Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 18/05/2016 da REDAZIONE REGIONALE

POGLIESE (PPE) - PRESENTATA INTERROGAZIONE ALLA COMMISSIONE EUROPEA PER LA TUTELA DEL «BACINO MARMIFERO DI CUSTONACI»

POGLIESE
A seguito della presentazione della ristampa del volume «L’industria marmifera nella provincia di Trapani» edito nel 1963 del Prof. Angelo Bellanca e curata dall’Ing. Gioacchino Poma (avvenuta a Custonaci nello scorso mese di aprile) l’europarlamentare Salvo Pogliese ha presentato un’interrogazione (con richiesta di risposta scritta E-003729/2016) alla Commissione europea per salvaguardare migliaia di posti di lavoro.


*************

«Tutelare il «bacino marmifero di Custonaci», primo bacino marmifero della Sicilia, secondo in Italia e in Europa, e salvaguardare un’attività che dà lavoro a più di 2 mila addetti. Le attività estrattive del marmo che si svolgono a Custonaci in provincia di Trapani - spiega l’europarlamentare - permettono di realizzare un giro d’affari medio annuo di oltre 90 milioni di euro, una parte consistente riguarda l’export verso il Medio Oriente, fornendo possibilità di lavoro a migliaia di persone tra lavoratori diretti ed indotto. Ora l’attività estrattiva a Custonaci è messa in pericolo dalle Direttive europee ‘Habitat’ ed ‘Uccelli’ che, ponendo dei pesanti vincoli all’interno del bacino marmifero, hanno provocato notevoli problematiche di programmazione dell’attività estrattiva. Per scongiurare gravi danni economici al territorio di Custonaci ho chiesto nella mia interrogazione alla Commissione europea che sia valutata la possibilità di applicare le deroghe previste dalle Direttive ‘Habitat’ e ‘Uccelli’ per motivi di rilevante interesse pubblico, inclusi motivi di natura sociale o economica, escludendo così il bacino marmifero dalle zone dove individuare aree naturalistiche. Mi auguro che la Commissione Europea possa dare parere positivo alla mia richiesta - conclude Pogliese - così da permettere la sopravvivenza del «bacino marmifero di Custonaci» fondamentale per l’economia di una grande parte della Sicilia.

I vertici del «Centro Studi Dino Grammatico», nel ringraziare l’on. Pogliese per la sensibilità con cui ha voluto riprendere la proposta avanzata durante la presentazione del volume «L’industria marmifera nella provincia di Trapani», auspicano che a seguito di questa interrogazione alla Commissione europea si possano finalmente individuare delle valide soluzioni alla problematica dei vincoli ricadenti sul bacino estrattivo».



Si allega copia dell’interrogazione:

Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-003729/2016
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Salvatore Domenico Pogliese (PPE)
Oggetto: Bacino marmifero di Custonaci e vincoli UE
La città di Custonaci è il primo bacino marmifero della Sicilia, il secondo in Italia e in Europa. Le attività che si svolgono al suo interno permettono di realizzare un giro d´affari medio/annuo di oltre 90 milioni di euro (una parte consistente riguarda le esportazioni verso il Medio Oriente), fornendo possibilità di lavoro a più di 2 000 addetti. Sul territorio di Custonaci, che già presenta un´importante area naturalistica con la Riserva naturale orientata del Monte Cofano, ricadono zone di interesse comunitario, SIC (ITA010029) e ZPS (ITA010016-ITA010017), istituite a norma della direttiva "Habitat" (92/43/CEE) e della direttiva "Uccelli" (2009/147/CE). L´identificazione di queste aree protette all´interno del bacino marmifero ha provocato notevoli problematiche di programmazione dell´attività estrattiva. L´articolo 16 della direttiva "Habitat" afferma che: "(...) gli Stati membri possono derogare alle disposizioni previste dagli articoli 12, 13, 14 e 15 (...) nell´interesse della sanità e della sicurezza pubblica o per altri motivi imperativi di rilevante interesse pubblico, inclusi motivi di natura sociale o economica".
Premesso ciò, si chiede alla Commissione:
1. se ritiene che il bacino marmifero di Custonaci possa rientrare nelle deroghe previste all´articolo 16 della direttiva "Habitat";
2. nel caso di risposta affermativa, quali misure dovrebbero essere adottate dalla Repubblica italiana, e in particolare dalla Regione Siciliana, al fine di rendere operativa la deroga.
Custonaci lì, 18 maggio 2016.

 

ALTRE NOTIZIE

Marsala: Aggredisce i Carabinieri dopo dopo aver speronato un´autovettura arrestato
I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Marsala hanno tratto in arresto, per il reato di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni ...
Leggi tutto
Rotary: Il governatore Alfio Di Costa ricevuto dal sindaco di San Filippo del Mela
Il governatore del distretto 2110 Sicilia Malta del Rotary International Alfio Di Costa, in visita al Club di San Filippo del Mela presieduto da Stefa...
Leggi tutto
Fuori gli eventi dell´Estate Calatafimese 2020. 13 appuntamenti da non perdere
Cinema, spettacoli, cabaret, storia e cultura. E’ il mix che contraddistinguerà la particolare edizion...
Leggi tutto
Uno Nessuno Centomila in scena all´anfiteatro della Chiesa Madre di Gibellina
Il 12 agosto, alle ore 21:00, tornano ad accendersi i riflettori dell’incantevole Anfiteatro della Chi...
Leggi tutto
SICILIAMBIENTE: DOMANI 8/08 GRAN FINALE CON VIOLANTE PLACIDO E IL SUO MINI ACOUSTIC LIVE E LE PREMIAZIONI
Termina sabato 8 agosto la XII edizione di SiciliAmbiente con la cerimonia di premiazione e il mini acoustic live ...
Leggi tutto
Accolti nelle aziende aderenti all´APL ANAS i percettori del RDC DS42 PA che hanno scelto ANAS
I percettori del RDC (reddito di Cittadinanza) che sono stati assegnati all´ANAS (Associazione Nazionale di Azione Sociale) sono stati tutti pro...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web