Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Sport il 22/10/2014 da redazione

PALLACANESTRO TRAPANI - Nuovi volti granata, ecco Giangiacomo De Vincenzo

PALLACANESTRO
Buongiorno, Giangiacomo. Come va? Parlaci di questo momento della squadra e della tua permanenza trapanese.
“Benissimo, grazie. Devo dire che, nonostante i problemi legati al noto provvedimento disciplinare subito, la squadra non ha mai perso serenità e ci stiamo allenando bene e con regolarità. Dal punto di vista personale, sono felice di essere qui e non ho nulla da recriminare a me stesso n´ a nessuno. Voglio stare attivo mentalmente, per farmi trovare pronto ad ogni occasione che mi capiterà”.
Giangiacomo, soprannominato “JJ” e da quest’anno “Prestigiatore”. Vieni da Campobasso, in Molise: una regione piccola, ma affascinante. Che rapporto hai con la tua terra?
“Sono felice di ricevere questa domanda, perch´ è un argomento a me caro. Io amo la mia terra: è una regione piccola, ma accogliente. Non ci manca nulla. Il Molise è un microcosmo nel quale dando rispetto al prossimo si ottiene rispetto: al di là delle bellezze naturali, tra il mare e la montagna, è proprio l’atmosfera che mi incanta. Vengo da un minuscolo paese in altura, Pescopennataro, che è una vera perla. Mi manca molto casa mia, ma a Trapani si sta altrettanto bene, a parte il caldo incredibile (sorride, ndr)”.
L’anno scorso hai giocato a Lanciano, in DNB: com’è stata questa esperienza?
“La scorsa per me è stata un’annata meravigliosa, sotto tutti i punti di vista. La mia squadra ha disputato un grande campionato, pur partendo con semplici ambizioni di salvezza, al termine del quale abbiamo perso solo in semifinale playoff contro Scafati, che poi ha conquistato la promozione. Io, dal canto mio, ho giocato tanto e sento di aver aiutato la squadra. Nel frattempo, nel corso dei mesi a Lanciano si è creata quella che consideravo quasi una seconda famiglia, con una squadra e degli amici che mi restano tuttora vicino. Anche sotto il profilo umano è stata una stagione indimenticabile”.
Di te sappiamo anche che hai fatto parte della Nazionale Italiana di Streetball: sei giovane ma hai già tantissimo da raccontare…
“Effettivamente è così e ne vado fiero. In questa storia, però, ci sono capitato senza volerlo: un giorno, mentre ero a casa, mi è arrivata una telefonata completamente dal nulla e tutto è iniziato. Non ho mai capito come io sia stato selezionato. Quello che so è che indossare la maglia azzurra fa un effetto pazzesco, e in più le tappe alle quali ho partecipato mi hanno permesso di conoscere un sacco di persone. Ho realizzato come il 3 contro 3 sia uno sport a parte, con regole e dinamiche tutte sue. Abbastanza adatto a me, a dire il vero, ma è stato bello proprio perch´ è iniziata e finita così, in un baleno. Adesso mi voglio e devo concentrare su altro”.
Su Trapani, immaginiamo. E appunto, come vivi il tuo ruolo in questo primo scorcio di stagione?
“Devo difendere. Ogni aspetto connesso al mio minutaggio, al mio apporto alla squadra e al mio ruolo è legato a questo. A tutti piace di più far canestro, a me ancora di più (ride, ndr), ma il coach mi chiede giustamente di curare l’atteggiamento nella nostra metà campo. Inoltre, sono felice di essere a Trapani perch´ in età di settore giovanile non mi è mai capitato di essere aggregato ad una serie A o di fare gavetta in una squadra professionista di un certo livello. Questa è la mia grande occasione per compiere un salto di qualità. Sapevo a cosa sarei andato incontro e non ho rimpianti sulla mia scelta: Trapani è il posto giusto dove crescere e imparare”.
Hai ancora vent´anni e quindi possiamo permetterci di chiedertelo. Domanda aperta: che cosa vuoi fare da grande?
“Beh, innanzitutto farò di tutto per fare il professionista. Non so ancora a che livello, ma credo che impegnandomi, e con un po’ di fortuna, ce la posso fare. E poi io senza basket proprio non so stare. La mia famiglia ha un’attività funzionante, ma io ho scelto di provarci ugualmente con lo sport che amo, perch´ sentivo che altrimenti non sarei stato felice. Anche quando smetterò di giocare, farò di tutto per restare nel settore, in qualsiasi modo”.
Siamo ai saluti. Ne hai qualcuno di particolare?
“A dire il vero, sì. Vorrei salutare e ringraziare i miei amici e tutti coloro che ho conosciuto negli anni e che mi incoraggiano continuamente, da quando sono arrivato a Trapani. Mi fanno percepire il loro supporto morale e per il momento francamente sento ancora che mi serve. Sulla squadra, invece, sono scaramantico e preferisco non fare pronostici. Posso solo dire che siamo forti e che ci divertiremo insieme”.
Grande carattere, JJ. Sarà un piacere vederti crescere con noi. Alla fine, ne siamo certi, ricambierai, contribuendo anche tu a far crescere noi.
Fabio Tartamella – Ufficio Stampa Pallacanestro Trapani

 

ALTRE NOTIZIE

Curiosità, misteri e maledizioni: quello che non sai sulla roulette
Vincite record, credenze popolari e misteri
Spesso dietro a quello ch...
Leggi tutto
100 STUDENTESSE PER IL FUTURO DEL SUD ITALIA
100 STUDENTESSE PER IL FUTURO 
DEL SUD ITALIA
GIORNO DELLA MEMORIA 2021: Cori partecipa alla diretta streaming da Auschwitz
Quest´anno, a causa della pandemia, non potrà aver luogo la tradizionale visita istituzionale dell´Amministrazione Comunale alla ge...
Leggi tutto
ALCAMO: 45° ANNIVERSARIO DELLA STRAGE DI ALCAMO MARINA
L’Arma dei Carabinieri, anche quest’anno in cui ricorre il 45° anniversario in ricordo dell’Appuntato Salvatore F...
Leggi tutto
Giornata della memoria 2021
Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani in occasione della Giornata dell...
Leggi tutto
On. Assenza: "Approvare il ddl anti cyber bullismo è priorità"
Assenza: "Approvare il ddl anti cyber bullismo è priorità" Sulla stessa linea il Garante per l´infanzia, D´andrea, e la refe...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web