Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 11/09/2013 da Direttore

Il peso della cultura sulle spalle delle famiglie trapanesi, i testi delle elementari li pagano gli studenti

Il
Proprio ieri è stato approvato il decreto legge «misure urgenti in materie di istruzione, università e ricerca». Valore “dell’operazione”: 400 milioni. Un piacere in serata, poi, sentire parlare Letta, finalmente di rinnovamenti scolastici, di futuro, di investimenti. Peccato, poi, svegliarsi e trovarsi in Sicilia dove le cose cambiano a stento. Per gli studenti delle scuole elementari sotto la giurisdizione dello statuto speciale, ad esempio, quest’anno inizia male. A mettersi di traverso sono state le librerie che, in virtù della cattiva esperienza dello scorso anno con ritardi nei pagamenti dei cedolini dei libri da parte della Regione, hanno imposto il loro punto di vista al cliente che, al banco del libro ha dovuto pagare per intero il costo del libro di testo in attesa di rimborso. Si, proprio così. Alle famiglie siciliane, il costo del libro, verrà rimborsato solo quando, e se, la regione siciliana pagherà.

Che questa stessa Regione fosse in materia una cattiva pagatrice lo sapevamo, basti pensare ai lavoratori della formazione che restano, malgrado le promesse e le fatiche dell’Assessore alla formazione Scilabra, con i conti in rosso e in attesa di accredito di circa 12 mensilità di stipendi arretrati mentre qualcuno di loro, per la disperazione, nel frattempo, si è tolto la vita. Non importa. Sarà stato un mafioso avrà, forse, pensato Crocetta abituato a rispondere in questi termini che rimano con “tagliamo”. Ma i tagli si fanno con criterio e devono comunque garantire servizi oltre che diritti come quello allo studio. Di cosa ne pensa la Regione sulla questione delle librerie, purtroppo, non ci è dato sapere, visto che i numeri degli uffici che abbiamo cercato di raggiungere squillavano a vuoto ma, abbiamo, di seguito, il punto di vista del signor Giacomo Vella, titolare della libreria Galli a Trapani

Signor Vella, mi spiega come funzionava prima e cosa è successo?

Prima funzionava così: davamo i libri con le cedole. Praticamente la scuola dava normalmente i vaucer agli studenti e noi, consegnavamo, senza alcun costo per le famiglie, i libri agli utenti. Lo scorso anno, però è successo che la Regione, non so per quale motivo, ha pagato quelle cedole a maggio quando invece, negli anni passati, pagava prima dell’immacolata. Per noi commercianti aver dovuto anticipare tale spesa, e le assicuro che non si tratta di sole 30 euro visto che quelle 30 euro si sommano fino a pesare anche 40 mila euro sul conto in banca dato che i fornitori, comunque, vogliono essere pagati ad ottobre al massimo novembre, è stato difficile. Di quel fardello ci siamo fatti carico un anno, questo, dove nel frattempo abbiamo appreso che la Regione Sicilia nel frattempo non ha soldi, non ce la sentiamo di attendere visto che questi pagamenti verrebbero rinviati al 2014

E non avete chiamato la Regione per verificare se le cose effettivamente stanno così

Le cose, stanno così. Noi abbiamo chiamato tanto il Provveditore quanto la Regione ma, come spesso avviene, ci siamo visti rimbalzare da una parte all’altra: “non sappiamo”, “adesso vediamo” ecc ecc. Poich´ noi, e non mi riferisco solo a Trapani ma all’intera Regione, non possiamo anticipare cifre di questo spessore.

Se da un lato nessuno può negare che lo Stato è un cattivo pagatore, visto il ritardo accumulato nel tempo con le imprese, dall’altro, però, voi, di vostra iniziativa, state violando il diritto allo studio e, state mettendo le mani in tasca agli italiani proprio dove, una volta tanto, lo Stato le aveva tolte.

Relativamente alle scuole elementari stiamo parlando di cifre veramente irrisorie: una prima che costa 19,45 euro, una seconda 19,30 euro, una terza 26,60


Le stesse per le quali voi, però, avete revocato un servizio e magari nel mezzo c’erano famiglie che non potevano permettersi nemmeno una “prima”

Perfetto, ma allora il discorso dovrebbe valere anche per una scuola media dove i libri costano circa 300 euro. Cosa ti da il Comune? 60 euro. Il discorso del diritto allo studio allora non regge nemmeno in questo caso dove il rimborso, in base alla spesa sostenuta, è irrisorio ed invece dovrebbe essere totale.

Sulla vostra “protesta” in questi termini, dalla Regione non è arrivato nessun segnale? Nessun monito? Nessuna comunicazione? nessun avviso?

No, assolutamente nulla. Noi, del resto, non stiamo facendo nulla di illegale. Ciò che chiediamo è solo un anticipo sull’acquisto del libro. Anticipo che fino allo scorso anno facevamo noi e che adesso chiediamo alle famiglie per rimborsarlo non appena la regione paga.

Mi scusi, ma in questo caso, dove va a finire il vostro rischio d’impresa?

Il mio rischio l’ho già corso l’anno scorso

Il suo discorso non fa una piega visto che lei ha deciso di fare questo mestiere. Il rischio per lei dovrebbe essere una costante.Ma nessuna delle famiglie che vengono ad acquistare libri ha scelto di fare impresa.

Queste famiglie, allora, dovrebbero andare alla Regione a protestare, a sostenere la nostra battaglia, perch´ è anche la loro e di tutti i siciliani. Noi diamo un servizio e questo servizio, ha un costo. Questo libro prima che per le famiglie è un costo per me che devo acquistarlo. E’ un paradosso, lo so, ma se il libro è necessario, non è colpa mia. E non vado certo a rischiare 40 mila euro per una Regione che ha le casse vuote.

Vuol fare un appello a Crocetta?

Non mi faccia parlare di Crocetta che è stata una delusione per tutti i siciliani che l’hanno votato. Per quel che mi riguarda, inizialmente avevo anche creduto alle sue promesse ma si sono dimostrate parole, parole al vento. Il suo comportamento è stato un voltafaccia nei confronti dei siciliani che hanno creduto a quelle parole. Adesso staremo a vedere se per il 2014 la Regione troverà i fondi necessari al pagamento dei cedolini

Chi restituirà i soldi alle famiglie?

Noi. Le famiglie dovranno consegnarci i cedolini che noi presenteremo alla Regione, non appena pagati, ci preoccuperemo di saldare le famiglie




Commenti
12/09/2013 - La vera vergogna ´ che,nel frattempo,la Regione sblocca i fondi X i ´buoni scuola´,cio´ per il rimborso delle rette delle scuole private per i rampolli delle famiglie che se lo possono permettere ( anche senza buono!) (pammilo)
10/09/2013 - Vergognatevi! Immaginiamo una famiglia povera con 3 figli a carico che non abbia 100 euro per comprare i libri. Il rischio d´impresa è vostro, non delle famiglie. Se la regione è cattiva pagatrice, allora non vendete i libri di scuola. Troppo comodo così, botte piena e moglie ubriaca. I libri li vendete lo stesso e se la regione non paga chi se la prende in saccoccia è sempre il cittadino più povero. (Luca S.)

 

ALTRE NOTIZIE

STRAORDINARIA AFFLUENZA DI PUBBLICO 1 COLLETTIVA INTERNAZIONALE D’ARTE OMAGGIO A FRANCESCO GIOMBARRESI Pittore Contadino
La città di Comiso è stata invasa dall’arte e dalla bellezza in occasione dell’inaugurazione della “1 ...
Leggi tutto
Longo alla Pallacanestro Trapani in via definitiva
Valerio Longo, alcamese doc, cresciuto prima nel centro minibasket Avatar e poi nelle giovanili della Libertas, &egr...
Leggi tutto
Istituito alla Regione il Tavolo Tecnico permanente per le problematiche sanitarie delle Piccole Isole
Istituito presso l’Assessorato della Salute della Regione Siciliana, il Tavolo Tecnico permanente per le problematic...
Leggi tutto
La potente voce di Lisa conquista la piazza di Tre Fontane, tantissime le persone che hanno applaudito l’artista
«Abbiamo vinto un’altra grande scommessa grazie alla musica» hanno dichiarato il sindaco Castiglione, l’ass. Dillu...
Leggi tutto
Inaugurata “Sposa del Mediterraneo 2018”, fino a domenica 30 settembre la fiera degli sposi
Inaugurata sabato 22 settembre la quarta edizione di “Sposa del Mediterraneo”, aperta al pubblico con ingresso gratu...
Leggi tutto
Primo trapianto di faccia in Italia Tecnicamente riuscito
Primo trapianto di faccia in Italia "Tecnicamente riuscito". Terminato stamane alle 5 presso l´Azienda ospedaliero...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

AMACA su Il Servizio militare obbligatorio la c.d. leva era un grande momento di formazione e di crescita, era quel momento che sanciva la maturità "l´emancipazione" delle persone:
Molti giovani partivano sani e tornavano a casa DROGATI dopo 19 anni si sta scoprendo la VERITA´ sulla morte del Paracadutista SCIRE di Siracusa ( Laureato in Giurisprudenza) allora Ministro della Difesa Sergio MATTARELLA.


Simona Buts su Dichiarazione su mobilità docenti l. 107/2015 del ministro Bussetti:
sono una docente esiliata con 2 figli...dall´Abruzzo a Finale Emilia...per mantenere il mio posto ho dovuto lasciare i miei figli e vivere in condizioni di estrema difficolta´ dive ogni dignita´ e´ calpestata...spero tutto cio´ finisca presto e possa tornare a lavorare con serenita´ accanto ai miei figli di 12 e 14 anni


Scicolone Stefania su Dichiarazione su mobilità docenti l. 107/2015 del ministro Bussetti:
Spero che il ministro attui quanto sostiene. È necessario che questo incubo finisca al più presto. Troppi sono i disagi economici e psicologici che questo trasferimento ci ha causato. Ci aiuti ministro per favore. Ve ne saremo eternamente grati.


Giorgio su Nave Diciotti. Appello di Fava, Bartolo, Nicolini e Viviano al Presidente della Repubblica:
signor presidenteLei è il capo delle forze armate è Lei che come l´altra volta aiuti lo sbarco ne ha la possibilità.Grazie e mi scusi se l´ho disturbata


a su GAIA ANIMALI & AMBIENTE SI COSTITUIRA’ PARTE CIVILE:
GRAZIE SIETE MERAVIGLIOSI


Ludovico Vinci su Mazara del Vallo - XVI° Edizione, il Blues & Wine Soul Festival – Joe Castellano Band:
Come preannunciato ci sarò. Un caro abbraccio con tanti in bocca al lupo.


ELENA DODESINI su Aeroporti minori. M5S chiede rassicurazioni al Governo regionale:
inammissibile che nell era della globalizzazione si permetta lo sbando di un aeroporto che se pur piccolo aveva un movimento eccezionale di viaggiatori e turisti che incrementavano tantissimo l economia di TUTTA la PROVINCIA di TRAPANI. solo e sopratutto in Sicilia possono avvenire queste coseVERGOGNA!


roberto su Vela, windsurf, attività stimolanti che fanno bene. Sclerosi Multipla e sport all’aria aperta:
Buongiorno , ho letto per caso questo articolo , sono anch´io malato di sclerosi multipla e pratico windsurf , posso confermare quanto da voi scritto e sapere che esistono iniziative simili mi riempie il cuore , se aveste bisogno di una mano non esitate a contattarmi se posso volentieri


vito serra su Aeroporti minori. M5S chiede rassicurazioni al Governo regionale:
SIAMO SICURI CHE GLI ERRORI CHE HANNO COMPORTATO LA BOCCIATURA AL TAR, NON SIANO STATI FATTI DI PROPOSITO PER DANNEGGIARE ANCORA UNA VOLTA L´AEROPORTO DI TRAPANI ???


vito ingrande su Mazara del Vallo RACCOLTA DIFFERENZIATA:
E´ una vergogna che non siano applicate le OO.SS. sulla differeziata. Di fatto sono state abolite le isole ecologiche rionali e realizzate le isole ecologiche negozio per negozio contro le difettive sindacali. Sindaco intervieni


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web