Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 12/09/2018 da Direttore

AVVOLTOIO A RISCHIO DI ESTINZIONE UCCISO NEL TRAPANESE

AVVOLTOIO
ISPRA (ISTITUTO PROTEZIONE AMBIENTALE) AVEVA DETTO “NO” 
ALLA PREAPERTURA DELLA CACCIA PROPRIO PER TUTELARE LA SPECIE
CLARA, GIOVANE CAPOVACCAIO, ABBATTUTO DALLA FUCILATA DI 
UN CACCIATORE DI FRODO
WWF: IN SICILIA CACCIA E BRACCONAGGIO FUORI CONTROLLO. PRESIDENTE MUSUMECI SOSPENDA SUBITO LA SCELLERATA APERTURA ANTICIPATA DELLA CACCIA

Ieri i Carabinieri forestali del Nucleo CITES di Palermo hanno recuperato nelle campagne di Petrosino (Trapani) il corpo senza vita di Clara, giovane esemplare (nata il 25 maggio nel centro di riproduzione di Grosseto insieme alla sorella Bianca) di avvoltoio Capovaccaio (specie rara a rischio di estinzione) che era stato liberato nei giorni scorsi in Basilicata dall’associazione CERM (Centro Rapaci Minacciati), nell’ambito del progetto LIFE Egyptian vulture. In pochi giorni, Clara e Bianca avevano raggiunto la Sicilia percorrendo circa 800 km per proseguire la migrazione verso l’Africa sub-sahariana; i loro movimenti erano monitorati grazie da un trasmettitore GPS/GSM che gli era stato applicato. Ma la fucilata di un ignoto cacciatore di frodo (l’apertura della caccia in Sicilia è stata anticipata al 1° settembre con uno sciagurato decreto dell’Assessore regionale all’agricoltura on. Edgardo Bandiera) ha fulminato Clara: gli accertamenti radiografici dell’Istituto Zooprofilattico di Palermo hanno individuato ben sette pallini di piombo distribuiti nel suo corpo.
“La deliberata uccisione di Clara - sottolinea Ennio Bonfanti, referente fauna WWF Sicilia e membro del Comitato regionale faunistico-venatorio dell’Assessorato Agricoltura - rappresenta un gravissimo crimine di Natura che colpisce una specie ormai rarissima e vanifica gli sforzi (e le relative risorse anche economiche) di Unione europea e Ministero dell’Ambiente per consentirne la sopravvivenza. Ancora una volta l’apertura della caccia in Sicilia significa massacro di legalità e di fauna, anche di specie teoricamente super-protette come l’Aquila di Bonelli, sparata a Licata (AG) all’apertura della stagione venatoria del 2016. L’Assessore Bandiera ha emanato un “Calendario venatorio” inaccettabile, che abolisce limitazioni e concede ai cacciatori di sparare con meno vincoli e per una stagione più lunga. Non è stato rispettato nemmeno l’autorevole parere scientifico di ISPRA (Istituto Superiore Protezione e Ricerca Ambientale), che aveva fortemente criticato la Regione sull’eccessiva estensione di specie e periodi di caccia, chiedendo di limitare l’attività venatoria. E proprio per garantire la salvaguardia del Capovaccaio, l’Istituto aveva chiesto alla Regione (inutilmente…) di limitare la caccia al coniglio a settembre e di vietare le munizioni di piombo: ed ecco i risultati...
Ormai da anni denunciamo che in Sicilia caccia e bracconaggio sono fuori controllo: i 30mila cacciatori regionali hanno la quasi certezza di non incappare in nessun controllo, consapevoli della scomparsa pressoché assoluta di vigilanza venatoria. Uniche eccezioni sono la Polizia provinciale di Ragusa e le Guardie volontarie WWF: già nei primissimi giorni di apertura della caccia hanno sanzionato e denunciato numerosi cacciatori di frodo.
In queste condizioni di “anarchia venatoria”, la Sicilia rappresenta una vergogna europea, un “mattatoio” a cielo aperto che rischia di distruggere il patrimonio della fauna migratrice europea che transita nel mediterraneo. Visto l’assordante silenzio dell’Assessore Bandiera, che ha la responsabilità morale, istituzionale e legale della tutela della fauna in Sicilia, rinnoviamo ancora una volta l’appello al Presidente Nello Musumeci affinché revochi il Calendario venatorio e, intanto, sospenda immediatamente la scellerata apertura anticipata della caccia che sta alimentando il bracconaggio più selvaggio. Prima dell’avvio della stagione, il WWF aveva già formalizzato tale richiesta al Presidente Musumeci senza però alcun cenno di risposta; speriamo che questa volta, visto il coro di indignazione (a livello nazionale ed europeo) che la barbara uccisione dell’avvoltoio Clara sta suscitando, il Presidente Musumeci non rimanga ancora inerte e insensibile».
Sull’episodio è intervenuto anche il Vice Presidente del WWF Italia, Dante Caserta: “Contiamo sull’operato delle Forze dell’ordine, in particolare dei Carabinieri forestali, per l’avvio di rapide indagini per individuare il criminale e chiediamo la collaborazione delle Associazioni venatorie, che per prime dovrebbero attivarsi. I nostri legali valuteranno anche azioni indirizzate alla Magistratura contabile nei confronti dei pubblici amministratori, nel caso rimangano inerti di fronte questo delitto”. 
Il WWF è attivo in Sicilia con il Progetto LIFE ConRaSi, sostenuto finanziariamente dalla Commissione Europea con l’obiettivo di migliorare lo stato di conservazione di tre specie in pericolo: aquila di Bonelli, lanario e capovaccaio. E’ un progetto promosso e coordinato dal WWF Italia e coinvolge attivamente la Regione Siciliana (Dipartimento Regionale Ambiente e Dipartimento Regionale dello Sviluppo Rurale e Territoriale) e l’associazione spagnola GREFA. Grazie alle attività finanziate dal progetto in Sicilia si contano oggi 44 coppie di aquila del Bonelli, più del doppio rispetto a 20 anni fa.


Approfondimenti:

POST E GALLERIA FOTO SUL PROFILO FACEBOOK UFFICIALE DEL CERM
https://www.facebook.com/associazione.CERM/posts/2344037882290066

POST E GALLERIA FOTO FACEBOOK DEL “VIAGGIO” DI CLARA E BIANCA DALLA BASILICATA IN SICILIANI - https://www.facebook.com/associazione.CERM/posts/2341821745845013 

SITO WEB “PROGETTO CAPOVACCAIO”
https://www.capovaccaio.it/cms/index.php

LA STORIA DI LILLO, AQUILA DI BONELLI SPARATA NEL 2016
https://www.wwf.it/news/notizie/?41640/Nuova-storia-a-lieto-fine-per-laquila-di-nome-Lillo 
https://www.wwf.it/sicilia1/news.cfm?38581/Libera-aquila-di-Bonelli-salvata-dal-WWF 

PREAPERTURA CACCIA IN SICILIA: ARRIVA GIÀ LA PRIMA DENUNCIA
https://www.wwf.it/news/notizie/?41680/Preapertura-caccia-in-Sicilia-arriva-gi-la-prima-denuncia

CACCIA: WWF, CON PRE-APERTURE REGIONI DICHIARANO GUERRA ALLA FAUNA 
https://www.wwf.it/news/sala_stampa/?41660/Molte-regioni-dichiarano-guerra-alla-fauna 
https://www.wwf.it/news/sala_stampa/?41661/Cosa-sono-le-preaperture-venatorie 

 

ALTRE NOTIZIE

Report consuntivo dell’attività svolta dalla Polizia di Stato in Provincia di Trapani dal 11 al 17 novembre 2018
Personale della Squadra Mobile
- in esecuzione ad ordinanza, emessa da...
Leggi tutto
Petrosino: dopo 22 anni ritorna una tartaruga marina della specie Caretta Caretta, ma il nido non si schiude
Le uova deposte lo scorso 12 agosto sulla spiaggia di Sibiliana
Petro...
Leggi tutto
ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC GRIFFATA ROSTI ANCHE NEL 2019
Sarà griffato Rosti anche nel 2019 l’abbigliamento di Androni Giocattoli Sidermec. E non poteva diversamente ...
Leggi tutto
MAZARA DEL VALLO: -CAVALLO DI RITORNO- SOLDI IN CAMBIO DEL BORSELLO RUBATO POCO PRIMA. ARRESTATI DAI CARABINIERI DUE SERBI
Continuano in maniera serrata i controlli dei Carabinieri della Compagnia di Mazara del Vallo.
Leggi tutto
Pall. Trapani: Il pregara di Roma vs Trapani
Rifinitura al Pala Conad per la prima squadra, in vista della partita di domenica 18 novembre alle 17 al Palazzo del...
Leggi tutto
Confisca beni immobili, autovetture, conti correnti e società,a carico di Francesco Morici e di Vincenzo Morici
Trapani, lì 17 novembre 2018

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Paola natali su Canile Millemusi Messina i maltrattamenti e le morti continuano.:
Fate intervenire le forze dell´ordine


Luisa su Canile Millemusi Messina i maltrattamenti e le morti continuano.:
Condivido che certe persone non debbono gestire un lager di questo genere per i poveri animali


Valenziano su Il Parlamento vari una commissione d´inchiesta per accertare chi ha sollecitato l´ONU e lo deferisca alla magistratura per attentanto alla sovranità:
E....l´articolo del Codice Penale che punisce l´ "attentato alla sovranità nazionale" sarebbe il numero??


direttore su ALCAMO: un corso di apicoltura a Novembre:
Sig. Andrea per avere informazioni sul corso di apicoltore può farlo chiamando il numero di telefono 388-6926911 oppure inviando una email a: mimmo.barracco80@gmail.com


Andrea su ALCAMO: un corso di apicoltura a Novembre:
Quali sono i costi se ci sono del corso? Rilasciate attestato?


Rizzi ivana su Mazara del Vallo RACCOLTA DIFFERENZIATA:
Buongiorno,non so se sono sulla pagina giusta. Da giorni che chiamo i numeri riportati per il ritiro a domicilio di un vecchio elettrodomestico,nessuno risponde. Come posso fare?. Grazie anticipatamente


VITO su TRAPANI BIRGI: LA REGIONE PRENDE ANCORA TEMPO:
CI SONO ANCORA PERSONE CHE FANNO FINTA DI NON CAPIRE CHE LA REGIONE SICILIA E L´AEROPORTO DI PALERMO VOGLIONO LA CHIUSURA DI BIRGI !!!!!


Vittorio Carcò su Accademia di Sicilia - Convegno sul tema Aspetti diagnostici, eziologici e terapeutici dell´acufene:
Vorrei sapere se è possibile avere copia delle relazioni, sotto qualsiasi forma e ovviamente con le spese, comprese quelle del´eventuale spedizione, a mio carico. a mio carico..Grazie comunque per l´eventuale riscontro..Vittorio Carcò - Vico La palma,6 -09126 CAGLIARI tf.3280744108


Salvatore Bartolone su MARINA MILITARE: CONSEGNA DELLA BANDIERA DI COMBATTIMENTO A NAVE RIZZO A MILAZZO (ME):
Evento eccezionale. Oltre al ricordo del nostro caro Comandante, Luigi Rizzo, viene anche ricordata la sua impresa.Sono onorato di essere milazzese ed italiano.


AMACA su Il Servizio militare obbligatorio la c.d. leva era un grande momento di formazione e di crescita, era quel momento che sanciva la maturità "l´emancipazione" delle persone:
Molti giovani partivano sani e tornavano a casa DROGATI dopo 19 anni si sta scoprendo la VERITA´ sulla morte del Paracadutista SCIRE di Siracusa ( Laureato in Giurisprudenza) allora Ministro della Difesa Sergio MATTARELLA.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web