Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Un caffè con... il 01/02/2018 da Direttore

Giù la maschera! L’integrità di ogni uomo sia palese a tutti

Giù
Spesso ostentiamo una maschera e dietro di essa ci trinceriamo perché non abbiamo il coraggio delle nostre azioni, o meglio, perché esse appaiano non legate al soggetto che li compie: chi compie l’azione non si vede, ma l’atto deplorevole sì.

Nella quotidianità, preferiamo assumere varie identità, a seconda il ruolo che ci accolliamo e con chi abbiamo a che fare. «C’è una maschera – dice Pirandello - per la famiglia, una per la società, una per il lavoro, e quando stai solo resti nessuno». E Alphonse Karr dice che «Ogni uomo ha tre personalità: quella che mostra, quella che è e quella che crede di avere».

Se questo avviene nella maggioranza delle persone, «Imparerai - dice ancora Pirandello - a tue spese che nel lungo tragitto della vita incontrerai tante maschere e pochi volti», in parecchi altri casi il fenomeno assume una valenza amplificata in categorie d’individui che, per mestiere, hanno responsabilità istituzionali e preferiscono operare diversamente da ciò che sono per non farsi vedere e per abbindolare più facilmente le persone, come se questo fosse sinonimo di de-responsabilità: è immorale.

Il termine ‘maskara (fuliggine, fantasma nero), probabilmente di origine etrusca, è legato alla persona e indicava la maschera teatrale. Nella tragedia greca si assumeva con quella maschera un finto volto per non farsi riconoscere, allo scopo rituale, di divertimento o di spettacolo; l’attore si attribuiva la personalità di chi stava interpretando, a testimoniare che la vera identità di ogni individuo è sempre nascosta sotto ciò che appare, per l’appunto sotto una maschera.

Nell’anonimato si può dire ciò che si vuole, solo che nella ripetitività dell’azione la faccia diventa “di bronzo”, non ci si fa più caso, come l’aspetto del contadino, abituato al sole e alle intemperie, il suo volto diventa scuro e la pelle dura come quella dei coccodrilli. Si diventa insensibili alle sofferenze dell’umanità senza tener conto del rischio che si corre: «Sappiamo – diceva Patrick Rothfuss - quanto può essere pericolosa una maschera. Tutti diventiamo quello che facciamo finta di essere».

I nostri progenitori, fino a quando aderirono alla Verità, accettando il volere di Dio, erano nudi e non si accorgevano di esserlo, il loro agire era trasparente, ma dopo essersi ribellati a Dio, si accorsero della loro nudità e cercarono di coprirsi, si misero una ‘maschera’ perché avevano paura e cercarono di nascondersi dal volto di Dio e dagli sguardi della creazione stessa: quella nuova condizione li accompagnò per tutta la vita. Ancora oggi, quando commettiamo un’azione contraria alla morale naturale, ci nascondiamo per paura che scoprano le malefatte.

Tutta la storia personale diventa una comparsa, pensando ognuno di avere potere e autorità di divenire il regista principale della propria e dell’altrui vita. Diceva Erasmo da Rotterdam che «Tutta la vita umana non è se non una commedia, in cui ognuno recita con una maschera diversa e continua nella parte, finché il gran direttore di scena gli fa lasciare il palcoscenico».

L’inganno diventa il filo conduttore per molti esseri umani, proprio come fa la cicala che, anziché lavorare sodo durante l’estate, procurandosi il vitto per l’inverno come la formica, preferisce cantare e dimostrare di essere felice, approfittando del periodo favorevole. Ma «Puoi indossare una maschera e dipingerti la faccia. Puoi persino dire di appartenere al genere umano, puoi indossare un colletto e una cravatta ma c’è una cosa che non puoi nascondere: è quando tu sei marcio dentro» (John Lennon).

La maschera per quanto sia ben fatta e mantenuta, si riesce a distinguerla dal volto, ci sono spesso le finestre dell’anima, gli occhi, dai quali traspare la nostra vera identità e sono essi che indicano, con un po’ di attenzione, il tipo di personalità che sei e il grado della tua falsità. E poi, si perde sovente il senso della vergogna e del pudore. Ci si dimentica della storia, quella esterna e soprattutto interna, della nostra coscienza, ambedue attente segretarie dei nostri atti le quali trascrivono il ‘verbale’ con minuzie di particolari.

E allora, rifacciamoci a un principio generale che è quello della schiettezza. Ritorniamo al vero concetto di verità Adequatio intellectus et rei (adeguazione dell’intelletto alla cosa) e smettiamola di prendere in giro gli altri come se fossero dotati di stupidità e di poco intelletto. Dice Gesù: «Sia invece il vostro parlare sì, sì; no, no; il di più viene dal maligno» (Mt 21, 37). Nella comunicazione il nostro linguaggio sia limpido (anche se carico di humor), comprensibile da tutti e mai fatto di doppi sensi, usando il politichese, il giuridichese, l’aziendalese o il socialese.

Impariamo a operare con purezza di spirito perché mai abbiamo a vergognarci delle azioni e il cielo azzurro copra con nitidezza il nostro capo, come il sole traspaia con brillantezza nell’anima e sul nostro volto di uomini creati a immagine e somiglianza di Dio. «Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me» è l’epigrafe che il filosofo Kant volle fosse scritta sulla sua tomba a imperitura memoria.

Salvatore Agueci

 

ALTRE NOTIZIE

Attivazione corso base di accesso alla CRl.
DIVENTA ANCHE TU UN VOLONTARIO DI CROCE ROSSA.
Attività sanitarie, so...
Leggi tutto
Germania, incredibile incidente: aereo da turismo travolge pedoni al suolo, almeno tre morti tra cui un bimbo. L´incidente è avvenuto nei pressi della città di Fulda, nel Land tedesco dell´Assia
Incidente che ha dell´incredibile quello che si è verificato oggi in Germania Un Cessna, mo...
Leggi tutto
IL CEFALUDESE ANGELO LOMBARDO (PORSCHE) SVETTA NELLA PIOGGIA AL SANTUARIO
Numerosi titoli italiani e siciliani consegnati nella Cronoscalata Cefalù-Gibilmanna, decima ed ultima tappa ...
Leggi tutto
Festeggiare un traguardo importante rendendo omaggio al territorio.
E’ stata questa l’idea alla base di un’iniziativa intrapresa da Cantine Paolini in occasione dei 40 anni di attivit&...
Leggi tutto
Olimpiadi Giovanili: Ficco d’oro. Urso: Inizia una FIPE 3.0
Il N° 1 FIPE rilancia verso una nuova idea della pesistica italiana
Leggi tutto
Pall. Marsala- Anticipo al Palazzetto Sanbàpolis di Trento
Per la 2^giornata di andata nel girone "B" di A2 femminile, la nostra squadra impegnata ieri sera in anticipo al Pal...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Vittorio Carcò su Accademia di Sicilia - Convegno sul tema Aspetti diagnostici, eziologici e terapeutici dell´acufene:
Vorrei sapere se è possibile avere copia delle relazioni, sotto qualsiasi forma e ovviamente con le spese, comprese quelle del´eventuale spedizione, a mio carico. a mio carico..Grazie comunque per l´eventuale riscontro..Vittorio Carcò - Vico La palma,6 -09126 CAGLIARI tf.3280744108


Salvatore Bartolone su MARINA MILITARE: CONSEGNA DELLA BANDIERA DI COMBATTIMENTO A NAVE RIZZO A MILAZZO (ME):
Evento eccezionale. Oltre al ricordo del nostro caro Comandante, Luigi Rizzo, viene anche ricordata la sua impresa.Sono onorato di essere milazzese ed italiano.


AMACA su Il Servizio militare obbligatorio la c.d. leva era un grande momento di formazione e di crescita, era quel momento che sanciva la maturità "l´emancipazione" delle persone:
Molti giovani partivano sani e tornavano a casa DROGATI dopo 19 anni si sta scoprendo la VERITA´ sulla morte del Paracadutista SCIRE di Siracusa ( Laureato in Giurisprudenza) allora Ministro della Difesa Sergio MATTARELLA.


Simona Buts su Dichiarazione su mobilità docenti l. 107/2015 del ministro Bussetti:
sono una docente esiliata con 2 figli...dall´Abruzzo a Finale Emilia...per mantenere il mio posto ho dovuto lasciare i miei figli e vivere in condizioni di estrema difficolta´ dive ogni dignita´ e´ calpestata...spero tutto cio´ finisca presto e possa tornare a lavorare con serenita´ accanto ai miei figli di 12 e 14 anni


Scicolone Stefania su Dichiarazione su mobilità docenti l. 107/2015 del ministro Bussetti:
Spero che il ministro attui quanto sostiene. È necessario che questo incubo finisca al più presto. Troppi sono i disagi economici e psicologici che questo trasferimento ci ha causato. Ci aiuti ministro per favore. Ve ne saremo eternamente grati.


Giorgio su Nave Diciotti. Appello di Fava, Bartolo, Nicolini e Viviano al Presidente della Repubblica:
signor presidenteLei è il capo delle forze armate è Lei che come l´altra volta aiuti lo sbarco ne ha la possibilità.Grazie e mi scusi se l´ho disturbata


a su GAIA ANIMALI & AMBIENTE SI COSTITUIRA’ PARTE CIVILE:
GRAZIE SIETE MERAVIGLIOSI


Ludovico Vinci su Mazara del Vallo - XVI° Edizione, il Blues & Wine Soul Festival – Joe Castellano Band:
Come preannunciato ci sarò. Un caro abbraccio con tanti in bocca al lupo.


ELENA DODESINI su Aeroporti minori. M5S chiede rassicurazioni al Governo regionale:
inammissibile che nell era della globalizzazione si permetta lo sbando di un aeroporto che se pur piccolo aveva un movimento eccezionale di viaggiatori e turisti che incrementavano tantissimo l economia di TUTTA la PROVINCIA di TRAPANI. solo e sopratutto in Sicilia possono avvenire queste coseVERGOGNA!


roberto su Vela, windsurf, attività stimolanti che fanno bene. Sclerosi Multipla e sport all’aria aperta:
Buongiorno , ho letto per caso questo articolo , sono anch´io malato di sclerosi multipla e pratico windsurf , posso confermare quanto da voi scritto e sapere che esistono iniziative simili mi riempie il cuore , se aveste bisogno di una mano non esitate a contattarmi se posso volentieri


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web