Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 10/02/2017 da Direttore

A Palermo mons. Lorefice incontra i giornalisti «Migrazione e Comunicazione, i media raccontano l’uomo»

A
Come si comporta il giornalismo dinanzi al crescente fenomeno migratorio che ha assunto ormai una portata globale? Un argomento di stretta attualità quello che ieri è stato trattato presso il salone Lavitrano della curia arcivescovile di Palermo. L’evento promosso da un coordinato lavoro tra l’Ordine dei giornalisti di Sicilia, l’Ucsi Sicilia – con la delegazione della sezione di Palermo – Assostampa, Gus, Unci e l’ufficio Comunicazioni sociali dell’arcidiocesi di Palermo, è stato un utile strumento di misura per sondare il terreno dell’informazione. Per l’occasione sono intervenuti diversi rappresentanti della stampa, della Caritas territoriale e delle associazioni che investono le proprie energie verso l’aiuto al migrante. In un avvicendamento di voci, esperienze sul campo e testimonianze, l’incontro è stato ricco di spunti per il futuro. “Il giornalismo è sempre più lavoro da Santi” ha dichiarato Riccardo Arena, presidente dell’Odg Sicilia – il primo a prendere la parola, introdotto dal moderatore Pino Grasso, direttore dell’Ufficio Comunicazioni sociali della Diocesi e consigliere della sezione Ucsi di Palermo. Una triste costatazione, che punta l’obiettivo sul mestiere del giornalista, spesso precario e sottopagato. Con tali presupposti prende la parola Mario Sedia, vicepresidente della Caritas di Palermo, che con lucida memoria derubrica le attività e prospettive del lavoro sin qui svolto dall’Organizzazione in termini di accoglienza e supporto verso i migranti. “Noi ci siamo ad ogni sbarco perché questo ci chiede il Vangelo. Noi ci siamo perché questo è un segno dei tempi, non una momentanea richiesta dell’attuale Pontefice”. A supporto, la testimonianza del tunisino Anouar Sebai, un assistente della Caritas locale, a Palermo dal 2009, che da musulmano accolto, adesso accoglie gli altri. “Aiutando gli altri aiutiamo noi stessi”, ribadisce con sincera volontà. Nel raccontare la sua esperienza da inviato a Lampedusa, il giornalista e scrittore Davide Camarrone, individua punti di analisi sul modo di raccontare il migrante, che non deve essere a tutti i costi lontano da noi, perché noi stessi “siamo migranti per storia, costume e vivere sociale”. Ponendosi la domanda su cosa è Lampedusa per lui, il Giornalista non ha dubbi: “È il luogo in cui il migrante è riconosciuto come tale. Nelle nostre strade invece, il migrante è il nulla perché quando lo incontriamo guardiamo altrove, non ci interessa”. Autorevole è stato l’intervento di Mario Affronti, medico, direttore di Migrantes e presidente della Società italiana di Medicina e Migrazione. Da uomo di scienza, ha spostato l’attenzione sull’aspetto sanitario dell’immigrato. Purtroppo “soffriamo della Sindrome di Salgari, ovvero colui che parlava di gente e luoghi che di fatto non aveva mai visitato”. Lo stesso capita agli occidentali quanto si parla di immigrazione. Il solito cliché vuole che sia sporco, brutto, delinquente e infetto. In realtà, aggiunge il Medico: “Sono forti e coraggiosi, perché resistono a situazioni disumane, durante le traversate”. Miriam Ognibene, animatrice di comunità del Progetto Policoro, che affronta le dinamiche dell’occupazione giovanile, spiega invece quali sono le finalità dell’Organizzazione di cui fa parte. Grazie ad un impegno collettivo, “si cerca di capire quale sia il talento del giovane migrante, per traghettarlo nel mondo del lavoro”. Alessandra Turrisi, vivace penna di Avvenire, nonché consigliere della sezione Ucsi di Palermo, nel suo intervento da invece voce alle storie dei minori non accompagnati, i quali giungono in Italia dopo i viaggi della disperazione. “Per loro, non solo c’è il pericolo di un viaggio della speranza ma anche l’incognita di ciò che trovano nei paesi d’accoglienza”. Il presidente dell’Ucsi palermitano, il vaticanista Michelangelo Nasca, dopo una breve presentazione del gruppo che da meno di un anno si è costituito nel capoluogo siciliano, consegna la tessera onorifica all’Arcivescovo di Palermo, mons. Corrado Lorefice, nel frattempo giunto per il saluto ai giornalisti. Il suo rapporto con la stampa è sempre stato onesto e schietto, sin dal suo insediamento in Diocesi. Il tema degli ultimi, dei reietti, dei migranti, a lui sta molto a cuore. “Siamo abituati alle notizie di cronaca. Quante vere e belle esperienze potremmo portare alla ribalta della comunicazione. Dinanzi ai drammi – continua Lorefice – Gesù non si annuncia solo con le parole, ma con l’esperienza. Solo toccando con mano condividiamo e quindi facciamo comunione”. L’incontro si conclude con un’esortazione da Pastore del suo gregge: “Abbiamo solo una via: custodire il cuore umano che si muove con compassione, nel significato più evangelico. Le viscere devono vibrare perché quello che vediamo nell’altro ci appartiene”.

 

ALTRE NOTIZIE

Il rispetto bipartisan tributato a Sebastiano Tusa dovrebbe farci riflettere sull´importanza della scelta degli uomini di governo
Pontrelli e Tantino(Diventerà Bellissima): Classe politica e società civile hanno pianto trasversalme...
Leggi tutto
Marsala: il Csr-Aias ospita oggi (sabato 19) e domenica 20 la 42ma mostra ornitologica. Domenica la premiazione dei
Il Centro di riabilitazione CSR-AIAS di Marsala ospiterà per la prima volta la Mostra Ornitologica Città di Marsala, evento sempre molt...
Leggi tutto
Leopolda10 ha fatto il pieno di idee progetti e partecipanti
Alla Leopolda tantissima gente  interessata; tanti i curiosi, per capire cosa sta succedendo e tanti sono rimasti fuori per ragioni di sicurezza, per ...
Leggi tutto
Coordinamento Consulta del Sud, da Roma cominciano i lavori, Magistro (Sicilia): “Mai accaduto che tutti i giovani del Mezzogiorno si unissero, seguiranno incontri al Senato, Camera e Ministeri”
Si è conclusa giovedì la tre giorni di lavori inaugurali del Coordinamento della Consulta del Sud, il nuovo organo interregionale e apar...
Leggi tutto
Corteo studenti sulle Madonie per le ZFM, “Vogliamo restare qui”
Sicilia: corteo studenti sulle Madonie per le ZFM, “Vogliamo restare qui”
Leggi tutto
Un mare di Svizzera 2
Un anno addietro Un Mare di Svizzera aveva acce...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web