Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 19/06/2018 da Direttore

MASBEDO a Manifesta 12 Palermo | ultimo giorno per visitare l´installazione all´Archivio di Stato di Palermo

MASBEDO
Manifesta 12 Palermo
Il Giardino Planetario. Coltivare la Coesistenza

MASBEDO
Protocollo no. 90/6
Archivio di Stato
via Alloro - I° Cortile Gancia , Palermo

Oggi 19 giugno, ultimo giorno per visitare l´installazione all´Archivio di Stato
Dopo il grande successo della sede nei giorni di inaugurazione di Manifesta 12 si sta valutando l´eccezionale prolungamento dell´apertura.
Ci scusiamo per la temporanea inaccessibilità della sede nei prossimi giorni, 
che rimarrà chiusa in attesa di una nuova autorizzazione da parte della Soprintendenza archivistica della Sicilia

Confermata fino al prossimo 4 novembre la possibilità di visitare l´altra installazione

MASBEDO
Videomobile
Palazzo Costantino
via Maqueda 215, Palermo

www.masbedo.org
www.inbetweenartfilm.com

Oggi, 19 giugno 2018, ultimo giorno per visitare l´installazione Protocollo no. 90/6, creata dal duo MASBEDO per Manifesta 12 all’interno della suggestiva Sala delle Capriate dell’Archivio di Stato di Palermo (sede Gancia).
Dato lo straordinario successo di pubblico nei giorni di inaugurazione di Manifesta, in queste ore si sta valutando l’eccezionale prolungamento dell’apertura della sede. Maggiori notizie verranno comunicate nei prossimi giorni.

Protocollo no. 90/6 è una video installazione site-specific nata come narrazione parallela del progetto Videomobile, concepita dai MASBEDO per la suggestiva Sala delle Capriate, luogo aperto per l´occasione grazie alla preziosa collaborazione del personale dell’Archivio di Stato e alla lungimiranza della Soprintendenza archivistica della Sicilia, nella persona del Soprintendente, Dott. Claudio Concetto Torrisi.
Nei primi cinque giorni, dal 14 al 18 giugno, sono state più di 5.000 i visitatori – stranieri e italiani, di cui moltissimi palermitani – che hanno ammirato l´installazione all’Archivio di Stato, condividendo sui social network immagini divenute subito virali, che hanno scatenato un passaparola rimbalzato su media e televisioni nazionali e internazionali, facendo conoscere un gioiello nascosto di Palermo, normalmente chiuso al grande pubblico.
Numerosi gli ospiti illustri che si sono susseguiti nelle prime giornate: dalla Regina Beatrix d’Olanda al Sindaco di Palermo Leoluca Orlando, di Direttori del Whitney Museum di New York Adam Weinberg alla Direttrice della Tate Modern di Londra Frances Morris, alla Presidente del MAXXI Giovanna Melandri al Curatore della prossima Biennale di Venezia Ralph Rugoff, a celebrità del mondo del cinema e dello spettacolo. Numerosa e di alto profilo anche la stampa internazionale accreditata, dal New York Times al Guardian alla BBC.
L’auspicio è che questa installazione rappresenti un’occasione di conoscenza e un primo passo verso una campagna di descrizione del patrimonio archivistico dell’Archivio di Stato di Palermo e la successiva valorizzazione permanente delle sue magnifiche sedi. Sono infatti in elaborazione attività di alto profilo scientifico che accendano i riflettori sulle tematiche della conservazione e del restauro dei beni archivistici e degli edifici che li ospitano.

Protocollo no. 90/6 è un tributo alle vicissitudini del regista Vittorio De Seta: un pupo siciliano – una marionetta di legno animata da Mimmo Cuticchio e costruita a mano appositamente per questa videoinstallazione dalla sua famiglia – si muove in un palco video, collocato al centro della magnifica sala, in alto come un’icona, dietro a un sipario sospeso fatto di cavi e luci led. Più volte, nel corso della sua carriera professionale, De Seta subì il controllo delle Autorità. La sua arte, così vicina al mondo dei lavoratori più umili, pescatori, contadini e minatori, era sospettata di nascondere una strisciante appartenenza alle società sovversive “comuniste”. Durante il periodo di sopralluoghi all’Archivio di Stato di Palermo, grazie all’esperienza unica del personale responsabile, gli artisti hanno scoperto l’esistenza di un faldone molto particolare: datato 1956, contiene numerose pratiche e denunce imputate ad artisti, registi, scrittori e giornalisti. Il documento fu redatto dai Carabinieri di Petralia Sottana, un piccolo paese nel Parco delle Madonie. Questa carta è divenuta per i MASBEDO il simbolo della loro videoinstallazione, per questo hanno deciso di esporla al centro della Sala delle Capriate, luogo di assoluto mistero e silenzio deputato alla conservazione di una memoria non organizzabile, un archivio accatastato secondo le non regole del tempo e del caso. Migliaia e migliaia di documenti non catalogati che il tempo ha trasformato in materia stratificata, fossili di carta, polvere e inchiostro.
Rimane visibile fino al 4 novembre l´altra installazione dei MASBEDO, Videomobile, ospitata all´interno del cortile di Palazzo Costantino, una delle sedi principali di Manifesta 12 nel cuore della città.
Seguendo il concept e le suggestioni elaborate dal team curatoriale di questa edizione della Biennale nomade, Videomobile è stato concepito e interamente realizzato a Palermo coinvolgendo gli abitanti della città, le figure di spicco e i luoghi più iconici e rappresentativi della vita culturale e della storia palermitana, dando vita a uno sfaccettato ritratto del capoluogo siciliano.
I MASBEDO hanno trasformato un vecchio furgone merci OM degli anni ´70 in un “carro video” per percorrere luoghi del cinema del passato, per indagare la società siciliana e la storia del territorio di Palermo: uno studio in movimento che funziona da laboratorio e da palco per performance, alcune delle quali saranno realizzate live durante la Biennale. ll progetto infatti percorre e attraversa "fisicamente" la memoria, nello specifico la memoria che emerge dal cinema di ricerca.
Nei mesi che hanno preceduto l’apertura di Manifesta, Videomobile ha ospitato diverse performance proprio sul tema aperto del cinema a Palermo. Quando in mostra, Videomobile è un’installazione video modulabile e accessibile, con telecamere, monitor, schermi, luci, impianto audio ecc., in grado di permettere la realizzazione di riprese e di proiezioni video: un dispositivo narrativo, un’opera documentario multicanale il cui contenuto è in sostanza una rivisitazione concettuale e sociale di tematiche cinematografiche ancora attuali.
I MASBEDO hanno elaborato immagini che rivelano le dinamiche di potere e i cambiamenti socioculturali nascosti nel presente di Palermo, ponendo particolare attenzione a temi quali il senso di appartenenza o genius loci e la fede nelle utopie. La prima fase della loro ricerca è stata la realizzazione e l´archiviazione di interviste a personaggi che hanno lavorato nel cinema in forma quasi anonima o marginale, a caratteri secondari, quali truccatori, comparse o tecnici. Una seconda fase si è concentrata su personaggi più conosciuti e importanti come registi, intellettuali, produttori o politici. Una terza e ultima fase ha incluso alcune di queste figure nella realizzazione di performance prodotte con il Videomobile tra le strade e le piazze di Palermo, dove il cinema è stata ed è ancora protagonista. Videomobile è stato e continua a essere un progetto in progress, una sorta di tour performativo, un viaggio nel mondo delle immagini di Vittorio De Seta, Gianfranco Mingozzi, Michelangelo Antonioni, Ugo Gregoretti, Mario Baffico, Francesco Rosi, Pier Paolo Pasolini, Letizia Battaglia, Mimmo Cuticchio e molti altri tra registi, autori e artisti che hanno saputo creare altri mondi nella città di Palermo.


MASBEDO è un duo artistico composto da Nicolò Massazza (1973) e Iacopo Bedogni (1970).
Vivono a Milano e lavorano insieme dal 1999, con un focus particolare sulla video arte e le installazioni. La loro pratica si esprime attraverso il linguaggio del video e in forme differenti, con performance, pièce teatrali, installazioni, fotografia e recentemente cinema. Il loro linguaggio è tra i più innovativi nel campo dell´arte contemporanea, grazie alla loro capacità unica di riunire diverse forme d’arte e una molteplicità di forme espressive in un’unica voce.
La loro ricerca artistica si è spesso concentrata sul tema dell´incomunicabilità, mettendo in evidenza – attraverso lavori dal taglio molto intimo o, al contrario, dal forte sentimento antropologico, sociale e politico – i paradossi insiti nella nostra società globalizzata e iper-connessa. Il pubblico è sempre al centro del loro interesse, coinvolto e ingaggiato con immagini, installazioni immersive o video performance, con un approccio di perfetta sintesi tra teatro, performance, architettura e video.

In Between Art Film è una casa di produzione cinematografica fondata nel 2012 da Beatrice Bulgari e specializzata nella produzione di film e documentari che si basano sull’interdisciplinarietà e lo scambio tra i diversi linguaggi artistici del nostro tempo.
In Between Art Film è presente in importanti collaborazioni di carattere istituzionale e partnership culturali tra cui: vice versa Padiglione Italia, 55. Esposizione Internazionale d´Arte della Biennale di Venezia (Venezia, 2013); Biennale de l’Image en Mouvement (Centre d´Art Contemporain Genève, 2016); miart (Milano 2016, 2017, 2018); Tate Film (Londra, 2017); MAXXI Videogallery (Roma, 2017, 2018); Il Mondo Magico Padiglione Italia, 57. Esposizione Internazionale d´Arte della Biennale di Venezia (Venezia, 2017); Documenta 14 (Atene - Kassel, 2017), Lo Schermo dell’Arte (Firenze, 2017), Manifesta 12 Palermo (Palermo, 2018).

 

ALTRE NOTIZIE

Una delegazione del «Centro Studi Dino Grammatico» si recherà alla «Camera dei Deputati»
«Il prossimo 22 novembre 2019 una delegazione del «Centro Studi Dino Grammatico» si recherà a Roma, presso la...
Leggi tutto
Trapani: traditi da una t-shirt, la Polizia di Stato arresta tre rapinatori. Avevano assaltato la filiale della banca Credem, 65.000 euro il bottino
La Polizia di Stato di Trapani ha arrestato Francesco LO COCO, 29 anni, Pietro DI MARIANO, 26 anni, Gioacchino BUSCE...
Leggi tutto
Salemi sospende la raccolta rifiuti organici per lunedi 18
"Salemi ha raggiunto percentuali altissime di raccolta differenziata, in alcuni mesi pari al 76%, ma gli sforzi dei salemitani e dell´amministra...
Leggi tutto
WonderLAD, un sogno che diventa realtà: il 20 novembre all’inaugurazione il Ministro Nunzia Catalfo
Dopo cinque anni di lavori e incontri, in via Filippo Paladino a Catania, apre la casa che accoglierà i bambini con malattia oncologica e le lo...
Leggi tutto
Giornata Mondiale Poveri, 1 su 10 povero estremo nel mondo Lo ´Chef dei poveri´ 90enne sfama 250 poveri ogni giorno
Domenica 17 novembre si celebra la terza Giornata Mondiale dei Poveri fortemente voluta da Papa Francesco. Per la Banca Mondiale sono ancora troppi i ...
Leggi tutto
Paceco, al via prima edizione della Settimana ecologica”
Si svolgerà dal 16 al 24 novembre prossimi, a Paceco, la “I Settimana Ecologica, promossa dall´Amministrazione comunale in colla...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web