenestrelle, è stato ampiamente dimostrato che si tratta di una invenzione.


Giovanni VINCI su Marsala Calcio: Sancataldese - Marsala, i convocati da mister Giannusa:
Forza Marsala


Daniele su Marsala Calcio: Sancataldese - Marsala, i convocati da mister Giannusa:
Forza ragazzi tenete alto il nome Marsala a San Cataldo. Un abbraccio particolare al centrale difensivo Maurizio e il centrocampista centrale Lo Nigro


Daniele su Marsala Calcio: Sancataldese - Marsala, i convocati da mister Giannusa:
Forza ragazzi tenete alto il nome Marsala a San Cataldo. Un abbraccio particolare al centrale difensivo Maurizio e il centrocampista centrale Lo Nigro


mimmo su Domenico Lanciano: ´Una carezza per Riace":
ciao


Rosario Miccichè su Paceco, al via 6 cantieri di lavoro per la realizzazione di due opere:
Non sono molto contento di come l´amministrazione ha progettato i cantieri a Paceco sicuramente il bando gestito malissimo. Dobbiamo ringraziare la regione della proroga non certo gl´assessori di competenza. L´avviso 2 / 2018 dice che bisogna favorire il maggiore numero di lavoratori, quanti lavoratori impigherete nei cantieri. E perch´ tutti quei soldi spesi in materiali € 70.000 il bando parlava di piccole manutenzioni, lo scopo principale dei cantieri e la formazione, favorire la m


Maurizio Perez su Il Decreto Quota 100 esclude i dipendenti regionali, Calderone (FI) presenta emendamento al Collegato per includerli: “Ingiustificabile tenerli fuori”:
In verità mi era sfuggito questo passaggio tecnico, di cui sono grato al Sig. deputato Calderone.


Anna su MAZARA DEL VALLO - BORSE DI STUDIO PER L’ANNO SCOLASTICO 2015/2016:
Elenco alunni avvenne diritto


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web