Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 20/01/2020 da Cinzia Testa

Una mostra fotografica di Tiziana Catania per narrare i profondissimi silenzi di Poggioreale e Salaparuta

Una

"Quello che resta di questa attesa": narrazione silenziosa e rispettosa di anime spente e città  morte"

Quello che resta di questa attesa": un progetto fotografico che ha restituito egregiamente dignità, dopo 52 anni, ai luoghi colpiti dal terremoto che nel 1968 distrusse, anche per mano dell´uomo, talvolta, la valle del Belice.
La mostra fotografica, dell´artista alcamese Tiziana Catania, curata da un´altra promessa della città di Cielo Marilena Garofalo (consulente di digital Marketing), chiude, oggi (dopo 8 giorni), i battenti, dopo un flusso costante di pubblico e una critica assai positiva.
La mostra è stata allestita ad Alcamo, presso la chiesa di San Pietro, in via Barone San Giuseppe che, grazie alla personale, con genialità collocata in questa significativa traccia della memoria Alcamese, è tornata a vivere, a far parlare di sé, a sentire anime e palpitare cuori. Gli stessi palpiti che ti lasciano attonito difronte alla capacità della fotografa di immortalare, a volta a colori, nella maggior parte dei casi in bianco e nero, il fruscio del vento e il cinguettio d´un cardellino, unici superstiti di una fastosa Poggioreale e d´una altrettanto bella Salaparuta, lasciando fuori, da questo sogno drammatico di sogni spenti (in quella catastrofica notte), il grande cretto, che narra, come sublimazione dei silenzi profondi e disumani, di scheletri di case ormai abbandonate, di speranze troncate e sogni definitivamente sepolti, come certamente volle Alberto Burri e il nostro grande Ludovico Corrao incapace di arrendersi innanzi alle atrocità di quelle ore e all´immobilismo, talvolta disarmante, d´una burocrazia troppo lenta e incapace di vibrare le corde del suo cuore.
La fotografia di Tiziana Catania è uno splendido esempio di scrittura visiva: è una fedele e originale «trascrizione» della immaginazione narrativa di tre città che sono morte e che, nei suoi fotogrammi risorgono. La sovrapposizione, l´incontro-scontro dei collage, l´incastro tra natura e immaginazione, tra colori e suoni, la polifonia che sale dalle note dell´anima di ogni artista si colgono con la stessa semplicità, con la stessa originalità e con la stessa profondità passionale sia nel diario d´un bene artistico e architettonico che torna ad illuminarsi (la Chiesa di San Pietro in Alcamo) sia negli scatti, singolarissimi, di Tiziana Catania.
Un viaggio al Sud, solitamente, è un viaggio verso il Sole, verso il Mare, verso il Fuoco: è un viaggio che va dall´immobile imponenza del mare, alla drammatica quotidianità di una terra a stento capace di leggersi e apprezzarsi. Quello che propone Tiziana Catania, nella mostra spettacolare curata da Marilena Garofalo, è il viaggio della speranza e dell´anima, che l´artista propone senza mai banalizzarlo e senza intenti diversi se non il recupero dell´anima e, attraverso essa, dei luoghi.
Il viaggio di Tiziana Catania, quello che ci costringe a fare con lei, è la ricerca infinita della luce, della libertà, dell´armonia: è l´incontro rinnovato e ripetuto con i colori (terra, cielo, anima e corpo), con i sapori, con le sensazioni, con le emozioni dei luoghi narrati e non più vivi, se non nei suoi scatti indelebili; è l´incontro di un uomo gelato dagli eventi catastrofici acque con il calore che emana chi, nel silenzio assordante d´una città morta, l´attraversa e la rivive.
La mostra, che oggi si conclude, presentata nella splendida cornice della chiesa di San Pietro, è un omaggio rinnovato e tacito, rafforzato, a chi ha donato vita a Gibellina, Ludovico Corrao, non permettendo che morisse, col terremoto, un popolo, la sua tradizione, la sua anima. Se ci fosse stato, e se ci fosse, un Ludovico Corrao in ogni città, Salaparuta, Poggioreale e tante altre ancora vivrebbero e non solo nei ricordi silenziosi o tramite artisti come Tiziana Catania. Ludovico Corrao, spirito libero dell´età contemporanea, novello Voltaire del nostro secolo, che ha saputo coniugare con acume e fantasia la forza della volontà, la bellezza della natura e la sapienza dell´uomo, continua a cantare la sua storia con Burri, Pomodoro, Consagra e, oggi, con Tiziana Catania che non s´arrende e non tace. Lo scempio della memoria va fermato.


Antonio Fundarò

 

ALTRE NOTIZIE

Castelvetrano, presentazione de “I leoni di Sicilia”
La Fidapa di Castelvetrano organizza l’incontro di presentazione del libro “ I Leoni di Sicilia” di Stefania Auci, ...
Leggi tutto
A Palermo un festival mondiale del jazz: "Il centro storico sarà un villaggio musicale globale"
La rassegna verrà sostenuta con i fondi europei. Previsti spettacoli nell’arco di tutta la giornata, fino a sera: concerti, jam session, master...
Leggi tutto
“Coronavirus: Confapi dice no alle speculazioni, sì alla prevenzione e al controllo per contrastare gli effetti negativi su export e produttività delle Pmi”
Necessitano misure chiare per la prevenzione e i controlli su luoghi di lavoro che rassicurino tutti sull’efficacia delle azioni del Governo per il co...
Leggi tutto
“L’arte del governare: la geopolitica nell’era della globalizzazione”
Nei mesi di aprile e di maggio si svolgerà a Milano presso la sede milanese dell’associazione Anas (Associazi...
Leggi tutto
Coronavirus Palermo, negativi i dipendenti dell’hotel palermitano dove risiedeva la turista bergamasca
Arrivano notizie rincuoranti da Palermo: i test effettuati sui dipendenti dell’hotel Mercure, dove risiedeva la turi...
Leggi tutto
Sindaco Nicolò Rizzo ritorna sulla questione della scuola Allmayer di Alcamo
«Ogni scuola deve mantenere la propria territorialità, nelle sedi dove opera, cioè le scuole di Alcamo devono rimanere ad Alcamo, quelle...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web