Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Economia il 29/06/2018 da Direttore

Uno dei primi 50 negozi storici di Palermo - Cipolla Gioielli

Uno
Cipolla Gioielli, uno dei primi 50 negozi storici di Palermo premiato da Comune e Confcommercio in quanto capace di fondere tradizione e modernità. Un binomio indispensabile per non disperdere la nostra memoria storica

“Una grande passione con le radici nella tradizione artigianale, nella tecnologia orafa dei genitori e poi nell’attività di e-commerce che ha successo”. In sintesi, la filosofia che sottende all’attività che da oltre 50 anni, quando si parla di Cipolla Goielli, racconta di un successo costruito passo dopo passo, credendo nel valore e nell’importanza di ciò che si realizza con passione per la clientela.

È, del resto, la motivazione che ha accompagnato il riconoscimento dato a uno dei primi 50 negozi storici della città di Palermo, attività commerciali e artigianali ritenute meritevoli di essere identificate come parte imprescindibile del patrimonio culturale e commerciale del capoluogo siciliano, detentrici di un capitale sociale di relazioni umane e di tradizioni da difendere e tutelare.

In una piazza San Domenico gremitissima di pubblico e addetti ai lavori, la consegna della pergamena “Tessera preziosa del Mosaico Palermo” da parte del sindaco si Palermo, Leoluca Orlando, del presidente di Confcommercio Palermo, Patrizia Di Dio, promotrice del progetto assieme alla presidente di Fondazione “Salvare Palermo”, Renata Prescia, al presidente dell’Associazione “Cassaro Alto”, Giovanna Analdi, a Giuseppe Scuderi tra i responsabili del “Progetto Policoro”, e al presidente della cooperativa “Terradamare”, Marco Sorrentino.

«La nostra storia ha inizio anche prima di 50 anni fa, direi anche più di 70 - racconta Francesco Cipolla, capostipide di una famiglia che nell’arte orafa ha investito tutta se stessa, dando vita e facendo crescere un’azienda che da qualche anno è passata nelle mani del figlio Cristian e dell’altrettanto giovane e determinata consorte Manuela Monaco -. Ho conosciuto i gioielli da ragazzino, a soli 14 anni. Dopo il militare nei paracadutisti, mi misi in proprio aprendo un laboratorio artigianale laddove c’era un piccolo negozio di ferri da stiro, in vicolo della Guardiola. Pian pianino, credendoci con forza e facendo anche molti sacrifici, è cresciuto, diventando la bella realtà che è ormai da diversi anni. Ora il testimone è passato a mio figlio».

Cristian, nuova generazione dei Cipolla, nuova visione di un modo di lavorare che non si ferma come molti “figli d’arte” a ciò che è stato costruito, ma continua a creare con lo sguardo molto attento a come si muove il mondo attorno a lui.

«La clientela nel tempo è cambiata, ma siamo stati costanti - spiega lo stesso Cristian Cipolla -, evolvendoci sempre attraverso investimenti di varia natura. Volendo e dovendo stare sempre al passo con i tempi, abbiamo aperto la porta dell’e-commerce e valorizzato l’artigianato continuando a creare noi i nostri gioielli. Facciamo, infatti, tantissima produzione, offrendo alla nostra clientela prodotti veramente esclusivi. Non tutti lo fanno perché è più semplice proporre marchi noti. È la globalizzazione. Noi abbiamo sempre creduto nell’esclusività; una scelta non sempre facile che, però, viene riconosciuta dalla clientela».

Per fare questo è importante non dimenticare la tradizione, rappresentata in questo caso da Francesco Cipolla, ma con un’attenzione particolare all’oggi e al domani.

«Non c’è dubbio che l’attività esiste grazie a mio suocero – si inserisce Manuela Monaco -. Cristian ne ha preso le redini circa 10 anni e da 7 anni circa ha avuto inizio un’intensa attività di marketing e di complessiva cura dell’immagine. Abbiamo capito e deciso che non ripagava, anche in termini di soddisfazioni personali, stare ad aspettare che la clientela arrivasse in negozio. Era necessario entrare nelle case delle persone, solleticando l’immaginario e toccando il loro cuore. Il risultato è stato che, se oggi si pensa a un evento importante, noi vi veniamo associati idealmente. Abbiamo sempre cercato di percorrere le strade più diverse, prima tra tutti quella del web, partecipando anche a eventi che rappresentassero la nostra idea che è sempre stata quella di dare vita noi ai nostri prodotti utilizzando materie prime che selezioniamo attentamente. Per esempio, la gente non viene più a chiederci l’anello di una determinata marca ma uno nostro o, al massimo, selezionato da noi perché ci affidiamo aziende italiane di nicchia che scegliamo attraverso indagini di mercato. Il nostro è un lavoro di ricerca che porta a un prodotto non ripetibile, nel quale si legge e respira la tradizione del luogo in cui operiamo. Un luogo che da secoli è quello delle attività artigianali. Pensiamo, infatti, che il recupero di questa tradizione sia fondamentale. Le attività storiche hanno un radicamento fortissimo nelle persone. Noi apparteniamo e ci portiamo dietro la storia».

Un lavoro senza dubbio costante, di ricerca, ma soprattutto di amore per quello che si fa. Un viaggio di sentimento nella memoria che, se non soffocato da percorsi altri, dovrebbe e potrebbe ripagare per altri 70 e più anni.

«Niente meglio di queste botteghe, di questi piccoli imprenditori – ha detto il sindaco Leoluca Orlando -, rappresenta quanto sostengo sempre sulla necessità diconiugare le ali e le radici. Queste botteghe storiche sono certamente radici della nostra comunità e in essa hanno messo radice; questi imprenditori e le loro famiglie, con la dimostrata capacità di rimanere sempre presenti in un mercato, che certamente anche a Palermo è divenuto più difficile e competitivo, dimostrano la capacità di guardare lontano, saper aggiornarsi e restare al passo coi tempi ma, allo stesso tempo, restare fedeli alla propria storia e alle proprie tradizioni».


 

ALTRE NOTIZIE

Torna a Palermo l´Easy Jazz project: il concerto alla Chiesa di Santa Maria del Piliere
Metro Harp & Theatre 2^ edizione con la direzione artistica di Francesco Panasci Torna a Palermo, con un doppio appuntamento musicale, l´Ea...
Leggi tutto
Enti locali, Cisl Fp al sindaco di Trapani: “I dipendenti rischiano un danno economico di 500mila euro per inadempienze contrattuali”
I dipendenti del Comune di Trapani rischiano di pagare un conto salatissimo per inadempienze contrattuali che vanno ...
Leggi tutto
Le Vie dei Tesori restaura tre gioielli con il supporto di Lottomatica Holding e dei giovani dell’Università di Palermo
Il contest on line premia le Sfingi dell’Orto Botanico a Palermo un olio della Cappella della Mortificazione a Trapani e la cupola del campanile del C...
Leggi tutto
Strada provinciale 104/a, Marco Orsola (Idd): “Dissesto e incuria permanente. Città Metropolitana intervenga”
Il responsabile dell’Italia dei diritti per la Valle dell’Aniene denuncia le condizioni pietose in cui versa il tratto provinciale che conduce a Rocca...
Leggi tutto
Rifiuti, l´assessore Pierobon: settore frammentato da riformare, con il Piano garantiamo ordine e trasparenza
"Una attività di gestione dei rifiuti frammentata non garantisce economie di scala e un servizio efficiente, e sarà esposta a maggiori r...
Leggi tutto
La Sicilia quarta ai Campionati Italiani a squadre karting
Sul circuito del Sele a Battipaglia la rappresentativa isolana si batte con tenacia e ripete il risultato 2018, vincendo il trofeo della 125 kzn over ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web