Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 22/10/2014 da redazione

Gaspare Barraco: RENZI VUOLE ROTTAMARE L’ART.18, NON AVENDO ROTTAMATO NULLA!

Gaspare
RENZI VUOLE ROTTAMARE L’ART.18, NON AVENDO ROTTAMATO NULLA! DOPO LA "SCALA MOBILE" CAPITERA´ PURE IL "DE CUIUS MORTE AGITUR" PER LA PROTEZIONE DALLA MINACCIA DI LICENZIAMENTI SENZA REGOLE? LEGGIAMO L’ART.30 DELLA CARTA EUROPEA. IL 25 OTTOBRE A ROMA DI NUOVO 3 MILIONI?
Il grande Enzo Biagi diceva: “ Il bello della democrazia è proprio questo, tutti possono parlare, ma non occorre ascoltare”. Dopo tanta cattiva informazione sull’ art.18 dello Statuto dei lavoratori, ovvero della legge 20 maggio 1970, n.300, che interessa circa 6,5 milioni di lavoratori,occorre riportare e commentare le norme italiane adesso in vigore. Intanto, direi, che ogni lavoratore debba conoscere lo Statuto dei lavoratori. Lo Statuto è composto da n.VI titoli:I Libertà e dignità del lavoratore;II Libertà sindacale;III Attività sindacale;IV Disposizione verie e generali;V Norme sul collocamento;VI Disposizioni finali e penali. L’art.18 riguarda la reintegrazione nel posto di lavoro, dopo il licenziamento senza giusta causa o giustificato motivo, con sentenza giudiziaria. Il giudice con sentenza ordina il datore di lavoro a reintegrare il lavoratore nel posto di lavoro. Tale disposizione si applica ai datori di lavoro che hanno più di quindici dipendenti e alle imprese agricole con più di cinque dipendenti. Inoltre il giudice condanna il datore di lavoro al risarcimento del danno subito dal lavoratore per il licenziamento di cui sia stata accertata l’inefficacia o l’ invalidità. La “piangente” Fornero con Monti, modificarono l’art.18 con la legge 28 giugno 2012, n.92. In questo nuovo art.18 si legge: “Il giudice, con la sentenza con la quale dichiara la nullità del licenziamento perch´ discriminatorio, ordina al datore di lavoro, la reintegrazione del lavoratore nel posto di lavoro, indipendentemente dal motivo formalmente addotto e quale che sia il numero dei dipendenti. La presente disposizione si applica anche ai dirigenti. Il giudice, nelle ipotesi in cui accerta che non ricorrono gli estremi del giustificato motivo soggettivo o della giusta causa addotti dal datore di lavoro, per insussistenza del fatto contestato ovvero perch´ il fatto rientra tra le condotte punibili con una sanzione conservativa sulla base delle previsioni dei contratti collettivi ovvero dei codici disciplinari applicabili, annulla il licenziamento e condanna il datore di lavoro alla reintegrazione nel posto di lavoro”. Però, esiste pure il licenziamento per giustificato motivo, per giusta causa, ai sensi dell’ art.2119 del Codice civile. Il datore di lavoro può licenziare per motivazioni economiche, quando vi sono ragioni oggettive che legittimano il ricorso alla riduzione del personale. Queste ragioni vengono definite: giustificato motivo oggettivo. Questa ipotesi si verifica quando per oggettive ragioni di riorganizzazione aziendale, il datore di lavoro è costretto a privarsi di alcuni tra i suoi dipendenti che non può utilmente reimpiegare in altri comparti della sua attività. Nella riorganizzazione la figura professionale licenziata non è più utile all’ interno dell’ azienda. Diversamente l’imprenditore ha l’obbligo di ricollocare il lavoratore in un’altra posizione: obbligo di ripescaggio. Il licenziamento motivato da determinate esigenze relative ad una riorganizzazione aziendale deve essere un motivo oggettivo e non un atto arbitrario del datore di lavoro. Si può licenziare per chiusura dell’ attività produttiva, crisi aziendale, innovazioni tecnologici, modifica cicli produttivi, soppressione di reparti, introduzione di nuovi macchinari. Cari italiani ritenete necessario abrogare queste norme per licenziamenti indiscriminati che faranno perdere la dignità ai lavoratori? Se qualche anno addietro, B.ni subì una manifestazione a Roma di tre milioni di lavoratori contro l’attacco all’ art.18, Renzi quanti lavoratori farà arrivare a Roma il 25 ottobre 2014 nella manifestazione organizzata dalla CGIL? L´Uil e la Cisl si sono accodati a Renzi.Il bello è che le aziende stanno alla finestra. La cancellazione dell´ art.18 interessa solo Renzi e B.ni. La loro forza è basata sull´ignoranza di tanti italiani sull´ art.18. Ignoranza che fece togliere, con referendum, la "Scala mobile" che avrebbe difeso il potere d´acquisto degli stipendi, su proposta di Bettino Craxi, che invitò ad andare al mare e non a votare. Renzi sta facendo pentire i suoi elettori, andando a ruota di B.ni, dopo averlo resuscitato. A "Striscia la notizia": Renzi dedica la cancellazione dell´ art.18 a B.ni. Vauro a " Servizio pubblico": Renzi- scout per accendere il fuoco non usa i legnetti, bensì l´art.18.Secondo voi quest’articolo 18 blocca gli investimenti esteri in Italia, come dice Renzi? Caro Renzi, fino a che in alcuni stati si può produrre non rispettando l’ambiente, che ha un costo notevole, e si potranno avere lavoratori senza diritti e pagandoli con 40 euro la settimanali, per 15 ore lavorative al giorno, potrà mai essere conveniente produrre in Italia? Se le ditte italiane scappano all’estero è per l’art.18? Caro Renzi, se vuoi essere utile all’ Italia: fai rispettare il made in Italy, non permettere che ditte italiane producano all’estero. Una ditta italiana che produce all’estero non deve avere un nome italiano e non deve avere nei meandri più nascosti il made in PRC ( People’s Repubblic of China) o di altre nazioni malfamate e senza diritti. Il prodotto deve essere o tutto italiano o tutto straniero nei fatti e nel nome. I prodotti italiani dell’ agricoltura non devono avere adulterazioni, sofisticazioni o contraffazione, ovvero frodi alimentari. Questo vale anche per le carni e i pesci. Se compro italiano è al 100% prodotto italiano. Renzi questa è rivoluzione e rottamazione. Renzi, la tua rottamazione si riferiva all’ art18? Leggiamo tutti la Carta Europea dei diritti fondamentali, firmata a Roma il 29.10.2004. L’articolo 30 - Tutela in caso di licenziamento ingiustificato-. L’articolo 30 recita:” Ogni lavoratore ha il diritto alla tutela contro ogni licenziamento
ingiustificato, conformemente al diritto comunitario e alle legislazioni e
prassi nazionali". Quando vi fu quella firma Romano Prodi era presidente della Commissione Europea (1999-2004). Il 29.10.2004 vi era Prodi. L´incarico di Romano è durato fino al 31.10.2004. Prodi, ti vogliamo al Quirinale anche a dispetto dei 101 traditori del Pd, che non lo vollero, solo nella codardia del voto segreto. Il 25 ottobre a Roma ci saranno di nuovo i tre milioni (ricordate?) di inc…ti per la difesa dell’ art.18?
Marsala lì 19.10.14 Cav.ing.Gaspare Barraco
Nella foto Gaspare Barraco

 

ALTRE NOTIZIE

in tutta sicurezza per il Cous Cous Fest, in programma a San Vito Lo Capo dal 18 al 27 settembre
Si lavora ad un´edizione in tutta sicurezza per il Cous Cous Fest, in programma a San Vito Lo Capo dal 18 al 27 settembre prossimi. L´ordi...
Leggi tutto
ALCAMO. I CARABINIERI DENUNCIANO L’AUTORE DI UN FURTO IN APPARTAMENTO
I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Alcamo, nel corso di un servizio di controllo del territorio, hanno deferito in stato di li...
Leggi tutto
Partanna, test sierologico gratuito per chi proviene da altre regioni o dall’estero
Un test sierologico gratuito per tutti coloro che dal 29 maggio scorso sono arrivati e per coloro che nei prossimi giorni giungeranno nella cittadina ...
Leggi tutto
Scuole: A Napoli Il Nuovo Bianchi diventa una scuola cardioprotetta
Il Nuovo Bianchi ( www.ilnuovobianchi.it )...
Leggi tutto
In che modo l´eco dei grandi del passato ha contribuito a determinare la nostra eredità contemporanea ?
Due eccellenze a confronto Alberto Sughi e Albrecht Dürer
Leggi tutto
Palermo, Lotta all’Aids: oggi la Legge 135 compie 30 anni. In Sicilia già dallo scorso gennaio raggiunto l’importante traguardo di costituzione della Commissione regionale AIDS
Nel giorno in cui la legge n. 135 del 5 Giugno 1990Piano degli interventi urgenti in materia di prevenzi...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web