Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 22/03/2016 da REDAZIONE REGIONALE

GIUSEPPE ALEO ELETTO PRESIDENTE PROVINCIALE COPAGRI TRAPANI: RILANCIARE L’AGRICOLTURA LOCALE E GARANTIRE IL PREZZO MINIMO DEI PRODOTTI

GIUSEPPE
Lunedi, 21 marzo 2016 si è tenuto il Congresso Provinciale della Copagri, Confederazione Produttori Agricoli, alla presenza del Commissario Regionale Natale Mascellino. Alla presenza di un pubblico numeroso, 50 agricoltori iscritti alla Copagri, provenienti dal territorio provinciale, hanno eletto all’unanimità Giuseppe Aleo Presidente Provinciale della Copagri
Il neo Presidente, nella sua relazione, ha puntato il dito sulla cattiva gestione del Governo nazionale e Regionale ma, soprattutto sull’indifferenza dei parlamentari italiani in Europa che non hanno saputo e non riescono ancora oggi, salvo qualche eccezione, a tutelare l’economia agricola italiana.
Pino Aleo ha presentato una panoramica di come dovrebbe essere tutelato il sistema agroalimentare trapanese, siciliano e italiano, soffermandosi sui mercati, provocando i governi e indicando le prospettive per rilanciare un nuovo progetto del settore agricolo.

Le nostre produzioni sono continuamente messe in difficoltà dalle Politiche Comunitarie a sostegno dei Paesi magrebini (Africa nord occidentale) che continuano ad invadere i nostri mercati e quelli europei causando danni irreparabili e irreversibili.
Il sistema agroalimentare nazionale è continuamente messo sotto pressione con politiche comunitarie assurde. Il vino prodotto dalla frutta; olio prodotto con i coloranti, fino a quando non esauriranno le scorte africane; succhi di frutta prodotti con i coloranti; i formaggi con il latte in polvere; ortaggi prodotti con tante altre porcherie provenienti dalla vicina CINA trasformati come da incanto in prodotto italiano, utilizzando lavoratori in schiavitù e con costi irrisori da mettere in crisi un intero sistema economico planetario.

Per consentire il processo di sviluppo dell’economia agricola trapanese occorre attivare un piano di sviluppo o un programma operativo specifico che includa una strategia chiara e incisa.
Adottare il sistema del prezzo minimo garantito per tutti i prodotti agroalimentari, corredato da misure di controllo rigide, in modo da mettere con le spalle al muro gli speculatori e il malaffare.
Le piccole imprese che, costituiscono il 95% del tessuto economico dell’agricoltura trapanese, continua Aleo, devono essere capaci di “fare sistema” e di connettersi con legami forti o flessibili in modo tale da sviluppare innovazione e acquisire maggiori vantaggi competitivi.
Ritengo, aggiunge Aleo, che nel settore agricolo trapanese manca un progetto di:
- Miglioramento delle modalità di relazione fra le imprese del settore agroalimentare;
- Sviluppo di collegamenti e connessioni tra le imprese, (attivare il sistema costituito dalle imprese di
produzione, dalle imprese di trasformazione e dalle imprese di commercializzazione);
-Impegno nelle politiche per la formazione, ricerca, sviluppo e innovazione nel settore agroalimentare;
- Rafforzamento delle infrastrutture materiali e immateriali;
- Miglioramento della competitività economico-finanziaria delle imprese agricole;
- Sviluppo di accordi sui versanti produttivo e commerciale;
- Realizzare interventi finalizzati alla maggiore flessibilità delle imprese agricole nel mercato.

Gli interventi nell’immediato per rilanciare un nuovo progetto

In considerazione dell’importanza che il settore agricolo rappresenta per l’economia della provincia di Trapani, si rendono necessarie l’individuazione e la realizzazione d’interventi urgenti per ottenere la ripresa economica del più importante comparto agricolo della provincia.
Proprio per l’invasione di prodotti agroalimentari provenienti da ogni angolo del mondo, tra l’altro senza controlli sanitari, ritengo, per il danno che la Comunità Europea ha causato alla nostra economia, di chiedere al Governo Nazionale e Regionale
La dichiarazione dello stato di crisi di mercato per il settore agroalimentare trapanese,
per i danni causati alle nostre produzioni per le scelte della Comunità Europea;
 Rinvio cambiali agrarie, proroga contributi agricoli previdenziali e tributari/fiscali;
 Aumento dei de-minimis da 7.500,00 a 30.000,00 per ditte individuali e da 250 mila a 350 mila per aziende associate, cantine sociali e cooperative;
 Capitalizzazione debiti aziende agricole da ammortizzare in 20 anni con un abbattimento pari al 40%;
 Riforma OCM vino perché non rispondente alle esigenze di mercato
(riconoscimento aiuto diretto alle imprese agricole) per contrastare lo
Zuccheraggio selvaggio autorizzato dalla Comunità Europea a sostegno delle aziende
del nord Europa;
 Attuazione su scala europea del catasto viticolo;
 Abolizione dell’uso del saccarosio e sostituzione con l’utilizzazione oltre che del
M.C. e del M.C.R., anche del M.C.R. sottoforma cristallina;
• Indicazione obbligatoria dell’origine;
• Allineamento dei costi degli oneri sociali agli standard europei;
• Riduzioni significative del costo dei carburanti per uso agricolo;
• Regolamentazione e controllo dell’importazione di prodotti agroalimentari provenienti da paesi extracomunitari.

Mercato - Tutela delle produzioni agroalimentari - Proposta

Se si dovesse tornare indietro nel tempo, termina Aleo, e ci collocassimo nel 1983, ci accorgeremmo che i costi, rispetto ai ricavi, sono aumentati 500 volte mentre, i ricavi sono rimasti fermi.
Le produzioni agroalimentari erano le stesse, con una differenza che oggi contiamo il riconoscimento delle denominazioni di origine protette proprio per esaltarne le qualità.
Pertanto, propongo con grande convinzione, per dare una svolta al sistema agroalimentare siciliano partendo da Trapani, di istituire, tra l’altro nel Piano di Sviluppo Regionale è pure previsto, per tutte le produzioni agroalimentari, un “prezzo minimo garantito” una sorta di misura di salvaguardia per combattere il malaffare e speculatori e le provenienze di prodotti dall’estero senza che siano controllati.
I prodotti agroalimentari devono avere tre caratteristiche essenziali:
1. Salubrità dei prodotti (controlli sanitari)
2. Tracciabilità dei prodotti
3. Rintracciabilità dei prodotti
In sintesi si devono mettere ai raggi X i prodotti e se non rispondono alle regole previste da un organo di controllo o di un Centro di Ricerca, non potranno entrare nei nostri mercati, anche perché nell’etichetta devono essere presenti, obbligatoriamente le consonanti STR.
Tutta la filiera, dall’agricoltore fino ad arrivare alla GDO, dovrà firmare un accordo interprofessionale per rispettare le provenienze e i prezzi minimi garantiti e potranno beneficiare, con l’intervento del Governo Nazionale, della defiscalizzazione degli oneri contributi e fiscali purché rispettino le regole e tutelino le nostre produzioni agricole.
Per tutelare le nostre produzioni da infiltrazioni esterne, avallate dalla Comunità Europea, il Governo Italiano, se ha a cuore le sorti delle produzioni agroalimentari autoctone, dovrà istituire o meglio concedere un premio, principio in base al quale sono stanziati fondi a sostegno di un progetto e nei confronti degli attori della filiera agroalimentare che firmano l’accordo interprofessionale (sgravi fiscali e previdenziali per un periodo triennale).
Anche la Regione Siciliana potrebbe proporre l’art. 82, previsto dalla finanziaria regionale del 2010 che prevedeva agevolazioni per le aziende del sistema agroalimentare che firmavano un accordo interprofessionale, da non confondere con i PIF che sono circoscritti a poche aziende e non all’intera platea agroalimentare.
Sono convinto, termina Aleo, che questo progetto possa finalmente consegnare alle nuove generazioni una certezza di rimanere o meglio di farli ritornare nella lavorazione delle terre per produrre qualità a tutela dei consumatori e del territorio.

Il Commissario Provinciale
Giuseppe Aleo.


Trapani, 21 marzo 2016


























 

ALTRE NOTIZIE

Giuseppe Fisicaro: l´imprenditore siciliano premiato come ´Digital Publishing Company of the Year´ a Dubai
Un traguardo significativo per Digital Noises. Grazie al notevole impegno e agli straordinari risultati ottenuti nell´ultimo anno in Asia, sopr...
Leggi tutto
Avviata l’attività di sostegno ai nuclei familiari in difficoltà
La Rete A.N.A.S. NAZIONALE nell’ambito degli INTERVENTI IN FAVORE DI SINGOLE PERSONE E NUCLEI FAMILIARI IN CONDIZIONI DI PARTICOLARE DISAGIO ECONOMICO...
Leggi tutto
Progetto “EXTRACT”: inizio delle attività
L’Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro, nell’ambito dell’Avviso Pubblico per il finanziamento di iniziative e pr...
Leggi tutto
Avviato il Progetto "Equality"
L’Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro, nell’ambito dell’Avviso Pubblico per il finanziamento di iniziative e pr...
Leggi tutto
Il Vescovo in Tribunale a Marsala: "giustizia e grammatica dell´umano in questo luogo".
«In genere quando si entra nel Tribunale si entra con un senso di timore. Oggi qui sperimentiamo che dentro questo luogo dove si rispettano le leggi c...
Leggi tutto
Anas spettacoli: concerto della band "Radio Rewind" un tributo Patty& Bertè.
Oggi, Venerdì, 5 luglio alle ore 21.00, sede estiva del BRAVO´, in via Massimi Losacco n°4 Bari, ULTIMI POSTI per il Concerto della&nb...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

LUIGI su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
OFFERTA DI PRESTITO RAPIDA E AFFIDABILE Indirizzo: WhatsApp: +33754190105 E-mail: financec99@gmail.com Grazie


LUIGI su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
OFFERTA DI PRESTITO RAPIDA E AFFIDABILE Indirizzo: WhatsApp: +33754190105 E-mail: financec99@gmail.com Grazie


Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web