Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 18/10/2013 da Marina Angelo

Lavoratori della formazione: «Non siamo più disponibili ad accettare promesse e chimere sulla pelle dei lavoratori e delle rispettive famiglie»

Lavoratori
E’ indirizzata al Presidente Crocetta, all’assessore Scilabra e per conoscenza a tutti i lavoratori della Formazione professionale in Sicilia la lettera inviata da A.Si.L.Fo.P. – lavoratori federati della F.P., COBAS - Scuola Formazione Professionale, C.U.B - Scuola Formazione Professionale,Gli irriducibili della F.P. in Sicilia e scritta alla luce dei nuovi arresti di Catania e delle nuove inchieste aperte a Trapani e Caltanissetta.

Scandali ulteriori che hanno portato l’assessorato regionale all’Istruzione a cancellare dall’elenco degli accreditati altri 4 enti: l’Anfe di Catania, Iras, Issvir e Anfes. Sale così a 11 il numero degli enti di formazione a cui la Regione siciliana ha revocato l’accreditamento. Un numero che pare sia destinato a crescere.

I dipendenti degli enti vittime di questo scandalo, sono stanchi di pagare a proprie spese e sulla propria pelle un prezzo diventato troppo alto: alcuni di loro non ricevono stipendi da 26 mesi e sono ridotti a vivere in auto con le famiglie.
Rabbia e disperazione incollate dalla dignità si leggono nelle parole che riportiamo integralmente di seguito:

«Alla luce dell’ulteriore terremoto che ha colpito Catania, portando alla ribalta della cronaca i grandi manovratori degli enti Anfe Catania, Iraps, Issvir e Anfes e dopo le indiscrezioni odierne su controlli in atto a Caltanissetta (ENAIP As.A.Form) e Trapani (EFAL) non è più possibile continuare a credere che quanto accaduto sia un fenomeno isolato ma bisogna rendersi conto di essere davanti ad una cancrena dell’intero sistema.

Non hanno funzionato i controlli “capillari” da parte degli organismi preposti, gli accreditamenti, le certificazioni di qualità, le rendicontazioni e tutto quanto di farraginoso messo in atto che con meticolosità ed ingegno è stato aggirato o, non vogliamo crederci, è sfuggito o per distrazione o per altro, durante le verifiche ispettive.

Malgrado le scriventi OO.SS. abbiano più volte segnalato all’amministrazione regionale situazioni non poco chiare e sospette portate avanti da alcuni enti formativi, chiedendo immediati provvedimenti, i lavoratori continuano a pagare in prima persona non ricevendo gli stipendi per mesi e mesi subendo anche, ingiustamente, la cassa integrazione mentre gli enti e i loro presidenti lucrano e si ingrassano dall’alto dei loro noni livelli.

Abbiamo più volte chiesto all’assessore Scilabra un incontro per affrontare le spinose e vergognose problematiche ed alla data odierna tra convocazioni e rinvii vari non siamo riusciti ancora ad incontrarla mentre incontra regolarmente quelle OO.SS. ed i loro rappresentanti che tanto hanno contribuito alla lenta demolizione ed al saccheggio della formazione professionale in Sicilia. A tal proposito ricordiamo all’assessore che le scriventi OO.SS. rappresentano quei lavoratori, tantissimi, che non si riconoscono nelle OO.SS. firmatarie di contratti collettivi di lavoro.

Di seguito pubblichiamo gli argomenti che avremmo voluto affrontare nell’ultima convocazione (11 ottobre 2013) che è stata annullata 45 minuti prima dell’orario stabilito. Pur comprendendo gli impegni ed il carico di lavoro dell’assessore non vorremmo incarnare il famoso detto “mentri u mericu sturia u malatu sinni và”.

Venerdì 11 ottobre 2013 alle ore 14,15, mentre eravamo in viaggio sotto una pioggia torrenziale per recarci all’incontro con l’assessore Nelli Scilabra, fissato dalla stessa alle ore 15,00 presso i locali dell’assessorato, abbiamo ricevuto una e-mail accompagnata da una telefonata con la quale si annullava l’incontro a causa di imprevisti impegni istituzionali della stessa e da fissare a data da destinarsi. Abbiamo avvisato tempestivamente le delegazioni dei lavoratori che erano già partiti da Messina, da Catania, da Agrigento, da Caltanissetta, da Marsala e da Siracusa e quasi arrivati a Palermo.

Questi erano i punti che avremmo voluto affrontare durante la riunione:

- consegnare personalmente all’assessore la copia della lettera di disperazione inviata ai giornali online dal collega Giuseppe Raddusa, delegato A.Si.L.Fo.P. per la provincia di Catania, il quale non percepisce stipendi da 26 mesi e dorme in macchina con la famiglia. Auspichiamo che l’assessore possa agire immediatamente con un sostegno economico immediato attraverso l’applicazione dell’art.5 del DPR 207 del 2010;

- malgrado gli impegni assunti diversi mesi addietro dal presidente Crocetta, dall’assessore Scilabra e dal suo staff, molti enti di formazione professionale attualmente non erogano gli stipendi in media da 8 a 26 mesi. L’assessore e il suo staff si erano impegnati a disporre ispezioni al fine di accertare la situazione debitoria di ogni ente e nel caso di inadempienze, revocare l’accreditamento. Addirittura ci sono enti che hanno partite debitorie del 2010 e 2011.

- chiediamo al presidente Crocetta e all’Assessore Scilabra la creazione di un’agenzia unica in cui confluiscano gli 8300 lavoratori. Non accettiamo e nello stesso tempo contestiamo lo spin-off con 1850 lavoratori degli sportelli prima, successivamente di quelli dello IAL, ARAM, LUMEN, ANCOL, AIPRIG, CEFOP, ANFE, etc. E cosa aspetta gli altri 4500 lavoratori? Scudi umani in mano ad enti inconcludenti, avidi, schiavisti e affaristi; enti che non rispettano il CCNL e gli accordi decentrati effettuando passaggi di livello a go-go senza concertazione sindacale ed in barba a coloro che per anzianità e professionalità ne hanno diritto. Tutto ciò in un momento di crisi dove gli unici a pagare con la cassa integrazione sono i lavoratori mentre non vengono tagliate spese inutili e dispendiose quali le consulenze e l’esternalizzazione di altri servizi dove, purtroppo, come hanno dimostrato i recenti fatti di cronaca si nascondono le “magagne” e le “manciugghie”. Questo è il modus operandi di enti che hanno finalità di lucro, zero scrupoli e sono amministrati da (im)prenditori che non rischiano con somme proprie ma utilizzano finanziamenti regionali e comunitari;

- malgrado le nostre ripetute richieste, non è stata ancora emanata una direttiva sugli accantonamenti delle somme delle indennità allievi. Queste somme (notevolmente sovradimensionate) risultano in atto già erogate dall’amministrazione regionale ed utilizzate per altri fini o accantonate nell’attesa della chiusura dei rendiconti (chissà quando…). Nel frattempo i lavoratori aspettano ed intanto trascorrono i mesi e crescono i debiti e la disperazione;

- la deliberazione n. 200 del 6.6.2013 voluta fermamente dalle scriventi OO.SS. e dallo stesso assessore Scilabra attraverso l’accordo del 3 giugno 2013, non viene applicata integralmente, molti enti non hanno ancora ricevuto il secondo acconto del 25% per la lentezza della procedura della compensazione INPS, la chiusura dei rendiconti e l’implementazione delle procedure è in alto mare e, cosa ancora più grave, non si hanno certezze sulla liquidazione del Fondo di garanzia 2012;

- non riusciamo a comprendere, inoltre, per quale oscura e recondita motivazione l’amministrazione regionale applica il D.P.R. 207 del 5 ottobre 2010 in modo incompleto, recependo l’art. 4 ma ignorando l’art. 5 che consentirebbe il pagamento diretto degli operatori in caso di inadempienze degli enti gestori;

- chiediamo un controllo rigoroso ed accurato sull’albo regionale del personale docente e non docente, in particolare per quelle figure apicali (troppe) che contemporaneamente si trovano nella doppia veste di gestore e dipendente o cosa strana ma facilmente comprendibile gestore di un ente e dipendente di un altro;

- ad oggi, nonostante proclami e rassicurazioni varie, non è ancora stato emanato il decreto relativo all’avvio delle attività formative negando un diritto agli allievi che numerosissimi risultano iscritti nei corsi e conseguentemente ritardando abnormemente le procedure e gli adempimenti connessi all’inizio delle attività (bandi, selezioni, vidimazione registri, etc.).

Chiediamo il rispetto assoluto della normativa vigente che, spesso, viene ignorata e calpestata; vogliamo impegni seri, concreti ed immediati per il futuro lavorativo e per la salvaguardia del posto di lavoro dei lavoratori della formazione professionale che non hanno colpe delle ruberie perpetrate da chi ha gestito allegramente il sistema formativo e cosa ancora più grave con la distrazione o l’omissione di chi era deputato ai controlli.

Non siamo più disponibili ad accettare promesse e chimere sulla pelle dei lavoratori e delle rispettive famiglie.

Distinti saluti

A.Si.L.Fo.P. – lavoratori federati della F.P.
COBAS - Scuola Formazione Professionale
C.U.B - Scuola Formazione Professionale
Gli irriducibili della F.P. in Sicilia»

 

ALTRE NOTIZIE

Torna a Palermo l´Easy Jazz project: il concerto alla Chiesa di Santa Maria del Piliere
Metro Harp & Theatre 2^ edizione con la direzione artistica di Francesco Panasci Torna a Palermo, con un doppio appuntamento musicale, l´Ea...
Leggi tutto
Enti locali, Cisl Fp al sindaco di Trapani: “I dipendenti rischiano un danno economico di 500mila euro per inadempienze contrattuali”
I dipendenti del Comune di Trapani rischiano di pagare un conto salatissimo per inadempienze contrattuali che vanno ...
Leggi tutto
Le Vie dei Tesori restaura tre gioielli con il supporto di Lottomatica Holding e dei giovani dell’Università di Palermo
Il contest on line premia le Sfingi dell’Orto Botanico a Palermo un olio della Cappella della Mortificazione a Trapani e la cupola del campanile del C...
Leggi tutto
Strada provinciale 104/a, Marco Orsola (Idd): “Dissesto e incuria permanente. Città Metropolitana intervenga”
Il responsabile dell’Italia dei diritti per la Valle dell’Aniene denuncia le condizioni pietose in cui versa il tratto provinciale che conduce a Rocca...
Leggi tutto
Rifiuti, l´assessore Pierobon: settore frammentato da riformare, con il Piano garantiamo ordine e trasparenza
"Una attività di gestione dei rifiuti frammentata non garantisce economie di scala e un servizio efficiente, e sarà esposta a maggiori r...
Leggi tutto
La Sicilia quarta ai Campionati Italiani a squadre karting
Sul circuito del Sele a Battipaglia la rappresentativa isolana si batte con tenacia e ripete il risultato 2018, vincendo il trofeo della 125 kzn over ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web