Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 10/12/2018 da Direttore

MARSALA: SORPRESI DAI CARABINIERI A BRUCIARE UN QUINTALE DI CAVI IN RAME. TRE GIOVANI MARSALESI ARRESTATI PER RICICLAGGIO.

MARSALA:
Ad attirare l’attenzione dei Carabinieri della Compagnia di Marsala, è stato il fumo scuro provocato dal rogo - appiccato in un terreno di Contrada Fiumara Sant’Onofrio, nei pressi dell’ospedale “Paolo Borsellino” - di circa 100 kg di cavi in rame. Nello specifico, alla luce dei recenti furti che hanno interessato le linee di collegamento di diversi tratti di illuminazione pubblica delle contrade marsalesi, i Carabinieri hanno predisposto un apposito servizio finalizzato ad arginare tale tipo di reato. Ed è proprio in questo contesto, che i militari della Stazione di Ciavolo, alle dipendenze del Luogotenente Francesco Perrone, hanno tratto in arresto, per il reato di riciclaggio, tre giovani marsalesi, sorpresi mentre davano alle fiamme circa un quintale di cavi, con la finalità di prelevarne il rame contenuto all’interno oltre che a rendere più difficile l’individuazione della provenienza degli stessi. Il vistoso rogo generato dai materiali dati alle fiamme, ha permesso ai militari dell’Arma di giungere tempestivamente sul posto e sorprendere MAGGIO Giovanni di 27 anni, GIACALONE Riccardo di 21 anni ed il coetaneo CORRAO Stefano, ancora all’opera nel tentativo di fondere “l’oro rosso” che sarebbe stato poi caricato a bordo di un mezzo nella loro disponibilità. Con l’ausilio della pattuglia dell’Aliquota Radiomobile, sopraggiunta poco dopo, i tre individui sono stati dichiarati in stato di arresto per il reato di riciclaggio e condotti presso la Caserma “Silvio Mirarchi” per completare le incombenze di rito. All’esito dell’udienza tenutasi nella mattinata odierna, il GIP del Tribunale di Marsala non ha convalidato l’arresto operato dai militari dell’Arma, disponendo per il MAGGIO la misura cautelare dell’obbligo di dimora nel Comune di Marsala con il divieto di allontanarsi dalla propria abitazione nelle ore serali e notturne, mentre per il GIACALONE ed il CORRAO l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.
I tre arresti operati dai Carabinieri di Marsala, sono il frutto di continui e costanti controlli del territorio finalizzati alla prevenzione e alla repressione dei reati predatori, che la Compagnia Carabinieri di Marsala - soprattutto con l’approssimarsi delle festività natalizie - predispone nelle zone più sensibili del territorio lilybetano. 

Trapani, 10 dicembre 2018


 

ALTRE NOTIZIE

FERROVIA TRAPANI-PALERMO CHIUSA, GIOVEDÌ 24/9 MOBILITAZIONE ALLA STAZIONE DI SEGESTA
FERROVIA TRAPANI-PALERMO CHIUSA, GIOVEDÌ 24/9 MOBILITAZIONE ALLA STAZIONE DI SEGESTA
Trapani, un “pasto sospeso”
Trapani, un “pasto sospeso” per chi è stato messo in ginocchio dal covid: la Comunità Pa...
Leggi tutto
Fotografia Europea | presenta dal 17 ottobre 2020: TRUE FICTIONS – AI CONFINI DELLA REALTÀ e ATLANTI, RITRATTI E ALTRE STORIE
Fondazione Palazzo Magnani e Comune di Reggio Emilia Leggi tutto
Proroga Scadenza Bando Artworker
Avviso di proroga dei termini di scadenza per la partecipazione alla call Leggi tutto
Mercoledì 23 settembre presentazione progetto Orchidea
ORCHIDEA
Organizz...
Leggi tutto
DA IERI IN FUNZIONE IL TELEFONO ANTICACCIA
DA IERI IN FUNZIONE IL TELEFONO ANTICACC...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web