Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 01/09/2015 da REDAZIONE REGIONALE

SOVRAINTENDENZA DEL MARE - IL PRESUNTO MONOLITE MESOLITICO DELLO STRETTO DI SICILIA

SOVRAINTENDENZA
A proposito della notizia riportata da alcune agenzie e organi di stampa sulla presunta scoperta di un “monolite” attribuito ad opera umana e datato all’epoca mesolitica (ca 9000 anni fa) sul fondo del mare presso il Banco di Pantelleria a ca m 30-40 di profondità, è bene fare alcune considerazioni chiarificatrici sulla base di quanto riportato dagli Autori nell’articolo pubblicato sul Journal of Archaeological Science 3 (2015), alle pp.398-407, ad opera di Emanuele Lodolo e Zvi Ben-Avraham, dal titolo “A submerged monolith in the Sicilian Channel (central Mediterranean Sea): Evidence for Mesolithic activity”.
Gli Autori asseriscono che il “monolite” non sia una formazione naturale, ma artificiale, creato dall’uomo circa 9500 anni fa. Gli elementi su cui si basano le loro interpretazioni sono:
- la forma regolare;
- la presenza di tre fori regolari di diametro simile che lo attraversano superiormente e lateralmente, di origine umana in quanto non sono noti processi naturali capaci di creare tali fori;
- roccia differente dal contesto e posizione quasi isolata;
- datazione della roccia simile a quella del vicino ridge che chiude la baia.
Quindi, concludono gli autori, la presenza del “monolite” suggerisce che circa 9500 anni fa esisteva una estensiva attività umana capace di estrarre un singolo blocco roccioso rettilineo e di trasportarlo a circa 300 m dalla zona di supposta estrazione per poi porlo possibilmente in posizione eretta.
Al di la delle notizie stampa, al fine di valutare la presunta scoperta del “monolite” in seguito alla lettura dell’articolo in oggetto e sulla base dello stato dell’arte delle conoscenze archeologiche e geologiche, si è giunti, invece, alla conclusione che il presunto “monolite” non sia da attribuire ad opera umana. Bensì sia il prodotto di una formazione naturale ben nota nel Mediterraneo e definita dai geologi “beachrock”. Tali formazioni sono tipiche di ambiente litorale e spesso si staccano dal bacino roccioso di origine per effetto dell’erosione costiera, depositandosi nel mare Mediterraneo tra +1 e -5 metri rispetto alla linea di costa (sono note e datate fino alla profondità di 60 metri in Sardegna, Turchia, Sicilia, Grecia, Croazia e Liguria). Queste si formano spesso su coste sabbiose, le quali cedendo ne favoriscono la frammentazione, anche nella forma di apparenti monoliti.
Pur ammettendo che il fondale in questione sia stato emerso in quel periodo il presunto manufatto è, anche per le sue caratteristiche morfologiche, non attribuibile ad opera umana. Sia la forma arcuata, sia la morfologia degli spigoli, sia il contesto escludono una sua attribuzione ad opera umana. Inoltre anche il foro descritto nel suddetto articolo come opera dell’uomo è del tutto naturale. Simili fori, ancorché molto regolari, sono comuni in molteplici formazioni rocciose e sono l’effetto di erosione naturale. Non è quindi corrispondente alla casistica quando gli Autori asseriscono che “non sono noti processi naturali capaci di creare tali fori”. Ad es., fori perfettamente cilindrici, lunghi anche oltre 5 m e di sezione compatibile con quelle mostrate, si rinvengono in gran numero lungo le coste del Mar Nero, su litologie simili a quella del “monolite” (ad es vedi Erginal, A.E., Kiyak, N.G., Ekinci, Y.L., Demirci, A., Ertek, T.A., Canel, T., 2013. Age, Composition and paleoenvironmental significance of a Late Pleistocene eolianite from the western Black Sea coast of Turkey. Quaternary International, 296: 168-175). Tali morfologie sono create dall’azione di piante capaci di dissolvere rocce calcaree, in ambiente subaereo e in presenza di acqua.
Pur ammettendo, in conclusione, che è probabile che in quella zona potessero essere presenti tracce della presenza umana in epoca preistorica non è questo il caso poiché le caratteristiche dell’oggetto e l’assenza di un contesto antropizzato plausibile di riferimento escludono la sua natura di manufatto. Al contrario confermano la sua naturalità.
Inoltre c’è da considerare il contesto geografico più generale entro cui tale presunta scoperta si collocherebbe. Chi conosce la preistoria maghrebina e siciliana sa che il megalitismo ebbe poca incidenza negli sviluppi culturali rispettivi. In Sicilia la religiosità dei popoli pre- e protostorici fu sempre legata all’ipogeismo che ha generato per millenni una ricca produzione architettonica rupestre costituita dall’evoluzione della tomba a grotticella scavata nella roccia nelle sua svariate forme ed articolazioni. L’unico episodio megalitico è da collegare con l’arrivo del popolo del Bicchiere Campaniforme dalla Sardegna che avviene sul finire del III millennio a.C., pertanto ben lungi dal mesolitico cui si riferirebbe il presunto “monolite” dello Stretto di Sicilia. Anche in Nord-Africa, nelle odierne Tunisia, Libia e Algeria il fenomeno megalitico è marginale e, comunque, tardo riferendosi al III, II ed addirittura I millennio a.C. Situazione diversa si verifica in Sardegna dove il fenomeno è molto diffuso, ma comunque risalente ad un epoca non anteriore al IV-III millennio a.C. Anche i confronti con la vicina Malta non reggono per una chiara contraddizione cronologica. La nascita del fenomeno megalitico maltese inizia nel IV millennio a.C., anche in questo caso ben lungi dal mesolitico.
Gli autori mettono in relazione il presunto “monolite” con il fantastico monumento megalitico di Gobekli tepe (Turchia sud orientale, provincia di Sanliurfa). In effetti la datazione del complesso megalitico di Gobekli tepe è pressoché contemporanea con quella del presunto “monolite” dello Stretto di Sicilia poiché collocabile intorno a 9500 anni a.C., pertanto addirittura precedente di oltre 2000 anni. Tuttavia è bene ribadire che il contesto geografico di riferimento è completamente diverso trovandoci già in alta Mesopotamia dove le dinamiche culturali sono state sempre completamente diverse da quelle mediterranee. E’ assolutamente errato metodologicamente, pertanto, confrontare dinamiche storiche lontane ed indipendenti per giustificare presunte presenze di manufatti assolutamente ingiustificabili nel loro corretto contesto geografico di riferimento.
Per quanto riguarda le datazioni al radiocarbonio‎ del presunto “monolite”, queste risultano chiaramente ai limiti del metodo. Inoltre gli Autori indicano dati già calibrati (tra 44 e 37 anni cal BP), sebbene nel testo riportino anni BP, creando confusione nel lettore. E´ prassi normale che la data al radiocarbonio, quando molto più antica dei limiti del metodo, dia questi risultati. A nostro parere sarebbe stato meglio effettuare datazioni sui gusci di conchiglia, sebbene si tratti di piccoli dettagli.
Sulla base della profondità alla quale è stato rinvenuto il frammento roccioso, in assenza di dati archeologici oggettivi, gli autori lo attribuiscono al periodo Mesolitico. Questi non si pongono il problema che il “monolite” possa essere di origine naturale e non effettuano alcuna considerazione sulla geomorfologia del sito e sulle variazioni di livello del mare in atto 9500 anni fa. Si deve tenere presente che le coste dei mari del nord (Danimarca, Olanda, Estonia, Svezia, Germania) presentano molti siti costieri di epoca mesolitica che si trovano oggi a profondità ‎comprese tra 5 e 3 metri, a causa dei movimenti isostatici dovuti al sollevamento della piattaforma continentale in seguito allo scioglimento della calotta glaciale che ha coperto interamente quei mari durante l´ultimo periodo glaciale (circa ventimila anni fa). Al contrario, il mare Mediterraneo non è oggetto di tali sollevamenti, ma di subsidenza causata dallo stesso fenomeno. Pertanto le paleolinee di riva Mesolitiche si trovano oggi sommerse tra 50 e 45 metri di profondità. Nel Mesolitico e per tutto il Neolitico (7 mila anni fa) il mare si sollevava per lo scioglimento dei ghiacci a velocità altissime: fino a 2, 3 metri al secolo, allagando rapidamente tutte le coste basse e impedendo di fatto insediamenti costieri stabili. E’ per questo motivo che nel Mediterraneo non sono stati ancora rinvenuti insediamenti Mesolitici costieri.
Infine, osservando la posizione geografica del “monolite” nello Stretto di Sicilia, come descritto dagli Autori nel lavoro, si nota come il sito indagato fosse una sorta di isolotto (in un´area che oggi raggiunge i -130 metri). Nel periodo Mesolitico era quindi separata dalla terraferma e, nel caso fossa stato antropizzato, doveva essere raggiungibile con imbarcazioni. Si ricorda che i primi eventi di navigazione nel mediterraneo vengono fatti risalire solo al successivo periodo neolitico. Sicuramente molti ponti continentali avvicinavano la Sicilia, la Sardegna ed altre grandi isole mediterranee al continente europeo ed africano, ma la rapidità con il quale il mare risaliva ed allagava le coste dovrebbe avere impedito la costituzione di siti costieri stabili.
Circa il fatto che possa esistere una debole differenziazione litologica tra la roccia costituente il “monolite” e quella costituente le aree prossimali, si può ragionevolmente ritenere che ciò rientri nella variabilità della composizione delle unità geologiche all’atto della loro formazione, come si può osservare in molte zone della terra.
Per quanto riguarda il computo sulla variazione del livello marino durante gli ultimi 10.000 anni, gli Autori citano correttamente i risultati della pubblicazione di Lambeck and Purcell (2005). Tuttavia valutano in maniera erronea gli effetti causati dalla tettonica verticale che può avere prodotto valori diversi di variazione locale di livello marino da quelli indicati da Lambeck and Purcell (2005), i quali non trattano questo effetto nei loro calcoli visto che il loro studio si concentra solamente sugli effetti conseguenti la deglaciazione seguente l’ultimo massimo glaciale (circa 20.000 anni fa).
Infatti gli Autori tentano di correggere le loro osservazioni batimetriche per i movimenti verticali della crosta terrestre per gli ultimi anni (citando Serpelloni et al., 2005). Si riferiscono alle conoscenze per aree lontane da quelle indagate (isole Egadi e Sicilia occidentale), non rappresentative dell’area in studio, la quale si trova in prossimità dell’isola di Pantelleria, caratterizzata da vulcanismo attivo. Quindi anche la datazione del “monolite”, fatta sulla base della posizione prevista dal modello di Lambeck and Purcell (2005), è approssimativa e quindi decade anche in mancanza di vere evidenze archeologiche.
In sintesi, dunque, molteplici considerazioni sia di ordine squisitamente geologico, sia intrinseche alle caratteristiche morfologiche dell’oggetto, sia inerenti il contesto immediato di giacitura, sia in riferimento al contesto cronologico e geografico più vasto, ci portano alla naturale conclusione che non trattasi di manufatto, bensì di prodotto naturale.
Purtroppo tale svista è dovuta al fatto che la ricerca cui fa riferimento il summenzionato articolo e le notizie stampa derivate sono state prodotte senza alcun riscontro da parte di specialisti del settore archeologico. Si auspica che in futuro siffatte interessanti e utili ricerche vengano effettuate con maggiore accuratezza scientifica in un’ottica di sano e indispensabile confronto tra specialisti dei settori disciplinari di riferimento.
Sebastiano Tusa Fabrizio Antonioli Marco Anzidei
Paletnologo geomorfologo Geofisico
Soprintendente del Mare Dirigente di Ricerca Primo Ricercatore
Regione Siciliana Enea INGV

 

ALTRE NOTIZIE

Mazara del Vallo – La Polizia di Stato arresta quarantaduenne marsalese per una rapina a una attività commerciale del centro storico mazarese.
Non conosce soluzione di continuità l’attività di contrasto alla criminalità condotta dagli age...
Leggi tutto
Lezioni di teatro online con la drammaturga Lina Prosa
Lezioni di teatro online
con la drammaturg...
Leggi tutto
Coronavirus, parte il Corso di psicoprofilassi al parto Online del Consultorio familiare di Alcamo
Sono nove le future mamme che hanno partecipato al primo incontro del Corso di psicoprofilassi al parto Online o...
Leggi tutto
Dopo la pandemia solo il 6% delle imprese tornerà senza smart working Digitalizzazione prioritaria per il 67%
Ricerca “Future of Work 2020” di Osservatorio Imprese Lavoro Inaz e Business International
Leggi tutto
IL SINALP INVITA I SICILIANI A DENUNCIARE IL FEDERALISMO DEI RICCHI
Questo Governo Nazionale continua imperterrito nella distruzione del Sud facendo propria, al contrario, la famosa ma...
Leggi tutto
Giornata internazionale delle persone con disabilità 2020
Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani vuole ricordare che il prossimo 3 dicem...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web