Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 11/09/2013 da Direttore

Il peso della cultura sulle spalle delle famiglie trapanesi, i testi delle elementari li pagano gli studenti

Il
Proprio ieri è stato approvato il decreto legge «misure urgenti in materie di istruzione, università e ricerca». Valore “dell’operazione”: 400 milioni. Un piacere in serata, poi, sentire parlare Letta, finalmente di rinnovamenti scolastici, di futuro, di investimenti. Peccato, poi, svegliarsi e trovarsi in Sicilia dove le cose cambiano a stento. Per gli studenti delle scuole elementari sotto la giurisdizione dello statuto speciale, ad esempio, quest’anno inizia male. A mettersi di traverso sono state le librerie che, in virtù della cattiva esperienza dello scorso anno con ritardi nei pagamenti dei cedolini dei libri da parte della Regione, hanno imposto il loro punto di vista al cliente che, al banco del libro ha dovuto pagare per intero il costo del libro di testo in attesa di rimborso. Si, proprio così. Alle famiglie siciliane, il costo del libro, verrà rimborsato solo quando, e se, la regione siciliana pagherà.

Che questa stessa Regione fosse in materia una cattiva pagatrice lo sapevamo, basti pensare ai lavoratori della formazione che restano, malgrado le promesse e le fatiche dell’Assessore alla formazione Scilabra, con i conti in rosso e in attesa di accredito di circa 12 mensilità di stipendi arretrati mentre qualcuno di loro, per la disperazione, nel frattempo, si è tolto la vita. Non importa. Sarà stato un mafioso avrà, forse, pensato Crocetta abituato a rispondere in questi termini che rimano con “tagliamo”. Ma i tagli si fanno con criterio e devono comunque garantire servizi oltre che diritti come quello allo studio. Di cosa ne pensa la Regione sulla questione delle librerie, purtroppo, non ci è dato sapere, visto che i numeri degli uffici che abbiamo cercato di raggiungere squillavano a vuoto ma, abbiamo, di seguito, il punto di vista del signor Giacomo Vella, titolare della libreria Galli a Trapani

Signor Vella, mi spiega come funzionava prima e cosa è successo?

Prima funzionava così: davamo i libri con le cedole. Praticamente la scuola dava normalmente i vaucer agli studenti e noi, consegnavamo, senza alcun costo per le famiglie, i libri agli utenti. Lo scorso anno, però è successo che la Regione, non so per quale motivo, ha pagato quelle cedole a maggio quando invece, negli anni passati, pagava prima dell’immacolata. Per noi commercianti aver dovuto anticipare tale spesa, e le assicuro che non si tratta di sole 30 euro visto che quelle 30 euro si sommano fino a pesare anche 40 mila euro sul conto in banca dato che i fornitori, comunque, vogliono essere pagati ad ottobre al massimo novembre, è stato difficile. Di quel fardello ci siamo fatti carico un anno, questo, dove nel frattempo abbiamo appreso che la Regione Sicilia nel frattempo non ha soldi, non ce la sentiamo di attendere visto che questi pagamenti verrebbero rinviati al 2014

E non avete chiamato la Regione per verificare se le cose effettivamente stanno così

Le cose, stanno così. Noi abbiamo chiamato tanto il Provveditore quanto la Regione ma, come spesso avviene, ci siamo visti rimbalzare da una parte all’altra: “non sappiamo”, “adesso vediamo” ecc ecc. Poich´ noi, e non mi riferisco solo a Trapani ma all’intera Regione, non possiamo anticipare cifre di questo spessore.

Se da un lato nessuno può negare che lo Stato è un cattivo pagatore, visto il ritardo accumulato nel tempo con le imprese, dall’altro, però, voi, di vostra iniziativa, state violando il diritto allo studio e, state mettendo le mani in tasca agli italiani proprio dove, una volta tanto, lo Stato le aveva tolte.

Relativamente alle scuole elementari stiamo parlando di cifre veramente irrisorie: una prima che costa 19,45 euro, una seconda 19,30 euro, una terza 26,60


Le stesse per le quali voi, però, avete revocato un servizio e magari nel mezzo c’erano famiglie che non potevano permettersi nemmeno una “prima”

Perfetto, ma allora il discorso dovrebbe valere anche per una scuola media dove i libri costano circa 300 euro. Cosa ti da il Comune? 60 euro. Il discorso del diritto allo studio allora non regge nemmeno in questo caso dove il rimborso, in base alla spesa sostenuta, è irrisorio ed invece dovrebbe essere totale.

Sulla vostra “protesta” in questi termini, dalla Regione non è arrivato nessun segnale? Nessun monito? Nessuna comunicazione? nessun avviso?

No, assolutamente nulla. Noi, del resto, non stiamo facendo nulla di illegale. Ciò che chiediamo è solo un anticipo sull’acquisto del libro. Anticipo che fino allo scorso anno facevamo noi e che adesso chiediamo alle famiglie per rimborsarlo non appena la regione paga.

Mi scusi, ma in questo caso, dove va a finire il vostro rischio d’impresa?

Il mio rischio l’ho già corso l’anno scorso

Il suo discorso non fa una piega visto che lei ha deciso di fare questo mestiere. Il rischio per lei dovrebbe essere una costante.Ma nessuna delle famiglie che vengono ad acquistare libri ha scelto di fare impresa.

Queste famiglie, allora, dovrebbero andare alla Regione a protestare, a sostenere la nostra battaglia, perch´ è anche la loro e di tutti i siciliani. Noi diamo un servizio e questo servizio, ha un costo. Questo libro prima che per le famiglie è un costo per me che devo acquistarlo. E’ un paradosso, lo so, ma se il libro è necessario, non è colpa mia. E non vado certo a rischiare 40 mila euro per una Regione che ha le casse vuote.

Vuol fare un appello a Crocetta?

Non mi faccia parlare di Crocetta che è stata una delusione per tutti i siciliani che l’hanno votato. Per quel che mi riguarda, inizialmente avevo anche creduto alle sue promesse ma si sono dimostrate parole, parole al vento. Il suo comportamento è stato un voltafaccia nei confronti dei siciliani che hanno creduto a quelle parole. Adesso staremo a vedere se per il 2014 la Regione troverà i fondi necessari al pagamento dei cedolini

Chi restituirà i soldi alle famiglie?

Noi. Le famiglie dovranno consegnarci i cedolini che noi presenteremo alla Regione, non appena pagati, ci preoccuperemo di saldare le famiglie




Commenti
12/09/2013 - La vera vergogna ´ che,nel frattempo,la Regione sblocca i fondi X i ´buoni scuola´,cio´ per il rimborso delle rette delle scuole private per i rampolli delle famiglie che se lo possono permettere ( anche senza buono!) (pammilo)
10/09/2013 - Vergognatevi! Immaginiamo una famiglia povera con 3 figli a carico che non abbia 100 euro per comprare i libri. Il rischio d´impresa è vostro, non delle famiglie. Se la regione è cattiva pagatrice, allora non vendete i libri di scuola. Troppo comodo così, botte piena e moglie ubriaca. I libri li vendete lo stesso e se la regione non paga chi se la prende in saccoccia è sempre il cittadino più povero. (Luca S.)

 

ALTRE NOTIZIE

NUOVI ARRESTI MAFIA: DI GIACOMO (S.PP.), IL CONTROLLO DEI BOSS SI SPOSTA NELLE CARCERI
“Con l’arresto di fiancheggiatori del boss superlatitante Matteo Messina Denaro, che fa seguito a quello di Settimin...
Leggi tutto
Protesta dei disoccupati Pacecoti giovedì 13/12/2018 davanti il palazzo comunale
Riceviamo e pubblichiamo il seguente avviso:
AVVISO AI DISOCCUPATI
Leggi tutto
Sicilia: domani all’Ars riunione commissione Attività produttive su nuovo Piano energetico regionale
Domani, mercoledì 12 dicembre alle ore 11,00 nella Sala Piersanti Mattarella (Sala Gialla) di Palazzo dei Nor...
Leggi tutto
Precari Esa, Pellegrino (FI): Ogni lavoro è di Serie A, anche quello dei Precari
Palermo, 11/12/2018: "Un incontro edificante quello vissuto ieri con i lavoratori dell´Esa presso la sede di T...
Leggi tutto
Convegno Polo Universitario Trapani
Convegno:
“Imputazione, tecnica del processo e diritto di difesa. Red...
Leggi tutto
MARSALA IN CINA. INCONTRO A PECHINO NEGLI STUDI TELEVISIVI DELLA CCTV4
La delegazione marsalese, guidata dall´assessore Rino Passalacqua, è stata accolta dal direttore Wang Dongmin...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Francesco su MARSALA. CENTRO STORICO AREA PEDONALE:
In altre vie i mezzi di soccorso e di polizia nonch´ ai residenti, mentre per i residenti della Via Caturca, considerati per cittadini di serie B possono morire, in quanto se qualcuno ha un malore lo devono avere nelle ore diurno. Aprite la predetta Via ; state facendo un illecito. Grazie per averci seppelliti. Il turismo a Marsala arriva anche con la Via Caturca aperta. Preoccupatevi più per i residenti e non per i ristoranti. Auguratevi che non succeda mai nulla. Non sottovalutate


direttore su Custonaci approvati due cantieri di lavoro:
Provi a scrivere al Comune: comunicazione@comunecustonaci.it


Spada vito su Custonaci approvati due cantieri di lavoro:
Buongiorno vorrei sapere come candidarmi per i cantieri di lavoro del comune di custonaci. Nell´attesa della vostra cortese risposta invio distinti saluti


aldo castellano su Trapani - Controlli della Polizia Municipale su uso cellulare durante guida:
Solo 5? La città ne è piena, come pure dei trasgressori del semaforo e di quelli che parcheggiano all´angolo delle strade, dopo le strisce blu. Con le contravvenzioni si potrebbe impinbguare le casse del comune e contemporaneamente educare i cittadini..


Paola natali su Canile Millemusi Messina i maltrattamenti e le morti continuano.:
Fate intervenire le forze dell´ordine


Luisa su Canile Millemusi Messina i maltrattamenti e le morti continuano.:
Condivido che certe persone non debbono gestire un lager di questo genere per i poveri animali


Valenziano su Il Parlamento vari una commissione d´inchiesta per accertare chi ha sollecitato l´ONU e lo deferisca alla magistratura per attentanto alla sovranità:
E....l´articolo del Codice Penale che punisce l´ "attentato alla sovranità nazionale" sarebbe il numero??


direttore su ALCAMO: un corso di apicoltura a Novembre:
Sig. Andrea per avere informazioni sul corso di apicoltore può farlo chiamando il numero di telefono 388-6926911 oppure inviando una email a: mimmo.barracco80@gmail.com


Andrea su ALCAMO: un corso di apicoltura a Novembre:
Quali sono i costi se ci sono del corso? Rilasciate attestato?


Rizzi ivana su Mazara del Vallo RACCOLTA DIFFERENZIATA:
Buongiorno,non so se sono sulla pagina giusta. Da giorni che chiamo i numeri riportati per il ritiro a domicilio di un vecchio elettrodomestico,nessuno risponde. Come posso fare?. Grazie anticipatamente


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web