Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 10/12/2015 da REDAZIONE REGIONALE

SALVATORE AGUECI E PAPA FRANCESCO

SALVATORE
La dinamica del temporaneo
Dall’essere al divenire in Papa Francesco

«Non pensare, guarda!» È la felice espressione di Ludwig Wittgenstein , filosofo, ingegnere e logico austriaco. L’autore invita, ad anteporre l’evidenza, la contingenza, l’esperienza, l’umanità prima del pensiero. Il filosofo non nega le facoltà intellettive ma esorta a osservare prima di riflettere, a procedere dall’esistenza al divenire, dal materiale allo spirituale, dal visibile all’invisibile.
Le categorie per un qualsiasi processo d’introspezione del creato sono: vedere, sentire, comprendere. L’esperienza ci insegna che prima osserviamo l’oggetto e poi lo indichiamo per nome (sarebbe interessante conoscere per ogni parola la sua etimologia e l’origine fonetica prima che essa si formasse, per scoprire il significato empirico), come prima sentiamo la persona e, conosciutala, la chiamiamo per nome. Così, una volta messi in atto questi ordini cognitivi, un vedere e un sentire che richiamano alla mente, il passo successivo è l’astrazione e questa si avvale del pensiero. Sono tre categorie in successione ma ognuna ha un valore intrinseco e racchiudono un lavorio interiore da cui gli uomini spesso si allontanano preferendo l’elemento esteriore. Il vedere e il sentire sono il primo passo, la fase successiva è l’osservare e l’ascoltare ed esse implicano un coinvolgimento maggiore prima di capire cosa ci sta dinanzi e poter dare delle risposte appropriate a ciò che si pone come interlocutore.
Questo c’induce a scegliere prima la prassi e dopo l’ideologia anche se gli uomini odierni pensino che sia al contrario. Oggi, in particolar modo, nonostante l’epoca delle grandi trasformazioni, del pluralismo, della globalizzazione, del surreale, dell’imprevedibile, può definirsi l’era dell’estetica, del bello, della radicalizzazione, del “nuovo” ma anche la “dinamica del temporaneo” o come diceva Frère Roger Louis Schutz , monaco svizzero di fede cristiana riformata, fondatore della comunità monastica ecumenica a carattere internazionale di Taizé, “del provvisorio”.
Già il profeta Geremia, rivolgendosi ai suoi contemporanei, li esortava: «Fermatevi nelle strade e guardate, informatevi circa i sentieri del passato, dove sta la strada buona e prendetela, così troverete pace per le anime vostre» (Ger 6, 16a).
Se il totale è l’insieme delle parti, l’esistente compone l’infinito ma l’Infinito, in questo caso, non ha bisogno delle parti perché Esso ha vita a sé. Cristo ha voluto che si partisse dal singolare per raggiungere l’Universale «Perché facciate come io ho fatto a voi» (Gv 13, 15). Egli stesso si è messo dalla nostra parte «è venuto per servire e non per essere servito» (Mc 10, 45), assumendo l’umanità e l’ha fatto al grado massimo della croce come categoria rigeneratrice non di morte ma di vita. E nel vangelo di Luca si racconta che dopo due miracoli (la guarigione del servo dell’ufficiale romano e la risurrezione del figlio di una vedova), Giovanni il Battista manda due dei suoi discepoli per chiedere se era lui quello che doveva venire o bisognava aspettare un altro? Gesù risponde loro: «Andate a raccontargli quello che avete visto e udito: i ciechi vedono, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono risanati, i sordi odono, i morti risorgono, la salvezza viene annunziata ai poveri. Beato chi non perderà la fede in me» (Lc 7, 22-23).
Gli stessi Apostoli, sull’esempio del maestro, hanno assunto questo paradigma: «Guarda verso di noi […] Non ho né oro né argento, ma tutto quello che ho te lo do: nel nome di Gesù Cristo, il Nazareno, alzati e cammina» (At 3, 6).
È il tempo, lo è stato dal Cristo in poi, che il momentaneo sia assunto come categoria stabile: «Se uno non ama il prossimo che si vede, non può amare Dio che non vede» (1Gv 4, 20).
Dal Concilio Vaticano II, da Giovanni XXIII e, in particolare con Papa Francesco, la coniugazione del verbo guardare e ascoltare ha assunto una prerogativa sacramentale: l’attenzione al corpo di Cristo che cammina per il mondo è diventata prioritaria. Il Papa, “venuto da lontano”, invita a osservare la terra e la giustizia violentata, per dare forma al quotidiano, al Cristo sofferente, all’uomo in ricerca. Sta capovolgendo, in modo radicale, la logica umana: «La pietra che i costruttori hanno rifiutato (si riferisce a Cristo, in questo caso agli “ultimi”, chi è messo ai margini della società n.d.a.) è diventata la pietra più importante» (Mc 12, 10).
Ci sta insegnando che la “Chiesa è una comunità in uscita”, una “Chiesa cinta dal grembiule” e, attraverso il superamento delle appartenenze, deve farsi amica, compagna, sorella, discepola e “piangere con chi piange, ridere con chi ride” (cf. Rm 12, 15), per ascoltare il respiro e l’odore di ogni uomo nella situazione di personale inerenza.
Papa Francesco ha instaurato l’epoca del vangelo fatto carne: «E venne ad abitare in mezzo a noi» (Gv 1, 14) e ci sta dicendo che la tenerezza e la misericordia sono categorie rigeneratrici che coinvolgono la vita attraverso il cibo, il vestiario, la malattia, la casa, il carcere, la morte, il dubbio, l’ignoranza, l’afflizione, i conflitti, la preghiera. Ci sta insegnando che la fede non è ideologia ma vita vissuta che, contro gli schemi ecclesiologici precostituiti, «la Chiesa è la casa di tutti, la casa che per fedeltà al Vangelo del suo Signore accoglie tutti e non ha nemici, non alza barriere, non accampa diritti o privilegi» . Adotta la “filosofia induttiva”, aristotelica-tomista, perché più comprensibile all’uomo odierno, parlando il suo stesso linguaggio.
Numerose sono le icone che quotidianamente ci sta offrendo, quasi a indicarci che le vie di scelta per il servizio all’uomo, lungo le periferie esistenziali del mondo, sono diversificate. Egli ci indica come Dio è più grande della Chiesa e che essa, sull’esempio del Maestro, deve essere samaritana nella sua essenzialità, con-passionevole nella prassi, capace di raccogliere gli “ultimi”, chi non è all´altezza di vedere, di sentire, di operare, per condurli verso la salvezza fisica e spirituale.
Il Giubileo della Misericordia è un grande segno di attenzione all’uomo odierno, bisognoso di tanta ma tanta tenerezza e chi più di Dio può offrire un abbraccio consolatore e liberatorio?
Quello che sta offrendo nel suo pontificato è un cambiamento di stile, un mutamento culturale, un’era del fenomeno non in quanto tale, fine a se stesso, accolto e apprezzato da tutti gli uomini, al di là di ogni etnia e religione. Egli sta dando una chiave di lettura nuova rispetto all’empirismo e al positivismo: punto di partenza e non di arrivo, di dinamicità umana e intellettuale, per comprendere ciò che sta già sotto i nostri occhi. Ci sta richiamando alla “differenza delle differenze” per fare comunione con tutti e capire che il fatto che pensiamo in immagini il mondo, ciò è dentro la nostra stessa esperienza linguistico - esistenziale, e non fuori: Cristo, prima di cercarlo altrove, è nella storia e in essa, in carne e ossa, lo dobbiamo incontrare. Si tratta di buttare un fascio di luce per focalizzare il mondo e, togliendo il velo degli stereotipi, scoprire la sua “forma” reale.
Di Papa Francesco si può dire profeticamente come Giovanni: «Egli venne come testimone della luce perché tutti gli uomini, ascoltandolo, credessero nella luce» (Gv 1, 7).

Erice, 08/12/2015
SALVATORE AGUECI




 

ALTRE NOTIZIE

Il programma di lunedì 15 e martedì 16 luglio. “Piggy”, il cortometraggio spagnolo sul bullismo tra ragazzine
Impegno per l’ambiente non soltanto sul grande schermo: SICILIAMBIENTE, il festival che già lo scorso anno si è fatto promotore dell´ord...
Leggi tutto
Corso BSLD e PBSLD a Cinisi con ANAS
A.N.A.S. (Associazione Nazionale di Azione Sociale) sede zonale di Cinisi organizza per il mese il prossimo 16 e 22  di luglio corsi di BLSD ...
Leggi tutto
Dalla guerra in Abissinia al terremoto dell’Irpinia: il caro prezzo delle accise
Pensare che quando facciamo il pieno alle nostre auto stiamo finanziando guerre ormai parentesi di libri di storia s...
Leggi tutto
Exodos/Exit - Rotte migratorie, storie di persone
Si è conclusa la mostra fotografica Exodos presso il Chiostro dei Glicini della Società Umanita...
Leggi tutto
Domani a Palazzo Reale "Destinazione Luna": a 50 anni dalla missione dell’Apollo 11 che portò il primo uomo sulla Luna, l´evento promosso dall’Assemblea Regionale Siciliana e dalla Fondazione Federico II con l’Inaf, Osservatorio Astronomico di
Realtà virtuale, osservazione della Luna con telescopi, una collezione di giornali originali dell´epoca ...
Leggi tutto
Le colline neopatrimonio unesco sotto i riflettori: interviene la confraternita di Valvobbiadene
LE COLLINE NEOPATRIMONIO UNESCO SOTTO I RIFLETTORI: 

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


Gaspare su Paceco: per il Memorial Giuseppe Barraco, riapre il palazzetto:
Peppe sempre nel cuore mi manchi amico mio


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web