Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Economia il 06/08/2018 da Direttore

TIROCINI FORMATIVI NELL’AREA DELLE PROFESSIONI, LA REGIONE ACCOGLIE LE OSSERVAZIONI DEGLI INGEGNERI

TIROCINI
L’AVVISO 20/2018 SARÀ MODIFICATO: RIDOTTI GLI ONERI PROCEDURALI A CARICO DEGLI ORDINI
E I GIOVANI INGEGNERI ABILITATI O ISCRITTI ALL’ALBO POTRANNO MANTENERE IL DIRITTO AL CONTRIBUTO


Il presidente della Consulta Margiotta: “Un risultato di cui beneficeranno anche architetti e agronomi.
Plauso all’assessorato del Lavoro, dialogo e azione coordinata sono un fattore di sviluppo”

Sì al mantenimento del contributo per i giovani laureati che a tirocinio già in corso dovessero conseguire l’abilitazione professionale e/o l’iscrizione all’albo, purché non siano titolari di rapporti di lavoro subordinato o di partita Iva. Sì anche alla riduzione degli oneri burocratici posti a carico degli ordini professionali e indicati come condizione per il riconoscimento del contributo stesso ai tirocinanti.

In seguito a un incontro tenuto lunedì 30 luglio presso l’Assessorato regionale del Lavoro, la Regione Siciliana ha valutato positivamente e accolto le osservazioni mosse dalla Consulta degli ordini degli ingegneri della Sicilia e da otto ordini provinciali in merito ad alcuni articoli dell’avviso 20/2018, strumento che nel quadro del programma operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo sostiene la formazione e l’inserimento lavorativo dei giovani professionisti in Sicilia con indennità di partecipazione pari a 600 euro mensili lordi per tirocini obbligatori e non obbligatori di durata non superiore a 12 mesi nell’area delle professioni ordinistiche. 

La Consulta regionale degli ingegneri e gli ordini provinciali di Agrigento, Caltanissetta, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e Trapani avevano, tramite alcune note e poi con un ricorso al Tar, avanzato riserve sulla norma dell’avviso 20 che comportava l’esclusione di quanti abbiano ottenuto l’abilitazione e l’iscrizione all’ordine professionale, e ciò per disparità di trattamento nei confronti delle categorie, tra cui gli ingegneri, per le quali la legge non prevede la compiuta pratica obbligatoria ai fini dell’abilitazione. Per poter beneficiare del finanziamento, infatti, i giovani appartenenti a queste categorie avrebbero dovuto rallentare artatamente il proprio percorso professionale posticipando l’esercizio di un diritto loro riconosciuto dalla legge.

Con il via libera alle modifiche concordate, però, questo inconveniente sarà scongiurato nella seconda e nella terza finestra temporale, che si apriranno il 17 settembre 2018 e il 7 gennaio 2019 (resta tutto invariato invece per la prima, chiusa ormai il 30 giugno scorso). 

A formalizzare l’esito una nota ufficiale trasmessa il 31 luglio alla Consulta regionale degli ordini degli ingegneri dal dirigente generale del Dipartimento regionale del lavoro, dell’Impiego, dei Servizi e delle Attività formative, Francesca Garoffolo, nella quale fra l’altro si sottolinea la possibilità di introdurre “integrazioni utili al superamento delle criticità esposte, e ciò senza incidere sulle finalità dell’avviso e rimanendo nella piena coerenza con l’utilizzo delle risorse a valere sul FSE 2014/2020”. “Nello specifico – è scritto ancora nel documento – si ritiene poter convenire sul mantenimento dei requisiti del giovane e sul persistere della titolarità al contributo nelle ipotesi in cui il giovane pervenga, nel corso del periodo di tirocinio, alla iscrizione all’albo e/o alla abilitazione alla professione; ciò se ed in quanto lo stesso rimanga privo di qualsiasi rapporto di lavoro di natura subordinata e autonoma. Non dovranno, pertanto, essere rilevate comunicazioni obbligatorie né risultare aperta una partita Iva”.
Ridotti, inoltre, gli adempimenti procedurali richiesti agli ordini professionali i cui ordinamenti non contemplano il tirocinio obbligatorio. Adesso gli ordini dovranno soltanto indicare i tutor e saranno esonerati da altre attività originariamente poste a loro carico, tra le quali per esempio vistare previo esame il progetto formativo e valutare le relazioni periodiche predisposte dai tirocinanti. Su questo punto la Consulta regionale e gli otto ordini provinciali avevano fatto ricorso ritenendo illegittima l’imposizione di obblighi da parte di un potere amministrativo al quale gli ordini professionali non sono subordinati sul piano gerarchico, strutturale o funzionale.

Oltre al dirigente generale del Dipartimento Lavoro, Francesca Garoffolo, all’incontro di lunedì hanno partecipato il capo di gabinetto dell’assessorato, Rosaria Barresi, i rappresentanti degli ordini degli ingegneri guidati dal presidente della Consulta regionale Giuseppe Margiotta e il delegato siciliano al Consiglio Nazionale degli Ingegneri (CNI) Gaetano Fede.

“Il risultato raggiunto testimonia come l’azione coordinata tra gli ordini professionali, la politica regionale e le sue strutture amministrative possa costituire un fattore di sviluppo per i giovani che si affacciano al mondo della professione e del lavoro, e nell’occasione un plauso va senz’altro all’assessore Mariella Ippolito per la sensibilità mostrata nel dare gli opportuni input agli uffici”, afferma Giuseppe Margiotta, presidente della Consulta regionale degli ingegneri. “Le integrazioni all’avviso 20 concordate nell’incontro di lunedì – aggiunge Margiotta – consentiranno di ampliare la platea dei giovani professionisti con i requisiti per accedere a questa interessante e innovativa iniziativa della Regione. Riteniamo importante sul piano del metodo l’interlocuzione proficuamente conclusa, anche per il riconoscimento che il governo regionale ha dato agli ordini professionali quali componenti importanti della nostra società, non soltanto dal punto di vista numerico ma anche per il loro apporto ai processi di crescita e sviluppo. Questa intesa tra gli ingegneri e l’Assessorato regionale del Lavoro, della quale beneficeranno anche architetti e agronomi, categorie anch’esse esenti per legge dall’obbligo del praticantato, può certamente rappresentare l’inizio di una collaborazione tra il sistema ordinistico regionale di tutte le professioni e l’Assessorato del Lavoro, del quale vanno sottolineate l’attenzione e la competenza mostrate nel risolvere le criticità rappresentate. Infine, è confortante che dopo la conclusione positiva della vicenda l’ordine di Catania abbia voluto riconoscere, perfino facendolo proprio, il bel risultato conseguito con determinazione e coesione dagli altri otto ordini degli ingegneri della Sicilia insieme con la Consulta regionale”.



 

ALTRE NOTIZIE

FONDAZIONE PRADA PRESENTA “HUMAN BRAINS”, UN PROGETTO MULTIDISCIPLINARE DEDICATO AGLI STUDI DEL CERVELLO
Fondazione Prada ha intrapreso dal 2018 un percorso multidisciplinare di approfondimento e studio di temat...
Leggi tutto
RINASCENTE, CONFCOMMERCIO PALERMO SCRIVE A INARCASSA E FABRICA IMMOBILIARE: “DISPONIBILI A UN CONFRONTO PER SCONGIURARE LA CHIUSURA. FACCIAMO APPELLO AI VALORI STATUTARI DI INARCASSA”
RINASCENTE, CONFCOMMERCIO PALERMO SCRIVE A INARCASSA E FABRICA IMMOBILIARE: “DISPONIBIL...
Leggi tutto
Asp Trapani - tamponi Pantelleria
Coronavirus, 764 tamponi eseguiti su abitanti Pantelleria, 12 i casi di positività
Leggi tutto
Giornata internazionale delle Nazioni Unite 2020
Il 24 ottobre ricorre la Giornata internazionale delle Nazioni Unite. In tale giorno nel lontano 19...
Leggi tutto
Trapani, conferenza dei sindaci Asp sul coronavirus Venuti: "Salemi coinvolta contro il Covid, ecco le criticità"
"Bene la convocazione di una conferenza dei sindaci per affrontare i nodi del contrasto al coronavirus in provincia di Trapani, peccato che sia stato ...
Leggi tutto
A TRAPANI un mega parco fotovoltaico da 70 ettari promosso da Agenzia del Demanio Statale, Cassa Depositi e Prestiti ed ENI.
Ieri a Palazzo d’Alì, presieduta da Giuseppe Guaiana Presidente del Consiglio Comunale, si è svolta la Conferenza dei capigruppo consili...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web