Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Nera il 10/07/2013 da redazione

Presi i basisti, gli specialisti del furto, durante i Misteri, avevano rubato anche la corona dalla statua della Madonna

Presi
Giuseppe Di Maggio, 56 anni e Emanuele Li Mantri di 22 sono stati arrestati dal personale della Squadra Mobile di Trapani. Specialisti del furto i due sono accusati di essere stati i “basisti” della rapina perpetrata il 15 marzo scorso nel rione San Giuliano presso l’abitazione di un commerciante della zona.

In quella circostanza cinque palermitani (Giovanni Beone, Luigi Verdone, Giuseppe Marrone, Antonio Patti e Giuseppe Amato), simulando di essere appartenenti alla Guardia di Finanza ed indossando giubbotti riconducibili a quel Corpo, erano riusciti ad introdursi all’interno di una privata abitazione con l’espediente di effettuare una perquisizione alla ricerca di sostanze stupefacenti ed armi.

I componenti del nucleo familiare, tra cui 3 minori venivano sequestrati all’interno del vano cucina, privati dei cellulari e tenuti costantemente sotto controllo da uno dei malviventi che impugnava una pistola. Il commerciante veniva condotto in un’altra sua vicina abitazione per aprire la cassaforte e lì i malviventi venivano poi tratti in arresto nella flagranza del reato da personale delle Squadre Mobili di Trapani e Palermo.

Proprio Giuseppe Di Maggio, Emanuele Li Mantri, con un altro soggetto indagato a piede libero, avevano fornito ai complici palermitani l’indispensabile supporto logistico, informativo ed operativo per la rapina.

Nello specifico, i due fornivano informazioni sulla vittima, sulle sue disponibilità economiche, sull’ubicazione delle abitazioni ed abitudini di vita; tentavano di rinvenire un’autovettura rubata da usare per la commissione del delitto; accompagnavano i complici sui luoghi, procedendo a recuperarne in un successivo momento le autovetture, spostate da luoghi nella disponibilità del Di Maggio e parcheggiate in altra via.

Peraltro, l’attività investigativa consentiva di accertare anche come i due si rendessero autori di: un furto aggravato perpetrato di notte in danno di un’autofficina di Trapani, in cui, dopo aver forzato la saracinesca, riuscivano a entrare, appropriandosi di circa 20.000€.

Successivamente gli stessi, con un terzo soggetto e sempre nottetempo, sottraevano in altro esercizio commerciale di Valderice numerosi cavi elettrici di alimentazione e 6 bobine di fili i rame, cagionando un danno di circa 70.000€.

L’attività di indagine prontamente avviata consentiva di rinvenire e sequestrare gran parte della refurtiva in questione, custodita all’interno dell’auto del Di Maggio, tra cui 4 bobine di filo di rame del peso di circa 40 kg ciascuno.

Ed ancora, tra il 29 ed il 30 marzo scorso , nella notte in cui si svolgeva la storica processione dei Misteri, il Di Maggio con altro soggetto in corso di identificazione si rendeva responsabile del furto della corona posta sul capo della statua della Madonna ubicata all’interno della Chiesa Parrocchiale “Nostra Signora di Fatima”.

In quell’occasione il Di Maggio ed il complice si introducevano all’interno della Chiesa, forzando l’inferriata di una finestra.

Gli autori del furto ritenevano che la corona sottratta, del peso di circa 1 Kg, fosse d’oro, constatando soltanto successivamente e con rammarico che la stessa era soltanto placcata in oro e, quindi, di scarso valore economico.

Oltre agli episodi sopra descritti il Di Maggio ed il Li Mantri sono ritenuti responsabili di altri recenti episodi di furti commessi, sempre di notte, in danno di esercizi commerciali ovvero aventi ad oggetto cavi di rame sottratti da luoghi pubblici, per i quali sono in corso ulteriori approfondimenti investigativi.

Peraltro, a seguito di perquisizione domiciliare effettuata presso un’abitazione nella disponibilità del Di Maggio sono stati rinvenuti e sequestrati alcuni orologi in quanto ritenuti provento di precedenti furti.

Espletate le formalità di rito, per entrambi si sono aperte le porte del carcere di San Giuliano


 

ALTRE NOTIZIE

Scuole: A Napoli Il Nuovo Bianchi diventa una scuola cardioprotetta
Il Nuovo Bianchi ( www.ilnuovobianchi.it )...
Leggi tutto
In che modo l´eco dei grandi del passato ha contribuito a determinare la nostra eredità contemporanea ?
Due eccellenze a confronto Alberto Sughi e Albrecht Dürer
Leggi tutto
Palermo, Lotta all’Aids: oggi la Legge 135 compie 30 anni. In Sicilia già dallo scorso gennaio raggiunto l’importante traguardo di costituzione della Commissione regionale AIDS
Nel giorno in cui la legge n. 135 del 5 Giugno 1990Piano degli interventi urgenti in materia di prevenzi...
Leggi tutto
Eclissi Penombrale di Luna del 5 Giugno: nuovo spettacolo nei cieli di Giugno
Un nuovo spettacolo astronomico nei cieli di Giugno: oggi avremo una bellissima eclissi penombrale ...
Leggi tutto
L’ACCADEMIA DELLE PREFI HA PRESENTATO IN ANTEPRIMA LA MOSTRA DEI DISEGNI “AL TEMPO DEL CORONAVIRUS”
Anche questa estate l’Accademia delle Prefi sarà protagonista della diffusione culturale a Marina di Ragusa...
Leggi tutto
La Galleria delle Vittorie diventa un polo d’eccellenza artigiana
La Galleria delle Vittorie diventa un polo d’eccellenza artigiana. Il progetto di Filippo Genovese ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web