Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Nera il 09/09/2020 da Rossana Battaglia

Cordoglio per la morte del giovane Willy Monteiro Duarte

Cordoglio
Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani esprime profondo dolore per la morte del giovane Willy Monteiro Duarte, il ragazzo di Colleferro, provincia di Roma, pestato brutalmente fino alla morte da un branco feroce di cinque giovani.
Willy, il ventunenne aiuto cuoco originario di Capoverde con la passione del calcio, è stato oggetto di una aggressione violenta e brutale che l’ha trascinato alla morte. La sua unica colpa è stata quella di difendere un amico coinvolto in una rissa. Un nobile gesto da parte di un ragazzo pulito che la pace l’aveva disegnata sulla faccia, che i feroci teppisti non hanno gradito e hanno visto come un’offesa da riparare. E così in quattro - forse in cinque, le indagini parlano di un quinto ragazzo - si sono scagliati sull’esile corpo di Willy e, a turno, l’hanno massacrato con calci e pugni fino a farlo agonizzare, fino ad ucciderlo per poi lasciarlo per strada e continuare la movida.
Colleferro è piombata nel dolore insieme a tutta l’Italia. Nessuno si capacita di un gesto così bestiale e ingiustificato. I giornali hanno scritto di tutto in queste ore, e hanno consegnato al Paese tante notizie per permettere a un popolo sgomento di capire quanto possa essere marcata la miseria umana che trasforma un giovane in un mostro e che lo porta ad uccidere senza pietà. 
I quattro ragazzi arrestati per omicidio pare che fossero molto conosciuti in zona dove seminavano terrore con spedizioni punitive e violenza gratuita ed erano già noti anche alle forze dell’ordine. Adoratori di Mixed Martial Art (MMA) una mescolanza di boxe e arti marziali, della armi, del Padrino, di Gomorra, della bella vita e coinvolti troppe volte in risse e scontri, svolgevano certamente una vita lontana anni luce da quella di Willy, che lavorava sodo per aiutare la sua famiglia, ma non smetteva di sognare in grande, perché sperava che la sua passione per il calcio potesse portarlo a indossare la maglia giallorossa di quella Roma che amava smisuratamente. Willy era la mela sana alla quale non basta il coraggio per trasformare e redimere quelle marce. Lui ci ha provato però, e ha dimostrato che essere uomini significa chiedere la pace anche quando sei esile e di fronte a te ci sono cinque montagne di muscoli votate alla violenza. Del resto, occorre la forza bruta per chiedere la fine dei dissidi? Avrà pensato questo, forse, il povero Willy. Ma il giovane aiuto cuoco nulla ha potuto contro la legge bruta del più forte, quella che prevarica, minaccia, offende e non sente ragioni e non sente il cuore. E non sente neppure la legge di quello sport che t’insegna a tirare calci e pugni, ma in un ring, in palestra, non per strada per far male. Bastavano anche meno colpi allo stomaco e alla testa per ucciderlo, ma la ferocia dei cinque criminali ha scelto il rituale macabro del peggior massacro, quello che ti trascina all’agonia lenta prima della fine. La fine è giunta in mezz’ora, dopo tanti, troppi calci allo stomaco e pugni alla testa. 
Qualcuno ha scritto che la vittima è morta perché si trovava al posto sbagliato e al momento sbagliato. Willy è morto perché voleva portare la pace e la pace non può avere il luogo preciso e il momento adatto. In quel posto e in quel momento il suo amico veniva pestato da un branco feroce, e lui non si è voltato dall’altra parte, ma ha pagato il prezzo che spesso pagano i giusti.
Il CNDDU è vicino alla famiglia Monteiro Duarte che abbraccia con affetto, sostiene e le cammina accanto nella richiesta di giustizia perché non debba passare il messaggio secondo il quale compiendo il proprio dovere ci si consegna alla morte. È incettabile la morte per altruismo, la morte di chi sta facendo il bene di sé stesso, del prossimo e dell’intera comunità. Pertanto chiediamo a piena voce che venga fatta giustizia. 
Noi continueremo nella nostra opera di formazione, continueremo a credere che dobbiamo prenderci le responsabilità dei figli e dei cittadini che consegniamo alla vita. 
In questa brutta storia dobbiamo trovare anche la forza di trarre insegnamento da un giovane che ha provato a migliorare questo mondo, ma era solo una voce divorata dalle urla. Non fermiamo questa voce giusta. Non lasciamo che le urla della prepotenza mettano a tacere per sempre altri Willy!

 

ALTRE NOTIZIE

Chiesa e arte contemporanea. Reinhard Zich al museo

Leggi tutto

Che cos´è il Codice POD dell´Energia Elettrica?
Cos´è il codice POD
Trapani: Non si arrende alla fine della relazione e perseguita la sua ex, 50 enne finisce in manette per stalking
Nei giorni scorsi, gli Agenti della Squadra Volante dell’U.P.G.S.P. di Trapani, hanno tratto in arresto un cittadino italiano di cinquanta anni che ne...
Leggi tutto
Nasconde droga nei calzini: trentaseienne arrestato dalla Polizia di Stato
Celava dosi di marijuana nei calzini, il pusher arrestato sabato pomeriggio dagli uomini della Squadra Mobile della Questura di Trapani. L’uomo, un t...
Leggi tutto
TRAPANI. ERA IN POSSESSO DI 460 GRAMMI DI COCAINA PURA: ARRESTATO DAI CARABINIERI
I Carabinieri della Stazione di Trapani – Borgo Annunziata, nel corso di un mirato servizio finalizzato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefa...
Leggi tutto
progetti di inclusione sociale - riguardanti la realizzazione del “Dopo di Noi"
Con le deliberazioni di giunta e la presentazione il 15 ottobre u.s. dei due progetti di inclusione sociale - riguardanti la realizzazione del “Dopo ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web