Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Un caffè con... il 25/07/2019 da Cinzia Testa

I problemi della nostra istruzione

Il ministro dell’istruzione Bussetti definisce la scuola: “lo strumento più potente per cambiare il mondo”, in virtù del fatto che ragazzi istruiti saranno ragazzi in grado di apportare cambiamenti significativi alla nostra società. Ma, nonostante questa consapevolezza, ci ritroviamo con due grossi problemi nel sistema scolastico, strettamente interconnessi: 

secondo la Relazione di monitoraggio del settore dell’istruzione e formazione 2018, elaborato dalla Commissione Europea, l’Italia non solo spende meno degli altri paesi Ue, ma ottiene risultati peggiori. Secondo i dati Eurostat l’Italia rischia di perdere un milione di studenti nei prossimi 10 anni; in un momento in cui il piano strategico Ue 2020 prevede un abbassamento della percentuale di abbandono scolastico al 10%, l’Italia negli ultimi due anni è salita al 14 %. Secondo i dati rilevati dall’analisi Istat gli scarsi investimenti portano un tasso di ignoranza preoccupante, vedasi i risultati delle prove invalsi di quest’anno che ci parlano di ragazzi con forti difficoltà di comprensione di testi.

Una cattiva istruzione porta alla perdita di motivazione dei ragazzi, che non vedono più nella scuola un mezzo per migliorare la propria vita e di conseguenza tendono ad abbandonarla. Altra causa importante di abbandono scolastico è l’impossibilità dei genitori di finanziare il percorso di studi dei propri figli. A monte del problema c’è con ogni probabilità la poca cura del sistema scolastico che andrebbe finanziato con cifre nettamente maggiori, per evitare che questo circolo vizioso ci porti allo sfacelo.

L’Italia è il paese Ue che spende meno in istruzione. Il nostro paese spende 67,4 miliardi di euro, pari al 4,1% del Pil e all’8 % della spesa pubblica per educazione dei suoi cittadini, in Germania si spende il 4,5 % del Pil e il 10,3 % della spesa pubblica per l’istruzione, in Inghilterra 5,7% e 13,1% e Spagna il 4,2 % e 9,5%. A questo dato preoccupante se ne aggiunge un altro: la scarsa efficacia dell’investimento della famiglia per portare un figlio alla laurea; il costo, di circa 145.621 euro, viene vanificato nel momento in cui il giovane lascia il paese per trovare lavoro all’estero.

Bisogna incentivare (soprattutto economicamente) ragazzi a restare e dotarli al contempo di una buona preparazione. I giovani, demotivati dalla mancanza di lavoro e di un’istruzione dinamica e aggiornata, tendono ad andare all’estero sicuri di di trovare sbocchi occupazionali concreti o al fine di svolgere master o corsi di perfezionamento all’avanguardia. Ricordiamoci però che un ragazzo che resta è un ragazzo che può fare la differenza. Se i meritevoli vengono premiati con incentivi, possibilmente saranno più invogliati a restare, di conseguenza la loro presenza nel territorio potrà portare alla nascita di un brevetto e quindi di un’ innovazione. Bisogna valutare che il problema dei nostri ragazzi che espatriano è più grande di quello degli stranieri che arrivano.

Un’Italia pronta ad adeguarsi agli standard europei sarà una terra più produttiva e propositiva, in grado di fare la differenza. Come ha affermato il Ministro dell’istruzione: ”investire sui giovani significa investire sul nostro futuro”.



Cinzia Testa


 

ALTRE NOTIZIE

MARSALA: COLTIVAVA MARIJUANA IN CASA. GIOVANE ARRESTATO DAI CARABINIERI
Nel fine settimana appena trascorso, i Carabinieri della Compagnia di Marsala hanno tratto in arresto per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio...
Leggi tutto
Circolari operative dell´INPAS per l’attuazione di alcune misure governative a sostegno dei lavoratori, delle famiglie e delle imprese previste dal Decreto Cura Italia.
INPS: pubblicate on line le circolari operative per l’attuazione di alcune misure governative a sostegno dei lavoratori, delle famiglie e delle impres...
Leggi tutto
L´ospedale "Paolo Borsellino" di Marsala sarà per alcune settimane convertito in Covid-Hospital
L´ospedale "Paolo Borsellino" di Marsala sarà per alcune settimane convertito in Covid-Hospital per fronteggiare l´eventuale emerge...
Leggi tutto
A CAMPOBELLO, BUONI SPESA, "CARRELLO DELLA SOLIDARIET À" E "DONA UN PACCO"
Buoni spesa per l´acquisto di beni alimentari e altre due iniziative di solidarietà destinate a tutti i cittadini di Campobello che stann...
Leggi tutto
Clochard assistiti dall´ ANAS GES Palermo multati perchè vivono per strada
Il Presidente Nazionale della RETE ANAS (Associazione Nazionale di Azione Sociale) ha evidenziato il delicato ed insostituibile lavoro che i volontari...
Leggi tutto
Covid-19: costretti a rimanere a casa, studiamo on-line e investiamo sul nostro futuro
Una vita frenetica fatta di scadenze, appuntamenti, stress fisico e mentale che non lasciava spazio ad altre cose altrettanto importanti. Era necessar...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web