Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 26/03/2020 da Direttore

evitiamo di esporre cittadini e agenti di pubblica sicurezza al contagio da coronavirus durante i controlli

evitiamo
Mentre nel Regno Unito, negli Usa o in Israele gli agenti limitano gli assembramenti di cittadini invitandoli con l´altoparlante a rientrare a casa o a tenersi a distanza di sicurezza, in Italia i tutori dell´ordine effettuano centinaia di migliaia di controlli, chiedendo le autocertificazioni compilate e intrattenendosi per diversi minuti con le persone sottoposte a verifica. Con un appello rivolto al primo ministro Giuseppe Conte, al Ministro dell´Interno Luciana Lamorgese e al Ministro della Salute Roberto Speranza, EveryOne Group esprime la più sentita preoccupazione sia per la salute degli agenti che per quella dei cittadini, per una serie di motivi. "La prima ragione," spiega Roberto Malini, co-presidente dell´organizzazoone umanitaria, "è la distanza di sicurezza indicata in Italia, che è di un solo metro. Secondo i virologi, la distanza minima per evitare il contagio è di 1,82 metri, che spesso viene aumentata a due metri (per esempio in Israele) perché, soffermandosi a comunicare, le persone tendono a compiere movimenti oscillatori e piccoli passi, che riducono tale distanza. Non a caso, abbiamo visto personaggi delle istituzioni, spesso impegnati proprio nelle misure di prevenzione, contrarre il virus, nonostante seguissero le stesse prescrizioni diffuse presso la cittadinanza. Costretti a controlli a tappeto, è evidente come i tutori dell´ordine non possano mantenere sempre una distanza realmente sicura, correndo un gravissimo rischio che è reciproco rispetto al cittadino controllato".

Molti cittadini sono convinti che gli agenti siano sottoposti a continui test a mezzo degli appositi tamponi o che i presìdi che adottano siano ad alto grado di sicurezza. "Questo non corrisponde alla realtà, "prosegue Malini, "e in effetti non siamo in grado di stimare quanti agenti siano contagiati e quindi potenziali diffusori del virus. Anche nel caso indossassero in modo corretto la mascherina chirurgica, essa non è in grado di evitare al 100% il contagio; non parliamo poi del rischio di trasmissione se essa è indossata in modo non perfetto! In Italia abbiamo avuto numerosi casi di contagio riguardanti poliziotti (riferiti anche dalla stampa nazionale), che in alcune occasioni hanno poi trasmesso il coronavirus ai familiari. Purtroppo, non essendo gli agenti soggetti a controlli a tappeto, non abbiamo la minima idea di quanti, fra di loro, possano essere veicolo del COVID-19. Dopo un primo controllo, a New York ben duecento poliziotti sono risultati positivi al tampone ed è solo la punta dell´iceberg. Gli agenti a volte non indossano mascherine chirurgiche, condividono le auto, toccano oggetti non sempre disinfettati correttamente, fra cui le autocertificazioni. Metterli a contatto ravvicinato con i cittadini può risultare estrememente pericoloso, tanto più che ogni agente interagisce con centinaia di persone, su tutto il territorio nazionale. Ecco perché riteniamo che le norme, formulate probabilmente in un clima di emergenza e non pensate a sufficienza, andrebbero modificate tempestivamente, interrompendo la ´caccia all´uomo´ nei confronti di chi corre o fa una camminata per mantenere un buono stato di salute (cosa che fra l´altro l´Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia vivamente anche in questo periodo, purché si tengano le distanze di sicurezza). Molto più opportuno, invece, avvisare i cittadini che violino evidentemente le disposizioni, con un altoparlante, di mantenere la distanza di sicurezza e ´tornare a casa´ nei casi più gravi. Sono auspicabili anche procedure di disinfezione nelle sedi delle forze dell´ordine, sui loro mezzi di trasporto e la massima attenzione alle distanze fra agenti in servizio, nonché l´adozione di presidi di protezione massimamente efficaci, da non rimuovere e da indossare correttamente, cosa che non sempre avviene. Sarebbe ormai opportuno rendersi conto di come il contagio avvenga soprattutto attraverso contatti che ci paiono rassicuranti e non pericolosi. O in strutture ospedaliere non fornite di presidi anti-contagio e procedure di disinfezione adeguate. Oppure sui mezzi pubblici e negli altri spazi comuni cittadini non correttamente e costantemente disinfettati, così come nei luoghi di lavoro in cui non si seguono rigorose procedure".

 

ALTRE NOTIZIE

TRAPANI. CONTROLLO DEL TERRITORIO: I CARABINIERI ARRESTANO UNA PERSONE E NE DENUNCIANO ALTRE DUE
Negli ultimi giorni, i Carabinieri della Compagnia di Trapani hanno tratto in arresto un uomo e deferito in stato di libertà altri due soggetti...
Leggi tutto
MARSALA: EVADE DAGLI ARRESTI DOMICILIARI A CATANIA E RAPINA UN DISTRIBUTORE DI CARBURANTI IN CONTRADA STRASATTI. DUE ARRESTI DEI CARABINIERI
Alle prime ore dell’alba, i Carabinieri della Compagnia di Marsala hanno dato esecuzione a due misure cautelari di natura custodiale, emesse dal Giudi...
Leggi tutto
LNDC e Prolife insieme per l’adozione consapevole
Via libera alle adozioni dopo il fermo di oltre due mesi. Parte la campagna di sensibilizzazione che sancisce la ...
Leggi tutto
Human Signs di Yuval Avital Opera partecipativa globale online di danza e voce
In collaborazione con
Dal museo virtuale al museo reale - Neapoli´s Culture Forum
Nasce l’hub culturale
BILLBOARD #Forthemusic - l´iniziativa a sostegno di artisti e professionisti della filiera musicale in difficoltà
BILLBOARD ITALIA IN COLLABORAZIONE CON MOTOROLA DÀ VITA AD UN’INIZIATIVA CHARITY PER SOSTENERE IL DELICATO MOMENTO...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web