Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 27/02/2015 da REDAZIONE REGIONALE

VESCOVO DI TRAPANI - RIFLESSIONI PER LA QUARESIMA: LA SUPERBIA

VESCOVO
La giustizia “eccessiva” di Gesù. No alla fraternità calpestata dall’ira e da parole offensive
L’invidia è “assassina” e porta alla morte morale dei fratelli

“In quale situazione usiamo la parola “eccessivo”? in un negozio o al mercato, quando la merce ha un prezzo eccessivo; a scuola o allo stadio quando una punizione è giudicata eccessiva; in famiglia quando una reazione dei genitori o dei figli supera la giusta misura. Orbene proprio l’inizio del vangelo di oggi contiene il termine “eccessivo” in una frase del discorso della montagna. Gesù, rivolto ai suoi discepoli, dice: La vostra giustizia deve superare di molto quella degli scribi e dei farisei. Deve essere “eccessiva”. Solo così entrerete nel regno dei cieli (cfr. Mt 5,20). Il comportamento dei discepoli di Gesù deve essere diverso: non si deve limitare a conoscere e a eseguire la legge; la giustizia cristiana deve eccedere i limiti della legge. Il modello per i cristiani è il Padre celeste: il suo amore eccede sempre i meriti dei figli e si riversa su di loro sotto forma di misericordia e di perdono. La sua è una giustizia che salva gratuitamente. Perciò possiamo dire che i figli che il Padre riconosce come fratelli di Gesù devono imparare una giustizia diversa, “eccessiva”, mossa da un amore “senza misura”...Gesù sconvolge il metro di misura. ...Gesù conferma che non si deve uccidere, ma specifica: non solo con la spada, ma neanche con sentimenti d’ira o con parole offensive. Per Gesù finisce in giudizio non solo chi uccide, ma anche chi si adira o dà del pazzo e dello stupido al fratello. Gesù prevede un’escalation di giudizio sempre più grave per dire e rafforzare un unico pensiero:
no all’uccisione morale dei fratelli;
no ai sentimenti che minano la credibilità del fratello e tendono a provocarne la morte sociale;
no ai sentimenti che portano all’uccisione interna dell’altro: ira, disprezzo, rottura interiore della fraternità;
no all’invidia, che – come scrive p. Cucci - “forse ancor più degli altri vizi, è assassina e tramette morte”, perché “non tende ad alcun oggetto in cui il cuore possa trovare riposo; suo unico motore è vedere il rivale rovinato, a qualunque prezzo”.
Qualunque atto religioso diventa autentico, credibile, se prima ci riconciliamo con i fratelli. Il Padre gradisce gesti che vengono da cuori riconciliati, che praticano o ristabiliscono la giustizia nei rapporti umani. Non possiamo dire “Padre nostro” se prima non diciamo “fratello mio” all’altro in modo autentico. Non possiamo offrire all’altare qualcosa che abbiamo sottratto al fratello con paga ingiusta o con estorsioni di qualunque tipo. L’ha ricordato di recente anche papa Francesco.
In secondo luogo il Vangelo di oggi invita a superare, nei rapporti umani, le situazioni di contesa: bisogna uscire da ogni fase di scontro. Prima di arrivare dal giudice, prima di rischiare una condanna, è buona norma, anzi è conveniente cercare l’accordo, riconoscendo nell’altro un fratello, prima che un contendente. Arrivare in tribunale significa esporsi ad essere spogliati di ogni risparmio, di tutto. L’accordo con l’avversario libera da ogni forma di prigione, fisica e psicologica. Ancora una volta è la “giustizia eccessiva” dei discepoli di Gesù a manifestarsi....
Papa Francesco denuncia le invidie e le gelosie che esistono dappertutto, nel quartiere e sul posto di lavoro, anche tra i cristiani. Attenzione alla tentazione dell’invidia! Siamo sulla stessa barca e andiamo verso lo stesso porto! Chiediamo la grazia di rallegrarci dei frutti degli altri, che sono di tutti” (EG, 98-99).
In questo modo elimineremo i frutti negativi dell’invidia che sono – come insegna san Basilio - l’infelicità e la depressione, l’aumento della cattiveria e della falsità, l’incapacità di riconoscere il bene ricevuto. “Nella prospettiva cristiana Dio è eminentemente inclusivo: se Dio che è carità esiste, non posso volerlo per me senza volerlo per tutti” (Lucio Lombardi Vallauri). Ecco la giustizia “eccessiva”!


Commenti
28/02/2015 - confermo e un bravo vescovo discors bellissimo e giustissimo ma in me i dubbi su alcuni vescovi e sopratutto cardinali rimangono la storia presente e passata parla chiaro e poi non si parla quasi mai di fare del bene no no proprio non ci siamo parlare pregare fa benissimo ma non basta la chisa ad alti livelli deve rinunziare lo dice il nostro amatissimo papa con i fatti vita semplice e opere di bene e chiese aperte (roberto)

 

ALTRE NOTIZIE

Evade dagli arresti domiciliari sorpreso da un Carabiniere libero dal servizio
Nella nottata del 21 ottobre 2019, i Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Mazara del Vallo, hanno arrestato V.G., 25 enne per l’ip...
Leggi tutto
Patti chiari e contratti concordati. Depositati i nuovi Accordi sulle locazioni
Le Associazioni dei proprietari e degli inquilini, ASPPI – UPPI – CASAMIA – ANIA, a seguito dell´emanazione del Decr...
Leggi tutto
“Fabio Lo Coco fragrance” al Giardinolfattivo
Sabato 18 ottobre 2019 Fabio Lo Coco ha presentato presso GIARDINOLFATTIVO in via XII gennaio 4/a  le sue f...
Leggi tutto
“I COLORI DEGLI ARTISTI A COMISO PER LA LEGALITA’ E UN MONDO MIGLIORE”
STRAORDINARIA AFFLUENZA DI PUBBLICO
Leggi tutto
Sicilia in prima linea contro l’epatite C: necessario identificare i portatori non consapevoli
Sicilia in prima linea contro l’epatite C:
necessario identificare i ...
Leggi tutto
Pizza solidale
Si terrà a Marsala, il prossimo lunedì 4 novembre, alle ore 20.30, l´in...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web