Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 31/03/2017 da Direttore

ARCHEOLOGIA: tradotta dal tedesco dopo 110 anni la mappa delle «città dei morti» paleocristiane in Sicilia

ARCHEOLOGIA:
Mercoledì 5 aprile si presenta a Catania (Monastero dei Benedettini, Coro di notte, ore 17,30) il volume “Le sepolture paleocristiane in Sicilia” (Moondi Edizioni), prima traduzione dal tedesco dell’omonimo volume, pubblicato a Berlino nel 1907, che in quasi 400 pagine raccoglie gli studi realizzati in Sicilia da Joseph Führer, giovane e misterioso archeologo bavarese (Monaco, 1858) scomparso prematuramente nel 1903 dopo aver mappato, sul finire dell’Ottocento, la geografia dei primi cimiteri cristiani nell’isola grazie a una borsa di studio e a successivi finanziamenti dell’Istituto Archeologico Germanico Imperiale.

Una poderosa antologia quella di Führer, dove il rigore e il puntiglio descrittivo dello scienziato cedono il passo, di tanto in tanto, alla visione stupefatta del viaggiatore del Grand Tour e alle sue descrizioni della natura e di quel paesaggio siciliano che, da quasi duemila anni, custodisce fra ulivi selvatici, mandorleti, filari di vigne e il viola dei cardi selvatici le pietre delle “città dei morti” di Siracusa, Marsala, Termini Imerese, Palermo, Girgenti, Cassibile, Cava d’Ispica e di numerosi altri centri protocristiani dell’isola. La traduzione è a cura di Ilenia Gradante e Gianpiero di Maida.

Moderati da Mariarita Sgarlata (presidente del consiglio del Corso di laurea triennale in Beni Culturali ed ex assessore regionale ai Beni Culturali), autrice di un documentata introduzione al volume, interverranno Pietro Militello (presidente del consiglio del Corso di Laurea Magistrale in Archeologia), il reverendo Vittorio Rizzone (abate del monastero di San Martino delle Scale, Monreale, Pa ) e i curatori del progetto editoriale: l’archeologo Santino Alessandro Cugno e l’antropologo Giuseppe Garro. Introducono Marina Paino, direttrice del Dipartimento di Scienze Umanistiche (Unict), e Dario Palermo, direttore della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici (Unict).

Ad arricchire la pubblicazione, ricostruendo il profilo umano e professionale di questo semisconosciuto studioso tedesco – il cui cognome, dalle inquietanti analogie con il dittatore nazista, deve aver influito non poco nella dispersione delle sue tracce nei decenni a seguire – è un affettuoso ed eloquente testo a firma di Paolo Orsi, l’illustre archeologo trentino cui si deve l’ordinamento dell’omonimo museo di Siracusa, da lui diretto ininterrottamente dal 1895 fino al 1934.

I due lavorano a fianco, per dieci mesi tra il 1894 e il 1895, mentre Paolo Orsi è impegnato a Siracusa a sterrare la catacomba di Vigna Cassia. Ed è qui che Führer getta le basi di quella che Orsi definisce “un’opera grandiosa” aggiungendo: ”Nessuno meglio di me può dire delle fatiche e degli strapazzi compiuti da Führer per rilevare in ogni più riposto angolo quella città dei morti, per trarre fotografie delle pitture, apografi delle iscrizioni, per misurare, disegnare e vedere ogni particolare tectonico; intere giornate egli passava nelle umide gallerie, uscendone sovente grondante di sudore e di acqua; e fu qui che la sua fibra, per quanto fortissima, contrasse i primi germi del male che poi lo uccise”.


Führer non arriva a pubblicare la sua ricerca, i cui testi sono supportati da oltre un centinaio di scatti fotografici dei siti la cui qualità è purtroppo deteriorata dal tempo. Muore in Bavaria, nel 1903 lasciando la moglie e tre bambini in tenera età. Fu la vedova Führer, qualche anno dopo, a raccogliere gli studi e a consegnarli all’amico Victor Schultze che, dopo averli riuniti in un corposo manuale, dà alle stampe il volume Die altchristlichen Grabstätten Siziliens a Berlino nel 1907. Da allora, l’opera non è stata mai tradotta in italiano né ristampata.

“Sin dalle prime battute – commentano i curatori Cugno e Garro – l’imponente opera di Führer ci mostra l’enorme portata del lavoro di impostazione teorica e di ricerca empirica che sono alla base di questa straordinaria mole di dati archeologici e topografici sui cimiteri urbani e rurali della Sicilia paleocristiana”.

Mentre la professoressa Sgarlata sottolinea il pensiero “sorprendentemente moderno di Orsi” e la capacità di “fare sistema”, già a fine Ottocento, fra scienziati di diversi Paesi, senza steccati istituzionali e con la grande apertura di chi voleva condividere ricerche e risultati: “Non è certo un caso – dice la Sgarlata nel saggio introduttivo – che la loro capacità di fare sistema ci abbia restituito la pagina più significativa degli studi sull’archeologia funeraria del primo cristianesimo in Sicilia”.

Le aree siciliane oggetto di studio:
Siracusa; Priolo, Canicattini; Palazzolo Acreide; Contrada Sant’Elia; Ferla, Melilli, Lentini, Molinello, Cassibile, Spaccaforno-Rosolini; Cava d’Ispica; Santa Croce Camerina; Licodia Eubea, Chiaramonte-Gulfi; Granieri, Cittadella; Naro, Girgenti; Termini Imerese; Palermo; Carini; Lilybaeum-Marsala e altre località.




 

ALTRE NOTIZIE

Favignana, danneggiato il pontile aliscafi, possibili disagi nei collegamenti marittimi
Il pontile destinato all’attracco degli aliscafi sull’isola di Favignana nella serata di oggi ha registrato un probl...
Leggi tutto
MUSICA AL CHIUSO E ALL´APERTO. LIMITI E ORARI SONO GIÀ DISCIPLINATI CAUSA COVID, NESSUNA DEROGA PER LA NOTTE DI FERRAGOSTO
L´Amministrazione comunale di Marsala richiama l´attenzione dei locali pubblici - sia all´aperto che al chiuso - sul...
Leggi tutto
Al Teatro antico di Segesta l’alba con “Elena” nell’adattamento di Luca Cedrola, diretto da Graziano Piazza in scena con Viola Graziosi
16 agosto (ore 5.00), repliche serali il 17 e 19 agosto (ore 19.45)
Al Teatro ant...
Leggi tutto
Commemorazione vittime Ponte Morandi 2020
Il 14 agosto 2018 è una data tragicamente impressa nella memoria collettiva della Liguria, di Genova e...
Leggi tutto
Pantelleria: oggi alle 19.00 Tavola Rotonda ‘Isole e Riserve’ in Aula Consiliare con Myrta Merlino, Alberto Luca Recchi, l’Ammiraglio Giovanni Pettorino, Donatella Bianchi e il Sindaco Vincenzo Campo
Oggi, giovedì 13 agosto 2020 alle ore 19.00, ci sarà un appuntamento EXTRA della Stag...
Leggi tutto
S. VITO LO CAPO: TORNA IL COUS COUS FEST, LA 23^ EDIZIONE DAL 18 AL 27 SETTEMBRE CHEF DA 6 PAESI SI SFIDANO PER IL CAMPIONATO DEL MONDO DI COUS COUS
TRA GLI OSPITI SASA´ SALVAGGIO, FEDERICO QUARANTA, FILIPPO LA MANTIA, CHIARA MACI E SONIA PERONACI

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web