Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 13/06/2015 da REDAZIONE REGIONALE

ORDINE CONSULENTI DEL LAVORO DI PALERMO: IN SICILIA IL JOBS ACT DA SOLO NON BASTA

ORDINE
DATI INPS: GLI INCENTIVI DEL JOBS ACT NON POSSONO DA SOLI FUNZIONARE IN SICILIA, POCHE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO, BOOM DI QUELLE A TERMINE, E C’E’ UN PICCO DI CIG PER L’AGGRAVARSI DELLA CRISI
BARBARO: “CARENZE DI INFRASTRUTTURE E STRADE CHIUSE, NON SI PUO’ PRODURRE DI PIU’ NE’ FARE NUOVE ASSUNZIONI; MOLTE AZIENDE HANNO DOVUTO RINUNCIARE A COMMESSE E LE IMPRESE CHIEDONO CHE I SOLDI DEGLI SGRAVI CONTRIBUTIVI VADANO ALLE INFRASTRUTTURE E ALLA MANUTENZIONE DEL TERRITORIO; GOVERNI E PARTI SOCIALI CONDIVIDANO INTERVENTI STRUTTURALI SUL COSTO DEL LAVORO IN SICILIA”


Palermo, 13 giugno 2015 – 

“I dati Inps sull’occupazione confermano quanto avevamo percepito: in Sicilia gli incentivi del Jobs Act non possono funzionare da soli, perché la carenza delle infrastrutture, la continua chiusura di strade per frane, il crollo dei viadotti autostradali, le piogge che allagano zone industriali e fanno ribaltare i Tir, sono alcuni dei tanti elementi che impediscono di produrre di più, di prendere nuove commesse e, quindi, di assumere ulteriore personale. Per questo le imprese chiedono che gli sgravi contributivi del Jobs Act in Sicilia siano destinati alle infrastrutture e alla manutenzione del territorio e che il taglio del costo del lavoro avvenga solo tramite interventi strutturali sulle retribuzioni per favorire nuove assunzioni”.

Lo dichiara Vincenzo Barbaro, presidente dell’Ordine dei consulenti del lavoro di Palermo, anticipando uno dei temi del “Festival del lavoro” che il Consiglio dell’Ordine nazionale dei consulenti del lavoro terrà a Palermo dal 25 al 27 giugno prossimi.

I consulenti del lavoro chiedono ai governi nazionale e regionale e alle parti sociali, “nell’ambito delle previsioni di legge – spiega Barbaro – di aprire una discussione per una riduzione strutturale del costo del lavoro in Sicilia anche con interventi della contrattazione sulla parte retributiva facendo uso di una contrattazione collettiva territoriale per un determinato periodo. Purché – aggiunge Barbaro – a fianco del taglio delle buste paga si creino le condizioni per un aumento dell’occupazione e del reddito complessivo nei territori, attraverso investimenti sulle infrastrutture e sulla competitività che consentano alle aziende di produrre di più favorendo l’incremento del personale e un recupero di redditività nel tempo. In caso contrario, ridurre le retribuzioni senza sviluppo non farebbe che aggravare la povertà dei territori”.

I dati Inps parlano chiaro
Nel periodo gennaio-aprile 2015 la Sicilia - cioè la regione con la più alta disoccupazione d’Italia - è quella che, dopo Basilicata e Calabria, ha fatto meno nuove assunzioni a tempo indeterminato rispetto allo stesso periodo del 2014 (+3.719), sia perché ha meno contratti precari da convertire sia perché le condizioni strutturali non consentono di aumentare gli organici a lungo periodo. Infatti, mentre in quasi tutte le altre regioni c’è un calo, la Sicilia, sempre secondo i dati Inps, è fra quelle che invece nello stesso quadrimestre hanno fatto più contratti a termine (+5.945), più dell’Emilia Romagna; mentre nell’Isola crolla l’apprendistato (-527) perché, spiega Barbaro, “questo strumento, utilissimo per l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro, è stato ucciso dalle Regioni che hanno voluto mantenere sotto la propria competenza la formazione degli apprendisti, bloccando tutto”.

Altro indicatore preoccupante è l’aumento della cassa integrazione nel trimestre gennaio-marzo 2015 (fonte Inps Sicilia). Se quella in deroga è crollata, come nel resto d’Italia, passando da 5.121.594 a 146.877 (perché, essendo le imprese ancora in attesa dei pagamenti dell’intero 2014, quasi nessuna la richiede più), quella straordinaria, cui si fa ricorso negli stati di crisi, ha avuto un picco da 1.825.549 a 2.895.383 ore (oltre 1 milione di ore in più). Inoltre, la Cig ordinaria, che si utilizza per fermi stagionali o temporanei, ha avuto un calo di 580.254 ore (da 1.570.736 a 990.482) perché nel frattempo buona parte delle imprese ha chiuso battenti.

Le imprese costrette a rinunciare alle commesse
“Denunciamo – aggiunge Barbaro – che molte imprese medio-grandi della Sicilia orientale hanno dovuto rinunciare a commesse per clienti della Sicilia occidentale a causa della chiusura del viadotto Himera che ha allungato i tempi di percorrenza rendendo obbligatorio il doppio autista sul mezzo e un insostenibile raddoppio dei costi di consegna. Infatti, dopo alcune ore per legge occorre il cambio alla guida, ma sulla Messina-Palermo non ci sono aree di sosta dove servirebbero per effettuare il cambio, ma ci sono puntuali le pattuglie che elevano multe salatissime. Dopo le prime dolorose esperienze le imprese hanno rinunciato”.

“Ecco – incalza Barbaro – uno dei tanti esempi di come sia impossibile fare impresa in Sicilia, altro che aumento della produzione e internazionalizzazione! Qui le imprese, prima di investire sulla qualità e sull’innovazione del prodotto, devono inventare packaging che impediscano il deperimento delle merci a causa dei lunghissimi tempi di percorrenza dei mezzi di trasporto, anche sui sistemi intermodali”.

Dunque – conclude il presidente dei consulenti del lavoro di Palermo – le imprese siciliane non hanno bisogno di sgravi contributivi, anzi preferirebbero che queste risorse finanziarie venissero dirottate sulle infrastrutture e sulla manutenzione del territorio sempre più colpito dal dissesto idrogeologico. Il pubblico deve agire sulle condizioni di sviluppo, spetta alla contrattazione fra le parti condividere condizioni minime di trattamento dei lavoratori idonee a fare crescere una terra fin troppo impoverita da decenni di abbandono”.

Ufficio stampa: Michele Guccione

 

ALTRE NOTIZIE

Paceco, sospeso temporaneamente il servizio di raccolta dei rifiuti organici
A causa della chiusura degli impianti in Sicilia, da oggi è sospesa anche a Paceco la raccolta della frazione organica (umido). Abbiamo un ser...
Leggi tutto
Fatture non pagate da ArcelorMittal: al via presidio dei lavoratori
La situazione a Taranto è critica: in questo momento diversi mezzi pesanti si sono schierati davanti alle portineria dello stabilimento siderur...
Leggi tutto
La Sicilia di Titone e Sciascia 30 anni dopo Giornate di studi Castelvetrano, Liceo Classico “G. Pantaleo”, 23 novembre 2019, ore 16:30 Mazara del Vallo, Teatro “Garibaldi”, 7 dicembre 2019, ore 17:30
Trent’anni fa, nel 1989, ci lasciavano a distanza di pochi mesi due tra i più grandi pensatori italiani di Sicilia: Virgilio Titone e Leonardo ...
Leggi tutto
Blutec, domani a Palermo nuova convocazione del tavolo regionale sul´indotto. Mazzeo (Ugl metalmeccanici): "Centinaia di lavoratori abbandonati al loro destino, si trovi una soluzione"
“La proroga della cassa integrazione per i lavoratori della Blutec di Termini Imerese, ottenuta da poche settimane, è sicuramente un fatto posi...
Leggi tutto
Una delegazione del «Centro Studi Dino Grammatico» si recherà alla «Camera dei Deputati»
«Il prossimo 22 novembre 2019 una delegazione del «Centro Studi Dino Grammatico» si recherà a Roma, presso la...
Leggi tutto
Trapani: traditi da una t-shirt, la Polizia di Stato arresta tre rapinatori. Avevano assaltato la filiale della banca Credem, 65.000 euro il bottino
La Polizia di Stato di Trapani ha arrestato Francesco LO COCO, 29 anni, Pietro DI MARIANO, 26 anni, Gioacchino BUSCE...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web