Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 03/10/2019 da Cinzia Testa

Il mare, l’avventura, la traversata atlantica, il gommone, il Rotary e Sergio Davì 6500 miglia, quasi tre mesi di navigazione, il cuore ricolmo di gioie e di emozioni di Antonio Fundarò

Il
Il mare è da sempre una fonte inestinguibile di apprendimento e di stupore. Gli orienti infiniti, i paesaggi mutabili, il segreto dei fondali, la manifestazione frequente ed emozionante delle creature marine, la bellezza e le cose ignorate e inattese della navigazione sono tutti elementi di una natura multiforme e attraente di fronte alla quale non si può che rimanere astatici, interessati ed espugnati. E se oggi conosciamo un po’ di più di prima e meglio gli oceani e i loro abitanti, se possediamo una divulgata cultura marinara e una migliore consapevolezza della ricchezza e della fragilità di questi ecosistemi, lo dobbiamo pure a personaggi grandiosi, fantastici e irripetibili, affascinanti, come Sergio Davì, palermitano, che hanno svelato e testimoniato le meraviglie, raccontato i drammi e le storie umane, grazie anche alla loro passione, allo spirito di avventura, all’inconsueto amore per la natura, per il creato ingenerale, alla curiosità che, nella vita di ciascuno, non guasterebbe mai.
Chi si è avvicinato al mare, forse anche Sergio Davì, molti di noi, per la verità, lo hanno fatto grazie e soprattutto a episodi storici, avventure, viaggi e incidenti, affrontati da libri d’avventura e da pellicole cinematografiche. Sergio Davì è, tra i tanti libri letti e le tante pellicole visionate, la migliore narrazione marinaresca, tra le più significative, che non dovrebbero mancare nella vita di ciascuno di noi. Leggere, con attenzione e interesse, sulla pagina Facebook di Sergio Davì, la sua avventura, giorno dopo giorno, miglia dopo miglia, nazione dopo nazione, la sua avventura, è qualcosa che ti trasporta velocemente nel mondo dell’avventura e si impossessa di te.
La sua IceRIBChallenge, iniziata il 25 giugno e terminata il 12 settembre, è stata una avventura straordinaria, certamente, la prima al mondo di questo tipo, che ha portato Sergio Davì da Palermo a New York, passando per le Isole Baleari, la Spagna, il Portogallo, la Francia, il Regno Unito, l’Irlanda, per l’Islanda, per i ghiacci della Groenlandia e per le Isole Farø, per il Canada, imbattendosi in tempeste e uragani, gustando i sapori d’una molteplicità di identità culturali, sentendo, addosso, il brivido dell’imprevisto, a bordo di un gommone Nuova Jolly Marine Prince 38CC di 11 metri, motorizzato con due fuoribordo Suzuki Italia Marine DF350A dual prop, che lo hanno accompagnato, senza risparmiare energie, in circa 6.500 miglia in quasi tre mesi di navigazione.
Ma Sergio Davi è anche un uomo di scienze e la sua missione non poteva che avere obiettivi a carattere scientifico. In primis, naturalmente, l’attualissima lotta contro l’inquinamento da microplastiche. Per queste ragioni ha co-partecipato alla missione anche il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e l’IZS Sicilia (Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Sicilia) che, proprio facendo leva sui rilevamenti compiuti da Sergio Davì durante la lunga e affascinante traversata, piloteranno peculiari ricerche per valutare quantitativamente lo stato di salute del nostro oceano Atlantico e dei nostri mari.
Scrive Ermanno Bencivenga «A lungo andare gli occhi si abituano al mare incendiato di luce (…). Allora non noti più neanche i colori, non ti stupiscono più i profili severi delle colline, la consistenza friabile dell’arenaria, è come tutto potrebbe sbriciolarsi da un momento all’altro ma non lo fa, e continua il miracolo del suo improbabile rimanere sospeso e sostenerti mentre cammini, tra cielo e mare». Lo stesso cielo e mare che Sergio Davì ha narrato, giornalmente, attraverso le sue dirette, i video postati, le centinaia di fotografie e post. Perché i suoi occhi, forse, si sono già abituati a questi colori e alle distese di luce riflessa sull’azzurro, ma quelli dei suoi ammiratori, degli sportivi appassionati d’avventura, proprio no.
Com´è incantevole il mare al chiarore, l´onda che vezzeggia gradevolmente il gommone, il sole all´orizzonte che germoglia e l´aria sempre fresca, umida, talvolta fredda, frizzante. Passeggiare sull’oceano, ascoltarne il suo respiro profondo, odorare, con profondità d’animo, il suo profumo intenso. E poi arrestarsi, come ha fatto più volte Sergio Davì, e rimanere a osservare questo smisurato continuo moto fino a dove l´occhio può giungere. Ecco il Sergio Davì che ha vinto la sua scommessa connettiva, quella che ha permesso di congiungere, attraverso questa immensa autostrada del mare, popoli, terre, culture, donne e uomini, pensieri e sensazioni, paure e speranze. Perché le sensazioni che si provano, quando si taglia l’oceano, e s’attraversano i mari in compagnia della solitudine profonda, nel silenzio più profondo, sono infinite. Il mio respiro diviene il suo. L’uomo e il mare. Un richiamo che avviene, lentamente, compiendo, miglia dopo miglia, questa immersione temporale e spaziale, nelle sue acque. Sergio Davì, ha accompagnato chiunque avesse voluto andare oltre il contingente della quotidianità, lungo il cammino che abbraccia l’uomo al sé proiettato oltre l’orizzonte. Mille brividi percorrono il corpo di chi scorre la barra su Facebook lasciandosi trasportare dal vento dell’irrazionale e liberando il pensiero dal divenire cosmico. Viaggiare, solcare il mare, è come rinascere ogni volta. E di questa rinascenza, Sergio Davì, ospite del Rotary Club Montepellegrino, guidato dal presidente Filippo Cuccia, ne è stato il protagonista più autorevole e sincero, in compagnia della moglie Elena Foddai che, pur se da lontano, ha vissuto, dentro, il viaggio del suo Ulisse.

Scarica gli allegati selezionati

IMG_20191001_193459.jpg (2074 Kb)
Download , Elimina

IMG_20191001_193358.jpg (3070 Kb)
Download , Elimina

 

ALTRE NOTIZIE

Corteo studenti sulle Madonie per le ZFM, “Vogliamo restare qui”
Sicilia: corteo studenti sulle Madonie per le ZFM, “Vogliamo restare qui”
Leggi tutto
Un mare di Svizzera 2
Un anno addietro Un Mare di Svizzera aveva acce...
Leggi tutto
Poesia in biblioteca
Poesia in biblioteca
Su il sipario: al via la rassegna teatrale
Da Sabato 19 ottobre alle ore 21.30 prende il via la rassegna teatrale "Divertiti al Teatro" organizzata a ...
Leggi tutto
Tra cooperazione internazionale, educazione alimentare e comunicazione istituzionale: il PO FEAMP tra i protagonisti del Blue Sea Land
Il PO FEAMP 2014/2020 partecipa con uno stand e diversi workshop a Blue Sea Land (Mazara del Vallo, 17-20 ottobre), manifestazione internazionale dedi...
Leggi tutto
Continua il braccio di ferro dei lavoratori del gruppo Fortè e l´azienda Il SINALP Sicilia e l´USI chiedono chiarezza e rispetto degli impegni presi con i lavoratori
Le organizzazioni sindacali autonome U.S.I. e SINALP Sicilia dopo un primo sciopero organizzato a fine agosto e dopo aver sottoscritto con l´azi...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web