Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 22/06/2016 da REDAZIONE REGIONALE

CO. CO. CO. SCUOLA - DENUNCIA DELLO STATO DI PRECARIETA´

CO.
Documento di denuncia sullo stato di precarietà di 890 lavoratori Co.Co.Co. D.M. 66/2001 –
Richiesta di Stabilizzazione Full-Time per tutti i lavoratori Co.Co.Co. D.M. 66/2001, precari storici da 27 anni, di cui 16 nelle istituzioni scolastiche statali Italiane.

Il precariato dei lavoratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa (Co.Co.Co.) previsti dal Decreto Ministeriale del 20 aprile 2001 n. 66 in servizio presso le istituzioni scolastiche statali investe 890 lavoratori circa, a fronte dei 970 iniziali, distribuiti sul territorio nazionale nelle regioni Sicilia, Sardegna, Calabria, Campania, Lazio, Puglia, Abruzzo e Marche. Essi assicurano il funzionamento delle segreterie nelle istituzioni scolastiche e ricoprono posti vacanti in organico appositamente accantonati previsti da Decreti Ministeriali, Decreti Interministeriali e dal Decreto del Presidente della Repubblica 199/09 e svolgono funzioni e mansioni ATA attribuiti a loro dalla Legge 124/99, dal Decreto 184/99, dalla Circolare Ministeriale 245/99, dal Decreto Interministeriale 201/2000, dal Decreto Ministeriale 66/2001, dal Decreto Ministeriale 11/2005, dalla Legge 206/2005, dal Decreto Interministeriale prot. 19280/2006 e dal D.P.R. 119/2009.
Questi lavoratori vivono il dramma della precarietà da 27 anni, di cui 16 nelle istituzioni scolastiche, con contratto di collaborazione coordinata e continuativa annualmente prorogato ininterrottamente dal 1 luglio 2001 ad oggi con apposita voce di bilancio prevista dalle norme in essere. Tale condizione di precarietà ha determinato e determina una questione sociale molto seria non solo nello svolgimento dell’attività lavorativa ma anche sotto l’aspetto economico e sociale determinando nel suo assetto generale:
1. disparità di trattamento fra lavoratori che svolgono le stesse funzioni e mansioni;
2. diseguaglianza nella tutela dei diritti dei lavoratori;
3. violazione delle norme in essere.
La lunga condizione di precarietà, l’assenza di una regolamentazione lavorativa, la precaria attenzione da parte dell’amministrazione all’assetto generale della condizione lavorativa dei Co.Co.Co., sia sotto il profilo economico sia giuridico accompagnata dall’assenza di un intervento in materia di stabilizzazione e dalla negazione storica, dal 2001 ad oggi, del diritto di partecipazione alla procedura concorsuale prevista dal T.U. 297/1994 art. 554, in violazione delle norme in essere, ha determinato una grave condizione previdenziale che non consentirà ai lavoratori Co.Co.Co. di poter percepire un assegno di

pensione, essenziale alla sopravvivenza, alla fine del loro percorso lavorativo in funzione dell’età anagrafica che oggi hanno i lavoratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa la cui fascia di età è compresa fra 65 anni e 50 anni di età.
Nella tabella allegata è stata elaborata una dettagliata proiezione di quella che sarà la pensione del lavoratore con contratto di collaborazione.
In essa si evince che oggi il lavoratore che ha compiuto i 65 anni se vuole andare in pensione percepirà una indennità pensionistica di €. 223,37. Se le condizioni di salute lo permetteranno lavorerà fino a 70 anni e la sua pensione sarà di €. 318,13 sempre che i suoi contributi previdenziali ricoprano l’intero periodo lavorativo, ma così non è in quanto da 4 anni non si raggiunge nei versamenti contributivi il minimo contributivo previdenziale previsto dalla circolare dell’INPS, questo è il vero dramma del lavoratore co.co.co. D.M. 66/2001 che è proiettato in una assurda POVERTA’. Spostando l’indagine nella fascia più giovane dei lavoratori co.co.co., 50 anni, la situazione varia di poco, infatti, chi oggi ha 50 anni nel 2031 quando avrà compiuto 65 anni di età percepirà una pensione di €. 507,65.
Appare evidente quindi che ogni anno di ulteriore ritardo aggrava la condizione del lavoratore con contratto di collaborazione coordinata e continuativa.
Il Comitato dei lavoratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa di cui al D.M. 66/2001, nel rivendicare il diritto di rappresentanza della categoria, in forza delle norme statutarie e delle norme Costituzionali,
CHIEDE
al Ministro dell’Istruzione l’attivazione urgente di un percorso di stabilizzazione Full-Time di tutti i lavoratori co.co.co. di cui al D.M. 66/2001 (occupando i posti liberi in organico accantonati e dislocando le unità eccedenti presso gli uffici periferici dell’amministrazione U.S.R. ed A.T. dove risulta difficile la dislocazione presso altre istituzioni scolastiche con posto in organico libero come da tabella esemplificativa alla presente allegata). L’assetto di stabilizzazione dei lavoratori, con contratto di collaborazione coordinata e continuativa, deve determinare anche la sussistenza di condizioni di garanzia in materia di previdenza che tenga conto nel suo assetto generale anche della valutazione di merito in materia di previdenza ponendo il lavoratore nella condizione di poter raggiungere almeno il minimo contributivo dei 20 anni previsti dalla legge per poter accedere alla pensione, come sancito dalle norme in materia di previdenza per i pubblici dipendenti.


A tal fine il Comitato dei lavoratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa fa presente che l’attuale condizione dei lavoratori è stata determinata da:
1. Mancata applicazione delle norme che nel tempo hanno statuito la loro stabilizzazione.
Infatti il decreto n. 81 del 2000 all’art. 4 stabilisce che il percorso di stabilizzazione si sarebbe dovuto concretizzare entro cinque anni, nel rispetto della legge del 23 dicembre 2000 n. 388 e seguenti;
2. Mancata, piena, copertura previdenziale nell’ambito dell’espletamento dell’attività lavorativa dove non è garantito il minimo contributivo dovuto ai fini previdenziali come previsto dalle circolari INPS;
3. Continuo aumento delle aliquote previdenziali passate dal 14% all’attuale 32% senza che vi sia stato un adeguamento integrativo nel finanziamento complessivo e non ultimo il mancato rifinanziamento del fondo dell’occupazione che finanziava quota parte della contribuzione previdenziale la cui conseguenza diretta è stata il continuo depauperamento dell’indennità salariale che nell’ultimo decennio non è stata mai adeguata;
4. Una storica esclusione dalla procedura concorsuale per l’accesso ai ruoli malgrado norme in essere statuiscano il diritto a parteciparvi, esclusione che ha nei fatti impedito l’accesso ai ruoli secondo la procedura concorsuale prevista dal T.U. 297/94, impendendo di fatto per 16 lunghi anni la partecipazione alla procedura concorsuale e di conseguenza impedendo la stabilizzazione del loro rapporto di lavoro in violazione delle leggi in essere legge 144/99 (riserva dei posti da ricoprire 30% nell’ambito delle assunzioni), legge 244/07 art. 3 c. 94 lett. B, nota Ragioneria Generale dello Stato 7 aprile 2008, legge di stabilità 2013 c. 401, D.Lgs. 165/01 art. 35 c. 3 bis.
Di contro il Ministero dell’Istruzione riconosce il servizio svolto in attività progettuali in regime di convenzione con il MIUR vedi:
a) nota Prot. n. AOODGPER 19212 Roma 17 dicembre 2009;
b) nota Prot. n. AOODGPER 8166 Roma 5 giugno 2009;
c) nota Prot. n. AOODGPER 2733 Roma 12 marzo 2010;
d) nota Prot. n. AOODGPER 1603 Roma 24 febbraio 2011;
e) nota Prot. n. AOODGPER 1293 Roma 22 febbraio 2012;
f) nota A.F.A.M. prot. 1083 del 10 settembre 2014;
g) D.M. 21/7/2007 nota al punto 19 riconosce ai docenti il servizio svolto con contratto atipico nelle scuole non statali ai fini dell’accesso al sistema delle graduatorie;
h) D.M. 716-2014 il servizio prestato come modello vivente viene valutato anche se prestato con contratti atipici, non da lavoro dipendente;


i) nota prot. AOODGPER 1734 del 27/2/2014 la quale riconosce il servizio scolastico, per intero, svolto con contratto di collaborazione o a progetto, servizio riconosciuto ai fini del computo dei 2 anni necessari per l’accesso al concorso ai fini della immissione in ruolo;
j) nota prot. 0008151 del 13/03/2015 la quale riconosce il diritto alla partecipazione concorsuale anche ai familiari dei cittadini degli stati membri non aventi la cittadinanza di uno stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno permanente e ai cittadini di paesi terzi che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria. Vanno altresì inclusi, gli stranieri altamente qualificati titolari di carta blu UE nonché i familiari non comunitari di cittadini Italiani.
Di contro i lavoratori con contratto di collaborazione coordinata sono esclusi da ogni diritto, ma inclusi nell’organizzazione scolastica dove svolgono funzioni e mansioni ATA alla pari dei colleghi di ruolo e dei precari ATA lavorando su posto libero in organico accantonato e sono soggetti a tutti i doveri del dipendente subordinato a tempo indeterminato, primo fra tutti la mobilità applicata secondo le regole del personale ATA di ruolo cosi come disciplinato dal C.C.N.I. del comparto scuola.
Quindi il loro status lavorativo è contrattualmente atipico (contratto di collaborazione coordinata e continuativa) di fatto nell’espletamento delle funzioni è subordinato a tutti gli effetti in quanto interni all’amministrazione e soggetti a tutti i doveri del personale dipendente subordinato, con una reiterazione contrattuale di 16 anni in aperta violazione della direttiva comunitaria 1999/70/CE.
Seguono n. 7 allegati e n. 1 prospetto
Il Presidente
Leonardo Del Giudice

 

ALTRE NOTIZIE

Il Reparto dei Carabinieri Biodiversità dona una talea dell’Albero Falcone all’istituto comprensivo “Renato Guttuso” di Carini
Il Reparto dei Carabinieri Biodiversità di Reggio Calabria che svolge attività di gestione, tutela e conservazione della Foresta demania...
Leggi tutto
TRAPANI: RAPINA AGGRAVATA E LESIONI PERSONALI. SCATTA IL PROVVEDIMENTO PER UN 24ENNE
I Carabinieri della Stazione di Trapani hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di ...
Leggi tutto
Palermo, a 100 anni dal rinvenimento della Tomba di Tutankhamon: conferenza di BCsicilia
In occasione dei 100 anni dal rinvenimento della Tomba di Tutankhamon BCsicilia, in collaborazione con la Rettoria di San Francesco Saverio, organizza...
Leggi tutto
Termini Imerese, Corso di analisi sensoriale: quarta lezione dedicata al vino
Si terrà venerdì 25 novembre 2022 dalle ore 16,30 alle ore 19,30 la quarta e ultima lezione del Corso di analisi sensoriale dedicata al ...
Leggi tutto
"Acchianata Ecologica", si svolgerà a Palermo il 4 dicembre la grande manifestazione di Confcommercio per l´ambiente e contro il degrado
Si svolgerà domenica 4 dicembre la “Acchianata Ecologica”, la grande manifestazione per l’ambiente organizzata da Confcommercio Palermo, che er...
Leggi tutto
MARSALA (TP): MAMMA CORAGGIO DENUNCIA LE VIOLENZE DEL FIGLIO. ARRESTATO DAI CARABINIERI
Una pensionata di 70 anni, disperata, ha trovato il coraggio, qualche giorno fa, di denunciare le continue violenze subite dal figlio 38enne che, per ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web