Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 22/01/2016 da REDAZIONE REGIONALE

PROPOSTA INCENERITORI IN SICILIA, LA ROSA (FEDERCONSUMATORI): IDEA VECCHIA E DANNOSA, PUNTIAMO SULL’ECONOMIA CIRCOLARE

PROPOSTA
Federconsumatori Sicilia ribadisce il suo no all´opzione inceneritori per uscire dalla perenne emergenza rifiuti nell´isola. Sia la recente proposta del Governo nazionale, applaudita dal sottosegretario Faraone, di creare due megaimpianti di incenerimento rifiuti in Sicilia, sia la controproposta regionale di farne sorgere sei di dimensioni più contenute, sono assolutamente irricevibili per l´associazione dei consumatori.
"All´alba del 2016 – afferma il presidente di Federconsumatori Sicilia, Alfio La Rosa - spuntano fuori dal cassetto dei Governi nazionale e regionale proposte che sanno molto di anni novanta.
L´incenerimento non è la soluzione al problema rifiuti: è un problema in più nella questione rifiuti".
Secondo Federconsumatori bruciare i rifiuti è uno spreco di materia potenzialmente riutilizzabile o riciclabile, è costoso per i cittadini ed è pericoloso per la salute.
A ottobre del 2015 Federconsumatori ha chiesto, insieme ad altre associazioni, l´introduzione dell´economia circolare in Sicilia. Cioè a quell´economia in cui il rifiuto non esiste perché tutto viene progettato e prodotto al fine di essere riutilizzato o riciclato. Solo in questo modo si risparmia materia, energia e denaro garantendo la massima efficienza. "Bruciando i rifiuti - continua La Rosa - creiamo un po´ di energia elettrica sporca e molto calore inutilizzato, è un vero spreco oltre che una minaccia per la salute".
Nelle altre zone d´Italia dove gli inceneritori già ci sono, inoltre, le tariffe dei rifiuti non sono affatto diminuite. Se si guardano attentamente i dati le tariffe diminuiscono solo dove si raggiungono livelli molto spinti di differenziata perché la raccolta separata dei rifiuti spinge l´utente a produrre meno immondizia, alleggerendo tutto il sistema e rendendone la gestione più economica.
Ultima cosa, ma di fatto la più importante, è la questione salute: "Dire che esistono inceneritori di rifiuti a impatto zero è una menzogna dal punto di vista scientifico - commenta La Rosa - perché ogni combustione produce inquinanti, polveri sottili, rilascia nell´aria metalli pesanti e ha come rifiuto del rifiuto delle ceneri velenosissime che vanno smaltite in discariche speciali a costi esorbitanti".
Secondo Federconsumatori la risposta all´emergenza rifiuti è il potenziamento della raccolta differenziata, specialmente quella porta a porta, e l´inizio del cammino verso l´economia circolare. L´Europa stessa, nel giro di pochi mesi, emanerà nuove direttive proprio per chiedere agli Stati membri di aderire all´economia circolare.
Di sicuro non è una risposta al problema rifiuti costruire due o sei inceneritori che sprecano materia e inquinano e, per di più, far gestire questi mega appalti a un Commissario mandato da Roma: "Son passati oltre 15 anni di Commissari e di poteri straordinari che hanno solo aggravato i problemi – conclude Alfio La Rosa - rendendo il sistema più permeabile alle organizzazioni mafiose e malavitose e restituendoci una gestione ad oggi simile a quella esistente nel 1999. Piuttosto si applichi la legge di riforma regionale (legge 9 del 2010), adottando gli strumenti programmatori essenziali, cioè il Piano di gestione dei rifiuti che individua le linee guida generali, e la redazione dei piani di ambito da parte delle competenti Srr (Società di regolamentazione rifiuti)".
La normativa nazionale nei casi di servizi di pubblica utilità, come nel caso dei rifiuti, non prevede che le soluzioni vengano calate “dall’alto”, dal governo nazionale e/o regionale, ma, invece, discusse con le Associazioni di tutela dei consumatori che possono esprimere pareri e formulare proposte nell’interesse dei cittadini ed utenti.

Alfio La Rosa
Presidente Federconsumatori Sicilia

 

ALTRE NOTIZIE

Lo scrittore e maestro di karate Rodolfo Martinez presenta “Kokopelli il vento che suona”: un racconto per spronare i più giovani a scoprire se stessi
"Se non si hanno sogni in cui credere, se non si tenta anche minimamente di spiccare il volo, si è destinati a una vita triste, senza colori, s...
Leggi tutto
A Taormina il 5 Agosto Jimmi Sax stratosferico concerto da non perdere
Taormina,Me. Attesissimo al Teatro Antico di Taormina, il 5 Agosto, il concerto del re del sassofono, Jimmi Sax, le cui sonorità, brillanti ed...
Leggi tutto
Istituzione del servizio di psicologia e dello psicologo delle cure primarie in Sicilia, il deputato regionale Giuseppe Zitelli sollecita l´approvazione del disegno di legge
Individuazione precoce delle problematiche sanitarie che, se non opportunamente diagnosticate, rischiano di dover essere affrontate con interventi com...
Leggi tutto
PANTELLERIA, IL 25 AGOSTO NAVE VESPUCCI VISITERÁ L´ISOLA IN VIAGGIO TRA TRAPANI E PANTELLERIA, IL VASCELLO ITALIANO PIU´ FAMOSO DEL MONDO SOSTERÁ A BUE MARINO
L´isola di Pantelleria il 25 agosto pv avrà l´onore di ospitare la sosta del veliero italiano più famoso del mondo, Nave Ves...
Leggi tutto
“Medico, Fisico, o…Parisi?”
In questi giorni, gira una pubblicità sulla quarta dose di vaccino.
“E vissero tutti felici e distanti” di Marcello Romanelli
“E vissero tutti felici e distanti” è l’accattivante titolo del libro del giornalista Marcello Romanelli corredato dalle le fotografie di Rin...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web