Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 13/03/2019 da Direttore

Essere donna, attrice e del sud in Italia oggi. Cerchiamo di capirne di più con lŽaiuto di Annalisa Insardà.

Essere
Chi non ha la dignità non può vergognarsi...
Essere donna, attrice e del sud in Italia oggi. Cerchiamo di capirne di più con lŽaiuto di Annalisa Insardà.



1. Annalisa perché fai lŽattrice?
Tutto ciò che ha a che fare con la creazione ha un risvolto vocazionale. Fare lŽattore è creare ciò che non cŽè, storie che non esistono o che esistono e che vogliono essere raccontate, riproposte. Faccio lŽattrice per vocazione. Per creare. Per vivere sulla mia pelle chi non sono (ma potrei essere in potenza), e far percepire empaticamente al pubblico come ci si sente.

2.Che cosŽè il pubblico per lŽattore?
È il giudice. Implacabile e imprescindibile. Se ha il pubblico un attore esiste, in caso contrario...

3.Che cosa significa nascere a sud e voler fare lŽarte?
Nascere al Sud non è una condanna, ma una risorsa. Noi calabresi, per esempio, non siamo persone qualsiasi, ma uomini e donne che vivono in una terra compresa tra lŽEtna (tremila metri di fuoco sopra il livello del mare) e il Marsili (tremila metri di fuoco sotto il livello del mare). Questo fuoco si sente tutto. È pneumatico. Una compressione tangibile che inevitabilmente tempra. Quindi nascere al Sud è una benedizione. Poi invece "venire" dal Sud è molto più articolato, ma questa è unŽaltra storia.

4.Hai avuto importanti riconoscimenti da parte degli addetti ai lavori e non ti sei mai montata la testa.... È così?
Questo lavoro è fatto di "sì" ricevuti. E i "sì" sono frutto di tante, forse troppe, contingenze: pareri personali, gusti, condizioni emotive, favori, opportunità, opportunismi, dirigenze che cambiano, simpatie che mutano. La totale soggettività con cui si fanno le scelte mette in dubbio tutto. Non ci sono certezze. Poi bisogna anche dire che i "sì" e i "no" vengono da essere umani, e un essere umano in un posto di potere può decidere se farti lavorare o no, ma non può stabilire universalmente lŽentità delle tue qualità. Non montarsi la testa significa comprendere questo e non sentirsi indispensabili in caso di "sì"  e non sentirsi inferiori in caso di "no".

5.Che cosŽè il talento per te?
Ho unŽimmagine molto precisa. Secondo me il talento è un suono emesso molto lontano te. Insieme a mille altri suoni. Ma il talento è quello che fa sentire le sue vibrazioni nella pancia che diventa la sua cassa di risonanza. Lui manda le sue coordinate, tu decidi se andargli incontro, rinunciando ad ogni altra malìa, o ignorarlo e accontentarti di suoni a te più prossimi e meno perniciosi da raggiungere

6.Cosa pensi dei talent show?
Io vengo da una formazione teatrale, di quelle classiche, di quelle da accademia, di quelle dove prima che a gestire il tuo talento, ti insegnano la necessità della disciplina. Mi sembra che la disciplina, chi percepisce come democratiche sia lŽeducazione che la formazione, non ce lŽabbia a cuore. Educazione e formazione non sono democratiche, sono gerarchiche. E nei talent forse questo non cŽè.  Se fossero un concorso a premi in cui si esibiscono i partecipanti e vince il migliore, sarebbero un buon prodotto. Se sono invece il nuovo paradigma, il futuro della musica, del ballo, del canto, della recitazione, dellŽarte in genere, mi sembra si debba parlare di un futuro non desiderabile. Tanto per i talent quanto per i reality, che consegnano a studi televisivi semplici persone e restituiscono al mondo, non si sa per quale motivo, navigati attori!

7.In una società in cui tutti possono fare tutto, soprattutto nel mondo dellŽarte, come si fa a "rimanere" indispensabili?
No, nessuno è indispensabile. Tutti utili, nessuno indispensabile, altrimenti tutto si sarebbe esaurito con Euripide.

8.CosŽè la vergogna per un attore?
La vergogna passa attraverso la più grande forma di contegno che è la dignità. Chi non ha la dignità non può vergognarsi. Ma proprio perché gli mancano gli strumenti. Per me la vergogna è un atto pieno, di grande considerazione di sé e dei propri limiti. Per un attore, per lŽattrice che sono, la vergogna sarebbe una gran bella storia da raccontare.

9.CosŽè la nostalgia per te?
Parafrasando Gozzano direi che la nostalgia è ciò che poteva essere e non è stato, oppure è stato ma adesso non è più!  La nostalgia è un libro di Cechov, è lŽassenza di un passato che quando era presente non era ambìto e che ora che è passato è divenuto accogliente e materno. È la perenne insoddisfazione di un oggi svuotato del suo significato di opportunità.

10.Ti sei mai fatta travolgere da un personaggio che hai interpretato?
Da tutti i personaggi nei cui panni mi sento a disagio. Quelli mi travolgono.

11.Cosa manca al cinema italiano, secondo te?
Il coraggio. Il coraggio di investire nelle storie forti e nella forza degli interpreti. Anche se Marco Tullio Giordana con "Lea" e Garrone con "Dogman" hanno dimostrato che con questa formula si può perfettamente vincere, cinema e TV continuano a credere che a fare ascolti sia un nome.

12.Raccontaci del tuo rapporto con il teatro
Il teatro mi ha partorita. Il teatro mi svuota ogni volta che mi tiene su quelle tavole. Fa tutto quello che vuole. Io guardo e lascio fare. Anche quando fa male. Come un dottore che per sistemarti un osso ti provoca un indicibile dolore. Ma poi lŽosso è a posto, e tu in piedi.

13.Sei unŽattrice molto impegnata nel sociale. Il tuo monologo La Scorta dedicato ai poliziotti morti negli agguati di mafia è stato letto davanti a personaggi illustri del mondo della legalità... CosŽè la legalità per te?
Legalità è un termine che mi fa paura. Legale, in alcuni Paesi, è lapidare le adultere, impiccare gli omosessuali, fucilare i dissidenti. Preferisco dire giustizia sociale, preferisco riferirmi alla Dichiarazione Universale dei Diritti dellŽUomo. Le regole non precedono lŽuomo, ma "normano" le esigenze delle comunità che non restano mai immutate nel tempo, e dunque anche la legge ha un carattere transeunte che deve essere recepito e metabolizzato da tutti. La più grande libertà è esattamente questo: rispettare le leggi che garantiscono la libertà. Una sintesi così semplice e definitiva mi sembra non sia stata ancora raggiunta. Non mi resta che continuare a lavorare perché sia così.

14.Oltre al mondo del sociale tu hai unŽaltra grande passione: lo sport, ma obbligatoriamente di squadra. Perché? Raccontaci...
Io vengo da una famiglia numerosa. Tra genitori, figli e nonna abbiamo sempre fatto di tutto gli uni per gli altri, abbiamo sempre speso parte del nostro tempo e delle nostre forze, ognuno secondo le proprie possibilità, per sostenerci a vicenda, nel bene e nella fatica. Tutto nasce di qui. Dunque il "gioco di squadra", dove le abilità di tutti sono messe a disposizione del fine comune, è diventato, su questo esempio, un elemento determinante per la mia vita. La stessa cosa accade sul palcoscenico e sul set. Avere tutti uno stesso obiettivo, lavorare insieme per il suo raggiungimento, mi restituisce un grande senso di condivisione e appartenenza. E poi cŽè anche da dire che vengo dal gioco del calcio che ho praticato anche a livello agonistico. Quindi "fare spogliatoio", come si dice in gergo è, a mio avviso, il modo migliore per compensare i rispettivi limiti e sentirsi reciproci. Nello sport come nella vita.

15.Dove ti vedremo prossimamente?
Ho girato la serie "1994" che andrà in onda su Sky la prossima stagione, interpreto Anna Finocchiaro. Nel frattempo sarò a teatro sia con il mio secondo "One Woman Show", "Manipolazione indolore", che parla della manomissione del senso delle cose a uso e condumo del sistema dominante, sia con un testo che ho scritto a quattro mani con Dora Albanese, "La malapelle", in cui useremo la lebbra come pretesto per parlare della diversità, dellŽemarginazione, dellŽinvisibilità e degli ultimi che non sono mai diventati i primi.



 

ALTRE NOTIZIE

Crescita dell’e-commerce in Sicilia: le ragioni e i possibili sviluppi nella regione e nel trapanese
Secondo una recente Leggi tutto
Report consuntivo dell’attività svolta dalla Polizia di Stato in Provincia di Trapani dal 10 al 23 marzo 2019
Personale della Divisione Polizia Anticrimine - deferiva all’A.G., in stato di libertà, F.V., nato a Palermo, classe 1978 e residente a ...
Leggi tutto
Pall.Trapani: il pregara di Scafati-Trapani
Givova Scafati vs 2B Control Trapani: il pregara
Rifinitur...
Leggi tutto
Dall’Università di Tor Vergata nasce ŽGocciaŽ Goal One per il Cambiamento Climatico In Ateneo
Un progetto innovativo che vede impegnato anche il team del nuovo laboratorio certificato LabCap. Ridotte in due s...
Leggi tutto
Al via Ž30 libri in 30 giorniŽ lŽiniziativa di BCsicilia per riscoprire la bellezza della lettura
“30 libri in 30 giorni”. Iniziativa di BCsicilia per riscoprire la bellezza della lettura. I luoghi, le date, i ti...
Leggi tutto
Lega, il senatore Iwobi e il capogruppo a Palermo Gelarda: ŽUna comunità muore se non conserva identità e culturaŽ
Palermo, 23 marzo 2019
Si è parlato di salvaguardia delle identità territoriali e immigrazione con un...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ŽOrlando veloce a iscrivere migranti allŽanagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchiaŽ:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ŽDal M5S infinita ipocrisia verso MiccichèŽ:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


Gaspare su Paceco: per il Memorial Giuseppe Barraco, riapre il palazzetto:
Peppe sempre nel cuore mi manchi amico mio


giuseppe su Crisi della Cmc-Anas con le mani legate-Il governo nazionale anticipi i soldi ai creditori per la ripresa dei lavori in Sicilia e si rivalga sulla Cmc:
perche bloccare solo caltanissetta invece tappiamo tutto il tratto palermo agrigento passino solo ambulanze e carri funebri


Augusto Marinelli su Lettere a Tito n. 234. Shoah 2019 ed il libro del giovane Alberto Forte pensando alla Shoah nostra e degli altri.:
Caro Tito, ti interesserà forse sapere che nel libro di Molfese citato nell´articolo, la frase qui riferita semplicemente non c´è. Quanto al preteso lager di Fenestrelle, è stato ampiamente dimostrato che si tratta di una invenzione.


Giovanni VINCI su Marsala Calcio: Sancataldese - Marsala, i convocati da mister Giannusa:
Forza Marsala


Daniele su Marsala Calcio: Sancataldese - Marsala, i convocati da mister Giannusa:
Forza ragazzi tenete alto il nome Marsala a San Cataldo. Un abbraccio particolare al centrale difensivo Maurizio e il centrocampista centrale Lo Nigro


Daniele su Marsala Calcio: Sancataldese - Marsala, i convocati da mister Giannusa:
Forza ragazzi tenete alto il nome Marsala a San Cataldo. Un abbraccio particolare al centrale difensivo Maurizio e il centrocampista centrale Lo Nigro


mimmo su Domenico Lanciano: ŽUna carezza per Riace":
ciao


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web