Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Salute il 12/02/2016 da Giusy Modica

PREVENZIONE DELL´ICTUS: IL RUOLO DELL´ATTIVITÀ FISICA

PREVENZIONE
L’ictus, dal latino “colpo”, costituisce un danno cerebrale caratterizzato 
dall´interruzione improvvisa del flusso sanguigno diretto al cervello. Nell´80% dei casi è determinato dall´ostruzione di uno dei vasi che porta il sangue al cervello, a causa di un trombo o di un embolo (ictus ischemico). Nel 20% dei casi, invece, è originato dalla rottura di un’arteria cerebrale (ictus emorragico).
Si parla di ictus quando i sintomi durano almeno 24 ore, mentre si parla di attacco ischemico transitorio (Tia) se durano pochi minuti o poche ore senza lasciare esiti significativi.
I sintomi possono essere molto vari, in base alla zona colpita. I primi segni di un ictus possono essere l’obnubilamento della coscienza, il disorientamento nello spazio, l’incapacità di produrre parole, il deficit motorio o paralisi degli arti di un lato del corpo.
La prevenzione dell’ictus è di vitale importanza, infatti recenti studi hanno classificato tale patologia come una delle primarie cause di morte e disabilità negli adulti.
Oggi i nostri stili di vita comprendono tutta una serie di comportamenti e abitudini dannose per la salute del nostro organismo. Il fumo, l’alcol e le droghe sono tra le abitudini dannose più “antiche”, mentre negli ultimi 50 anni l’avvento di nuove tecnologie applicate al lavoro, ai trasporti, agli svaghi e al tempo libero hanno portato l’uomo a muoversi sempre meno. La scarsa attività motoria coinvolge tutte le fasce di età; i più giovani preferiscono passare il tempo a casa davanti al televisore o al computer, piuttosto che dedicarsi ai classici giochi da cortile (corsa, salti, giochi con palla ecc.) o intraprendere delle attività sportive; gli adulti, spesso costretti dai ritmi frenetici della società di oggi, per spostarsi utilizzano esclusivamente i mezzi di trasporto, svolgono lavori sedentari e hanno sempre meno tempo libero per dedicarsi ad un’attività fisica o sportiva.
La scarsa attività motoria, oggi, è considerata tra i fattori di rischio più importanti per patologie cardio-cerebrovascolari come l’ictus, e per patologie croniche come diabete, osteoporosi, obesità, neoplasie, ecc..
L’organizzazione mondiale della sanità (World Health Organization) e la federazione mondiale del cuore (World Heart Federation) hanno sollecitato tutti i governi e le società scientifiche a promuovere, mediante i mass-media, varie iniziative di diffusione miranti a diffondere il principio che l’attività motoria e uno stile di vita sano aiutano a prevenire queste patologie.
Quando si parla di attività fisica non ci si riferisce solamente alle attività sportive in senso stretto, ma anche a tutte quelle attività che si espletano nella vita quotidiana e che comportano l’uso del corpo, quali salire e scendere le scale, usare la bicicletta come mezzo di locomozione, passeggiare, fare i lavori domestici.
L’effetto protettivo dell’esercizio fisico nei confronti dell’ictus è ragionevolmente deducibile sulla base del legame esistente tra attività fisica e fattori di rischio per questa patologia. L’attività fisica agisce eliminando e riducendo questi fattori che aumentano la probabilità di essere colpiti dalla malattia.
Esistono due tipi di attività impiegate per combattere questo male. La prima è chiamata attività motoria protettiva, perché si concentra nel prevenire l’insorgere delle cause primarie di questo problema ed è rivolta a chi non ha avuto particolari problemi di salute, specialmente a chi ha casi di ictus in famiglia. Non servono particolari strumenti, o addirittura iscriversi necessariamente in palestra, ma basta anche solo dedicare almeno 30 minuti al giorno al movimento: andare in bicicletta, camminare, fare le scale o dedicarsi alle faccende domestiche o al giardinaggio. Il secondo tipo di attività è l’attività terapeutica, ovvero l’attività fisica riabilitativa, rivolta a quei soggetti che presentano uno o più patologie identificate come fattori di rischio di ictus. Solitamente si pratica in presenza di un fisioterapista o allenatore professionista, sotto consiglio medico.
Nella scelta dell´attività fisica da praticare è opportuno seguire il buon senso e tener conto delle effettive forze disponibili per programmare con gradualità gli impegni che si vogliono far assumere rispetto ai tre fattori che caratterizzano ogni prestazione fisica: intensità, frequenza e durata. È chiaro che questi fattori non possono essere uguali in tutte le fasce di età.
Le attività fisiche consigliate sono quelle attività fisiche ideali per tutte le età, che vengono svolte attraverso un lavoro prevalentemente aerobico: jogging, nuoto libero, bicicletta o cyclette, pattinaggio.
Anche lo sport agonistico, a pari di altre attività motorie, ha come primo obiettivo la salute del nostro corpo; una preparazione fisica ottimale prevede un allenamento aerobico di base anche in sport prevalentemente anaerobici, tuttavia l´elevato impegno fisico e psichico che gli allenamenti e le gare prevedono, sconsigliano la pratica di sport agonistici dopo i 45/50 anni, superata una certa età è consigliabile abbassare notevolmente i ritmi e 
l´intensità dell´allenamento.
Naturalmente la prevenzione dell´ictus non si basa solo sull´attività motoria; infatti, oltre ad intraprendere uno stile di vita "attivo” bisogna associare a questo l’eliminazione di altre cattive abitudini: dieta squilibrata, alcool, fumo, ecc..
Oggi possiamo dire con certezza che l’attività motoria è il mezzo più efficace per il mantenimento di un buono stato di salute e per la prevenzione di diverse patologie.


Palermo
12 Febbraio 2016

Giusy Modica
Consulente per la salute con lo sport presso l’Associazione Anas zonale Oreto.
Per informazioni e appuntamenti chiamare al numero 091-336558 dalle ore 9:00 alle ore 13:00.




 

ALTRE NOTIZIE

Inserimento nel mondo del lavoro con ANAS attraverso tirocinii con progetto FYT
Come è noto le attività della RETE ANAS (Associazione Nazionale di Azione Sociale) non si sono fermate...
Leggi tutto
Inserimento nel mondo del lavoro con ANAS attraverso tirocinii con progetto FYT
Come è noto le attività della RETE ANAS (Associazione Nazionale di Azione Sociale) non si sono fermate durante la chiusura, anzi durante...
Leggi tutto
TRAPANI. I CARABINIERI EFFETTUANO UN SERVIZIO DI CONTROLLO STRAORDINARIO DEL TERRITORIO SU TRAPANI E FAVIGNANA
I Carabinieri della Compagnia di Trapani hanno condotto uno servizio straordinario di controllo del territorio, finalizzato alla verifica del rispetto...
Leggi tutto
Movida poco controllabile nei fine settimana L’amministrazione chiede l’intervento del prefetto
Divieto di vendere bevande alcoliche da asporto in contenitori di vetro dalle ore 23. Servizio ai tavoli fino alle 2 Per i cittadini dalle ore 22 all...
Leggi tutto
Commemorato, a Viagrande, il past governor del Rotary Antonio Mauri Alfio Di Costa: La sua statura morale, l’autonomia e l’indipendenza, il senso dell’equilibrio sono la sua eredità e il suo insegnamento etico
Cerimonia commemorativa, questa mattina a Viagrande, per il compianto past governor del Rotary International del Distretto 2110, Antonio Mauri, recent...
Leggi tutto
“CITTÀ CHE LEGGE”. MARSALA OTTIENE IL RICONOSCIMENTO NAZIONALE
Tre giorni fa la sottoscrizione del “Patto per la Lettura”. Oggi l’attribuzione della qualifica “Citt&agra...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web