Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 07/02/2018 da Direttore

Il cittadino cuore della società. Una insolita alleanza

Il
È importante, soprattutto in questo periodo, in cui stanno riemergendo (o forse non hanno mai smesso di covare) le ideologie nazi-fasciste e i nazionalismi, fare una riflessione ad alta voce, anche se ho la cognizione di essere una vox clamantis in deserto. Il mio è un tentativo culturale per ricordare che il potere non è prerogativa di uno solo o di pochi uomini ma di tutti gli esseri umani chiamati a dominare la terra nella sua globalità.

Gli uomini nel tempo si sono impadroniti di lembi di terra, hanno creato territori più vasti e nazioni, delimitando i confini entro cui rivendicare i propri diritti, impedendo ad altri di entrarvi, come se queste zone fossero di dominio privato. Si è creato il concetto di cittadino quale membro di una collettività organizzata in stato: soggetto di diritti e doveri.

A fondamento del nostro discorso c’è il principio che l’uomo (l’umanità) è cittadino del mondo e il mondo è per lui “casa comune”. A lui, nella creazione, è stata affidata la terra perché la coltivasse “col sudore della fronte” e la rispettasse. L’uomo, quindi, è soggetto e non oggetto o complemento (elemento idoneo ma non essenziale per il funzionamento o la configurazione di un oggetto o di un fenomeno) di tutto il creato. Riprendere questo concetto di umanesimo integrale oggi è prioritario e su questo valore urge lavorare assieme se vogliamo costruire un mondo più giusto e solidale.

Che differenza c’è, allora, tra una creatura e un’altra? Nella dignità nessuna, siamo noi che autonomamente creiamo barriere e in conformità a esse valutiamo uno status sociale diverso dagli altri, sol perché l’uno si trova ad avere un ruolo difforme poiché la vita e le circostanze gli hanno offerto condizioni dissimili. Eppure sovente alcuni li consideriamo numeri, utilizzando per loro termini generici, divenuti sprezzanti: “straniero”, “extracomunitario”, “di colore”, “handicappato” e altri come persone.

Ogni persona, di qualunque etnia, è un compendio sulla terra, non ha solo braccia ma mente e cuore, ha valori e risorse, dissimili dai nostri ma non per questo spregevoli. Anche se oggi le peculiarità sono scomparse e al posto ci sono i disvalori, i partiti, il nulla, non per questo la persona è stata annientata: continua a essere il soggetto primario dell’esistere terrestre.

Il “cittadino” è al centro della società, della quale è parte integrante. Il punto focale non è il politico, l’amministratore, l’educatore, il genitore, il malavitoso e chiunque ha a che fare con un’altra persona, capovolgendo i ruoli. Sembra che spesso tutto è organizzato in funzione di questi ultimi, considerando gli altri strumentali al raggiungimento dello scopo che si prefiggono, facendo cadere in secondo ordine il valore della Politica, della Scuola, della Famiglia e di tante altre Istituzioni.

Anche chi è “difforme” da noi, nel corpo e nella psiche, non per questo dovrà essere trattato in modo dissimile ma l’uguaglianza è un dono indipendente dalle nostre capacità e potere. E allora: come sarebbe un ospedale senza ammalati, una scuola senza alunni, una società senza uomini? Come si potrebbe fare la carità senza i poveri? (S. Agostino).

Assistiamo a una lotta permanente: il metodo della conflittualità piuttosto che essere costruttivo e creativo, è divenuto sopraffattivo, lotta per l’esclusione, arrivismo… Chi “governa” dovrebbe fare un patto con il cittadino perché, ambedue complementari e complici, si sostengano vicendevolmente e si ascoltino per il raggiungimento di un fine comune: il bene-essere di tutti.

Ma dov’è oggi l’ascolto del cittadino con i suoi problemi, i suoi bisogni, le sue urgenze, le sollecitazioni scambievoli per trovare risposte unitarie? Dov’è la gioia condivisa tra gli abitanti di uno stesso quartiere, addirittura tra la stessa famiglia?

Giorgio La Pira, da sindaco di Firenze, ha lasciato una grande lezione ai cittadini, agli amministratori e ai politici. Egli ogni mattina, dopo la partecipazione alla messa, prima di andare a Palazzo Vecchio, si faceva il giro di un quartiere della Città per vivere un momento di condivisione, nel bene e nel male, con i suoi abitanti e ascoltare, di prima mano, le istanze per una vita migliore. E lo stesso La Pira, quando doveva fare un discorso pubblico importante, al fine di essere compreso da tutti, prima lo leggeva ai poveri: «Perché – diceva – se lo capite voi lo capiranno gli altri».

Questo è servizio all’uomo, non quello di esser osannati e serviti ma di servire. «Non chiederti: - dice F. Caramagna - Chi sono gli altri per essere aiutati? Chiediti: Chi sono io per non aiutarli?». Cristo stesso dice: «Se uno tra voi vuole essere il grande, si faccia servo di tutti; e se uno vuol essere il primo, si faccia servitore di tutti. Infatti anche il Figlio dell’uomo è venuto non per farsi servire, ma per servire e per dare la propria vita come riscatto per la liberazione degli uomini» (Mc 10, 43-46). Gesù volle dare l’esempio e lavare i piedi ai suoi discepoli (Gv 13, 5) prima di mandarli «Come pecore in mezzo ai lupi» (Mt 10, 16). Anche se «Gli uomini di questo mondo, nei loro rapporti con gli altri, sono più astuti dei figli della luce» (Lc 16, 8), è dovere di tutti servire perché nessuno abbia il diritto di sentirsi superiore agli altri poiché tutti proveniamo dalla polvere e nella polvere ritorneremo.

SALVATORE AGUECI

 

ALTRE NOTIZIE

A Palermo un festival mondiale del jazz: "Il centro storico sarà un villaggio musicale globale"
La rassegna verrà sostenuta con i fondi europei. Previsti spettacoli nell’arco di tutta la giornata, fino a sera: concerti, jam session, master...
Leggi tutto
“Coronavirus: Confapi dice no alle speculazioni, sì alla prevenzione e al controllo per contrastare gli effetti negativi su export e produttività delle Pmi”
Necessitano misure chiare per la prevenzione e i controlli su luoghi di lavoro che rassicurino tutti sull’efficacia delle azioni del Governo per il co...
Leggi tutto
“L’arte del governare: la geopolitica nell’era della globalizzazione”
Nei mesi di aprile e di maggio si svolgerà a Milano presso la sede milanese dell’associazione Anas (Associazi...
Leggi tutto
Coronavirus Palermo, negativi i dipendenti dell’hotel palermitano dove risiedeva la turista bergamasca
Arrivano notizie rincuoranti da Palermo: i test effettuati sui dipendenti dell’hotel Mercure, dove risiedeva la turi...
Leggi tutto
Sindaco Nicolò Rizzo ritorna sulla questione della scuola Allmayer di Alcamo
«Ogni scuola deve mantenere la propria territorialità, nelle sedi dove opera, cioè le scuole di Alcamo devono rimanere ad Alcamo, quelle...
Leggi tutto
Il primo Hackathon lanciato da Confcooperative Sicilia dedicato ai giovani e alla cooperazione  
Quattro città, quattro eventi, una finale regionale e un montepremi di 10.000 euro! Per ripensare la Sicilia ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web