Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 18/07/2017 da Direttore

Segesta: il 19 luglio lo spettacolo teatrale "Mafia: Singolare, Femminile al Teatro Antico

Segesta:
– Il 25° anniversario della strage di Via D’Amelio, in cui furono
uccisi il Giudice Paolo Borsellino e cinque agenti della sua scorta, verrà ricordato non solo a Palermo ma
anche al Teatro Antico di Segesta. Mercoledì 19 luglio, alle ore 19.30, nella cornice millenaria del
Teatro Antico di Segesta, l’Associazione Nazionale Magistrati - con l’organizzazione della Sezione
distrettuale di Palermo e della Sottosezione di Trapani - e la Commissione Parlamentare Antimafia
commemoreranno il XXV anniversario della strage di Via D’Amelio con la rappresentazione teatrale
“MAFIA: SINGOLARE, FEMMINILE.” di Cetta Brancato e Marzia Sabella.
Lo spettacolo sarà preceduto dagli interventi dell’On. Rosy Bindi, Presidente della Commissione
Parlamentare Antimafia, e del dott. Eugenio Albamonte, Presidente dell’Associazione Nazionale
Magistrati.
La pièce sarà interpretata da Stefania Blandeburgo, Maria Teresa Coraci, Giusy Frallonardo e vedrà la
partecipa-zione di Alessandra Camassa, magistrato, presidente del Tribunale di Marsala. La regia è di
Luigi Taccone.
Lo spettacolo - “Mafia: singolare, femminile.” è un’opera teatrale composta da monologhi, scritta da Cetta
Brancato* - scrittrice e drammaturga - e da Marzia Sabella*, magistrato, autrice del libro “Nostro Onore.
Una donna magistrato contro la mafia” (Einaudi, 2014) dal quale la pièce è liberamente tratta. Un testo nel
quale, tra l’altro, si raccontano alcune storie vere, sbucate dalle carte processuali, di donne appartenenti,
in qualche modo, all’universo mafioso. Storie al femminile, poco conosciute che, tuttavia, per la loro
intensità e, soprattutto, per la loro “normalità”, finiscono per descrivere i prototipi delle donne di mafia. Il
filo rosso che unisce i monologhi è costituito dalla voce del magistrato donna, la quale, per il suo lavoro le
“ha conosciute”, incontrandole nei verbali, nelle aule di udienza, nelle sale colloquio dei penitenziari, nelle
intercettazioni.
Nella rappresentazione, la magistrato interviene sia all’inizio che al termine della rappresentazione. In
apertura, per ricordare che, sebbene si sia sempre creduto che le organizzazioni mafiose siano formate
da soli uomini, sono le donne, però, a costituire l’essenza, “il cielo e la terra”, della mafia; così come aveva
intuito Paolo Borsellino il quale, nonostante ebbe a confrontarsi con una mafia ancora più rurale e violenta
e con imponenti indagini al maschile, aprì la porta dei processi ad una ragazzina, Rita Atria, segnata dalle
esperienze di sangue e che volle affidargli il ruolo paterno di tutela della sua coscienza. In chiusura, il
magistrato interviene ancora per ricordare, dopo la dolorosa passerella di figure comunque tragiche, che
le donne che vivono e nutrono di mafia, potrebbero, se solo lo volessero, scardinare l’universo mafioso.
“Dopo un quarto di secolo di commemorazioni, forse è ancora possibile ricordare Paolo Borsellino in un
modo diverso. E cioè vicino alle donne di Sicilia. E accanto a quella che non poté che raggiungerlo in una
frontiera senza asprezza di terra, ma davvero nell’altra metà del cielo”.
Note di regia
Sulla terrazza di un albergo romano si incontrano Luigi Taccone, regista televisivo e Marzia Sabella, una
donna magistrato palermitana, consulente della Commissione Parlamentare Antimafia, che ha scritto,
insieme alla scrittrice siciliana Cetta Brancato, un testo teatrale che tratta di donne legate alla mafia.
Da questo incontro nasce una serie di fortunate coincidenze di pensiero e azione, che daranno vita alla
AlfaMedia Italia s.r.l.s. | Via Salvatore Calvino 3 | 91100 Trapani
P.IVA 02620060810 | alfamediaitalia@gmail.com
Pagina 2/2
messa in scena di “Mafia: singolare femminile” che può contare sulle interpretazioni di Stefania
Blandeburgo, Teresa Coraci e Giusy Frallonardo. Le canzoni originali sono eseguite da Giana Guaiana
che ne ha curato anche la musica. La regia è di Luigi Taccone, l’aiuto regia di Enrico Romita. Rocco
Pollina ed Enrico Stassi hanno offerto la loro consulenza artistica.
Grazie al patrocinio della ANM e della Commissione Parlamentare Antimafia, il 19 luglio 2017 il testo
vedrà la sua prima messa in scena al teatro greco di Segesta, come contributo alle commemorazioni per i
venticinque anni dall’attentato a Paolo Borsellino e alla sua scorta.
Pochi elementi scenici: una culla e un lungo drappo nero entrambi simboli di una femminilità rubata dalle
organizzazioni mafiose che alle donne, forse più che agli uomini, tolgono ogni speranza e ogni possibilità
di riscatto.
Sono storie di donne di mafia: la madre di un collaboratore di giustizia, la figlia di un complice esterno
all’organizzazione, e altre figure ancora, tutte tratte da storie vere e tutte vittime della violenza, non solo
fisica, del mostro tentacolare che chiamiamo mafia.
Gli organizzatori - L’iniziativa è promossa dall’ANM-Associazione Nazionale Magistrati - con
l’organizzazione della Sezione distrettuale di Palermo e della Sottosezione di Trapani - e dalla
Commissione Parlamentare Antimafia. Inoltre, in considerazione dell’alto livello culturale e del valore civile
e simbolico della manife-stazione, la realizzazione dell’evento sarà resa possibile grazie all’Assessorato
dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana-Dipartimento dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, al
Comune di Calatafimi - Segesta, al Parco Archeologico di Segesta, ed è stata inserita nella
programmazione del Calatafimi Segesta Festival-Dionisiache 2017.
Ingresso - L’ingresso è gratuito e l’ascesa al Teatro sarà garantita da un servizio navetta - anch’esso
gratuito - dall’ingresso del Parco Archeologico. Detto servizio avrà inizio alle ore 17.00 e termine alle ore
18.40. Sarà nuovamente reso disponibile per la discesa alla fine dello spettacolo.

 

ALTRE NOTIZIE

Una delegazione del «Centro Studi Dino Grammatico» si recherà alla «Camera dei Deputati»
«Il prossimo 22 novembre 2019 una delegazione del «Centro Studi Dino Grammatico» si recherà a Roma, presso la...
Leggi tutto
Trapani: traditi da una t-shirt, la Polizia di Stato arresta tre rapinatori. Avevano assaltato la filiale della banca Credem, 65.000 euro il bottino
La Polizia di Stato di Trapani ha arrestato Francesco LO COCO, 29 anni, Pietro DI MARIANO, 26 anni, Gioacchino BUSCE...
Leggi tutto
Salemi sospende la raccolta rifiuti organici per lunedi 18
"Salemi ha raggiunto percentuali altissime di raccolta differenziata, in alcuni mesi pari al 76%, ma gli sforzi dei salemitani e dell´amministra...
Leggi tutto
WonderLAD, un sogno che diventa realtà: il 20 novembre all’inaugurazione il Ministro Nunzia Catalfo
Dopo cinque anni di lavori e incontri, in via Filippo Paladino a Catania, apre la casa che accoglierà i bambini con malattia oncologica e le lo...
Leggi tutto
Giornata Mondiale Poveri, 1 su 10 povero estremo nel mondo Lo ´Chef dei poveri´ 90enne sfama 250 poveri ogni giorno
Domenica 17 novembre si celebra la terza Giornata Mondiale dei Poveri fortemente voluta da Papa Francesco. Per la Banca Mondiale sono ancora troppi i ...
Leggi tutto
Paceco, al via prima edizione della Settimana ecologica”
Si svolgerà dal 16 al 24 novembre prossimi, a Paceco, la “I Settimana Ecologica, promossa dall´Amministrazione comunale in colla...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIŮ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web