Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 20/10/2017 da Direttore

Arriva a Milano, dopo Roma, la prima stagione di teatro terapia diretta dallo psicoterapeuta Giovanni Porta

Arriva
La regia è affidata a uno psicoterapeuta, sotto la cui supervisione gli spettatori diventano attori. Obiettivo: cambiare sul palco in tutta sicurezza, per poi farlo nella vita reale.

Arriva a Milano, dopo Roma, la prima stagione di teatro terapia diretta dallo psicoterapeuta Giovanni Porta. È prevista una serata di presentazione aperta a tutti (con prenotazione consigliata) venerdì 3 novembre alle 19,30 alle 21. Per prenotare, basta mandare una mail a giovannipora74@gmail.com.

E’ un teatro, che va oltre la forma del teatro itinerante, per diventare coinvolgente, tanto da aiutarci a superare le nostre difficoltà quotidiane. Sono gli spettatori a salire sul palco e a mettersi in gioco. “Molte persone vivono come se quella che stanno conducendo sia l’unica esistenza possibile, e quando le cose non vanno bene cadono in profonde dolorose lamentazioni. – spiega lo psicoterapeuta Giovanni Porta - Ogni persona ha esigenze e desideri diversi, e la felicità è una condizione estremamente soggettiva e personalizzata. Se amo la natura, non potrò definire un successo il mio lavoro se faccio il manager che vive tra aerei e riunioni, ma magari se possiedo un campeggio… Una cosa, però, è comune a tutti: in ognuno dei campi importanti della propria vita è necessario essere capaci, quando la situazione lo richiede, di rischiare. Rischiare che cosa? Per ognuno è diverso: chiedere una promozione, un numero di telefono, correre il rischio di conoscere nuove persone, di visitare nuovi posti, di trasferirsi. Lamentarsi è inutile. Necessario, invece, è trovare il coraggio di mettere in atto comportamenti nuovi e difficili per raggiungere risultati diversi dal solito. Per fare questo può risultare molto utile la teatroterapia in quanto permette, in un contesto protetto, di sperimentare nuovi comportamenti e possibilità esistenziali senza che l’insuccesso determini conseguenze negative nella vita reale. In pratica, è una palestra dove allenarsi per realizzare i propri desideri. Sono timido? Mi allenerò ad essere un po’ più sfacciato. Sono troppo duro? Allenerò la mia dolcezza e comunicazione emozionale. E così per tutte le rigidità da cui qualsiasi persona è afflitta. Il percorso si svolge in gruppo perché è fondamentale sperimentare il fatto di non essere l’unico/a ad avere desideri irrealizzati e difficoltà nella vita. Il gruppo dà forza ad ogni componente. Io mi occupoo di creare in ogni incontro situazioni di perturbazione di crescente intensità per portare i partecipanti, poco alla volta, ad uscire dai limiti del loro consueto e sentire che effetto fa…”



Le sfere fondamentali attorno alle quali si organizza il benessere di un individuo sono principalmente tre:

- L’amore, e dunque la capacità di costruire e mantenere relazioni sentimentali significative e, nel caso lo si voglia, una famiglia

- Il lavoro, nel senso di riuscire ad avere una base economica il più possibile solida nel rispetto delle proprie aspirazioni e propensioni

- Le amicizie, e dunque la capacità di instaurare relazioni di fiducia in cui trovare reciproco supporto e condivisione di passioni e interessi

“Di solito, si definisce “vita felice” un’esistenza in cui vi sia realizzazione in almeno due di queste tre aree. - spiega lo psicoterapeuta Giovanni Porta - Il successo in tutte e tre è molto raro. Si noti che non intendo il successo come un risultato eclatante a livello assoluto (es. avere un lavoro da rockstar o conquistare il/la partner più bello/a del mondo) ma come una situazione rispondente ai propri bisogni. Provare a migliorare è essenziale per raggiungere un benessere personale. Salire sul palco aiuta a cambiare, prima per finta, in uno spazio protetto, poi, se si vuole, per davvero nella vita reale.

Il laboratorio si terrà a Milano presso il Centro “San In Centro”, in corso Italia 49 (zona Bocconi). Durerà da novembre a maggio e avrà cadenza bisettimanale: due venerdì al mese dalle 19,30 alle 22. Il percorso si articolerà in quattro “blocchi”. Sarà possibile iscriversi solo a uno, a più di uno o frequentarli tutti; ogni “blocco” durerà indicativamente due mesi:

Formazione del gruppo e familiarizzazione con le tecniche teatrali
Contattare se stessi: migliorare la capacità di ascoltarsi per poi esprimersi e mostrarsi agli altri
Approfondire pregi e limiti del proprio modo abituale di stare nel mondo
Evolversi verso nuovi adattamenti creativi


MODULO 1 (17 novembre - 1 e 15 dicembre)

La formazione del gruppo: creare un ambiente accogliente, adatto al lavoro su se stessi

Durante questi primi due mesi, si centrerà l’attenzione sulla capacità di giocare e divertirsi attraverso il teatro. Il gioco come modo per uscire dai normali schemi che ci ingabbiano e trovare un universo ludico all’interno del quale sdrammatizzare i propri problemi. Costruire un contatto umano autentico tra le persone che partecipano al laboratorio, in cui ognuno sperimenti sia la difficoltà del nuovo sia la possibilità di trovare una propria dimensione.

Presentazione

Movimento nello spazio

Giochi di improvvisazione

Giochi di fiducia

Allenamento ala creatività

Costruiamo insieme delle storie



MODULO 2 (12 e 27 gennaio - 9 febbraio)

Il contatto con se stessi. La capacità di esprimere e mostrarsi attraverso il mezzo artistico

Una volta formato e “rodato” il gruppo sarà possibile addentrarci più a fondo nelle tecniche di teatroterapia. Durante questi due mesi, lavoreremo sulla capacità di ascoltare, accettare ed esprimere le proprie emozioni e i propri pensieri attraverso il mezzo artistico. Mostrarsi a se stessi per arrivare a mostrarsi anche agli altri: conoscere il proprio peculiare modo di farsi conoscere e sperimentare magari qualche modo nuovo.

Le emozioni

La meditazione

Raccontare la propria storia (anche tramite foto e ricordi)

Il disegno

La maschera delle cose vietate (lavoro su obblighi e divieti familiari)

Gli schemi / ordini familiari



MODULO 3 (23 febbraio – 9 e 23 marzo)

Approfondire pregi e difetti del proprio modo abituale di stare nel mondo.

Una volta conosciuto un po’ più approfonditamente il proprio modo di stare nel mondo, lavoreremo in questi due mesi sui propri limiti abituali: su ciò che vogliamo e che fatichiamo a ottenere, sui nostri blocchi e paure. Ognuno avrà la possibilità di utilizzare il mezzo artistico per “camminare vicino ai propri limiti”, aumentando la consapevolezza sia dei propri desideri che dei mezzi atti a raggiugerli.

Introduzione sulla psicologia del carattere

Il carattere: limiti e pregi

Accettare i propri desideri: cosa vorrei ma ho difficoltà a raggiungere?

Sperimentazione di soluzioni non abituali all’interno del lavoro di gruppo



MODULO 4 (6 e 20 aprile - 4 e 18 maggio)

L’evoluzione verso qualcosa di nuovo

L’ultima parte del laboratorio sarà finalizzata alla solidificazione, tramite il mezzo artistico, delle conquiste ottenute durante tutte le fasi del percorso. Ad ognuno verrò chiesto di costruire un seguito alla propria storia personale, essendone sceneggiatore e interprete: un percorso di ricerca di un finale diverso dal solito che possa magari influenzare positivamente anche la vita al di fuori del teatro…

Interpretare un personaggio complementare al mio “solito”

Scrivere una nuova storia

Portare in scena parti nuove e vecchie di se stessi

Costo: 70 € per due incontri mensili da 2,5 ore l’uno

Conduttore:

Giovanni Porta.



GIOVANNI PORTA
 (www.giovanniporta.it) Psicoterapeuta esperto nell’utilizzo di tecniche artistiche nella relazione di aiuto, perfomer teatrale e poetico. Psicologo psicoterapeuta di orientamento gestaltico, è esperto in alimentazione e teatroterapia. Vive e lavora tra Roma e Milano. Da anni realizza laboratori e percorsi in cui l´arte viene utilizzata con finalità terapeutiche. Laureato in Psicologia presso l´Università degli Studi di Padova, si è successivamente specializzato con un master in "Utilizzo di tecniche artistiche nella relazione d´aiuto", ha una specializzazione in Psicoterapia della Gestalt presso l´I.G.F. di Roma, ed una in "Teatro e Psichiatria".


Riceve a: Milano, via Ozanam 15 (metro Lima) - Roma, via delle Lega Lombarda 13 (metro Bologna) - Pomezia, via Rimini 5B

 

ALTRE NOTIZIE

Trapani: nominato CDA della p+partecipata ATM spa
Si è tenuta oggi, a palazzo d’Alì, l’Assemblea ordinaria della partecipata ATM SpA per il completamento delle nomine del nuovo CDA. Il S...
Leggi tutto
Sigel, recupero di torneo vincente su Montale e accesso aritmetico alla Pool Promozione
La Sigel si afferma in casa contro Montale con i parziali qui descritti: [25/20; 17/25; 25/23; 25/23]. Qualche difficoltá qui e là come previst...
Leggi tutto
I CARABINIERI DI TRAPANI INTENSIFICANO I CONTROLLI PER IL RISPETTO DELLE NORMEANTI-COVID
Continua l’azione dei Carabinieri di Trapani per sollecitare, con equilibrio e sensibilità, la responsabile adesione della popolazione al rispe...
Leggi tutto
Polizia di Stato: 8 Avvisi orali ed un Foglio di Via Obbligatorio emessi dal Questore di Trapani
Prosegue, senza soluzione di continuità, l’attività della Divisione Polizia Anticrimine della Questura di Trapani. Sulla scorta delle ...
Leggi tutto
Lo sport: diritto e tutela dal virus
Molte volte si assiste a fenomeni che sotto l’aspetto della ragione sono completamente privi di senso. In modo particolare, in questo difficile moment...
Leggi tutto
Archeoclub d’Italia ha firmato Convenzione con l’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale
Santanastasio (Presidente Nazionale ArcheoClub D’Italia): “La valutazione dei beni culturali che hanno problematiche...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web