Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Sport il 26/01/2018 da Direttore

Pall.Trapani: i numeri di Siena

Pall.Trapani:
La trasferta di Siena non sarà delle più agevoli. Molto è cambiato rispetto alla gara di andata quando, al PalaConad, Trapani vinse agevolmente. 

Non c’è più coach Giulio Griccioli ed, al suo posto, troviamo il giovane coach Matteo Mecacci che, in comune con il predecessore, ha il luogo di nascita, proprio la città del Palio. Trovate, con il tempo, le giuste alchimie, si vedono finalmente i risultati. Come l’ultima vittoria “on the road” ad Agrigento che è un campo storicamente difficile. Certo, le ambizioni di inizio stagione sembrano ormai alle spalle ma entrare “di rincorsa” nei play-off è un obiettivo assolutamente alla portata del team toscano. 

Il roster è oltretutto in evoluzione, in virtù del recente taglio della guardia Elston Howard Turner Jr. in favore dell’esterno ceco del 1993 Tomas Kyzlink che è un giocatore più di sistema rispetto all’americano che, non di rado, chiudeva l’azione con una forzatura. Già decisivo nel finale di Agrigento (8 p.ti, 6 rimbalzi e 4 assist alla “prima”), Kyzlink darà sicuramente più equilibrio al sistema offensivo della Mens Sana e, nonostante la giovane età, ha già alle spalle una discreta esperienza nei vari campionati d’Europa nonché con la propria nazionale. Le redini della squadra sono affidate al talentuoso playmaker Lorenzo Saccaggi (1992) che garantisce fosforo ed imprevedibilità. 
Le sue potenzialità realizzative lo rendono particolarmente pericoloso nei finali di gara dove fa valere anche il suo carattere da combattente puro. Le sue cifre: 9 p.ti, 2.5 rimbalzi e 3.5 assist di media. Benissimo dal campo, con il 52% da due ed un eccellente 50% da tre. 

Il perimetro è completato da Andrea Casella (1990), fisicamente un’ala piccola ma tecnicamente una guardia, che qualche anno fa ha vissuto la massima serie a Varese. Assicura dinamismo e tiro da fuori, mentre non ama particolarmente giocare uno contro uno. Quando i giochi sono “rotti”, lui è sempre presente! I suoi numeri: 6.5 p.ti e 2.9 rimbalzi a match. La specialità della casa è il tiro dalla distanza che, al momento, insacca con il 32%. Poi troviamo Daniele Sandri (1990) che è un’ala piuttosto atletica che mette al servizio della squadra le sue indubbie doti fisiche ed un tiro che migliora anno dopo anno. Buona poi la sua propensione nel rifornire di assist i compagni, oltre che nel dare una mano nella lotta a rimbalzo. Le statistiche stagionali: 10.1 p.ti, 2.8 falli subiti, 4 rimbalzi e 2.4 assist per partita. Bene da due (55%), mentre da tre ha un insolito 22%. Nel pitturato troviamo l’ala/centro Devin Ebanks (1989) che alle spalle ha addirittura un triennio (2010-2013) con i L.A. Lakers. Atletismo, rimbalzi e numeri spettacolari nei pressi del canestro sono assicurati, ed anche in attacco si sta rivelando un’arma letale. Le cifre fino ad ora: 21.9 p.ti (57% da due), 5.1 falli subiti e ben 7.2 rimbalzi per gara. Anche da fuori può far male, con il 34% da oltre l’arco dei 6.75. On fire! L’esperto playmaker Stefano Borsato (1986) parte dalla panchina e garantisce doti da regista puro ed un buon tiro da tre. Finora ha pienamente fatto il “suo”, con 4.2 p.ti e 1.1 assist per gara. Tira solamente quando serve (50% da due, 29% da tre), prediligendo giocare per la squadra. Un buon aiuto lo assicura anche l’ala-pivot del 1995 Giovanni Vildera, che si è meritatamente guadagnato il ruolo di primo cambio dei lunghi con quasi 20’ di utilizzo medio sul parquet. Sa farsi trovare pronto quando viene chiamato in causa, rivelandosi pedina preziosa per il proprio staff tecnico. Per lui 6.7 p.ti (51% da due) e 6.7 rimbalzi ad allacciata di scarpe. In crescita! 

L’ala piccola Federico Lestini (1983), negli ultimi due anni a Matera, apporta la sua esperienza in un gruppo mediamente giovane. Il suo impiego è un po’ in calo, con poco più di 12’ a match: 3.2 p.ti di media con il 35% da tre (la specialità della casa), distanza da cui può far male. Spazio (oltre 13’ di media) anche per Marko Simonovic (1999), centro montenegrino che può giocare anche da “quattro”. È un atleta di grande prospettiva, il classico lungo moderno, molto mobile e con mani educate, anche se deve ancora crescere fisicamente. Per lui 5.8 p.ti (62% da due) e 3.2 rimbalzi a match. Male dalla lunetta, con il 53%.

 

ALTRE NOTIZIE

Scuola, giudizi descrittivi al posto dei voti numerici alla primaria. Illustrata ai sindacati l’Ordinanza con le novità
Scuola, giudizi descrittivi al posto dei voti numerici alla primaria
Covid: Turano, su internazionalizzazione servirà cambio di strategia
L’assessore alle Attività produttive: domani comitato di sorveglianza po-fesr su problemi azion...
Leggi tutto
Chiarezza sullo sversamento di gasolio a Favignana, la società elettrica ribadisce: “Nessuna inerzia, abbiamo fatto persino più di quanto richiesto dalla legge”
“La SEA, Società Elettrica di Favignana, non è mai stata inerte di fronte all’accaduto, in nessuna occ...
Leggi tutto
L’appello di Biagio Conte: Halloween trasmette violenza, orrore e danneggia i bambini
“Mi è dovere fare un appello a tutta la società affinché possa fare una riflessione per compren...
Leggi tutto
Riflessioni geopolitiche del Generale Bartolomeu Constantin Savoiu
Il generale Bartolomeu Constantin Savoiu, generale delle riserve delle forze di terra rumene (nonché capo della Gran Loggia nazionale rumena a...
Leggi tutto
Decreto si sequestro urgente emesso dal Tribunale di Trapani riferibili a tre soggetti
Nelle giornate scorse, Agenti della Polizia di Stato in servizio presso la Divisione Anticrimine della Questura di Trapani e Finanzieri del Nucleo di ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web