Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Economia il 17/02/2017 da Direttore

ABBATTIAMO I MURI NO ALLA GUERRA TRA POVERE/I. PER I DIRITTI DI TUTTE/I

ABBATTIAMO Come società civile attiva per l’accoglienza non discriminatoria di donne, uomini e minori che migrano, contro la tratta e per il diritto alla mobilità umana non possiamo non denunciare quanto i governi italiano, europeo e americano stanno facendo in tema di politiche migratorie.
Solo per fare alcuni esempi dei provvedimenti in campo: accordi bilaterali con paesi terzi non sicuri (come Libia, Nigeria, Sudan, Mali, ed altri); la “caccia all´uomo” e le espulsioni collettive su base etnica messe in atto dal nostro Ministero dell’Interno; la moltiplicazione dei centri di espulsione; i dinieghi; le procedure sempre più restrittive per i rinnovi dei permessi di soggiorno... e molti altri..
Non possiamo stare in silenzio davanti a queste che sono misure restrittive, illegali e inumane, che avranno come conseguenza un immenso costo umano di cui ci chiediamo chi si prenderà la responsabilità? Valgono ancora le Convenzioni Internazionali ONU? Vale ancora la Convenzione di Ginevra? Valgono ancora il diritto nazionale e internazionale?
Fino a quando si assoceranno le migrazioni all´illegalità non sarà possibile affrontarne la reale natura legata ai modelli di sviluppo, all´ingiustizia sociale, all´iniqua distribuzione delle risorse economiche, alle nuove forme di colonialismo e alla negazione di accesso alle risorse naturali.
Non vogliamo una guerra fra povere/i. Siamo consapevoli che lottare per esigere che vengano attuati e tutelati i diritti delle e dei migranti significhi tutelare i diritti nostri e delle generazioni future.
Noi crediamo nella solidarietà, nell´accoglienza, nel dialogo e nel diritto alla libertà di mobilità di tutte/i.
Per questo saremo in piazza sabato 18 febbraio, manifestando il nostro dissenso, per dire ancora più forte il nostro no a queste politiche e ribadire le nostre richieste.
Chiediamo alle/ai palermitani e alle/i migranti di scendere in piazza con noi.

Il governo italiano, i governi europei e quello americano sembrano avere come obiettivo politico quello di fermare i movimenti migratori, in totale violazione del diritto internazionale e umanitario. Dopo aver fatto del Mediterraneo un cimitero, adesso, sulla base degli accordi firmati dal governo italiano con la Libia, chi si assume la responsabilità dell’immenso costo umano che deriva dal bloccare le/i migranti in Libia? Chi si assume la responsabilità della deriva che sta prendendo l’Europa? Utilizzano le parole chiave terrorismo e invasione per spostare la nostra attenzione dalla crisi e dalle ingiustizie sociali, creando ad arte un nuovo nemico: le/i migranti.
In nome di una presunta sicurezza ci stanno spingendo ad accettare la riduzione dei nostri diritti e delle nostre libertà personali, a calpestare la nostra umanità.
DICIAMO NO
• alla svolta repressiva del nostro governo sulle politiche dell’immigrazione e dell’asilo e agli accordi bilaterali con paesi terzi non sicuri (come Libia, Sudan, Nigeria, Mali, ed altri, all’interno del Processo di Khartoum) per bloccare i flussi migratori. L’Unione Europea, in nome della difesa dei confini esterni, sta sacrificando tantissime persone che cercano soltanto una prospettiva di sopravvivenza;
• alla “caccia all’uomo” e alle espulsioni collettive su base etnica, come quella attuata proprio in questi giorni dalla Direzione Centrale dell’Immigrazione e della Polizia delle Frontiere del Ministero dell’Interno italiano nei confronti, questa volta, della comunità nigeriana. Non sono queste le misure adeguate a contrastare il traffico di esseri umani e il loro sfruttamento;
• alla negazione dei diritti fondamentali, a partire dal diritto alla protezione internazionale, sulla base della provenienza nazionale. Non vogliamo Hotspot, CIE o CPR, a Palermo o altrove;
• all’esclusione delle persone vittime della tratta dal percorso sociale per il riconoscimento di un permesso di soggiorno per motivi di protezione;
• ai tanti minori stranieri nelle strutture di Palermo e non solo che, in mancanza di percorsi adeguati, sono obbligati a seguire le sfibranti procedure di asilo degli adulti;
• alle procedure sempre più restrittive adottate dalla Questura di Palermo in particolare per i rinnovi dei permessi di soggiorno per lavoro autonomo (come accade per gli AMBULANTI);
• alla raffica di dinieghi che i richiedenti asilo stanno ricevendo e che temiamo abbiano come obiettivo finale la cancellazione del diritto di asilo;
• ai ritardi nell’applicazione della normativa che potrebbe consentire il riconoscimento di un permesso di soggiorno a chi denuncia un grave sfruttamento lavorativo;
• alla moltiplicazione dei centri di espulsione, alle revoche dell’accoglienza, ai rastrellamenti e al rimpatrio forzato degli “irregolari”.
CHIEDIAMO DI:
• Rompere il legame perverso tra contratto di lavoro e permesso di soggiorno;
• Creare canali umanitari e vie di ingresso legale e protette, tramite la concessione di visti di ingresso per motivi umanitari da ambasciate e consolati dei paesi occidentali, e non solo europei;
• Usare le risorse economiche europee per aumentare la capacità di accoglienza e asilo invece di spenderle su interventi (militari) contro la mobilità umana;
• Non affrontare più la questione migratoria secondo caratteri di eccezionalità ed emergenzialità;
• Garantire la protezione dei diritti umani delle/i migranti, valutando i rischi che devono affrontare in Libia;
• Adottare misure specifiche per identificare e proteggere i gruppi vulnerabili.

VI ASPETTIAMO ALLA MANIFESTAZIONE CHE SI TERRÀ SABATO 18 FEBBRAIO 2017, CONCENTRAMENTO IN PIAZZA VERDI ALLE ORE 16, CON CONCLUSIONE IN PIAZZA BOLOGNI ALLE ORE 18.

 

ALTRE NOTIZIE

PRIMO PRELIEVO D’ORGANI PER TRAPIANTO ALL’OSPEDALE DI MARSALA
Primo prelievo di organi per trapianto, in assoluto, all’ospedale Paolo Borsellino di Marsala. E’ stato eseguito infatti ieri mattina un intervento su...
Leggi tutto
Domani 19 dicembre conferenza stampa di presentazione dell´opera lirica "Lars Cleen" in prima nazionale a Trapani
Domani, martedì 19 dicembre, alle ore 10.00, negli spazi dell´Auditorium "Tonino Pardo" presso il Conservatorio di Musica "A. Scontrino" ...
Leggi tutto
Al via il concorso internazionale "Campochiaro", in Sicilia musicisti da tutto il mondo
Al via le selezioni per il concorso internazionale "Gianluca Campochiaro" riservato a giovani pianisti, violinisti, violisti, formazioni cameristiche ...
Leggi tutto
BCsicilia esprime solidarietà a Magda Scalisi per le intimidazioni ricevute nel corso della sua attività di gestione del Rifugio del Parco dei Nebrodi
BCsicilia esprime solidarietà e vicinanza a Magda Scalisi per le intimidazioni ricevute nel corso della sua attività di gestione del Rif...
Leggi tutto
´Salemi a Natale´: presepi, mercatini e archeologia Sabato 30 dicembre ´Busker Night´ con gli artisti di strada
a tradizione del presepe e dei mercatini di Natale dedicati all´artigianato locale ma anche musica, archeologia, fotografia, cucina, animazione per i ...
Leggi tutto
Il WWF, tramite segnalazione dei ricercatori del Mediterranean Institute of Oceanography, recupera boa contenente la strumentazione scientifica
I ricercatori del Mediterranean Institute of Oceanography dell´Université d´Aix-Marseille accortisi con il segnale gps che una delle sonde geos...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Samuele Giannilivigni su Diritto al risarcimento e all’indennizzo per il mancato aumento dello stipendio dichiarato incostituzionale con sentenza della Corte Costituzionale n. 178 del 2015:
Salve mi chiamo Samuele sono un dipendente publico dal 23/03/2011 .sono Agente scelto della polizia penitenziaria anche io vorrei aderire per richiedere il risarcimento di questi anni di blocco.


Luigi su Il sistema bancario e la fiducia. Ancora oggi i consumatori sono confidenti nei confronti della struttura bancaria?:
Fiducia ... Si ... Andatelo a dire ai risparmiatori delle Banche Venete se hanno fiducia del sistema bancario!


Orinas su Mini tour siciliano questo weekend per il grande attore Pippo Franco per lo spettacolo comico “SvalutEscion:
Email : finance.europa12@gmail.com Facciamo prestiti che vanno di 1 mese a 30 anni e noi prestiamo di 2000€ a 10.000.000€. Il nostro tasso d´interesse è pari al 2% l´anno


Ana su L’Inps contro le pagine fake di Facebook:
PRESTITO PER NATALE :lucianocassano09@virgilio.it AIUTA FINANZA, PRESTITO SERO ,CREDITO ONLINE: whatsapp:+33756837773 Offerta di credito tra privati fino a 3.000.000€. Avete bisogno di credito tra privati in 72 ora con il 3% d’interesse per affrontare i vostri problemi finanziari?Non esitate a contattarmi per fare tua richiesta.Per rendere la vostra domanda di prestito o per avere maggiori informazioni sulle nostre offerte, vi preghiamo di contattarci tramiteemail: lucianocassano09@


Filippo su Vietato pregare a bimbi, Lega::
C´è un tempo per ogni cosa e ci sono luoghi preposti per svolgere determinate attività.


VITO su L’agonia del Castello:
SONO SICURO CHE QUEGLI INUTILI POLITICANTI DA STRAPAZZO, DOPO CHE LA COLOMBAIA CROLLERA´, PERCHE´ CROLLERA´ , SI AGITERANNO TUTTI CERCANDO DI SCARICARE LE LORO RESPONSABILITA´ SUGLI ALTRI ; VERGOGNA !!


gerard su L’Inps contro le pagine fake di Facebook:
In contatto con me : ( gerard.lebreton25@gmail.com ) In contatto con me Whataspp : +32 460 21 48 40 Ciao Signore / Signora , Let me in contatto con voi in questo Giorno. Vi offro un prestito di 2.000 € a 5.000.000 di EURO per tutte le persone in grado di ripagare con gli interessi al tasso del 2% per chiunque sia interessato scrivimi, persona non seri astenersi. Appena onesto ed affidabile. In contatto con me : ( gerard.lebreton25@gmail.com ) In contatto con me Whataspp : +32 460


Orinas su NOMINATO IL NUOVO DIRETTORE AMMINISTRATIVO DELL’ASP TRAPANI:
Assistenza finanziaria in 24 ore ( finance.europa12@gmail.com ) Accessibile Prestito a tutti


Filippo su Non sono lavoratori per Ministero della IN-Giustizia, i 5000 magistrati onorari addetti alle medesime funzioni di giudici e pubblici ministeri:
Per l´assoluta arbitrarietà dei giudici di pace,converrebbe sostituire la loro opera con un sistema a sorteggio.I risultati in termini di equità sarebbero analoghi.


VITO su Sabato 18 novembre nei locali dell’aerostazione “Vincenzo Florio” di Birgi, la conferenza stampa sui contenuti dell’emendamento:
MA IL RISTORO PER I DANNI CAUSATI DALLA GUERRA IN LIBIA NON ERANO GIA´ STATI ASSEGNATI ? SI VUOLE FORSE DARE MERITI A PERSONE CHE NON C´ENTRANO NIENTE ??


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

powered by
First Web