Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 15/03/2015 da REDAZIONE REGIONALE

AZIONE CIVILE - ANTONIO INGROIA: DI MATTEO E L´ANTIMAFIA IN ITALIA

AZIONE
Nel Paese delle mafie e della corruzione, in cui ogni giorno emergono nuovi intrecci tra potere criminale e potere politico, il minimo che è lecito aspettarsi è che contro le mafie vengano valorizzati al meglio i magistrati più bravi e che contro la corruzione vengano approvate rapidamente leggi serie ed efficaci. In Italia, però, questo non succede.
In Italia succede invece che un magistrato come Nino Di Matteo, pm di punta nella lotta alla mafia, il più odiato da Cosa nostra tanto da essere stato condannato a morte da Totò Riina, veda la sua domanda di trasferimento alla Direzione nazionale antimafia bocciata dalla Terza Commissione del Csm, che gli ha preferito tre magistrati con curriculum oggettivamente inferiore e con minore anzianità professionale nella Direzione distrettuale antimafia. Nulla contro di loro, magistrati validissimi, sicuramente preparati e con esperienza, ma la domanda è: perché loro sì e Di Matteo no? Per Di Matteo del resto parla la sua storia, parlano i tanti anni trascorsi nelle Dda di Caltanissetta prima e di Palermo poi, parlano le inchieste sulla mafia, sulle stragi, sulla ‘trattativa’ che ne fanno uno dei magistrati con la più lunga esperienza nella lotta alla criminalità organizzata, parlano i progetti di attentati pianificati da chi per fermarlo lo vuole a tutti i costi morto. Argomenti che però non sono bastati a convincere il Csm, non ancora, almeno al momento in cui scrivo. Perché la speranza è che il plenum di Palazzo dei Marescialli riveda la decisione della Terza Commissione e riconosca a Di Matteo quell’avanzamento di carriera che si è meritato con il suo lavoro, sul campo.
Comunque vadano le cose, resta comunque il paradosso di una prima decisione incomprensibile, passata nel silenzio generale di istituzioni e media, spiegabile forse solo col timore che Di Matteo alla Dna avrebbe potuto dare ulteriore impulso alla ricerca della verità sulle stragi del 1992/93. Una decisione grave quanto l’isolamento di cui il pm che la mafia vuole morto è stato vittima in questi anni, giudicato ‘colpevole’, ormai è chiaro, di aver toccato con l’inchiesta sulla ‘trattativa’ fili scoperti, di aver osato indagare dove la politica non voleva. Evidentemente in tanti non vogliono che continui il suo lavoro a Palermo ma neppure che lo continui da Roma. E’ un copione ben noto, toccò anche a me quando chiesi la Procura nazionale antimafia invece della Procura di Aosta ed il Csm mi disse di no, ed ancora aspetto una pronuncia del Tar del Lazio contro quella ingiusta ed illegittima decisione. E, andando indietro nel tempo, è sin troppo facile tornare a quando a Giovanni Falcone fu negata la guida della Superprocura antimafia. Nessun paragone, ci mancherebbe. Solo la doverosa e amara denuncia di come spesso, troppo spesso, anche nella magistratura valgono più le regole della politica che non quelle del diritto. I precedenti sono tanti, troppi. Basti pensare alla legge “contra personam” approvata nel 2005 per escludere Gian Carlo Caselli dalla corsa a procuratore nazionale antimafia o, restando a tempi più recenti, alla nomina di Francesco Lo Voi a nuovo procuratore capo di Palermo laddove Sergio Lari e Guido Lo Forte avevano sicuramente più titoli. Insomma, nulla di nuovo. Purtroppo.
E nulla di nuovo nemmeno sul fronte anticorruzione, l’altra grave emergenza nazionale. Sono passati più di nove mesi da quando Matteo Renzi, sull’onda dello scandalo Expo e in piena campagna elettorale per le Europee, promise un Daspo a vita per i politici corrotti, ma da allora il governo ancora non ha partorito nulla di serio. Il ddl anticorruzione, che doveva arrivare in Aula al Senato la scorsa settimana, ha subìto l’ennesimo rinvio. Se ne riparlerà dal 17 marzo, con buona pace del decisionismo di Renzi, che evidentemente va veloce solo quando si tratta di cancellare i diritti dei lavoratori o smantellare la Costituzione. L’anticorruzione invece può attendere, anche se fuori dal Parlamento è un continuo fiorire di mazzette, di insospettabili – o presunti tali – beccati a incassare tangenti. Una scandalosa lentezza che indigna ma non sorprende, dal momento che è l’inevitabile conseguenza del continuo mercanteggiamento che c’è sulla giustizia all’interno di una maggioranza politica improbabile e ballerina, ostaggio di veti incrociati e solitamente in grado di procedere solo con accordi al ribasso. E’ chiaro, ma lo era sin dall’inizio, che su certi temi Ncd non ne vuole sapere e Renzi senza i voti di Ncd non può governare, per cui deve trattare, alla ricerca del compromesso. Lo si è visto alla Camera, dove la maggioranza si è spaccata sulla prescrizione, con Ncd salita sulle barricate contro la sia pur parziale abrogazione dell’ex Cirielli. E lo si è visto al Senato, con il rinvio di due settimane del ddl anticorruzione, con le nuove norme sul falso in bilancio, le nuove pene per i corrotti e l’associazione mafiosa. Un ddl che nella sua prima versione fu presentato dal presidente Grasso il 15 marzo del 2013, due anni fa. Da allora, di rinvio in rinvio, il provvedimento non è stato ancora approvato. Un continuo rimandare che si commenta da solo, una vergogna che ogni giorno diventa più grave. E mentre l’Italia onesta aspetta ormai esausta, se non rassegnata, che la maggioranza trovi una quadra, sperando che non arrivi la solita leggina inutile, corrotti e corruttori sentitamente ringraziano. Dopotutto se questo è l’andazzo hanno poco di che preoccuparsi.
Antonio Ingroia (www.lultimaribattuta.it)

 

ALTRE NOTIZIE

Il rispetto bipartisan tributato a Sebastiano Tusa dovrebbe farci riflettere sull´importanza della scelta degli uomini di governo
Pontrelli e Tantino(Diventerà Bellissima): Classe politica e società civile hanno pianto trasversalme...
Leggi tutto
Marsala: il Csr-Aias ospita oggi (sabato 19) e domenica 20 la 42ma mostra ornitologica. Domenica la premiazione dei
Il Centro di riabilitazione CSR-AIAS di Marsala ospiterà per la prima volta la Mostra Ornitologica Città di Marsala, evento sempre molt...
Leggi tutto
Leopolda10 ha fatto il pieno di idee progetti e partecipanti
Alla Leopolda tantissima gente  interessata; tanti i curiosi, per capire cosa sta succedendo e tanti sono rimasti fuori per ragioni di sicurezza, per ...
Leggi tutto
Coordinamento Consulta del Sud, da Roma cominciano i lavori, Magistro (Sicilia): “Mai accaduto che tutti i giovani del Mezzogiorno si unissero, seguiranno incontri al Senato, Camera e Ministeri”
Si è conclusa giovedì la tre giorni di lavori inaugurali del Coordinamento della Consulta del Sud, il nuovo organo interregionale e apar...
Leggi tutto
Corteo studenti sulle Madonie per le ZFM, “Vogliamo restare qui”
Sicilia: corteo studenti sulle Madonie per le ZFM, “Vogliamo restare qui”
Leggi tutto
Un mare di Svizzera 2
Un anno addietro Un Mare di Svizzera aveva acce...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web