Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 20/10/2018 da Direttore

Giovanna Nobile Paziente presenta, ad Alcamo, -BALLATA PER JOSY-, un pirandelliano viaggio nella mente

Giovanna
Una storia cruente e d’amore ambientata tra gli Stati Uniti d’America e una campagna siciliana selvaggia, tra sconfinati campi, antichi e misteriosi ruderi


È arrivato in libreria, solo qualche giorno fa, quasi imprevisto, edito per i tipi della casa editrice Portaparole, la “Ballata per Josy”, il terzo romanzo della scrittrice di origine siciliana, ma residente in Toscana, Giovanna Nobile Paziente , destinata ad inserirsi nel solco di quella letteratura impegnata che vede forte il confronto tra le anime dissidenti d’una autrice tanto brava quanto capace di tracciare il sentiero lungo il quale costruire, meglio ancora, ricostruire una storia, vera o presunta che sia, tra il sé narrante e i suoi protagonisti che non abbandonano mai il viaggio simbolico in quella che è la rimembranza iconica, fotografica, mimica e gestuale, d’una Sicilia che muta, solo nell’apparente scandirsi del tempo, ma che finisce con il riviversi e il rivivere nella sua strana immutabilità.

Il romanzo, presentato ad Alcamo, al Collegio dei Gesuiti, dopo la prestigiosa Feltrinelli di Palermo, con una brillante ed emozionante relazione del prof. Fabio Mirabella, segue i due personaggi nell´arco di una vita. Meglio due vite, sempre e comunque, eternamente intrecciate anche quando ad intrecciarsi non può che rimanere il ricordo, le cose non fatte, le parole non dette, i timori mai sopiti del tutto, in una Sicilia capace di nascondersi, anche solo sotto uno specchio d’acqua che se da un lato ha in sé il frutto della vittoria, o della sua presunta tale, sui mai venuti meno interessi mafiosi sull’acqua, dall’altro ivi nasconde proprio le drammatiche incongruenze d’una mafia nata per aggiustare e finita per il distruggere il futuro, viepiù struggente, di questa terra dove non resta che narrare lo scirocco forte che soffia e livella, nasconde, sotterra mentre Liborio, incapace a ribellarsi, lui che per due volte ripetute è stato vittima silente di questa arroganza, continua a guardare all’orizzonte, a cercare l’uccello che non tornerà più, sconfitto anch’esso (solo dalla vita, non nei ricordi) e a immaginare « bianche farfalle a seguire la corrente che lo scirocco in arrivo già spingeva verso l’interno impedendo sciabordio di risacca».

I due protagonisti, Liborio e Josy, sono persone ammaccate dalla loro storia struggente, molto sole e lasciati indifesi dal tempo che, per nessuno dei due, ha mai cancellato il passato, nonostante «il ticchettio cadenzato del pendolo», e che affrontano un cammino di ricostruzione, l’uno e l’altro abbandonato al proprio sogno struggente oltre quella grada in ferro capace di far immaginare spazi e tempi e dar corpo ai desideri più nascosti e, chissà, più belli davvero.


Persone incontratesi per caso e solo per caso trovatesi.

Scrive Fëdor Michajlovič Dostoevskij:


“Capitano a volte incontri con persone

a noi assolutamente estranee,

per le quali proviamo interesse

fin dal primo sguardo, all’improvviso,

in maniera inaspettata, prima che

una sola parola venga pronunciata”.



E il romanzo della Nobile racconta proprio d’un legame forte fra questi due uomini, nato per caso, cresciuto grazie all’interesse nato dopo il primo sguardo, fatto anche, però, di raccapriccianti, talvolta dolorosissimi, legami di sudditanza, d’incapacità a essere, ad accettarsi, a rappresentarsi a sé e al mondo, agli altri.
Personaggi, ai quali la Nobile è profondamente affezionata, l’uno e l’altro narrano questo mondo, con le sue paure e i suoi drammi, che nella vita si separano, con ferite dolorosissime determinatesi a causa di sogni infranti e rumorosi fragori di sconfitte, ma che, nonostante tutto ciò, nonostante l’apparente desiderio di dimenticarsi e di allontanarsi, restano profondamente legati, ognuno a suo modo e ognuno per i propri fini e per i propri scopi. Personaggi che lottano, prima vicini (ma entrambi lontani dalla Sicilia) sull´orlo di un baratro e, poi, da lontano e lontani, l’uno dall’altro. Una lotta, specie fuori da quella cella, talvolta, dolorosa, come quella di Liborio, triste oltre ogni verosimile viaggio dell’immaginazione, ma lenita dalla capacità di perdersi «dietro ai ricordi» perché, lontano dalla Sicilia che l’aveva tradito, definitivamente segnato per la vita, «Liborio non si era dimenticato di Marietta». D´altronde il legame familiare, già forte in questa terra, lo si consolida quando si è costretti ad allontanarsi (nel caso di specie repentinamente) dai profumi, dai sapori, dai colori della Sicilia che è, per Liborio, ma anche per Josy la terra «dove non c’è la neve, che in inverno il vento sa di finocchietto selvatico e la primavera è fiori di mandorli. Che in estate il mare è di cobalto e la sera cala l’umore delle stelle a dare il sereno». Figure che Giovanna Nobile riesce a incastonare nel racconto, come un brillante in quell’anello d’oro che il fidanzato dona alla sua futura sposa che ancora la fa da padrone nelle feste di fidanzamento. Brillanti disseminati sul canovaccio letterario di questo racconto senza tempo e fuori dal tempo che nella scrittrice non sono assolutamente sinonimi. D´altronde alla Nobile è assai noto, proprio perché la Sicilia la tiene nel sangue, proprio perché la sente dentro più di quanto, talvolta, la Sicilia stessa sente e avverte la nostra presenza da innamorati, quanto parlare d’amore, in Sicilia, può significare invadere territori che appartengono all’onore (bellissima la rappresentazione che ne dà sfruttando il gabellotto di campagna che a quell’amore, non credo deliberatamente unilaterale, mette una pietra tombale), alla sacralità della famiglia (questo ruolo indefinito, d’una silenziosa accondiscendenza sofferente e preoccupata, della sorella), al bene più prezioso che si custodisce in sé, spesso l’unico patrimonio su cui contare. Proprio uno strano amore questo dell’ “Ultima ballata per Josy” (beffardo incosciente e incontinente) definibile, visto che abbiamo Pirandello come custode della nostra rappresentazione più genuina, “amore senza amore”.



Scrive Eugenio Montale, il Nobel che il 7 luglio del 1945, su “Il Mondo”, pubblica un articolo che aveva per titolo "Sicilia":



“Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale

e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.

Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.

Il mio dura tuttora, né più mi occorrono

le coincidenze, le prenotazioni,

le trappole, gli scorni di chi crede

che la realtà sia quella che si vede.

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio

non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.

Con te le ho scese perché sapevo che di noi due

le sole pupille, sebbene tanto offuscate,

erano le tue”.



Quanto simili siano gli intrecci in questa realtà che rappresenta realtà che non ci sono e viaggi forse troppo brevi dove le coincidenze diventano trappole e le scale, purtroppo, si scendono solamente.
È, quello di Giovanna Nobile Paziente, lo smascheramento pirandelliano della relatività della condizione umana. È in questa dimensione che nel romanzo “Ballata per Josy” lo spettacolo non è subito passivamente ma serve come pretesto per dar voce ai "fantasmi" che popolano la mente dell´autrice.

D´altronde anche Pirandello nella prefazione ai “Sei personaggi in cerca d´autore” chiarirà di come la fantasia prenda possesso della sua mente per presentargli personaggi che vogliono vivere, senza che lui li cerchi. E Liborio e Josy vivono, oltre quel loro tempo, nella nostra Sicilia immutabile. Vivono nella mente.
«Era tutto nella sua mente. «Ma ciò che la mente pensa deve essere da qualche parte, esiste», gli aveva detto il suo Josy quella volta mentre le chiatte scivolavano sulle acque dell’Hudson, «e tu devi essere bravo a cogliere ogni piccola sfumatura nelle cose, se fai così potrai sentire anche l’ultimo battito d’ali dell’anima che s’invola».
Sinceramente grazie a Giovanna Nobile Paziente, per averci regalato, con una scrittura incisiva e coinvolgente, capace di appassionare, servendosi d’una avventurosa storia d’amore, non corrisposta a tratti ma non sempre, per la verità, uno spaccato della nostra Sicilia, della nostra campagna, del nostro modo di essere e di fare, di leggere le cose e di rassegnarci quando preferiamo continuare a vivere la pace bucolica di queste magnifiche e verdi, a tratti gialle, campagne siciliane. Rassegnazione ma non sconfitta. In realtà la speranza di Liborio, mai venuta meno, è la rappresentazione più genuina del siciliano che guarda e spera in un futuro diverso, migliore, più sincero e giusto.

«Ma come era successo l’altra volta, Liborio era certo che, allontanandosi l’effetto del sogno, egli sarebbe ritornato a spiare l’invaso e a «vedere» di nuovo le Grandi Ali perché soltanto così la sua vita avrebbe avuto un senso. E così, ancora e ancora, l’avrebbe quasi sentito quei battiti che si confondevano con l’esile sciabordio di risacca del lago». 

Antonio Fundarò

 

ALTRE NOTIZIE

Mazara del Vallo – La Polizia di Stato arresta quarantaduenne marsalese per una rapina a una attività commerciale del centro storico mazarese.
Non conosce soluzione di continuità l’attività di contrasto alla criminalità condotta dagli age...
Leggi tutto
Lezioni di teatro online con la drammaturga Lina Prosa
Lezioni di teatro online
con la drammaturg...
Leggi tutto
Coronavirus, parte il Corso di psicoprofilassi al parto Online del Consultorio familiare di Alcamo
Sono nove le future mamme che hanno partecipato al primo incontro del Corso di psicoprofilassi al parto Online o...
Leggi tutto
Dopo la pandemia solo il 6% delle imprese tornerà senza smart working Digitalizzazione prioritaria per il 67%
Ricerca “Future of Work 2020” di Osservatorio Imprese Lavoro Inaz e Business International
Leggi tutto
IL SINALP INVITA I SICILIANI A DENUNCIARE IL FEDERALISMO DEI RICCHI
Questo Governo Nazionale continua imperterrito nella distruzione del Sud facendo propria, al contrario, la famosa ma...
Leggi tutto
Giornata internazionale delle persone con disabilità 2020
Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani vuole ricordare che il prossimo 3 dicem...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web