Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 02/12/2015 da Giusy Modica

L´EMANCIPAZIONE DELLA DONNA

L´EMANCIPAZIONE
L’etimologia delle parole rappresenta un elemento importante di ogni definizione, il primo passo verso la comprensione e la pienezza del significato.
Il termine “donna” deriva dal latino “domna”, forma sincopata di domina, ovvero “signora”, colei che ha potere, che è saggia.
Colei che ha potere? Colei che è saggia?
La società maschile ha da sempre marcato l’inferiorità biologica, psicologica e sociale delle donne.
Nel Medioevo le donne non avevano alcuna considerazione; la nascita di una bambina era considerata quasi come una disgrazia.
L’educazione femminile era del tutto trascurata; venivano accolte, nutrite e vestite in cattivo modo e non veniva loro lasciato tempo libero, perché l’ozio era ritenuto un cattivo consigliere. Alla giusta età le ragazze avevano due possibilità: essere portate in convento o essere date in sposa ad un uomo prescelto loro dal padre, uscendo quindi dalla tutela di questo per passare quindi a quella del coniuge.
Una volta presa in moglie, la donna perdeva ogni diritto a favore del marito che poteva picchiarla quando gli disobbediva e lo contraddiceva, e poteva addirittura ucciderla in caso d´adulterio.
Cambiava la dinastia, cambiava il paese, cambiavano tradizioni e culture, ma
la figura femminile restava sottomessa, sfruttata nel lavoro, considerata inferiore intellettualmente e oggetto di preconcetti e violenze.
Nella maggior parte delle culture, la sottomissione all´uomo era stabilita nella “norma religiosa”; lo affermavano i testi sacri e le predicazioni rivolte ai popoli.
La donna veniva vista con sospetto, non a caso si contano centinaia di processi per “stregoneria” nei confronti di donne che avevano qualche difetto fisico, qualche handicap o al contrario avevano una conoscenza fin troppo approfondita delle erbe selvatiche e medicinali o, semplicemente, perché avevano i capelli rossi.
Ad una donna non venivano riconosciute assolutamente la piena responsabilità sulla propria persona e la facoltà di compiere scelte, di disporre dei propri beni e di eleggere rappresentanti in parlamento. Per tutte queste ragioni il diritto di voto diventa per migliaia di donne una ragione per cui lottare con tutte le forze, nella speranza di ottenere in futuro libertà sempre maggiori.
Bisogna aspettare quasi tutto il Settecento, epoca caratterizzata dalla ragione, per porsi il “problema” dei diritti femminili.
Così nel 1789, mentre in Francia infuriava la Rivoluzione francese, in Inghilterra le donne delle classi sociali più elevate mettevano su le basi per quello che sarà il femminismo, scrivendo un documento per la rivendicazione dei diritti della donna, che dovevano essere pari a quelli dell’uomo.
Questi primi movimenti di emancipazione femminile riscontrarono un seguito scarsissimo e ben presto furono dimenticati.
Le donne continuavano ad essere escluse dappertutto, dall´elettorato attivo/passivo e, da ogni situazione sociale.
Il desiderio di libertà si fa sempre più forte, così sul finire dell’800, donne di diversa estrazione sociale, istituiscono le organizzazioni suffragiste, veri e propri movimenti nazionali volti a chiedere il suffragio femminile.
Le suffragette (membri del movimento) dovettero lottare non soltanto contro le leggi e le istituzioni, ma anche contro l’ironia e la sufficienza degli uomini e di molte donne che, educate per secoli alla sottomissione, non riuscivano a capire quanto quelle battaglie fossero anche a loro favore.
Nel primo decennio del 900 finalmente le donne ottengono il diritto di voto.
In Italia il suffragio universale femminile viene introdotto solamente nel 1946 e nel 1948 la Costituzione sancisce l’uguaglianza giuridica di tutti i cittadini.
Una ulteriore tappa per l’emancipazione femminile può essere considerata l’istituzione delle “pari opportunità”, un’apposita commissione parlamentare incaricata di sorvegliare sulle possibili discriminazioni ancora attuate nei confronti delle lavoratrici, di favorire e tutelare l’ingresso delle donne nella società e nel mondo del lavoro e di garantire parità di trattamento per uomini e donne.
L’Italia è arrivata tardi a riconoscere il valore effettivo della donna nella società. Per tanto tempo al sud, la politica familiare del fascismo, che ha visto la donna per anni ed anni solo come “moglie e madre”, ha fatto sì che le donne italiane faticassero molto per avere rivendicati i loro diritti base. Tuttavia, ancora oggi in Italia la percentuale delle donne occupate è la più bassa di tutta Europa; la maggior parte delle donne che hanno un lavoro a tempo determinato non hanno diritto a congedi per occuparsi dei figli piccoli o addirittura non hanno un’indennità di maternità.
Naturalmente, e grazie al cielo, le condizioni generazionali nel corso della storia sono cambiate, ma tante etnie non hanno ancora tralasciato le realtà di un tempo: ci sono posti del mondo in cui ancora oggi, le donne, vengono sottoposte a mutilazione genitali, sono proprietà del marito e vengono obbligate a celare l’intero corpo sotto vestiti che sembrano sacchi.
La donna uscì dalla costola dell´uomo e non dai piedi per essere calpestata, né dalla testa per essere superiore, ma dal lato per essere uguale, sotto il braccio per essere protetta e accanto al cuore per essere amata.


Palermo
02 Dicembre 2015

Giusy Modica
Consulente per la salute con lo sport presso l’Associazione Anas zonale Oreto.
Per informazioni e appuntamenti chiamare al numero 091-336558 dalle ore 9:00 alle ore 13:00.

 

ALTRE NOTIZIE

Trapani, conferenza dei sindaci Asp sul coronavirus Venuti: "Salemi coinvolta contro il Covid, ecco le criticità"
"Bene la convocazione di una conferenza dei sindaci per affrontare i nodi del contrasto al coronavirus in provincia di Trapani, peccato che sia stato ...
Leggi tutto
A TRAPANI un mega parco fotovoltaico da 70 ettari promosso da Agenzia del Demanio Statale, Cassa Depositi e Prestiti ed ENI.
Ieri a Palazzo d’Alì, presieduta da Giuseppe Guaiana Presidente del Consiglio Comunale, si è svolta la Conferenza dei capigruppo consili...
Leggi tutto
la Guardia Costiera di Pantelleria ha sequestrato 27 FAD (Fishing Agregating Device) dispositivi di concentrazione di pesci
Ieri la Guardia Costiera di Pantelleria ha sequestrato 27 FAD (Fishing Agregating Device) dispositivi di concentrazione di pesci, posizionati presumib...
Leggi tutto
L’Amministrazione comunale sostiene la cronoscalata Monte Erice e gli organizzatori dell’Aci Trapani
Anche quest’anno l’Amministrazione comunale ha deciso di sostenere la cronoscalata Monte Erice e gli organizzatori dell’Automobile Club Trapani. Quest...
Leggi tutto
Dal 25 ottobre al 1 novembre 2020, nell’ambito delle iniziative per celebrare l’Anno della Memoria Tommasiana
Dal 25 ottobre al 1 novembre 2020, nell’ambito delle iniziative per celebrare l’Anno della Memoria Tommasiana nell’850° anniversario del martirio di s...
Leggi tutto
Sanità Sicilia, incontro ieri in assessorato regionale sull´emergenza Covid-19. Allarme della Ugl sulla carenza di personale:
"In questa fase segnata dalle seconda ondata del virus all´emergenza sanitaria si è nuovamente aggiunta q...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web