Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 14/09/2018 da Direttore

IL BEATO GIUSEPPE PUGLISI: UN CRISTIANO CON LA PASSIONE DEL VANGELO

IL
In una terra profondamente cristiana come la Sicilia, con tutte le sue feste e processioni in onore dei Santi, sembra molto paradossale che si possa uccidere un sacerdote a motivo della sua azione pastorale. Eppure tutto questo è accaduto ad un sacerdote, come don Pino, soltanto perché nella sua Palermo ha voluto vivere con serietà e coerenza il Vangelo, in cui profondamente credeva.

Il luogo del suo martirio è lo stesso in cui egli era nato e dove era stato inviato come parroco in sostituzione di un altro, che aveva dato le dimissioni. Si tratta del quartiere Brancaccio, molto lontano dal centro ed interessato ad una forte espansione edilizia e ad alcune iniziative industriali. Esso, inoltre, è strettamente controllato dalla mafia e la famiglia di riferimento è quella dei Graviano.

Vivere la parrocchia non in modo autoreferenziale, ma con occhi e cuore aperti sul territorio

Nell´accettare la non facile missione di guidare la parrocchia di Brancaccio don Pino aveva avuto modo nel passato di chiarire a se stesso verso quale immagine di parrocchia bisognava andare.

Adesso che si trova al Brancaccio egli sa bene che essa non può essere una "parrocchia- castello con fossato", né una "parrocchia-nuvoletta" senza alcuna fantasia e né può essere una semplice "stazione di servizio", che offre a pagamento dei servizi religiosi.

Per don Pino la parrocchia deve essere anzitutto "la comunità dei chiamati", la comunità di coloro che vogliono prendere in seria considerazione il loro battesimo e quindi la loro appartenenza a Cristo Signore.

Per crescere pienamente nel senso di appartenenza a Cristo Signore e di formare in Lui una vera comunità di fratelli e di sorelle è quanto mai opportuno curare le tre dimensioni della vita parrocchiale: liturgia, catechesi e carità.

Si tratta di tre aspetti distinti, ma indivisi, destinati a convergere in ciascun soggetto credente, che celebra, si forma e si impegna.

Se queste dimensioni restano sinergicamente unite la "comunità dei chiamati" può davvero proporsi come alternativa di vita cristiana in un territorio, che, invece, accetta passivamente il modello mafioso.

Don Pino voleva dare un volto nuovo alla parrocchia, dove il parroco non è tutto, ma è sempre più colui che favorisce la comunione di tutti i battezzati, cercando di suscitare nei laici una volontà di responsabilizzarsi.

Don Pino nel presentare il progetto di parrocchia parla volentieri di comunità missionaria, di una comunità, cioè, capace di decentrarsi, pronta a muoversi dal tempio verso il territorio e le sue tante periferie.

Se la liturgia e soprattutto la liturgia eucaristica domenicale si pone come "fonte e culmine" della vita personale ed ecclesiale, questa a sua volta deve trovare la sua attualizzazione nella trama delle relazioni, che si è disposti a far lievitare all´interno del territorio.

Seguendo questo progetto di parrocchia, don Pino cerca di coinvolgere i laici in una conoscenza più approfondita del quartiere, cercando di cogliere le urgenze, che chiedono una prima risposta ed i segni di liberazione già presenti in esso.

Così egli viene a contatto con una realtà di emarginazione e di devianza di giovani e di ragazzi, facile preda della criminalità organizzata ed incapaci di avere nelle mani un pur minimo strumento culturale, mancanti come sono, alcuni di loro, di una vera scolarizzazione di base.

Il 4 ottobre 1991 don Pino si rivolge ai tanti amici che conosce in città con questo volantino: "C´è nella parrocchia un buon fermento di persone impegnate in un cammino di fede e, contemporaneamente in un servizio liturgico, catechistico e caritativo, ma i bisogni della popolazione sono molto maggiori delle risorse che abbiamo".

Che cosa fare per venire incontro a tante necessità?

Assieme ad alcuni membri della comunità parrocchiale abbiamo pensato ad un centro polivalente di accoglienza e di servizio".

Prenderà il nome di "Centro Padre Nostro".

Questo viene inaugurato il 29 gennaio 1993.

Don Pino cerca di delineare quello che deve essere il compito della struttura.

"Ogni cristiano è in Cristo sacerdote, re e profeta.

Come cristiani, come cittadini, come volontari continueremo a chiedere alle autorità locali ciò che è dovuto a questo quartiere. Il nostro servizio in questa realtà assume una veste di supplenza riguardo alle gravi carenze sociali che sono emerse".

"Padre nostro" e non "cosa nostra": l´esperienza cristiana alternativa a quella mafiosa.

Così ricordano di quei giorni: "Il centro ora può nascere e lo chiameremo, lo chiameremo...Padre nostro!´.

Non fu una scelta casuale, ma un segnale per tutta Brancaccio.

Come ci ricorda il Prof. Vincenzo Bussa autore del volume "Don 3P. Sorriso che converte" le parole di Don Pino: "Immaginiamoci ad esempio i bambini del quartiere che si dicono: "Andiamo al Padre nostro", "Io vado al Padre nostro".

Ecco il nome è già una metafora del ritorno al Padre, quello vero e non il boss della borgata".

Ma, intanto, la mafia sotto la spinta dei Corleonesi inizia la fase stragista con l´attentato e l´uccisione di Giovanni Falcone il 23 maggio 1992 e subito dopo di Paolo Borsellino il 19 luglio.

Sono fatti così eclatanti che spingono don Pino a mettere a tema per la prima volta in modo esplicito la questione-mafia.

Al linguaggio mafioso va contrapposto un altro linguaggio, che favorisca la presa di coscienza della propria dignità e della chiamata imprescindibile ad essere delle persone libere.

La mafiosità, secondo Don Pino, è entrata nelle vene delle persone e fa sembrare loro tutto normale:

normale uccidere,

normale rubare,

normale prevaricare,

normale ubbidire al violento di turno. 

Nella locandina che annuncia una serie di incontri sul tema del Padre nostro così egli scrive:

"Il Padre nostro come preghiera antimafia propone il recupero del significato di ´nostro´, che si dilata molto al di là dell´espressione mafiosa ´Cosa nostra´.

Egli intende fare cultura, ´per restituire il significato cristiano alle parole che la mafia falsa e distorce´.

La mafia, è "una cultura antievangelica e anticristiana, addirittura per certi aspetti, satanica: essa stravolge termini che indicano valori positivi e cristiani come famiglia, amicizia, solidarietà, onore, dignità.

Li carica di significati diametralmente opposti a quelli cristiani allo scopo di dominare con la prepotenza, la complicità, l´asservimento e il disprezzo dell´altro".

Il ´Padre nostro´ a confronto con i disvalori della mafia

Don Pino propone uno sguardo sui possibili raffronti tra il cammino di umanizzazione che emerge dalla preghiera che ci ha lasciato il Signore e gli atteggiamenti che sostanziano la cosiddetta ´cultura´ mafiosa.

Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, sia fatta la tua volontà.

A confronto con i parametri della mafiosità, arroganza, prepotenza e violenza, il Padre nostro propone per antitesi i valori evangelici della fede in Dio, nel Padre che è Amore, ma anche Autorità e davanti al quale siamo tutti uguali.

Venga il tuo regno.

A confronto con tutte le forme di violenza, di oppressione dell´uomo, di disprezzo, di emarginazione il Padre nostro ci propone la sacralità della vita, della dignità della persona umana, figlia di Dio e che non ha bisogno di appoggiarsi su falsi piedistalli per essere grande e che non deve esercitare poteri abusivi per farsi rispettare; della libertà da ogni dipendenza schiavizzante, condizionamento, dagli idoli del denaro, del potere, dell´apparire.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano.

A confronto con tutte le forme dell´egoismo e con tutte le forme di aggregazione finalizzate al male, il Padre nostro propone il valore della fraternità responsabile, del servizio, della solidarietà.

Rimetti a noi i nostri debiti.

A confronto con la sete esasperata di ricchezza il Padre nostro ci propone il valore della sobrietà, della solidarietà, della gratuità, del lavoro onesto, responsabile, competente, la fiducia non passiva nella Provvidenza.

Non abbandonarci nella tentazione, ma liberaci dal male.

E infine a confronto con tutte le arroganze, le prepotenze, le violenze il Padre nostro ci fa chiedere liberazione, ma ci chiede anche di farci liberatori, di riconoscere il Male dai mille volti: miseria, ignoranza, malavita, vizio.

Insieme all´elaborazione di questo itinerario un po´ per scherzo, un po´ con amarezza si sofferma a formulare una preghiera possibile del piccolo mafioso e che egli intitola: 

U patrinnostru du picciottu:

Parrinu mia e da nostra famigghia

tu si omu d´onuri e di valuri
lu to nomi l´ha fari arrispettari

e tutti quanti t´avemu a obbidiri
Chiddu chi dici, ognunu l´avi a fari

picchì è liggi, si nun voli muriri
Tu nni sì patri c anni duni pani

pani e travagghiu
E nun t´arrifardii d´arrimunnari anticchia a cu pusseri
picchì sai ca i picciotti hannu a mangiari
Cu sgarra, lu sapemu, avi a pagari

Nun pirdunari, vasinnò si n´fami
Ed è ´nfami cu parra e fa la spia.
Chista è la liggi di sta cumpagnia.

Mi raccumannu a tia, parrinu miu,

liberami di sbirri
E da custura

libera a mia e a tutti li to amici.
Sempri sarà accussì e cu fici fici.

Mettendo le due preghiere a raffronto quasi in sinossi Don Pino chiede ad ogni ragazzo, ad ogni uomo di buona volontà di decidersi a compiere una scelta di campo per dare un senso compiutamente umano alla propria vita e non svenderla per paura o per interesse a quella cultura mafiosa, che sa solo produrre macerie e morte.

Don Pino ha scelto il Vangelo, il Regno di Dio come spazio di fraternità, di non piegarsi di fronte a qualsiasi intimidazione.

Allora «Perché l´hanno ammazzato?».

Ed è forse questa la motivazione per la quale il Santo Padre sarà in Sicilia. La necessità che la figura di padre Puglisi «non venga stereotipata, ridotta a ´santino´ senza un passato»; ed è la sua personalità che abbiamo la necessità di ricostruire, per concretizzarla e renderlo il più possibile vicina a ognuno di noi.

Sì, ma verso dove?

Padre Puglisi è come «un chicco di grano: solo se muore dà frutti».

Sì, l´abbiamo fatto santo, ma a lui sarebbe interessato ben poco, avrebbe invece voluto che qualcuno continuasse.

Si aspettava che qualcuno lo facesse.

C´è una pagina mancante in questa storia.

Cosa è accaduto dopo la morte di Puglisi?

Dopo di lui tutto tace!

Fino ad oggi, dopo tutti questi anni.

In linea con l´oblio che ha avvolto il caso Puglisi la sconcertante frase del prete che sostituì don Puglisi, riportata da Gregorio Porcaro («adesso togliamoci dalla testa questo cadavere») di cui il parroco negherà poi la paternità.

Ed è proprio l´ipocrisia che sta sullo sfondo di questa vicenda.

Un´ipocrisia che affonda le sue radici nei meandri più oscuri della società e della politica.

Ipocrisia che ci fa comprendere appieno la drammatica solitudine in cui si ritrovò padre Puglisi facendo si che diventasse pienamente, come lo è, «martire di una Chiesa incapace di ribellarsi».

Ovvero di una chiesa che ha lasciato solo ai grandi Papi il compito di gridare lo sconcerto per un popolo che ancora tarda a ribellarsi veramente.

Grazie alla deposizione processuale dell´omicida, Salvatore Grigoli, abbiamo potuto conoscere gli ultimi istanti di 3P. "Gaspare Spatuzza si avvicinò a don Giuseppe e piano gli disse: "Padre, questa è una rapina". Lui si girò, lo guardò, sorrise, poi, aggiunse: "Me l´aspettavo". Poi il colpo alla nuca, sparato da Salvatore Grigoli.

Ai giovani don Puglisi raccomandava:

"Si, ma verso dove?"

Anch´io mi chiedo: verso dove?

Forse don Giuseppe Puglisi e i martiri della fede, sapranno indicarmi e indicarci la strada...

Antonio Fundarò


 

ALTRE NOTIZIE

A chi è utile un programma per la contabilità semplificata?
Buona Pasqua dalla Redazione e dal Direttore
La Redazione e il Direttore augurano a tutti i lettori, amici e simpatizzandi sinceri auguri di una Santa Pasqua. La Pasqua è n giorno che dovr...
Leggi tutto
Guida alla scelta delle migliori assicurazioni viaggi
Tutelarsi con una polizza assicurativa è una precauzione che vale la pena di adottare quando si ha in ...
Leggi tutto
Un capodoglio di 15 metri, ucciso dalla plastica, la scenografia dell’incontro con Costa a Milazzo
L´appuntamento col ministro in programma martedì 23
CASTELLAMMARE DEL GOLFO - Chiusa la strada che porta alla stazione ferroviaria di Castellammare e ad Alcamo marina
Una frana poco dopo l’accesso nord per la spiaggia, sulla statale 187.
Sabato santo: il silenzio e l´impegno. Le parole del vescovo a conclusione della processione dei misteri di Trapani
Conclusione della processione dei Misteri 2019
Intervento del vescovo...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


Gaspare su Paceco: per il Memorial Giuseppe Barraco, riapre il palazzetto:
Peppe sempre nel cuore mi manchi amico mio


giuseppe su Crisi della Cmc-Anas con le mani legate-Il governo nazionale anticipi i soldi ai creditori per la ripresa dei lavori in Sicilia e si rivalga sulla Cmc:
perche bloccare solo caltanissetta invece tappiamo tutto il tratto palermo agrigento passino solo ambulanze e carri funebri


Augusto Marinelli su Lettere a Tito n. 234. Shoah 2019 ed il libro del giovane Alberto Forte pensando alla Shoah nostra e degli altri.:
Caro Tito, ti interesserà forse sapere che nel libro di Molfese citato nell´articolo, la frase qui riferita semplicemente non c´è. Quanto al preteso lager di Fenestrelle, è stato ampiamente dimostrato che si tratta di una invenzione.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web